Jump to content

Balzac

Membri
  • Posts

    28
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by Balzac

  1.  

    Se ti dico che si chiama Dummy si chiama Dummy. O meglio, se vuoi entrare nello specifico:

     

    Air launched, Intercept-aerial, guided Missiles 9 (abbreviato AIM -9).

     

    CATMs (Captive Air Training Missiles): Niente carica, niente motore, ha i sensori telemetrici (e sono quelli che si usano nelle esercitazioni.

     

    DATMs (Dummy Air Training Missiles) : Usato per il personale a terra, per insegnare come smontare, montare, trasportare, riporre l'AIM-9

     

    NATMs (Special Test Air Training Missiles): Motore, seeker, sensori telemetrici. Sono dei missili live anche se privi di carica. il nome dice perchè si utilizzano.

     

    In tutto ciò, leggendo vari racconti anche di piloti italiani di F-104 presenti sul forum, ci si rivolge al missile chiamandolo Dummy.

     

     

    Poi, se gli americani (e noi) lo chiamiamo "stupido", e i russi lo vogliono chiamare "laureato con 110 e lode e in attesa di impiego" sono problemi di nomenclatura.

     

    No, tu hai scritto si chiamano dummies ossia stupidi. Tu sei andato nello specifico del significato, no io. E nello specifico del significato io ti dico che lo aggettivo dummy per un missile non significa stupido, neanche per gli americani, significa vuoto, finto. Non problemi di nomenclatura.

    So anche io cosa sono i missili dummy, forse anche prima della tua nascita, nessun americano che ho mai sentito voleva dire missile stupido, ma missile finto. Quindi nemmeno gli americani non lo chiamano stupido, non ho mai sentito questo e i russi non lo chiamano laureato, ma ucebnie raketi, che significa missile per il training e questo come ho scritto non è proprio totalmente uguale a un missile "dummy", ossia finto, perchè è un missile vero, con la testa vera che cerca. Ci sono piloti italiani che chiamano i missili dummies missili stupidi?? Io non ho mai saputo nemmeno questo. Forse nella lingua italiana, ma questo non so proprio. (Confusione forse da qualche giornalista che parlava di bombe intelligenti e bombe stupide? Anche questa cosa non è esatta, forse lui voleva dire bombe stupide = non guidate e alora dumb bomb, ma non dummy bomb, infatti anche una bomba "stupida", non guidata, esplode molto bene, quindi non è finta e sfortunatamente nemmeno stupida. Le armi dummy invece sono finte, per il training. Ma alcuni giornalisti anche fuori dell'Italia scrivono senza sapere neanche distinguere un F14 da uno F15).

     

    E poi i Su-27 favoriti? Da cosa? Forse per fare il training spegnevano la difesa aerea??? Come nella prima guerra mondiale? Mai sentito in tutta la mia vita, neanche in un altro paese e questi esercizi sono molto simili nel mondo. Il Su-27 è stato usato per la sua lunga autonomia e la sua velocità, per simulare bombardieri veloci della nato. Non i Mig-25, ma i Su-27 erano favoriti da alta velocità e dalla loro azione improvvisa e inaspettata, anche per la difesa aerea, che ha visto improvvisamente molti bersagli sconosciuti da tutte le direzioni. Solo i piloti dei difensori hanno avuto l'idea che era un training quando hanno visto che hanno decollato subito senza cambiare missili. Allora hanno deciso di andare avanti con un test di cattura dei bersagli solo grazie agli infrarossi e il test è riuscito.

  2. Una logica che può venire in mente puotrebbe essere questa: nell'esercito forse hanno davanti i carriarmati nemici, quindi loro chiedono anti-tank. Nell'aeronautica, prima cosa: ricerca e soccorso per piloti caduti con il paracadute. Nella marina da guerra forse elicotteri anti-sottomarino e anche qui ricerca e soccorso in mare.

  3. I missili per esercitazioni di cui parli si chiamano "dummies".. ossia "stupidi" .

     

    Venendo al resto. C'e' parecchio che non torna nell'esercitazione MIG vs SU.. per usare il seeker del missile devi essere vicino, molto vicino e usare "la vista" del missile stesso che aggancia sulla fonte di calore. Necessariamente, causa dimensioni del seeker e della regione di spazio che puo' coprire devi essere molto preciso. Si puo' dire che in quelle condizioni hai trovato quasi il pilota pollo che sta fermo li e si lascia agganciare dalla testina. Ovviamente in questa modalita' hai il vantaggio di non allertare l' RWR nemico. Inoltre: l'IRST non fornisce uno straccio di dato. Ne velocita' del Bandit, ne rateo di chiusura, ne altitudine, ne prua, ne angolo di aspetto. Nada.. informazioni senza il quale e' impossibile elaborare una concreta strategia di attacco. Da terra puoi avere informazioni preziose, come le distanze, le quote e un'indicazione generica della prua del nemico. Ma i tempi di spazzata dei radar a terra non erano il massimo nel 1985. Quindi, anche riuscendo ad avvicinarsi, sarebbe stato molto difficile basarsi solo sulle info da terra, l'irst e il seeker per ottenere una soluzione di tiro ottimale.

