Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Max797

Macchi 205 1/32

Messaggi consigliati

Ciao a Tutti,

Essendo nuovo nel forum , volevo innanzitutto salutare e presentarmi.

Dopo 20 anni di innatività , ho deciso riprendere la mia passione modellistica ..in particolar modo per i velivoli militari italiani.

Dopo un 202 della Hasegawa , ho avuto la bella idea di acquistare una confenzione di un macchi 205 1/32 della 21 Cent. ed un G55 1/32 della Pacific Modeler.

Verificato il livello di dettaglio delle confezioni , non male quello della PM ...tralasciamo le viti del 205 ...ho deciso di acquistare anche un db605 e un paio di MG 20 mm della Aris , che essendo comuni per i due velivoli , ho replicato con la resina.

Nel 205 (che adoro come velivolo...) oltre che abbassare i timoni di profondità', "muovere" il timone di direzione , riprodurre l'intero castello motore , rifare il pozzetto carello (riprendendo con resina in parte quelli del g55..), o pensato riprodurre gli aerofreni aperti.

Qui nasce però un dubbio.. :scratch: ..

Questi sono presenti solo nella zona alare ...oppure (viste le pannellature) si estendevano anche a parte della fusoliera?

Non ho documentazioni in merito .C'è qualcuno che mi potrebbe aiutare ? Magari aiutandomi anche con delle foto /disegni dell'interno degli aerofreni estesi ?

 

Grazie a Tutti

MAX797

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

vedo solo oggi il tuo post, io ho fatto modelli in 32 di entrambe gli aerei ed ho una discreta documentazione. Lasciami dare un occhiata e poi ti rispondo.

Alberto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

allora ti confermo che dal catalogo nomenclatore del 205 risulta che gli ipersostentatori erano in due pezzi di cui uno, il più piccolo, arrivava quasi fino alla fusoliera.

Comunque, dalle foto, risulta che negli erei a terra gli ipersostentatori erano sempre chiusi. Se non ricordo male infatti erano comandati da un dispositivo automatico che li chiudeva al di sotto di una certa velocità.

Nel catalogo nomenclatore ci sono immagini che possono esserti utii per realizzare il castello motore; se ti interessano mandami un p.m..

Alberto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×