Jump to content
Sign in to follow this  
Guest intruder

Tecnologia wireless per veicoli spaziali

Recommended Posts

Guest intruder

Northrop Grumman si è aggiudicata un contratto iniziale da 4.1 milioni di dollari della durata di 21 mesi dall’U.S. Air Force Research Laboratory per lo sviluppo di un BUS dati wireless a prova di radiazioni per applicazioni in campo spaziale. In particolare un veicolo spaziale così equipaggiato può fare a meno di interfacce elettriche con il carico pagante presente a bordo potendo trasmettergli dati senza fili, evitando il ricorso a complessi cablaggi, spesso causa di malfunzionamenti, a tutto beneficio di pesi e quindi dei costi. Sarà inoltre possibile per i tecnici rimuovere le limitazioni imposte dal passaggio dei cavi e dal posizionamento dei connettori e piazzare così i sottosistemi nella posizione migliore.

 

f6.jpg

 

 

John Brock, responsabile alla NG del settore ricerca e sviluppo sistemi spaziali, ha affermato: “Il programma ridefinirà i veicoli spaziali del futuro. La tecnologia wireless ci permetterà di costruire più velocemente e a minor costi veicoli più leggeri permettendo di ridurre il lavoro, i rischi e le complessità associate all’integrazione di pesanti cablaggi con cavi di rame”.

 

Obiettivo principale del contratto è lo sviluppo dell’interfaccia del data bus senza fili in modo da permettere l’implementazione dell’architettura elettrica sviluppata dall’AFRL chiamata Space Plug-n-Play Avionics, o SPA. Satelliti così configurati potranno riconoscere automaticamente, così come i normali computer, i dispositivi installati a bordo e loro eventuali guasti permettendo la loro sostituzione senza bisogno di modifiche al software o al database. Tali dispositivi dovranno essere in grado di funzionare correttamente in un microambiente interno denso di comunicazioni radio con centinaia di altri dispositivi che comunicano wireless alla stessa maniera.

Fase finale sarà la definizione di un nuovo standard di comunicazione, come il Bluetooth, e di protocolli e linee guida per la sua implementazione, compatibilmente con le necessità di gestione della radiazione elettromagnetica, affidabilità e sicurezza tipiche dei veicoli spaziali.

 

 

http://www.difesanews.it/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Meno cavi=meno peso ok, ma i sistemi wireless sono immuni alle bombe?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...