     

    Dummy missile significa missile finto non missile stupido e anche questo è un aggettivo sbagliato. Forse gli americani sono in grado di chiamarlo stupido, ma io non penso. Se conosci un impianto o un sistema "stupido" su un aereo o una nave anche civili, prego indicali. Non ha senso mettere qualcosa di "stupido" su un aereo. Anche l'aggettivo finto non è corretto, perchè il missile è vero non finto, però non ha il motore e non ha esplosivo e ha molta elettronica.

    Si, i Mig-25 hanno distrutto (simulato ovviamente) i "bombardieri nemici". Non c'è nulla di "facile" o di "difficile" in questo. Il training è partito improvvisamente. E' vietato usare aerei non-ordinari, significa che gli aerei devono essere quelli ordinari, pronti in turno di allarme. E' vietato usare piloti riposati, i piloti devono essere quelli ordinari in turno di allarme. Il comandante del reggimento voleva usare piloti riposati: è stato fermato. Il drill, (l'esercitazione?) è iniziato esattamente alla fine dell'ultimo turno, così i piloti erano quelli del turno precedente, quindi niente riposo. Gli aerei: quelli esistenti su allarme, senza nessuna speciale re-esaminazione di sistemi o manutenzione. Così partiti su allarme, gli aerei al momento in volo: lo stesso cosa, interrotto il rifornimento in volo e go! Tattica contro i bombardieri nemici, una di queste tattiche è almeno due aerei intercettatori per ogni bombardiere nemico (al tempo del 1989), questo per le ECM del nemico, così mentre loro provano a disturbare il radar del primo aereo, il secondo attacca usando altre frequenze, ma questo non serve in questo caso, perchè i Su-27 non simulavano i B52. Così la difesa aerea ha scoperto molti bersagli in arrivo (si trattava quasi di un reggimento di Su-27) e ha guidato i Mig-25. La guida radar è sempre, sia da terra, che da un radar volante come un awacs, o una nave radar. Il caccia intercettore può essere guidato da terra in tutto l'attacco da quando il pilota chiude le porte del carrello, dopo il decollo, a quando ritorna sopra la base e scende sotto i trenta metri di altitudine. Altrimenti si può fare in semiautomatico, altrimenti si può fare in manuale visuale usando i sistemi disponibili sopra l'aereo. In questo caso i piloti di Mig-25 sono stati guidati dal radar di terra, poi hanno deciso di attaccare con IRST. La guida radar non deve stupire non si può fare una intercettazione senza e solo con un IRST, nessuno la fa. L'IRST del Mig-25 nel 1989 vedeva molto lontano, anche molto prima che gli occhi identificano il bersaglio, PERO' la distanza ottimale con l'IRSTera sui 20-25 Km per avere una giusta visione, MA il missile R-40 termico quando non si usa il radar era meglio lanciarlo dentro i 12 Km. I piloti non hanno scelto il radar range finder, per non rischiare di svegliare il nemico, allora tutto con solo IRST (e il radar range finder svegli gli rwr conosciuti del 1989 solo molto raramente e anche così era difficilissimo identificarlo). Loro entrano dentro con la guida radar della difesa aerea, l'IRST vede il bersaglio, i Mig-25 manovrano e vanno nell'emisfero posteriore dei Su-27, sempre con l'IRST, arrivano a 12 KM, non lanciano, si avvicinano ancora, 10 Km, poi lanciano esattamente in coda ai Su-27. I missili confermano scoperta e distruzione dei bersagli, poi fuga a Mach 2,83. In un altro posto altri Su-27 sono stati abbattuti, ma qui i piloti dei Su-27 hanno scritto che hanno visto i Mig-25 quando hanno rotto l'intercettazione in virata stretta per iniziare la fuga ad alta velocità e fuggivano, ma a quel punto era inutile, anche quei Su-27 erano già "morti", hanno provato a mettersi sulla coda dei Mig-25 (e ci sono riusciti subito in verità), ma non era più possibile per loro, perchè erano già stati "colpiti". Questo solo con IRST, l'IRST vede anche bersagli più piccoli di un aereo, come missili cruise.

