Jump to content

Dassault Rafale - discussione ufficiale


Recommended Posts

Recentemente il ministro della difesa fancese Jean-Yves Le Drian, si è recato prima in Malaysia per promuovere il Rafale e poi in India per discutere del contratto dei famosi 36 velivoli.


Il 30 agosto in Malaysia il ministro francese ha raccolto l'interesse del suo omologo Hishammuddin Hussein per un'offerta di 18 Rafale nel contesto della gara MRCA.

Attualmente la forza aerea malese vola con una flotta di velivoli MiG-29, che però hanno deluso per carenza di affidabilità della manutenzione. Conseguentmente i vertici militari vorrebbero sostituire la flotta con un velivolo scelto tra Boeing F/A-18E/F "Super Hornet" Block 2, Saab JAS 39E/F "Gripen NG", Eurofighter Typhoon ed infine Sukhoi Su-30MKM.

La scelta dovrebbe essere presa entro la fine dell'anno ma il ministro malese ha ammesso che il suo stato ha attualmente problemi finaziari provocati dalla discesa del prezzo del petrolio e delle materie prime di cui il paese è forte esportatore, facendo rallentare il processo di selezione.

 

http://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/rafale-mistral-les-raisons-d-un-voyage-rate-de-le-drian-en-malaisie-et-en-inde-501788.html

 

Nella seconda tappa del viaggio, il ministro si è fermato a New Dehli.

Parte della delegazione era partita con la speranza di firmare o quasi. Invece la trattativa continua.
Comunque il comitato di approvigionamento militare (Defence Acquisition Council) che si occupa del contratto ha dato il benestare per proseguire. Apparentemente il principale scoglio per la firma del contratto (le compensazioni industriali al 50%) sembra che sia stato risolto e apparenemtemente, se ci fosse la volontà, il contratto potrebbe essere firmato entro 2 mesi.

http://www.ndtv.com/india-news/rafale-acquisition-on-track-lights-green-for-final-stretch-sources-1213269

Link to post
Share on other sites
  • Replies 618
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Sta ovviamente messo meglio (vedi tabella)...   https://it.wikipedia.org/wiki/Eurofighter_Typhoon   Comunque i francesi, ma anche i membri del consorzio Eurofighter, possono girarla e menarla co

Embarghi e sanzioni da parte dei paesi Europei? Guerra fredda con la Gran Bretagna? Mi sa che stai viaggiando un po'di fantasia... A questo punto mettici il rischio di nascita del quarto Reich...

Penso le considerazioni da fare possano andare anche oltre il semplice confronto Rafale-Raptor. Tutto ciò che l’F-15 poteva fare, l’F-22 doveva farlo meglio e in condizioni combat: questo obiettivo s

Posted Images

Visto che da quelle parti se devono avere trenta caccia acquistano di solito quattro tipi di quattro costruttori diversi, se arrivano a fare 50% Hornet e 50% Flanker è un passo da gigante per la loro logistica

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...

La trattativa franco indiana per l'acquisto dei Rafale sta procedendo.

E' stato trovato un accordo per le compensazioni industriali ed entro la fine del mese dovrebbe essere siglato un protocollo comune. Seguirebbe poi la trattativa economica ed in 4 / 6 mesi dovrebbe essere apposta la firma sul contratto.

 

http://www.defensenews.com/story/defense/policy-budget/industry/2015/11/08/france-india-agree-details-rafale-offsets/75061854/

Link to post
Share on other sites

Secondo indiscrezioni, gli EAU starebbero per acquistare 60 Rafale per sostituire i Mirage 2000-9.

Il generale Ibrahim Nasser al Alaoui, comandante delle forze aeree degli EAU ha dichiarato all'agenzia Reuters che le trattative sono nella fase finale.

http://www.challenges.fr/challenges-soir/20151112.CHA1561/pourquoi-le-rafale-de-dassault-peut-reussir-la-passe-de-quatre-aux-emirats-arabes-unis.html

 

http://m.lesechos.fr/industrie-services/rafale-phase-finale-des-negociations-avec-les-emirats-arabes-unis-021469652047.htm

Link to post
Share on other sites

 

Per domani era prevista una visita a Parigi del primo ministro qatarino, Abdallah ben Nasser ben Khalifa al-Thani.

