Jump to content
Sign in to follow this  
typhoon

Kenneth Foster

Recommended Posts

Kenneth Foster è detenuto nel braccio della morte in un carcere Texano.

Ogni persona rinchiusa nel braccio della morte ha una storia da raccontare, ma quella di Kenneth è forse uno degli esempi più chiari di quanto sia sbagliato un sistema che condanni le persone alla pena capitale.

 

Foster è vittima di una legge iniqua, la "law of parties", la quale stabilisce che un individuo sia “responsabile di un crimine commesso da altri qualora egli abbia agito con l'intenzione di promuovere o assistere il compimento di tale crimine” e permette alla giuria di condannare a morte un uomo anche se non ha ucciso o intendeva uccidere qualcuno.

 

Nel caso di Kenneth, è stato provato che lui non era sulla scena del crimine ma stava sull’automobile che era stata usata per la fuga.Nonostante il fatto che lui dichiari che neppure sapeva che era stato commesso un crimine, è stato condannato a morte.La famiglia di Kenneth non ha potuto permettersi un avvocato privato (negli Stati Uniti una buona consulenza legale può costare centinaia di migliaia di dollari) e la sua corte ha incaricato avvocati che non erano all’altezza del compito.A due dei quattro giovani accusati del crimine sono state date sentenze più leggere, per evidenza del caso. L’uomo che ha premuto il grilletto è già stato giustiziato lo scorso anno.

L’uomo che è stato ucciso era un bianco, e figlio di un avvocato locale. Il colore della vittima e il colore dell’accusato (Kenneth è nero) pesa gravemente nella decisione se una giuria propende per la pena di morte, negli Stati Uniti.

 

Aveva solo 19 anni al momento del crimine, andava al college ed era un musicista di talento (partecipava a una locale “street gang”, l’origine del suo destino).

 

Kenneth ha usato in modo proficuo i suoi 11 anni passati in prigione studiando teologia, filosofia, yoga, sociologia e diventanto anche un esperto sulle leggi del Texas.

 

Non solo, lavorando attivamente sul suo caso, ma lavorando anche per salvare altri compagni di prigione dalla pena di morte. Lui e altri compagni hanno fondato “Drive”, un movimento che si oppone all’andare alla “camera della morte” in modo pacifico, ma anzi combattendo fino alla fine.

 

L’esecuzione di Kenneth stata è fissata il 30 agosto prossimo.

Quest’anno sono state giustiziate 17 persone nel solo Texas, altre 8 sono in lista per l’esecuzione entro fine agosto.

Il caso di Kenneth ha ricevuto l’attenzione da tutto il mondo, soprattutto per la chiara mancanza di prove contro di lui, ma anche per i numerosi appelli dei suoi familiari, i suoi amici e tante altre persone che si sono mobilitate in suo aiuto.

( http://www.freekenneth.com/ )

 

Di seguito la traduzione in italiano della lettera che, può essere inviata al Governatore Perry:

 

"Egregio Governatore Perry, Commissione di Grazia e Libertà sulla parola,

Le scrivo per chiederle di trasformare la condanna alla pena di morte per Kenneth Foster, la cui esecuzione è prevista per il prossimo 30 Agosto, in una condanna al carcere a vita.

Sebbene il signor Foster non abbia ucciso nessuno o fosse a conoscenza del fatto che sarebbe stato commesso un omicidio, è stato condannato alla pena di morte in base “law of parties” (legge delle bande) per l’ omicidio di Michael LaHood.

Sono molto vicino al dolore della famiglia del signor LaHood e non desidero in alcun modo sminuire la grande sofferenza che hanno dovuto sopportare a causa della sua morte. La persona che ha commesso materialmente l’omicidio, Mauriceo Brown, è stato giustiziato per il suo crimine lo scorso anno. Gli altri due co-imputati sono stati condannati all’ergastolo. Kenneth, che è stato processato insieme a Mauriceo Brown, è stato condannato alla stessa pena nonostante egli non abbia ucciso nessuno. La sua morte non è una punizione giusta e né un appropriato deterrente.

Da quando è entrato nel braccio della morte 11 anni fa, Kenneth ha sfruttato il suo tempo per studiare, lavorare e pregando per i suoi compagni detenuti. Kenneth è una fonte di foza per i suoi vecchi nonni, per suo padre , sua moglie e per la figlia di 11 anni. Non si riprenderebbero mai dalla sua esecuzione.

La prego, faccia in modo che Kenneth Foster continui a vivere, intervenga personalmente a favore della sua condotta e per un’appropriata risoluzione"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seguivo la sua causa già da tempo, speriamo che si faccia qualcosa perchè se già la pena di morte è iniqua in ogni caso, a maggior ragione per Foster è una punizione inappropriata.

Poi lui chiede di pagare per i suoi crimini con il carcere a vita, il che non mi pare significhi impunità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...