    Non parlavo di seeker di missili per questo. Io volevo dire che è possibile usare solo le teste dei missili in caso di emergenza, 30° a destra e sinistra del Mig25, ma non è un argomento legato all'esercizio con i Su-27 di prima.

  4. Non so niente sull'F-14, ma credo che sia stata una scelta politica, ma non penso che è stata una grande cosa. L'F-14 era molto veloce, con un radar potente e ottimi missili a lungo raggio, probabilmente i soldi per l'upgrade dell'F-14 non esistevano e hanno preferito l'F-18, ma l'F-18 non è veloce come l'F-14 e non ha l'AIM54. Se facevano nuovi radar e nuovi AIM54 l'F-14 superava molto lfacilmente l'F-18. Ripeto scelta politica, ma militarmente forse io non so se è una scelta buona. L'unica cosa è che l'F-14 era vecchio e probabilmente costava molto fare i suoi sistemi nuovi.

  5. Si, il Mig-23 ad alta quota vedeva a bassa quota, i bersagli a bassa quota, non il Mig-23. Si umidità dell'aria può ostacolare, ma se non ci sono nuvole l'IRST funziona benissimo a distanze enormi. Il sole, il sole fa come una luce su tutto lo schermo, anche a terra con il sole lo schermo è tutto illuminato in modo completo, (diffuso?). Se poi uno accende una sigaretta, il computer fa qualcosa che io non conosco, perchè lo schermo diventa tutto più scuro e la sigaretta accesa è vista meglio, in contrasto, come se (sicuramente c'è un filtro o qualcosa nel computer, la luce del sole diminuisce e la sigaretta accesa aumenta). Il Mig-25, in quel tempo ha superato i Su-27, sicuro al 100%. 1989. I missili funzionano molto bene anche per bersagli a bassa quota. In generale tutti i missili funzionano molto bene, questo perchè il missile fa quello che è ordinato dal computer. Bersagli persi: moto difficilmente, se il missile parte vuol dire che il computer ha calcolato tutto ed è difficile perdere il bersaglio. Nella situazione contraria, se il computer decide diversamente, il missile non parte, non lascia la sua stazione sotto l'aereo. I casi di missili che perdono un bersaglio molto frequentemente sono errori del computer, non del missile. I Mig-25 hanno usato per questi tests, missili per il training, missili elettronici, missili uguali a quelli reali, ma che non partono. Essi registrano tutto, hanno la testa di ricerca uguale a quella vera e sistemi di registrazione che poi sono studiati. Non hanno esplosivo. Questi missili hanno tutto, tranne il motore e gli alettoni, perchè non volano e restano sull'aereo. Molti missili hanno anche questa versione. Anche il Su-15 l'aveva, ma il Su-15 era molto vecchio e senza IRST. L'R-40 per il training si vede subito: non ha alettoni e non ha i motori, ed è colorato a strisce nere. Nel 1989 i Mig-25 arrivano guidati da terra, controllo di terra, senza accendere neanche il radar range finder, poi usano l'IRST e attaccano i Su-27 da dietro. Poi il Mig-25 è molto veloce, attacco, rottura e fuga. E' molto difficile prendere un Mig-25 che scappa ad alta velocità. L'alta velocità è anche una forte difesa. In caso contrario, il Mig-25 non ha speranza contro un Su-27. Però i Su-27 non hanno mai visto i Mig-25 arrivare. I Mig-25 hanno scelto la posizione migliore (emisfero posteriore) e poi sparato con missili per il training che registrano tutto. Non hanno dovuto ripetere l'attacco, in caso contrario i Su-27 vincevano.

    Se i sistemi non funzionano, come risposta a sopra, si uno può usare anche le teste cercanti dei missili IR, che sono sensibili, ma è necessario arrivare più vicini al bersaglio e è necessaria una alta visuale, atmosfera pulita. Questo è possibile soprattutto ad alta quota e contro un missile nemico, al quale è possibile "avvicinarsi" senza che lui ti spara. I missili IR sul Mig-25 possono avere una visuale di 30° davanti all'aereo, bisogna posizionare il radome verso il bersaglio.

    Siamo sicuri che i Phantom senza IRST erano aerei per il combattimento aria-aria? Forse erano cacciabombardieri per supporto alle truppe ma terra?

    L'F-104 con 15 miglia, non sapevo, ma comunque ripeto, se la guida a terra lo guida bene, arriva dentro le 15 miglia, trova il bersaglio e spara.

