Jump to content
Sign in to follow this  
colombo37

P40E - Flying Tigers

Recommended Posts

Ho iniziato un nuovo modellino, sempre in 1/48. Nell'ambito degli aerei famosi del periodo iniziale della WWII, dopo il Me109E, lo Spitfire Mk5 e il Macchi Mc200 ho scelto di fare il P40E, e, come potete ben immaginare mi sono orientato verso le famose "Flying Tigers". L'unità scelta è l'aereo del colonnello Scott, operante in Cina nell'autunno 1942, e già con insegne USA. La scatola è dell'Hasegawa, molto ben fatta anche se molto cara. Per il momento ho finito il cockpit, di cui allego le foto.

Richiesta di consiglio: le dimensioni dell'oggetto sono circa 2,5x1,7 cm, e francamente si fa fatica a vederne tutti i particolari già ora che non è inserito nella fusoliera. A parte qualche segno argento di scrostatura sui pedali e un pò di diluito nero per evidenziare le tubature, pensate si debba fare qualche ulteriore aggiunta? Grazie.

 

p1010795j.jpgp1010801e.jpgp1010800pi.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io prenderei lo stesso verde se acrilico e mischiandolo con della china nera molto "acquosa"ripasserei le paratie laterali nelle ordinate,il sedile dei P40 era alluminio con cinghie color cuoio un dettaglio che spesso sfugge ma documentato.

Occhio a una particolarità dei P40E senza l'antenna dorsale,i cavi antenna uscivano poco prima delle estremità alari e s'incontravano/incrociavano sulla deriva,fora prima le aree alari interessate e meglio ancora fissa i cavi prima sulle ali,evita lo sprue,basta il filo da pesca fine.marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io prenderei lo stesso verde se acrilico e mischiandolo con della china nera molto "acquosa"ripasserei le paratie laterali nelle ordinate,il sedile dei P40 era alluminio con cinghie color cuoio un dettaglio che spesso sfugge ma documentato.

Occhio a una particolarità dei P40E senza l'antenna dorsale,i cavi antenna uscivano poco prima delle estremità alari e s'incontravano/incrociavano sulla deriva,fora prima le aree alari interessate e meglio ancora fissa i cavi prima sulle ali,evita lo sprue,basta il filo da pesca fine.marco

Grazie del consiglio. In effetti le fotoincisioni Eduard che ho usato per i particolari permetterebbero di sostituire il sedile in plastica della scatola con uno in metallo da piegare in forma, ma i bordi di giunzione si vedono alla grande e non mi soddisfano affatto, si vede lontano un miglio che il risultato è brutto. Se me la sento tenterò di riverniciare il sedile di plastica in colore alluminio (anche se le istruzioni lo danno in verde kakhi) ma temo di fare un taccone peggiore del buco. Ci penserò. La figura della scatola riporta chiaramente le antenne come dici tu, che realizzerò con filo da pesca sottilissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

per esperienza non fidarti quasi mai delle istruzioni!,oggi osservavo un socio di club che stava verniciando un Me110E Eduard 1/48,che dava come colore interni lo stesso"verde interni"peccato che erano in RLM66 come interni e RLM02 come vani carrelli,sui sedili in fotoincisione io li evito senza problemi per i tuoi stessi problemi,sono al 1000% meglio i sedili in resina con le cinture stampate,non usarlo mai un sedile fotoinciso.

marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo un mesetto di lavoro ecco il modello finito. Nulla di speciale, solo, ritengo, un onesto lavoretto. Questa volta ho tentato di "invecchiare" il modello, ma sull'argomento ho evidentemente ancora molto da imparare. Prevengo una giusta critica: l'insegna personale del colonnello Scott è un poco spostata in avanti rispetto all'originale, me ne sono accorto esaminando meglio le foto dell'aereo; a questo punto non c'è nulla da fare, me lo tengo come è.

Devo rimarcare l'ottima qualità del kit (Hasegawa) i cui pezzi sono stampati con particolari ben fatti, e combaciano veramente bene .

A questo punto, per il prossimo lavoro e sempre rimanendo sul tema degli aerei da caccia del periodo 1941-42, potrebbe starci un aereo giapponese; lo "zero" però è troppo sfruttato, e poi lo inquadrerei nel tema "Guerra nel Pacifico", per cui sto pensando a un Ki43 Oscar. Quando avrò deciso mi farò vivo di nuovo.

Buon modellismo a tutti

p1010808c.jpg

p1010814.JPG

p1010810.JPG

p1010811w.jpg

p1010813y.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

il lavoro è ottimo,il verde almeno in foto è troppo chiaro,l'olive drab nuovo è un verdone ma poco tempo dopo il primo impiego si deteriorava parecchio diventando un verde marcio,esistono in commercio dei colori chiamati "olive drab 41 faded o wheathered"che ti risolve il 90% del problema dell'invecchiamento,stò terminando la verniciatura di un Dauntless terrestre con la stessa colorazione.marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×