Vai al contenuto

LuckyLuke

Membri
  • Numero messaggi

    11
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione

0

Che riguarda LuckyLuke

  • Rango
    Recluta

Contact Methods

  • Sito Web
    http://members.xoom.virgilio.it/LuckyLuke/

Profile Information

  • Interessi
    Aviazione militare, Wargames tattici...
  1. LuckyLuke

    elicotteri da guerra hanno sedili eiettabili?

    Ho trovato un riferimento nella "solita" wikipedia...si trattava del modello "A" (usato anche in Vietnam...) http://en.wikipedia.org/wiki/F-104_Starfighter "Early Starfighters used a downward-firing ejection seat (the Lockheed C-1), out of concern over the ability of an upward-firing seat to clear the tailplane. This presented obvious problems in low-altitude escapes, and some 21 USAF pilots failed to escape their stricken aircraft in low-level emergencies because of it. The downward-firing seat was soon replaced by a Lockheed C-2 upward-firing seat, which was capable of clearing the tail, although it still had a minimum speed limitation of 90 knots (170 km/h). Most export Starfighters were fitted with Martin-Baker zero-zero ejection seats (having the ability to successfully eject the pilot from the aircraft even if the aircraft was at zero altitude and zero airspeed)." Per fortuna poi sono passati ai "zero/zero" altrimenti sarebbero stati guai...21 piloti persi perchè troppo bassi per lanciarsi...figurati se in emergenza ti tocca anche trovare il tempo x rollare invertito e poi eiettarti!!!!
  2. LuckyLuke

    elicotteri da guerra hanno sedili eiettabili?

    A proposito di tragico destino durante un'eiezione mi ricordo di un incidente con un addestratore biposto dei Marines (un TA-4?) entrato in rotazione incontrollabile sull'asse longitudinale a bassa quota, l'eiezione del primo seggiolino era avvenuta verso l'alto mentre il secondo (mi pare di ricordare che ci sia un ritardo di 0.8 secondi, ma non ci giurerei...) era stato "sparato" in mare. Della serie, quando esce il tuo numero... D'altra parte, se penso ai primi modelli di F-104 con l'espulsione verso il BASSO mi vengono i brividi !!!!
  3. LuckyLuke

    Comunicazioni radio...AIUTO! ;)

    Grazie x la tua risposta ...vedremo cosa combineranno i valorosi piloti ora che si possono coordinare!!! V6! Luca
  4. LuckyLuke

    Comunicazioni radio...AIUTO! ;)

    Spero che sia questo il "posto" giusto per fare questa domandina... Nel caso che nella stessa zona vengano impiegati aerei di diversi reparti (o nazioni), come potrebbe essere un verosimile "traffico" radio? Nello specifico, ho in "ballo" uno scenario anni '80 (si tratta di una partita ad un wargame aereo, non ad un simulatore, ma giocata via posta elettronica "al buio"...) che prevede una sezione di NF-5A e una di Jaguar inglesi in missione SEAD. In un caso del genere come potrebbe essere la gestione delle comunicazioni radio? Sicuramente c'è una frequenza "interflight" con cui "chiaccherano" i piloti dello stesso flight, ma esiste l'uso di "allargare" a flight diversi? E un AWACS potrebbe "sovrapporsi" per aggiornare la situazione dei nuovi "arrivi" e "partenze" nell'area (sia amici che nemici)? Aspetto trepidante una parola di conforto!!! Luca
  5. LuckyLuke

    Missili Spaziali Ad Energia Cinetica

    Parecchio tempo fa avevo letto di un progetto che sconfinava nella fantascienza: un'arma consistente in un gruppo di barre di tungsteno con un sensore con alette direzionali; l'impiego era semplicemente lasciare cadere dall'orbita il "covone" di sbarre...una volta bruciata uno scudo ablativo il sensore pilotava la barra fino sul bersaglio (carri armati p.e.). Questa citata negli altri interventi mi sembra la versione 'realistica' di questa arma.
  6. LuckyLuke

    Come Si Evade Un Missile?