  6. Il Sidewinder non lo so, ma per altri missili IR c'è il computer di bordo che da i dati al missile e lo arma. L'F-104 non lo so cosa faceva, ma non ho mai sentito che valeva la metà. Pero un missile radar-guidato cavalca il ritorno delle onde radar emesse dal bersaglio, quelle che rimbalzano.

  7. Tralasciando che Viggen e F-104S avevano diffusione limitata, l'AIM-7 sullo Spillone "valeva la metà" di quello montato sul Phantom in quanto limitato dal radar di tiro

     

    Non sapevo, ma io volevo dire chi aveva lo Sparrow in Vietnam oltre al Phantom, comunque non credo proprio che l'F-104 vale la metà per via de il suo radar sennò non gli mettevano lo Sparrow non credi? L'F-104 è un difensore a breve raggio non come il Phantom. No se come il Mig-21, grande importanza ha la guida radar da terra per intercettazione, poi l'aereo fa da solo non credo proprio che vale la metà di niente heheheheheheh

    Range dell'IRST, ho scritto sopra: è come chiedere il range dell'occhio umano. Poi il carburante che brucia nel motore emette radiazione infrarossa visibile meglio con i sensori raffreddati, il missile può vedere una sigaretta, ma non insegue. Il missile insegue solo bersagli nel suo range nello spettro infrarosso per cui è programmato. Adesso un vecchio IRST come quello sui Mig-23 con un tempo sereno a bassa quota vedeva normalmente e inseguiva bersagli fino a 90 Km o anche di più. I bersagli supersonici sono più caldi, quindi anche visibili più lontano, in genere hanno il postbruciatore acceso. Intorno a numero di Mach 1,8-1,9 o anche sopra, la fusoliera inizia a dare calore soprattutto in punti come le prese d'aria e il radome, quindi i bersagli supersonici si vedono molto più lontano. Posso riferire su una vecchia esercitazione (non mia, io non sono stato un pilota), con i Mig-25 vicino Kiev, I Su-27 di un reggimento partirono all'attacco, facendo la parte dei bombardieri. Il Su-27 è molto veloce, molto maneggevole. Ma i Mig-25 arrivano con IRST acceso ad alta quota vedono i Su-27 e cominciano a manovrare, arrivano dietro e li seguono. I piloti dei Su-27 arrivano sui bersagli, bombardano e poi scappano. Tutti vedono cosa succede un attimo prima, ma nessuno lo dice. I piloti dei Su-27 fanno il loro rapporto alla base soddisfatti, ma il loro comandante ridendo alla fine dice loro: "Non avete motivi per ridere: voi siete morti!". I Mig-25 avevano abbattuto tutti i Su-27 con l'IRST senza nemmeno usare il radar, si erano messi dietro di loro e nessuno sui Su-27 aveva visto niente, poi era stato dato ordine di non dire nulla heheheheheheh. Una cosa importante era anche che tutto è accaduto senza un precedente avviso, quindi tutti gli aerei erano in condizioni ordinarie per vedere se erano affidabili e quanto erano affidabili, questo ha luogo in test importanti. Il Mig-25 era più vecchio, ma molto affidabile.

  8. Forse ho capito male, avevo capito che il P40 termico aveva anche una testa radar passiva. Il sole si, si vede, ma un postbruciatore acceso emette radiazione IR in uno spettro diverso, questo spettro diverso di radiazioni IR è visto con la testa raffreddata, ecco perchè il missile, che io so, non va più sul sole o sulle nuvole illuminate dal sole. Una fusoliera calda, perchè supersonico, fa lo stesso. (Anche in bisonico la fusoliera può iniziare a scaldarsi). Le molte G non interessano il sensore impiegato, ma io parlavo generalmente di percorso del missile per dire che, anche se oggi credo che sia diverso, i missili termici un tempo inseguivano solo, quindi non può anticipare i movimenti dell'aereo, perchè questo significa andare da un percorso di inseguimento a uno di collisione e questo i missili termici come il Sidewinder non lo facevano, invece l'aim4 si perchè il computer gli inseriva i dati del bersaglio prima del lancio e il missile aveva la possibilità di andare sul punto di collisione con il suo bersaglio calcolato in un'area probabile davanti al bersaglio come un missile a guida radar. I missili IR come il Sidewinder di quel tempo invece dovevano inseguire, quindi stare dietro e come hai detto se il bersaglio vira stretto il missile può perdere il bersagli alla fine del percorso. Oggi non so, ma sicuramente il missile termico può anticipare i movimenti dell bersaglio, quindi andare dall'inseguimento alla collisione.

