Jump to content

Scania G, R(militare)


Recommended Posts

Nello scenario mondiale dei veicoli pesanti, la svedese Scania gioca il ruolo del leone nel mercato civile, sia degli stradali sia dei cava-cantiere. È quindi ovvio il salto al ruolo di trasportatore pesante militare. I veicoli designati sono la serie G, caratterizzata da motori di media potenza parchi nei consumi e da cabine leggermente ridotte, e la serie R, composta da cabine di maggiori dimensioni, gamme di motorizzazioni al vertice della potenza e grandissima propensione al traino di semirimorchi pesanti. Ciò ha permesso di partire da una piattaforma di sviluppo già efficiente contenendo enormemente sia i costi di progettazione che logistici.

 

20577rb.jpg

Attualmente (2015) gli Scania G e R stanno progressivamente sostituendo in Germania i Man LKW, in Francia vanno a sostituire i Renault CBH, costituisce la componente di punta del trasporto tattico pesante dell’esercito norvegese, svedese, irlandese e olandese.

 

La serie R, come accennato in precedenza, è principalmente adottata per il traino di carichi pesanti con le motorizzazioni da 620 CV e 730 CV, mentre trova largo impiego come motrice nelle potenze da 440CV e 500 CV. Quest’ultime combinabili con pianali semplici e telonati, dotazione antincendio tattico e veicolo da recupero/riparazione. Entrato in servizio nel 2003, fu ridisegnato e aggiornato elettronicamente nel 2011.

 

4qq80i.jpg

 

La serie G è il cava-cantiere dei veicoli pesanti Scania. Sebbene disponibile con pianale come l’R, l’allestimento privilegiato si compone del sistema PLS (Pallet Loading System) unificato per tutti i veicoli NATO: ciò consente il trasporto di container standard e sistemi palletizzati multipli. Il compito è svolto dal sistema multi lift che facilita il caricamento necessitando solamente di un operatore. La serie P costituisce il capostipite civile delle serie G, operativa dal 2000, con restyling nel 2003/2004 e nel 2010/2011.

ibf3ia.jpg

 

MOTORE

 

Propulsore serie G.

2p85h.jpg

 

Il propulsore in questione è un 6 cilindri in linea turbo-diesel con intercooler, quattro valvole per cilindro, 13.000 cc di cilindrata. Gamme di potenze da 440 a 500 CV e coppia da 2350 a 2550 Nm a 1300 rpm. Iniezione ulteriormente sviluppata rispetto al modello precedente con l’inclusione di una centralina ECU più efficiente e un sistema di aspirazione modificato, che mantiene temperature di scarico sufficientemente alte senza necessità della farfalla di aspirazione. Dal motore V8 dal quale deriva (vedasi sotto) eredita la turbina VGT. La definizione mantiene la lettera P perché è la motorizzazione originaria dei veicoli medi civili.

 

Propulsore serie R.

 

11t3pkp.jpg

 

Propulsore V8 diesel quattro valvole per cilindro, sovralimentazione turbo VGT con intercooler, 16.400 cc di cilindrata. Gamme di potenza da 620 a 730 CV e da 3000 a 3500 Nm a 1900 rpm. Iniezione elettronica diretta Scania PDE (r620) e XPI (r730), regola l’iniezione e fasatura valvole indipendentemente dal regime di rotazione), mappatura digitale dell’ECU.

 

CATENA CINEMATICA E TRASMISSIONE

 

Il cambio è un automatico Opticruise 12 rapporti + 2 RM con Retarder, con ripartitore di coppia e giunto centrale bloccabile. I’Opticruise presenta una modalità operativa con cambio di marcia ottimizzato: insieme al pannello di comando per il controllo trazione, dove sono raggruppati tutti i comandi del sistema, offre al conducente il massimo supporto per guidare anche nelle condizioni più gravose. Inoltre, dispone di varie opzioni di manovra, le quali permettono il controllo del veicolo a basse velocità e la modalità di disimpegno automatico, che rileva lo slittamento istantaneo di ogni ruota motrice.

Il sistema cerca di tenere innestata la frizione il più a lungo possibile per evitare di interrompere l’erogazione di potenza e, quindi, la trazione. Il numero di cambi di marcia viene ridotto al minimo consentendo alla velocità del motore di variare in una più ampia fascia di regimi.

 

Due assi sterzanti (1° e 2° asse anteriore) e dotato di sospensioni totalmente pneumatiche (serie R) o pneumatico-balestrato (serie G) con barra di torsione, indipendenti alla coppia anteriore e a ponte rigido nella coppia posteriore. Dotato di controllo automatico di gonfiaggio dei pneumatici.