    Sono d'accordo con la scelta del profilo di volo: in genere i missili sono più efficenti nella gestione energetica di un aereo e possono quindi eguagliare quasi qualsiasi variazione di quota che il loro bersaglio possa generare. La cosa più facile è tenere (come nel combattimento manovrato) il "lift vector" (quasi sempre il dorso del nostro aereo) puntato verso il missile. Certo la cosa migliore è quella di non permettere al nemico di lanciarci contro un missile...ma con scenari con missili all-aspect capaci di intercettare il bersaglio da qualunque angolazione la cosa è parecchio difficile!!! Nella realtà (come nei simulatori e wargame "seri") se un missile sta arrivando è meglio rendergli la vita difficile: scomponendo le varie parti di cui è composto un missile abbiamo (a grandi linee) 1) un sensore 2) un sistema di guida 3) un sistema propulsivo e di manovra 4) una testata bellica bisogna studiare il modo di dare "fastidio" ad ognuna di queste componenti e allora: 1) per il sensore diamo il meno possibile "indizi" su dove siamo e allora usiamo le contromisure che confondono il sensore e, nel caso di sensore IR teniamo la manetta chiusa(picchiando avremo un pò di energia in più per compensare...) 2) se si tratta di un missile SARH che segue il riflesso di emissioni radar dell'aereo vettore, cerchiamo di "rompere" il lock del radar o di uscire dal suo campo di azione 3) una volta finito il propellente l'arma procede per inerzia: a bassa quota il raggio di azione di un missile è minimo per la resistenza dell'aria, ogni manovra che deve fare per seguirci gli fa perdere energia. 4) la testata ha una spoletta che deve "decidere" quando agire. Se è un missile progettato per attaccare da dietro (come i primi missili a ricerca di calore) deve esplodere quando è alla minima distanza ritardando lo scattare della spoletta o il bersaglio sarà in allontanamento dalle schegge ; se al contrario il missile arrivasse di fronte al bersaglio esploderebbe troppo tardi "al di là" con danni minori. Le spolette moderne hanno un sistema laser/radar per calcolare la distanza e la geometria d'approccio che le rendono adattabili alla situazione contingente. La cosa più utile è far attaccare il missile ad angolo retto il nostro aereo così da complicargli la vita anche con lo spostamento laterale obbligandolo a virare continuamente Infine devo confessare che le idee confusamente esposte cui sopra sono frutto sia della mia esperienza con simulatori e wargames e per la maggior parte tratti da varie pubblicazioni. Consiglio tra tante "Fighter Combat: Tactics and Manuevering" di Bob Shaw che per chi mastichi l'inglese è una vera "Bibbia" delle tattiche di combattimento aereo...
  7. LuckyLuke

    mitragliatrici Gatling

    Dimenticavo: l'Avenger da 30mm è grande più o meno come una automobile tipo Volkswagen Maggiolino...brrr!!! ecco un link che ha qualche foto interessante: http://palpatine.chez.tiscali.fr/Warfare/Auto/Auto.html
  8. LuckyLuke

    mitragliatrici Gatling

    Beh, parlando di Rambo...in Rambo2 c'è la scena dell'attacco con l'elicottero in cui sul velivolo appaiono ad ogni nuova scena nuove armi: sembra che raccolga dei "power up" da videogioco!!!! Tornando alla MG...il nastro che non scorre???? Ma avete presente la Minigun di "Predator" ? A prima vista credevo che fosse "finta", poi ho trovato sul Web che una ditta Tailandese o qualcosa del genere ne produceva davvero una in 5,56...anche se quella "reale" è studiata per l'impiego su veicoli leggeri. Già pesa una MG anche se in 5,56 come la Minimi...immaginate una MG Gatling quanto possa arrivare!!! Altro che palestrati!!!!
  9. LuckyLuke

    Heads Up! Incoming Friendly...

    Grazie a tutti per il caldo benvenuto....
  10. LuckyLuke

    Valori Massimi G +/-

    Da quanto ho letto i piloti sono soggetti in maniera diversa da un giorno all'altro ai "G"...al punto da tenersi in forma in palestra, sopratutto facendo sollevamento pesi con il bilancere sulla panca x i muscoli del torace e del collo. Leggevo in un libro fotografico su Miramar e la scuola Top Gun un episodio con protagonista l'autore: nel momento esatto in cui il fotografo stava cambiando il rullino, l'aereo (biposto! ) su cui volava ha "breakkato" all'improvviso caricando parecchi G positivi e il poveretto ha dato una capocciata sulle sue ginocchia e sulla macchina...collo dolente per un pò di tempo immagino... Il tipo fisico del pilota dovrebbe essere minuto e praticamente senza collo così da rendere minima la distanza cuore-cervello (per questo si usano i "canted seat" inclinati tipo sdraio) Nel caso di G positivi prolungati la mancanza di sangue e dunque di ossigenazione provoca come sintomo pre-svenimento dapprima il "grey-out" in cui si perde la visione a colori, poi il "black-out" in cui la visione svanisce del tutto; in entrambi i casi l'effetto parte dal bordo del campo visivo verso l'interno con un simpatico effetto "tunnel". Quando si "tirano" G negativi prolungati si ha il "red-out" dove l'eccesso di sangue provoca questo effetto "speciale" fino ad impedire la visione. Per evitare gli effetti dei G positivi le tute anti-G "strizzano" le gambe con delle sacche gonfiabili per impedire che il sangue affluisca "trattenendone la maggior parte nella zona superiore del corpo. ...strano ma vero...non saprei che altro aggiungere!!! Siete salvi!!!
  11. LuckyLuke

    Se ti be4ccano in Yugoslavia...