    Spoletta senza prossimità perchè non soltatanto il missile doveva entrare nella baia del'F-106, ma anche perchè il Tu-16 o il B52 o il Tu-95 sono aerei robustissimi e hanno molto più di un solo motore. L'esplosione di prossimità di forma varia, può danneggiare un grosso aereo con shrapnel, ma può non abbatterlo. Un bombardiere deve essere abbattuto completamente, perchè se lui continua, può arrivare dove lancia la sua arma nucleare. Così la testa di prossimità è pericolosa perchè fa danni, ma può non abbattere se non è grande, no, necessita una testa a impatto questo perchè il missile prima entra dentro l'aereo nemico poi quando entrano anche le ali del missile lui esplode dentro l'aereo nemico. Questo non è bello da scrivere, perchè è la realtà terribile di una guerra, ma è questo che succede contro un bombardiere nemico, ecco perchè ECM e ECCM e missili IR che non sono disturbati da ECM, e, oggi, stealth sui bombardieri e altro...

    Il computer del 106 era ottimo, i missili aim-4 molto buoni, l'aim-4G termico non si conoscono bersagli perduti (con l'F106, non con il Phantom). L'AIM26A invece aveva una testa esplosiva di prossimità a continuous rod, un fascio di barre continue che si allarga come un anello continuo quando esplode, ma era una testa più grande dell'AIM-4 e era sull'F- 102 in solo due missili, perchè era più grande.

  9. Non conosco il Phantom, ma il Phantom aveva una cosa importante che era il missile aim-7 Sparrow a medio raggio. Si ottimi risultati con l'IRST, teplopelengator per i Russi. La tecnologia dell'IRST è quella della luce, come per l'occhio umano, quindi anche 50 anni fa non ci sono contatti falsi. L'occhio umano vede dal giornale alle stelle a anni-luce, l'IRST lo stesso può vedere tutto, non importa il range per l'IRST. Può vedere un treno caldo a causa del sole o la locomotiva, un postbruciatore acceso, una faccia umana. Forse per contatto "falso" si vuol dire una contatto non aereo. Una delle situazioni che mi hanno portato come esempio, l'IRST del Mig-23-25, poteva essere vista la faccia di un uomo in fondo al parcheggio, soprattutto di notte, se poi accendeva una sigaretta era visto molto bene si vedevano le teste dei missili termici iniziare a cercare faccia e sigaretta. L'IRST è molto buono perchè è come l'occhio umano, quindi vede, ma tu non vedi lui, quindi puoi decidere tu. Puoi poi accendere un sistema range finder radar che emette impulsi a intervalli, molto difficili la localizzare per un nemico, anche se ha un sistema di allarme radar, ma che ti danno la distanza e i dati al missile, poi puoi accendere il tuo radar, ma in questo caso sei visto e è necessario fare molto velocemente, oppure puoi fare tutto in infrarosso e usare il missile termico. In entrambi i casi il nemico non vede niente fino a quando sfortunatamente per lui è molto tardi. Soprattutto perchè hai avuto tempo per metterti nella posizione migliore, significa che sei dietro di lui. Le nuvole sono come un muro, il fumo no, perchè l'IRST vede attraverso il fumo, perchè la lunghezza d'onda di alcuni raggi infrarossi non è come quella della luce vista dagli occhi umani non ricordo, ma mi sembra che è una lunghezza d'onda più lunga e supera il fumo. Ad alta quota il fumo e le nuvole sono difficili, anche se in Kamchatka, Curili e Alaska i vulcani sono molti, ma il fumo di un volcano è impossibile da superare e spegne i motori, quindi evitare. Però i primi radar avevano un look-down basso e qui l'IRST era molto utile per i bersagli a bassa quota in ogni direzione. Se esiste un dubbio si ripete la scoperta e l'attacco, si vede se il bersaglio IR si muove o è fisso, se si muove come io voglio, oppure fa movimenti "strani" per un aereo e se guardo bene forse è un camion con il tetto caldo per il sole ... Molti piloti americani in Vietnam so che trovavano le piccole navi del nemico con l'IRST, qualcuno ha provato anche a sparare missili IR solamente come "tentativo", ma io non conosco risultati di questi strani "test" personali con bersagli terrestri (navali in questo caso). In Vietnam io credo che un IRST forse poteva essere ottimo, i piloti dei Mig-15 e dei Mig-17 della forza aerea vietnamita era bravi a usare le colline, con il Mig-17 volavano più bassi della cima di una collina, così il radar nemico non li vede, gli aerei americani passavano sopra di loro e poi, in questo modo, i piloti del Vietnam erano già dietro agli americani in posizione ottima. Ma un aereo ad alta quota con un IRST acceso li poteva vedere molto bene dietro la collina. Quindi non so perchè alcuni Phantom non avevano l'IRST.