 

CABINA

 

La cabina è sopraelevata rispetto al vano motore. In generale, le cabine spaziano da quella a tetto basso (Standard CR19) a quella media (CR19H). vi sono poche differenze con la controparte civile, quali per esempio l’allestimento di rinforzo roll-bar, la profondità maggiorata del retrocabina e le poltrone aggiuntive per il personale. A parte la vetratura antiproiettile, non è dotato di grandi blindature, piuttosto, di barre in acciaio alto-resistenziale di rinforzo; eccezion fatta per il sistema CaRaPACE.

 

Cabina serie G.

 

Ottimizzata per l’entrata/uscita facilitata degli operatori, da due a sei posti.

 

Cabina serie R.

 

2mxjpro.jpg

 

Differisce dalla serie G per una passerella elevata per la fuoriuscita d’emergenza tra il pilota e il capo-spedizione, e per il numero di posti da 2 a 7.

 

Sistema CaRaPACE

b7xd3d.jpg

 

 

Costruito per esplicita richiesta dell’esercito francese, per la sostituzione dei Renault CBH 385. Lo sviluppo è iniziato nel 2010 (entrata in servizio nel 2013), con i requisiti di difesa attiva e passiva contro ordigni IED e razzi RPG. Durante le guerre in Iraq e Afghanistan, i veicoli cisterna erano il punto più essenziale ma vulnerabile dei convogli, da qui la necessità di garantire un accettabile livello di sopravvivenza in ambiente ostile. Il veicolo prescelto è uno Scania serie R con motore da 440 CV a cabina base, trazione 8x8. Dotato di corazzatura integrata: capace di resistere ai colpi 7,62x39 mm soviet, scafo anti-esplosione, schegge d’artiglieria, mine anti-uomo, esplosioni IED stimate su 6 Kg di tritolo in ogni punto dello scafo. Come sistemi elettronici dispone di jammer ad ampio spettro, che impedisce la detonazione a distanza di esplosivi; la protezione anti-RPG è garantita dal sistema elettronico Rafael Trophy: esso crea un campo magnetico semisferico che provoca la detonazione in volo delle spolette (fonte AvioNews). Per quanto concerne la difesa attiva, il veicolo è protetto da una torretta remota Kongsberg calibro 12,7 mm, comandata all’interno della cabina blindata, posizionata posteriormente alla cabina guida e isolata da quest’ultima; essa costituisce il centro di comando/controllo/sorveglianza del convoglio. Il semirimorchio è costituito da una cisterna a tre sezioni, capace di 22.000 l di liquido infiammabile, la più grande cisterna trainata in forza all’esercito francese.

 

DATI TECNICI Scania serie G, R (militare)

 

 

 

 

Anno entrata in servizio:

2003/2011

Fabbricazione:

Scania

Tipo cabina:

Sovrastante il motore

Operatori:

Da 2 a 6 (G)

Da 2 a 7 ( R )

Codice motore:

R620, R730 ( R )

P440, P500 (G)

Layout motore:

V8 turbo VGT, 4 valvole per cilindro ( R )

6L turbo VGT, 4 valvole per cilindro (P)

Accensione primaria:

elettronica

Avviamento minimo senza pre-start:

-20 gradi circa

Cilindrata:

13.000 cc (G)

16.400 cc ( R )

Potenza:

620 CV a 1900 rpm ( R )

730 CV a 1900 rpm ( R )

440 CV a 1300 rpm (G)

500 CV a 1300 rpm (G)

Coppia:

3000 Nm a 1900 rpm (R620)

3500 Nm a 1900 rpm (R730)

2350 Nm a 1300 rpm (P440)

2550 Nm a 1300 rpm (P500)

Alessaggio per corsa:

130 mm x 160 mm (G)

Lunghezza:

11,8 m

Larghezza:

2,4 m

Altezza:

3,2 m (CR19)

2,8 m (CR19H)

Dimensione ruote

Interasse:

1,9 m + 4,4m + 1,4 m

Consumo:

34,4 L/100 Km

Multi carburante:

si

Cap.carburante:

600 L (2 x 300 L)

Autonomia:

900 km circa (G)

1000 Km circa ( R )

Trasmissione:

cambio automatico Opticruise 12 rapporti + 2 RM, trazione 8x8

Guado:

1 m circa

Max Velocità su strada:

90 Km/h

Max Velocità Off-Road:

45 km/h

Max angolo d’attacco:

25 gradi

Max angolo d’uscita:

35 gradi

Inclinazione laterale:

30 gradi

Ostacolo verticale:

500 mm

Altezza dal suolo:

450 mm

Peso max. totale:

32 t

Peso tara:

Max carico rimorchiabile:

18 t (G)

32 t ( R )

120 t ( R )

Misure ruote:

------

Tipo assi:

ponte rigido al posteriore, indipendenti all’anteriore. A cascata di ingranaggi

Ponte di trasmissione:

bloccaggio del giunto centrale con ripartitore di coppia, controllo trazione dedicato

Freni:

aria/idraulico con servofreno

Edited by Rommel
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...