Jump to content

Velivolo S/VTOL

Andrea STPP
Sign in to follow this  

.

Sign in to follow this  
From the album:

Aerei (tanto per cambiare)

  • 38 images
  • 0 comments
  • 25 image comments


Recommended Comments

Credo sia un Chance Vought LTV XC-142A (Potevano trovare un nome un po più semplice <_<), era un aereo sperimentale degli anni 60...non credo sia mai entrato in produzione di serie. Visto che ci sono pongo anche una domanda...nelle foto di profilo di quest'aereo si vede un ulteriore elica oltre il timone di coda...ha anche quella il compito di sviluppare portanza? È collegata ad un albero motore oppure è solo un'autogiro?

Share this comment


Link to comment

Credo sia un Chance Vought LTV XC-142A (Potevano trovare un nome un po più semplice <_<), era un aereo sperimentale degli anni 60...non credo sia mai entrato in produzione di serie. Visto che ci sono pongo anche una domanda...nelle foto di profilo di quest'aereo si vede un ulteriore elica oltre il timone di coda...ha anche quella il compito di sviluppare portanza? È collegata ad un albero motore oppure è solo un'autogiro?

nono nessun autogiro:) comunque l'aereo l'hai azzeccato perfettamente!!.. l'elica a coda a passo variabile li permetteva di agire sull'asse di beccheggio.. infatti il timone e tutte le superfici di coda possono essere utilizzate solo quando c'è velocità no? quindi impossibile usare gli "elevons" in fase di hoovering in caso il pilota dovesse fare correzioni.. quindi si è pensato di risolvere il problema in tal modo aggiungendo un rotore a coda che regola il beccheggio in questa delicata fase che è l'atterraggio verticale.. ricordo che un'incidente con questo velivolo lo si è riscontrato proprio perchè non funzionò più l'elica di coda.. mentre potrebbe comunque atterrare addirittura con un motore principale fuori uso..(poi non so dirti se era anche in grado di decollare con motore fuori uso .. fossi nel pilota tiro su baracca e saluto tutti..) ricordo che arrivò a circa 640km/h i velocità massima che a quel tempo era un primato per velivoli di quel genere.. :asd: Una delle limitazioni era una l'instabilità dell'ala ad angoli di 35 e 80 gradi, incontrato spesso a quote estremamente basse e per concludere 5 prototipi, peso massimo a decollo 16 tonnellate e 190 km autonomia,3.750 cv a turboelica General Electric T64..

Share this comment


Link to comment

Però non c'è che dire...un bestione purosangue americano in piena regola =) Grande potente e rumoroso ;) Furono le limitazioni di cui hai parlat a non farlo entrare in produzione di serie?

Share this comment


Link to comment

Però non c'è che dire...un bestione purosangue americano in piena regola =) Grande potente e rumoroso ;) Furono le limitazioni di cui hai parlat a non farlo entrare in produzione di serie?

Guarda non vorrei sparare qualche cavolata ma l'unica cosa cha ho capito è che la cancellazione dal programma è dovuta al "mancato interesse del programma".. la rumorosità non è un problema (per così dire :asd:)..quest'estate ho parlato con un ex sottoufficiale francese che durante le trasferte viaggiava in c-130.. mi ha detto che dentro c'era un rumore terribile e che non c'era insonorizzazione.. almeno nella versione su cui viaggiava.. finché è civile ok è un problema ma quando entrano quegli "animali" dei marine che non hanno il diritto a lamentarsi (non è un'offesa è solo un modo per dire quanto sono dei duri in stile sergente Patterson :asd: ) può andare bene.. poi mi chiedo.. pensa se il programma fosse andato avanti.. come versione per trasporto truppe..ok la versione navale, la A se non sbaglio è stata battuta nella competizione dal YCH-53 A.. ma penso che nei teatri bellici di oggi potrebbe essere stato un mezzo più che adatto con gli adeguati aggiornamenti..ovvio che non ha la stessa maneggevolezza di un osprey ma atterra sicuramente in spazi cortissimi.. e poteva soprattutto vantare di n bel carico interno..per quello che ne so io posso rispondere così :D