    Non so perchè alcuni Phantom non hanno l'IRST, ma lo Sparrow a guida radar era un missile che dava lo stesso un vantaggio sugli altri (io penso). Quanti altri aerei avevano lo Sparrow? Io credo solo il Phantom, no?

  10. Bello, i mezzi russi sono molto buoni, non conosco i camion, ma questo thread è molto bello e interessante. Mi piacerebbe guidarlo in fuoristrada, non conoscevo il preriscaldamento, ma immaginavo che c'era qualcosa del genere, altrimenti è impossibile in Siberia e nell'Artico. Non ho capito se ha il blocco dei differenziali, ma penso proprio di sì a causa del terreno sul quale deve muoversi. Avevano sviluppato anche giganteschi camion a metano per la Siberia. Una cosa, lo sviluppo di questi mezzi molto mobili su tutti i terreni, dati alle forze missilistiche strategiche mobili, ha fatto diventare inutile il gigantesco Mil V-12: il più grande elicottero che ha mai volato. Questo elicottero doveva servire soprattutto proprio per creare luoghi di lancio per missili balistici in luoghi impossibili da raggiungere e dove non esistono strade, come nell'Artico e in Siberia. Il miglioramento dei mezzi terrestri ha fatto diventare inutile quell'elicottero gigantesco.

    Se possibile perchè dentro lo schema di sopra i due assi di sinistra sono colorati in verde e i due a destra in azzurro?

    Se io posso dare una immagine delle condizioni dell'Artico posso dire che il vento di una tempesta artica ha rovesciato e poi coperto di neve e ghiaccio una cisterna KRAZ quasi piena che stava sulla pista ghiacciata. Il camion ha scivolato sul ghiaccio, quando il vento lo ha fatto raggiungere il bordo della pista taxi, lì c'era il bordo con il mucchio di ghiaccio alto, il camion ha toccato il mucchio di neve ghiacciato e il vento ha continuato a spingere, in questo modo il camion si è messo su un fianco, a causa del il vento. Mi ha fatto vedere questo un mio amico. Il camion è rimasto nel luogo dove era, nessuno lo ha più mosso solo vuotato. In inverno scompare sotto tre metri di neve. E' una curiosità dell' aeroporto.

  11. Non conosco il Phantom, ma l'IRST generalmente è un sistema ottimo. Molto buono. E' necessario fare un addestramento perchè l'IRST trova tutto, anche un camion con il motore acceso. Il servizio con l'IRST è ottimo quando il nemico usa molto l'ECM quindi il radar è disturbato, ma quando il nemico usa poco l'ECM l'IRST è poco utile. In Vietnam il Nord Vietnam non aveva grandi ECM, così il radar non era molto disturbato. Ma non conosco e non ho sentito mai di IRST scadenti, sono molto buoni. Con i postbruciatori accesi il nemico può essere visto anche a 50 miglia o più senza che lui vede te.

  12. In che senso ricorda l'AIM-4? Quello era letteralmente una vacca a razzo blink.gif

     

    AIM-4 una vacca a razzo? Se ti dicessi che missili come R-98 (AA-3) e AIM-4 erano molto moderni e avevano doti che il Sidewinder nella versione a loro contemporanea non aveva?

    AIM-4 era un missile eccellente in entrambe le versioni radar e IR, IR era possibile alla aspect cosa che il Sidewinder ancora non poteva fare, ma R-98 e AIM-4 erano armi per aerei grossi e soprattutto con un grosso computer, come F-106 e Su-15 "Hound dog". Ho letto l'altro interessante thread sul Mig-25, non del tutto esatto, ma vero. I missili IR non è che hanno un sensore radar, non è esatto, essi ricevono i dati dal computer che li prende anche dal radar. Il grande missile IR è attaccato al suo pilone. Il pilone ha prese per collegamento elettrico del computer: il computer passa al missile dati di traiettoria e avvicinamento con velocità del bersaglio una frazione di secondo prima del lancio, nello stesso istante inizia il raffreddamento della testa termica. L'azoto liquido non è eterno dura pochi secondi o minuti (prime versioni anche meno). Il raffreddamento della testa fa vedere i raggi infrarossi che normalmente senza raffeddamento non si vedono e il missile così può passare una nuvola, e non va verso il sole.

