Jump to content

magoo

Membri
  • Content Count

    13
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

magoo last won the day on March 12 2013

magoo had the most liked content!

Community Reputation

2 Normale

About magoo

  • Rank
    Recluta

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Agordo (BL)
  • Interessi
    aeronautica militare, aeromodellismo, simulatori
  1. non mi pare esistano trimotori nella RAF durante la seconda guerra, a meno di alcuni Ford Trimotor americani che però escludo in quanto dotati di eliche bipala... piuttosto potrebbe esserci una inesattezza nel racconto dovuta a scarsa competenza in materia e che quindi possa trattarsi di un bimotore da ricognizione e trasporto, tipo il meno bellicoso ma pur sempre onesto De Havilland 95 Flamingo che monta due Bristol Pegasus
  2. ..nuovo documento storico che rimette in discussione tutte le ipotesi fin qui fatte.... trattasi di un Diario tenuto nel periodo 1943-1945 da Don Pietro Follador ,poeta e sacerdote della zona di Falcade Questo è il link: http://digilander.libero.it/parrocchiafalcade/diario7.htm ...qui sotto i passaggi che riguardano l'incidente sul Mulaz : 7ma puntata.... 12 GIUGNO . . . Oggi si trasportano le salme di sette avieri di un aereo inglese caduto sul Focobon ai primi di maggio e rinvenuto poco fa. Oggi vi fu pure un bombardamento a nor ovest si crede sia stato a Bolzano.
  3. ..un dettaglio significativo a mio avviso , sta nel fatto che nella foto del mozzo portaelica e congegno del passo variabile, si vede chiaramente come il residuo della radice di una delle pale dell'elica rimasta incastrata, sia di legno (sono evidenti le venature ) quindi si tratta sicuramente di un'elica con pale di legno. Ora, ignoro se le eliche che equipaggiavano gli Halifax fossero in legno; mi sembra poco probabile visto che questi bombardieri vennero realizzati successivamente ai Wellington e proprio per sostituire questi ultimi. Non ho peraltro documentazione sufficiente a ques
  4. ecco il racconto; Eravamo ai primi di giugno del 1944 [omissis].... la battuta di caccia durò tre ore: il tempo necessario per setacciare bene la zona ed arrivare nelle vicinanze del Rifugio Mulaz dove si erano dati appuntamneto [omissis].....in silenzio presero il sentiero che li avrebbe portati alla Forcella, alla malga Stia ancora senza animali e infine a Gares. Un altro cacciatore che, in questo ritorno, li avesse incontrati, dalle loro facce avebbe capito che la battuta di caccia era andata a vuoto [omissis].... Avevano percorso poca strada quando , quasi contemporaneamente, i cinque vid
  5. Buongiorno, sono un appassionato di aeronautica da sempre e vivo ad Agordo...proprio in questi giorni stavo leggendo un libro di memorie storiche sul paese e le genti di Canale d'Agordo (paese natio di Papa Giovanni Paolo I). Nel volume è riportato il racconto di un gruppo di cacciatori locali che nel giugno del 1944 scendendo dal Rifugio Mulaz verso la Val di Gares (Canale d'Agordo) hanno rinvenuto i resti del velivolo inglese precipitato presso il rifugio Mulaz, proprio nei giorni immediatamente successivi all'incidente. Mi riprometto di postare il testo del racconto quanto prima ....nel
×
×
  • Create New...