Jump to content

volfra

Membri
  • Posts

    1
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by volfra

  1. Buongiorno a tutti.

     

    Chiedo, a chi ha pazienza, di togliermi una curiosità.

     

    Ho visto in Internet numerosi video di motori turbofan testati "da fermi" cioè all'interno di un hangar oppure in spazi aperti. In questo modo è possibile vedere il comportamento di accensione e messa sotto sforzo del motore (che tipicamente genera un movimento d'aria notevole).

     

    Fin qui tutto bene e molto interessante.

     

    Tuttavia, rendendomi conto che uno di quei motori di fatto sono capaci di enormi "spinte", sono a chiedere quali accorgimenti sono necessari per i test, in termini di "ancoraggio" a terra. Insomma, tutte le volte che ho potuto osservare uno di questi test, questi motori sembrano quasi "appoggiati", o quantomeno ancorati molto "alla leggera" a terra. Mi chiedo quale sforzo subìsce la struttura metallica sulla quale viene ancorato il motore e se non vi siano particolari accorgimenti che devono essere presi affinchè questo non vibri troppo, spezzi gli ancoraggi e si metta a muoversi come un missile.

     

    Scusate la domanda ingenua, ma non ho mai trovato una chiara risposta. Immaginando che questi motori, sotto test e sotto sforzo, spingano parecchio, mi chiedo quali siano gli accorgimenti tecnici necessari.

     

    Una risposta me la sono data: "si sposta il mezzo fluido, non il mezzo meccanico" in quanto questo è solidale col terreno e quindi fa "massa" con la terraferma (massa teoricamente infinita) rispetto alla massa d'aria spostata che a questo punto guadagna tutta la quantità di moto. Ma ho parecchi dubbi, soprattutto in termini di realizzazione tecnica di questi ancoraggi a terra.

     

    Qualcuno ha la cortesia di spiegarmi?

     

    Grazie

     

    Francesco

×
×
  • Create New...