Jump to content

F-104 G M.M. 6526 6° Stormo.


starfighter84
 Share

Recommended Posts

Ho iniziato il mio ennesimo 104, sto recuperando un vecchio kit ESCI che avevo montato 12 anni fa! nella mia mente insana si staglia l'immagine del mio spillone in livrea strike nucleare... la più bella secondo me mai adottata, tutta natural metal con elementi bianchi, a seconda dl periodo operativo. Nel mio magazzino decal ho un foglio Tauromodel che offre delle decal per realizzare l'esemplare M.M. 6526 (numeri d carrozzella 6-12), qualcuno ha del materiale fotografico in più su questo spillo? io ho qualche immagine, ma tutte da lontano e poco utili al fine modellistico... da questo ho solo ricavato che il soggetto in questione, all'epoca, montava ancora il Lockheed C-2 e non aveva il cannone con conseguente chiusura della bocca. Grazie per l'aiuto! :adorazione:

Link to comment
Share on other sites

Ma per questa operazione di recupero come fai...svernici il vecchio modello, ricostruisci gli interni ecc. ecc.? Ti converrebbe sfruttare un Hasegawa, con magari le decals opportune per il soggetto che ti interessa...meno faticoso...cmq vai così e comincia a postare le prime immagini... :okok:

Link to comment
Share on other sites

Guest iscandar
Ma per questa operazione di recupero come fai...svernici il vecchio modello, ricostruisci gli interni ecc. ecc.? Ti converrebbe sfruttare un Hasegawa, con magari le decals opportune per il soggetto che ti interessa...meno faticoso...cmq vai così e comincia a postare le prime immagini... :okok:

si col kit nuovo è meno faticoso, ma così è molto più divertente... :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Il caldo infame di questi giorni non mi ferma (maledetto a lui, qui ce stanno 40 gradi!!)...come già accennato ho iniziato le operazioni di recupero del mio spillone. Ho preso quel vecchio 104 ESCI ovviamente in 72 che avevo terminato quasi 10 anni fa. All'epoca ero ai miei albori modellistici... e diciamo pure che sto poveraccio di un 104 era proprio un cadavere destinato alla rottamazione! l'ho preso, gettato in pasto alla soda caustica in una bella bacinella d'acqua... lasciato a mollo per una settimana allo scopo di elinare quella vernice Testor che in 10 anni era diventata na crosta! Per caso (proprio per caso... come no!) ho acquistato qualche mese fa l'ottimo set della CMK proprio per lo spillo... ed è iniziata l'opera di sventramento del sopra citato povero spillone. In effetti iniziare un Hasegawa nuovo di zecca comporta sicuramente meno problemi... ma i kit ESCI sono diventati delle rarità oramai e a mio avviso è sempre un ottimo kit per riprodurre lo Starfighter.

 

Queste sono le prime immagini:

 

2725872394_52146b4155_o.jpg

 

2725872192_0b6c638cd1_o.jpg

 

vano avionica, pozzetto carrelli e cockpit. Nonostante il set sia ideato per il kit Hase, si incastra perfettamente! mi sono proprio meravigliato della facilità di infilarlo nel modello.. :)

 

2725872584_5f0a224e18_o.jpg

 

Il set fornisce anche slat, flap e alettoni seprati... ovviamente ho subito tagliuzzato via gli originali a favore dei degni sostituti in resina. :drool:

 

2725047865_f6724c8009_o.jpg

 

2725048015_180eec90b8_o.jpg

 

2725048167_3376bca504_o.jpg

 

Il canopy ESCI è fornito in un sol pezzo. Gioco forza ho dovuto ristampare il trasparenti in vacuform per ottenere i vari pezzi separati. Ho preso il canopy originale e l'ho riempito di resina per renderlo duro e non farlo deformare sotto la forza che si imprime durante la stampa e per farlo resistere al calore dell'acetato. Tutti i frems sono stati eliminati e successivamente il "blocchetto" è stato incollato su un supporto per agevolare il lavoro. I fogli di acetato sono un nuovo prodotto della Bayer chiamati Vivack: resistono alle sollecitazioni ed alla pressione... si scaladano con un'asciuga capelli od un ferro da stiro (come nel mio caso) ed aderiscono perfettamente. In questo caso era il mio primo esperimento di vacuformazione di un tettuccio... e si vede!

ai prossimi aggiornamenti :okok:

Edited by starfighter84
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Ciao ragazzi,

il mio 104 non ha visto progressi in questo periodo causa ferie... spero di riprendere il più presto possibile, salvo qualche situazione che ho in atto a lavoro in questo periodo... e che mi sta bloccando, mio malgrado.

Il montaggio di un 104 è molto abbordabile... sopratutto il kit Esci/Italeri. Il kit Hasegawa diventa già un pò più complesso... ma cmq nulla di esageratamente complicato...

Link to comment
Share on other sites

Finalmente ho rimesso mano al modello, colto dall'ispirazione post ferie. Ecco alcune immagini:

 

2822515869_af8ba3e8e5_b.jpg

 

Qui il modello all'80% di completamento. Ho chiuso gli aerofreni constatando che non combaciano per niente! mi dovrò inventare qualcosa per reinciderli decentemente senza scheggiare lo stucco...

 

2823357188_e3c5561b12_b.jpg

 

I vani avionica ed il cockpit prelevati dal set CMK, verniciati e invecchiati con dry brush e lavaggi ad olio..

 

2823351894_1c9fd920df_b.jpg

 

I pozzetti carrelli del solito set inseriti nel loro alloggiamento...

 

2822520719_6f04565be4_b.jpg

 

Particolare della palpebra del cruscotto in resina, che però risulta più corta di un paio di mm. In effetti il kit ESCI è sovradimensionato per le proporzioni del parabrezza e del cockpit. Ad ogni modo ho riempito lo spazio con milliput in modo tale da simulare il panno con cui è rivestita la parte inferiore della palpebra.

 

Spero di postare presto nuovi aggiornamenti! ciao ;)

Link to comment
Share on other sites

Bravo :okok:

vedo ke il restauro va alla grande! tutto verniciato con la livrea strike nucleare verrà una figata, bello il cockpit laterale! mi raccomando voglio vedere anche un seggiolino accurato nei dettagli :lol:

Ciau Madd22

Link to comment
Share on other sites

noi modellisti "esperti", ma io non rientro in questa categoria, usiamo la resina perchè permette un dettaglio superiore a qualsiasi altro tipo di materiale. Il più delle volte si usa per eccesso di mania da dettaglio... ma in certi casi (come il mio) per aprire il cockpit devi per forza servirti di pezzi in resina e particolareggiare in modo decente la zona. Altrimenti c'è barone che si fa tutto a mano... ma lui è folgorato da una manualità pazzesca per l'autocostruzione... e diciamo pure da qualche linea di pazzia per tutte le cose che riesce a fare!

Il seggiolino ovviamente sara un lockheed C2 perchè gli spilloni italiani hanno montato quel sedile fino agli inizi degli anni 70, quando fu sostituito dal martin baker IQ7A che aveva possibilità zero-zero. Per la cronaca, il primo pilota italiano a lanciarsi con l'IQ7 fu il Capitano Carlo Alberto Bosi del 154° gruppo 6° stormo, nel settembre 1971, quando per una collisione dovette eiettarsi rimanendo illeso. Bosi entrò di diritto nel World Caterpillar Club, riservato a tutti i piloti che si sono salvati con i Martin Baker....

Edited by starfighter84
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...