Share this comment


Link to comment

Beh sei stato molto esauriente...io sono però convinto che questo bestione nei teatri moderni avrebbe avuto sicuramente poco successo...con la contraerea moderna non avrebbe problemi ad abbattere un velivolo così grosso e ingombrante durante un atterragio verticale...L'Osprey è senza dubbio più agile e rapido di un quadrimotore (anzi pentamotore O.O) di 10 tonnellate di peso a vuoto...

Share this comment


Link to comment

ho detto infatti che non si può assolutamente paragonare ad un osprey anche perchè quest'ultimo è molto più versatile e di diversa concezione.. peccato che però non facciano molta fatica neanche ad abbattere un ch-47 oggi.. guardati il link http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-08-08/nato-conferma-chinook-stato-165420.shtml?uuid=AaNWnmuD ..penso lo conosci già il fatto ..oppure un c 130 il quale deve atterrare per forza su una pista anche semi-preparata.. il punto è questo .. un elicottero o aereo che sia durante la fase di atterraggio è una tartaruga senza guscio.. e per quanto mi possa immaginare neppure la contraerea della 2ww avrebbe fatto tanta fatica..questo è il rischio purtroppo :(

Share this comment


Link to comment

Per questo esistono le unità di paracadutisti :D Il fatto è che il CH-47 abbattutto non era in fase di atterraggio e l'imboscata era ben progettata secondo me, se fosse stato infatti un attacco "normale", cioè con una o massimo due lanciarazzi contraerei, Il CH-47 li avrebbe sicuramente scartati, pilota permettendo, mentre il nostro XC-142 con la sua mole molto più probabilmente sarebbe stato tirato giù. Ma questo non vuol dire che non fosse un aereo notevole, infatti il suo carico utile non è male, e per questo io lo avrei utilizzato come aereo cargo data anche la sua capacità S/VTOL, e non come trasporto truppe in scenari di guerra..

Share this comment


Link to comment

A quanto ho letto io era in hoovering ti cito da un sito: """Aldilà degli aspetti simbolici occorre però separare l’impatto emotivo della vicenda da quelli militari. Le forze speciali vengono impiegate in azioni ad alto rischio in territorio ostile, in questo caso per uccidere o catturare alcuni capi talebani. Un lavoro ad alto rischio dove la possibilità di registrare perdite non è certo remota. Stesso discorso vale per gli elicotteri, anche i più sofisticati come l’MH-47 impiegato dalle forze speciali, che possono diventare un bersaglio facile per ogni tipo di arma quando si trovano in hovering a bassa quota"""...infatti molto difficilmente riuscito ad evitarlo in atterraggio.. ricordiamo che è un grosso bipala in stile americano e non un agusta 129 il quale rotore di cosa e peso gli danno la possibilità di effettuare efficacemente queste manovre.. è stato colpito da uno stupidissimo RPG-7 un'arma di casa russa..ringraziamo il fatto che pare che abbiano finito i Blowpipe..quest' ultima fornita in precedenza dai nostri amici americani.. che mondo :asd: massi in effetti è meglio come aereo da rifornimenti però atterra quasi dove vuole.. e quindi dove meno se lo potrebbe aspettare il nemico.. uno spiazzo non è una pista.. e di spiazzi la ce ne sono tanti.. :asd:

Share this comment


Link to comment

Mmm io non sapevo fosse andata così...comunque il fatto resta quello :D Si infatti il vantaggio dei convertiplani è che uniscono la velocità in volo di crociera e gli spiazzi ristretti in atterraggio...poi l'XC-142 in volo orizzontale raggiungeva i 640 Km/h che è un'ottima velocità per un aereo con quelle caratteristiche...ripeto che secondo me sarebbe stato un cargo che sarebbe rimasto attuale tutt'ora...

Share this comment


Link to comment

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...