    Con i dati del computer e del radar prima del lancio. il missile IR parte con calcolata la traiettoria del bersaglio. Questo è una differenza fondamentale, perchè in generale un missile IR è un missile molto limitato. Guardando i missili IR si vede come hanno tolleranze molto alte alla forza G. I missili mostrano per esempio una tolleranza fino a 50 G e questo sembra impressionante, forse lo è, ma la verità è che questo è perchè il missile non ha nessuna scelta, perchè lui fa una cosa che non è intelligente: insegue. Inseguendo significa che la sua velocità di avvicinamento al bersaglio è la differenza tra la velocità del missile e quella del bersaglio, quindi se il bersaglio è veloce, il missile IR deve essere più veloce, consumo di carburante e limitazione del range e limitazione di velocità di avvicinamento al bersaglio. Inoltre, inseguendo significa che il missile deve stare in coda al bersaglio prima di abbatterlo, quindi se il bersaglio fa una virata stretta, il missile è costretto a fare una virata anche più stretta a fine della traiettoria per colpire il bersaglio. Ecco perchè tante G, ma non è intelligente. Inoltre i primi missili IR non passavano le nuvole, erano traditi dal sole e dal sole riflesso dalle nuvole che è abbagliante. Con il raffreddamento tutto questo scompare. Ma la cosa importante è che con testa raffreddata e computer di lancio il missile IR come l'AIM-4 Falcon poteva anche andare da un percorso di inseguimento a uno di collisione come i missile guidati dal radar, questa è la grossa differenza: non insegue, ma traiettoria di collisone come i missili radar, che vanno davanti al bersaglio. Questo il Sidewinder non lo faceva in quei tempi. Ma ci voleva un computer di tiro moderno come sugli F-102-106 e sui Draken svedesi. Il Phantom con i missili AIM-4: sul Phantom il pilota, navigatore doveva decidere lui di armare i missili, spesso i tempi erano sbagliati e il refrigerante finiva prima del bersaglio perchè la testa era armata troppo presto, così il missile partiva a refrigerante finito e perdeva il bersaglio. Ma Sidewinder non era all aspects.

  13. Si, è che in inglese angle of incidence è a. di calettamento. In italiano invece ho scritto incidenza, ma è un po' di confusione .

  14. lanciare un cruise da 500 km con un BJ o un Bear è la stessa cosa: quello che conta al giorno d'oggi è l'avionica

     

    Seconda parte giusta, l'avionica conta moltissimo soprattutto ECM ed ECCM, ma la prima parte non mi sembra azzeccata:

    Primo: a 500 Km dal nemico ci devi prima arrivare e arrivarci può comportare una lunga serie di forse. (I missili cruise in realtà hanno gittata molto superiore ai 500 Km proprio per stare fuori il più possibile dalle armi nemiche).

    Secondo: il Bear è soprattutto un aereo pattugliatore marittimo a lunghissimo raggio, adatto soprattutto all'attacco antinave e antisommergibile contro le portaerei e i sottomarini lanciamissili nemici. Il Bear non rientra, che io sappia, nella strategia di ritorsione strategica nucleare russa di prima linea (almeno non dagli anni sessanta in poi). Infatti la differenza è la velocità supersonica, bisonica, mantenuta per lunghissimo tempo. Un Tu-160 può volare per ore a 2000 Km/h o poco di meno. In realtà questo neanche servirebbe perchè in caso di crisi i bombardieri sono già in volo nei punti più favorevoli dai quali iniziare un attacco atomico. I missili cruise hanno gittata tra i 3.000 e i 5.000 Km. Significa che anche con "solo" 3.000 Km di gittata potresti lanciare quasi da una riva dell'Atlantico, o entrare solo di poco sull'oceano e colpire l'altra riva. Il Bear non è supersonico, il Tu-160 si, quindi può fare tutto questo con brevissimo preavviso. Inoltre il Tu-160 non è la sola piattaforma nucleare strategica, ci sono prima i missili balistici.

  15. Avete confermato le mie certezze.

    La contorparte è convinta che un Mirage decollato dalla Foch abbia abattuto ...vabbè ma questa è un'altra storia...

    Grazie a tutti.

     

    Però così ora sono curioso, cosa voleva dire la tua controparte?

  16. Che io sappia no. Le portaerei francesi sono più piccole delle americane, quindi a bordo hanno preso l'F-8 Crusader che con l'ala ad angolo di incidenza variabile appontava e decollava a velocità molto basse. I Crusader francesi sono stati gli ultimi ad andare in pensione e che io so, avevano l'angolo dell'ala mobile ancora di più di quelli americani proprio per poter volare a velocità ancora più basse. (Il Mirage a VTOL si chiamava come me: Balzac).

  17. problema vero non è da dove si viene, ma dove si finisce porc ..........

