Jump to content

Guido

Membri
  • Posts

    3
  • Joined

  • Last visited

Profile Information

  • Sesso
    Maschio

Guido's Achievements

Recluta

Recluta (1/11)

0

Reputation

  1. Ciao matteo, beh, esistono vari tipi di "stall warning". Ci sono quelli che si basano sull'angolo di incidenza alare, quelli che presentano una piccola apertura sul bordo entrarta e quelli con una piccola aletta, sempre sul bordo d'entrata. Il funzionamento del primo non saprei dirtelo. Per gli altri due,invece, il funzionamento si basa sul rilevamento della depressione al bordo d'entrata alare. Quando questa ha raggiunto un valore limite, lo strumento provvede ad avvisare il pilota del sopraggiungere dello stallo. Questo è quanto so dirti, ma sicuramente qualcuno saprà darti spiegazioni più dettagliate. Ciao
  2. Ciao I-TIGI, Si, hai ragione. Mi sono spiegato decisamente male. Le mie parole sono fortemente propense ad una interpretazione sbagliata. Chiedo umilmente scusa cercherò di essere più preciso in futuro Ciao
  3. Ciao a tutti. Scusate se mi intrometto nella discussione. Per spiegare cosa succede in parole semplici durante il superamento del muro del suono, puoi pensare in questi termini: quando un aereo viaggia ad una velocità inferiore a quella del suono, i disturbi di pressione che genera il velivolo stesso si propagano sia davanti che (ovviamente) dietro. Aumentando la velocità di volo, tutti questi disturbi di pressione cominciano ad avvicinarsi sempre più l'un l'altro davanti all'aereo fina al punto che, raggiunta la velocità del suono (locale), questi disturbi uniti tutti fra di loro, formano un'onda enorme, che passa dietro all'aereo. Qesta onda di pressione (che risulta essere proprio la somma dei disturbi che si trovavano davanti all'aereo prima del raggiungimento e superamento della velocità del suono) si propaga dietro all'aereo (ricorda che è molto grande) e, "sbattendo" sul suolo terrestre, produce quel tipico "bang" detto "bang sonoro". Per quanto riguarda invece quella specie di nuvola che si vede proprio dietro all'aereo che supera la velocità del suono, tale fenomeno è dovuto all'istantanea condensazione dell'umidità contenuta nell'aria che viene attraversata dall'onda. Praticamente, l'aria prima viene riscaldata dal passaggio dell'onda e, dopo il passaggio di quest'ultima, l'aria si raffredda (perchè la sua pressione diminuisce) facendo condensare l'umidità contenuta in essa. Spero di aver spiegato in modo semplice
  4. Guido

    A rapporto!

    Ciao a tutti, mi chiamo Guido e sono appena entrato a far parte attiva di questo forum. sono appassionato di aerei e di tutto ciò che riguarda la fluidodinamica Noto con piacere che ci sono molti argomenti di cui discutere...spero di non annoiarvi troppo
×
×
  • Create New...