    A proposito di sconfinamento, mi raccontarono una volta una storia che vi rivendo così senza garantire affatto sulla sua veridicità... Anni'70-80 Italia Settentrionale. Un allievo pilota si sperde nell'azzurro dei cieli, si arrovella con la carta topografica inutilmente, in preda al panico scruta a terra nella vaga speranza di vedere un punto di riferimento. Alla fine (ma la radio c'era? mi domando.. ) si trova davanti una pista di atterraggio e vi cala disperato..si ferma, si guarda attorno e si vede circondato da soldati in divisa "east europe"!!!! L'unico pensiero che gli viene è di distruggere i codici (l'unica cosa di valore su quell'addestratore) e si affanna a testa bassa ad inghiottire i fogli per distruggerli, sopratutto perchè sente dei movimenti sull'ala vicino al suo abitacolo. Finisce l'operazione e viene colto da una tosse improvvisa perchè l'ultimo pezzetto è andato di traverso...allora il comandante della base "nemica" (che aveva atteso rispettosamente la fine della faticosa procedura) apre il tettuccio e lo fa bere dalla borraccia che si è portato appresso (magari con qualche colpetto sulla schiena per aiutarlo nella deglutizione ). Poi è seguita una telefonata del disperso "a casa" ovvero alla base per dire che era sano e salvo e il suo rimpatrio via terra. Non mi hanno detto quando e come il velivolo scuola sia tornato alla base di appartenenza. Tutto suona come una leggenda metropolitana (o "aerea" ) ma è così sottilmente idiota che potrebbe essere vera. La nazionalità del "nemico" ? Boh! Forse la Yugoslavia? E l'aereo ? Forse un MB 326? ...un errore può sempre accadere...
  12. LuckyLuke

    Mi Serve Un Consiglio

    Ho letto sia "Eravamo giovani in Vietnam" (altrimenti come potrei capire il "Gary Owen" nella firma? ) che "Stormo da Caccia", per motivi diversi mi hanno colpito molto. Nel primo si viene proiettati nel mezzo della situazione tremenda di una battaglia sanguinosa e prolungata con un nemico determinato che appare dal nulla, colpisce senza curarsi delle perdite subite e nel nulla svanisce ; se mi passate la similitudine una "Alien Syndrome" purtroppo vera e per questo molto più scioccante Nel secondo il buon Tom Clancy ti mette sulle ginocchia (e pesa!) tutto l'apparato bellico USA di (appunto) uno stormo da caccia; ho letto il libro anni fa e non mi ricordo i dettagli: solo l'impressione di qualcosa di colossale! Per una lettura tipo il Clancy di "Uragano Rosso" o "Ottobre Rosso", direi che se vi capita date un'occhiata a Dale Brown (da non confondere con l'autore del "Codice da Vinci" ) un ex aviatore con una carriera passata a volare sui BUFFs (B-52). Decisamente il suo cuore è rimasto legato a quel colosso con le 8 manette perchè perlomeno nei due suoi libri che ho letto appare il B52 Superfortress...un idea che in realtà non è mai stata sviluppata dall'USAF: un B52 che sembra l'auto di James Bond con AIM-120 in gondole alari, il "solito" carico di munizioni intelligenti con in più un lanciatore di missili Stinger a disposizione del cannoniere di coda. Ah, dimenticavo un radar tipo F-14 e drones teleguidati per attaccare obbiettivi lontani con munizioni a caduta. Ma che manga giapponese è ? Lettura da ombrellone, da prendere come un romanzo di fantapolitica con dettagli realistici ma immaginari...fate voi!
  13. LuckyLuke

    Heads Up! Incoming Friendly...

    Hi everybody! Sono un appassionato da sempre dell'aviazione militare e in particolare degli aerei da caccia e da attacco. Ho scoperto con gioia questo sito e spero di avere con gli altri frequentatori scambi di idee e informazioni... Per quanto riguarda i simulatori di volo non sono molto "aggiornato" ma penso che mi possa fare un'idea leggendo la sezione dedicata ad essi. Non c'è una sezione dedicata ai giochi di simulazione (leggi:wargames) di guerra aerea? Mi piacerebbe sapere quanti di noi hanno questo interesse! A presto!
×