Jump to content

MASSIMO176

Membri
  • Content Count

    17
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0

About MASSIMO176

  • Rank
    Recluta
  1. http://bat21mm.altervista.org/marina_militare.htm http://bat21mm.altervista.org/Hovercraft_HC9801.htm In questi due siti puoi trovare delle foto dell' overcraft HC 9801 che per un periodo la nostra Marina Militare ha sperimentato, era di base a Venezia .
  2. Arriva un altro GENERALE , sei compagnuccio di corso del MATTONE DI CEMENTO?? Caro amico sia il passeggero che l'operatore hanno una visione parziale, il primo appunto come passeggero e il secondo come uso operativo , delle macchine che stanno usando. E' troppo lungo spiegarti il mio iter formativo ma se ti basta: -Ufficiale S.p.e MMI per 12 anni (Spe. Artiglieria e Missili) -Responsabile delle prove del sistema di combattimento di nuove costruzioni Italiane ed estere (27 unità) - Responsabile dei programmi PAAMS e SAAM/IT per 13 anni presso il consorzio EUROSAM Parigi
  3. La mia risposta caro FLAGGY é una sola, credo che tu abbia l'elasticità di un blocco di cemento armato , credevo che su questo forum ci fossero delle persone interessate ad argomenti inerenti il sito, ma vedo che per te risulta più facile muoverti nel campo delle polemiche che non portano a nulla.Non so cosa significano i gradi che ti sei attribuito forse per andare a piangere da "Mamma STAFF". Il bello dell'anonimato su questi siti é che non si sa quale é la formazione delle persone , forse non hai fatto neanche il militare, per cui cerca di prendere le risposte per quelle che sono senza dar
  4. C'azzecca, c'azzecca ( c'entra per chie non é nato sotto il parallelo del fico d'india) il tipo d'elicottero é quello che ho indicato io la versione é diversa. Tanto per la cronaca durante l'estate del 1972 la M.M.I. che aveva già alcune macchine del suddetto tipo operative , fece una campagna di valutazione per l'aquisizione di nuovi mezzi fra cui lo A-106 , elicottero moniposto vettore d'arma e appunto lo SH-3D in versione AEW. Tutti e due le campagne di valutazione non ebebro alcun sbocco in quanto dei due prototipi del A-106 uno cadde in mare a Taranto e l'altro fu dismesso (Attualmente si
  5. Sikorsky S-61 Sea King, 12 unita. Elicottero polivalente. E' SH-3D ancora in forza alla nostra Marina Militare ed é in fase di sostituzione con lo EH-101. E' entrato in funzione agli inizi degli anni settanta , elicottero pesante che prima dell'arrivo della Pda Garibaldi ha avuto sempre base a terra anche se impegnato in operazioni navali. Al momento dell'entrata in servizio erano solo le navi maggiori come il V. Veneto -Doria-Duilio ad avere un ponte attrezzato per poterlo accogliere ma gli hangars erano troppo piccoli per poterlo "ospitare" in maniera continuativa a bordo.
  6. In effetti tutte le "macchine" che entrano in servizio in questi periodi sono già in un certo senso già vecchie viste le esigenze la classe Orizzonte come l'EFA che ho visto volare a metà degli anni '90 a Parigi. Per quanto riguarda le reazioni in mare , non so se le cose sono cambiate, ma ero C° servizio armi sul Corevtta De Cristofaro che nel '73 mentre facevamo vigilanza pesca in una bella giornata di settembre é stata "spazzolata" da un Mirage libico che ha messo fuori uso l'unica centrale del tiro a bordo, ho risposto con il vecchio puntatore MK 51 con una serie di cinque colpi da 76 con
  7. In effetti ho scritto male la precisione é non di 30 mt ma 30km che ,come vedi sotto nell'estratto che ti invio , puo' essere ridotta a 6 km. Range accuracy (absolute positional accuracy) is limited by the quality of the coordinate registration process. Even with good ionospheric characterization, the accuracies are generally no better than the resolution capability of the radar (around 30 km) and thus co-ordinate registration continues to be an active area of research. One recent research result [11] has been to use identifiable ground terrain features as reference points, which can
  8. Il Radar é una macchina in continua evoluzione a metà degli anni settanta , per esempio, è stato installato su Nave Alpino un Radar in banda X con il quale assieme ad una sister ship della U.S Navy equipaggiata con un sistema uguale , venne effettuata una campagna sperimentale che duro’ più di un anno. La sperimentazione era rivolta all’individuazione di sottomarini in diverse condizioni sia meteorologiche che ambientali siamo stati dall’atlantico del Nord sopra il Canadà fino a Portorico terminando l’attività nel mediterraneo, il radar scopriva i sottomarini specialmente gli atomici che a