    Vero, basarsi su dati dichiarati è assai relativo, bisogna vedere configurazione e quota, questo vero. Su-15 superiore a Phantom ad alta quota, problema è che non era multiruolo e decollava e atterrava a quattrocento all'ora. F-106 superiore perfino a F-15 ad alta e altissima quota.

  18. Io ho trovato Su-15 Flagon 228 m/sec. F-4E 210 m/sec (come rateo di salita).

    In una virata supersonica io penso che puoi tirare un certo numero di G, ma alla fine, non puoi fare molto altro. Ho capito che interessa la teoria, ma in pratica se inizio una virata a 9G (tante per voi umani), non è che posso tirarne altre 27 per cambiare bruscamente direzione. Questo rende la cosa prevedibile. Perchè per esempio un AA-8 in supersonico ne può tirare 42 di G e come missile è vecchiotto nel senso che quelli di oggi non penso facciano peggio.

  19. Be se si possono comprendere aerei con compiti anche diversi, ce ne sarebbero più di uno che potevano battere il Phantom. L'F-4 era soprattutto un lanciamissili, inizialmente non aveva cannone, ma aerei come F-104, Mig-21/23 e Su-15 come prestazioni pure (riferite, come credo, alla configurazione pulita) lo battevano.

    Da non dimenticare che in una missione di intercettazione, anche se si possono scegliere opzioni diverse, è il computer a governare l'aereo, a calcolare la rotta di intercettazione e il lancio dei missili. La cosa potrebbe anche essere sotto controllo della guida da terra via data kink. Il pilota controlla, soprattutto il o i motori, ma può anche limitarsi a obbedire e osservare.

    Non lo so, ma non penso che il Phantom fosse un brocco alle basse velocità, anzi. Da non dimenticare che era anche aereo da portaerei quindi con le basse velocità doveva farci i conti per forza. Le prime versioni non avevano cannone fisso, questo indica compiti diversi dal classico combattimento aereo cui uno può pensare. Ma il vero successo del Phantom penso proprio che sia stato dovuto al fatto che era un ottimo multiruolo, dal caccia, al ricognitore, al bombardiere, all'intercettore, ecc ... e poteva passare in una stessa missione dal bombardamento, alla difesa aria-aria con possibilità anche di missili a medio raggio come lo Sparrow cosa che ai suoi tempi credo fosse un eccezionalità perchè quasi tutti gli altri aerei facevano non più di una cosa alla volta.

    Quali limti di una virata in supersonico? Boh. Ha importanza? In un combattimento aereo manovrato non credo proprio, per lo meno nel combattimento come uno se lo immagina, cioè con gli aerei che duellano a quote mediobasse: a parte il limite di G, il raggio di una virata supersonica sarà tale da renderla di nessuna utilità pratica. Un aereo supersonico in volo orizzontale o in virata è comunque un aereo prevedibile, perchè a quella velocità non può uscire di molto dalla sua rotta senza andare oltre il suo carico massimo di G. Solo qualcosa di non-umano, o forse un drone penso possano fare cose del genere. Se mi inserisco in una virata supersonica, tutti possono sapere esattamente in che istante y io mi troverò nel punto x della mia traiettoria, con solo un piccolissimo errore. Per questo anche oggetti ampiamente supersonici, o anche ipersonici, non sarebbero al sicuro del tutto dai missili terra-aria moderni, perchè la loro traiettoria è difficilmente modificabile e con piccoli o nulli margini di manovra.

    In un'intercettazione invece potrebbe essere un altro discorso, ma, anche qui, è il computer a comandare l'aereo. Perchè? Perchè nel volo supersonico, che in genere è quasi sempre ad alta o altissima quota, i tempi di decisione e reazione possono essere così ristretti da superare le capacità umane. Ossia: succede tutto molto in fretta e se si superano i limiti può andare tutto a scatafascio in un secondo. Senza contare che se sto andando a "caccia" al doppio o al triplo della velocità del suono, è lecito presumere che è perchè è il mio bersaglio ad essere lui per primo supersonico. Se lui viene avanti a Mach 2 e io gli vado addosso a Mach 2, significa che ci avviciniamo l'uno all'altro a Mach 4 e a queste velocità tutto avviene così velocemente che è il computer che (io penso proprio) controlla tutta la cosa. (Ed è anche per questo che alla fine penso che, nonostante dicono che ci sono missili con una gittata di 200 km, la distanza massima cui si colpisce o si manca il bersaglio alla fine si aggirerebbe sui 50 km o pure di meno, quel che conta magari è il radar e la distanza alla quale si acquisisce il bersaglio, ragionando a spanne a mach-4 in due minuti di volo si coprono più di 130 km).

×
×
  • Create New...