  9. In effetti anche la classe orizzonte ha come identificativo di fiancata una bella D avanti al numero , comunque forse anche per non “colpire” l’opinione pubblica sono classificate fregate anche se hanno le stesse caratteristiche degli incrociatori.La MMI ha avuto l’ultimo incrociatore in servizio Nave V.Veneto .Il 76/62 è come un coltellino svizzero , in funzione del munizionamento puo’ essere impiegato in diverse situazioni, è chiaro che attualmente è dedicato alla difesa di punto antiaerea ma personalmente ho condotto per esempio delle serie di tiro contro costa operatività poco usuale visto
  10. L’Icrociatore come tipo di nave non viene più costruito da almeno venti anni, gli ultimi per la Marina Militare Italiana sono stati i due DDG Mimbelli e De la Penne, attualmente le unità similari sono considerate Fregate che vanno da un tonnellaggio da 5.550 a 7000 circa. Attualmente ,al contrario di prima, le navi sono più “specializzate” nel senso che esistono fregate A/A e attacchi di superficie e fregate antisommergibile con un armamento più rivolto alla lotta antisom per quanto riguarda la sua osservazione sui sistemi di difesa di punto ,viste la variazioni degli scenari degli ultimi an
  11. Credo che questo Forum sia frequentato dalla più parte da appassionati dell'argomento con conoscienze relative é per questo che le mie risposte sono legate al livello del Forum. Non so quale sià la tua preparazione sull'argomento, personalmente sono un Ufficila Superiore dell MMI specializzato in artiglieria e missili ,che una volta passato all'industria ha seguito prima l'allestimento e le prove di tutte le ultime unità della MMI comreso N. Cavour e per circa quindici anni come Capo Programma assieme ad un centinaio d'ingegneri ho seguito lo sviluppo e l'industrializzazione del PAMMS e del S
  12. Non sono daccordo con la tua valutazione e ti spiego il perché, tu stai parlando di sistemi al top ma di trenta o più anni fa basta vedere , visto che parli di software, come cambiano e progrediscono i sistemi anche più semplici come i P.C. che hanno praticamente sia i sistemi operati che i programmi aggiornati quasi annualmente.La seconda cosa che debbo choederti é se credi che la Royal Navy e i nostri cugini della Marine Nationale avrebbero aquisito dei sistemi A/A, di fabbricazione in buona parte italiana, non validi o sorpassati visto il nazionalismo spinto che li ha sempre caratterizzati
  13. Dovresti essere più preciso indicando quali guerre nell'ultimo anno hanno dimostrato la supremazia del mezzo aereo, se ti riferisci alla Missione in Libia questo non puo' essere preso come esempio in quanto la tecnologia dei mezzi aerei attaccanti é troppo superiore a sistemi A/A spesso della ex URSS decisamente superati. Come ho riportato nella mia risposta precedente ti assicuro, ho seguito il progetto e la vadidazione di quelli navali per più di dieci anni, che i sistemi che ti ho indicato sono già da ora "rivolti" al futuro e l'unica possibiltà é di saturare la difesa aerea ad esempio del
  14. Dovresti sapere che gli ultimi sistemi A/A sia terrestri che Navali some il SAAMP/T, SAAM/IT o il PAAMS usano dei missili di nuova generazione che effettuano sia difesa di zona che ravvicinata. Le manovre evasive del besaglio non servono a NIENTE in quanto questi nuovi missili hanno molta manovrabilità in quanto non sfruttano solamente le superfici alari per le manovre, possono controbattere dei bersagli contromanovranti fino ad un numero di G molto superiore a quello sopportabile nelle manovre evasive da parte del pilota.Le armi antiaeree attuali sono di difesa di punto fino a 7 km. quindi r
  15. Ritorniamo agli aerei imbarcati sulle Navi della Regia Marina della seconda guerra che dopo essere stati "lanciati" dal bordo atterravano in un areoporto su terra ferma . Non so se la spinta del Eurofighter sarebbe sufficiente a decollare dallo skyjump é sicuro comunque che non potrebbe riappontare in quanto non possiede gli ugelli direzionali per un appontaggio verticale come lo F 35
×
×
  • Create New...