 

Probabilmente in programma vi era anche il pagamento della prima rata del contratto per i 24 Rafale. Ad oggi infatti il Qatar non ha versato un solo euro e quindi ufficialmente il contratto non è ancora entrato in vigore. Sembra che i ritardi siano dipesi dalla necessità di recuperare fondi per procedere ad un acquisto economicamente impegnativo.

 

Ma dopo i tragici avvenimenti di venerdì è probabile che l'incontro sarà posticipato a data da destinarsi..

 

 

Gli aerei saranno consegnati a Doha a partire dal 2018, nel numero di 11 all'anno per un totale di 24 e saranno dotati di missili da crociera SCALP e di missili aria-aria Meteor. La Francia formerà un centinaio di tecnici di terra e 36 piloti.

 

I qatarini hanno chiesto un supporto all'addestramento per diversi anni, ma questo provocherà eccessi di carico di lavoro sul personale de l'AdA già impegnato su diversi fronti.

 

http://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/rafale-le-qatar-va-t-il-verser-son-acompte-521971.html

 

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

Il Qatar ha pagato la prima tranche del contratto per l'acquisto di 24 Rafale. In questa maniera l'accordo tra Qatar e Francia diviene operativo a tutti gli effetti.

Il Qatar all'inizio di maggio aveva firmato un contratto del valore di 6,3 miliardi di € (armamento compreso, fornito da MBDA e Safran) per l'acquisto di 18 velivoli monoposto e 6 biposto.

Il contratto prevede di consegnare 11 velivoli all'anno a partire dal 2018 e di addestrare in Francia un centinaio di tecnici di terra e 36 piloti.

Il Qatar negli ultimi mesi ha dovuto trovare le disponibilità finanziaria per poter pagare questo acquisto, suscitando qualche preoccupazione in Francia. Ora invece il contratto è diventato operativo.

http://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/rafale-le-qatar-a-paye-son-acompte-a-dassault-aviation-536529.html

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...
  • 4 weeks later...

L'Egitto ne ha ricevuti altri tre .....

 

"Egypt receives another three Rafale fighters" .....

(117 of 177 words) ..... http://www.janes.com/article/57564/egypt-receives-another-three-rafale-fighters

 

 

ke9op4.jpg

Dassault Aviation head Eric Trappier, right, hands a model of a Rafale fighter jet to Egypt's Air Force Maj. Gen. Ragaa Rabie Youssef, during a ceremony for the delivery of three Rafale fighter jets from France to Egypt.
Egypt and Qatar acquired loans to make Rafale purchases.
(Photo: BORIS HORVAT/AFP/Getty Images)
Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...

Secondo il canale televisivo indiano NDTV, l'India e la Francia si sarebbero accordate, per i 36 Rafale, intorno ad un valore di 8.8 miliardi di dollari (8 miliardi di euro) .

Il contratto inzialmente era stimato 10 miliardi di euro e la differenza dipenderebbe da una riduzione nel supporto e nei pezzi di ricambio alla flotta.

Vedremo l'evoluzione nelle prossime settimane, anche se sembra che ormai la firma finale potrebbe essere questione di poco.

 

http://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/le-rafale-en-phase-d-atterrissage-en-inde-564808.html

 

 

Nel frattempo compie cento anni l'elica Eclair, progettata nel 1916 da Marcel Dassault.

 

http://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/dassault-aviation-100-ans-et-de-nouveaux-defis-a-relever-563671.html

 

https://fr.wikipedia.org/wiki/H%C3%A9lice_%C3%89clair

Link to post
Share on other sites

Il partito del primo ministro indiano BJP ha pubblicato sul suo sito Facebook la notizia che è stato trovato un accordo di massima tra Francia e India.

Il BJP evidenzia che il governo indiano ha drasticamente fatto ribassare il prezzo del contratto, economizzando 3.2 miliardi di dollari. L'acquisto di 36 caccia passerebbe così da 12 a 8.8 miliardi di dollari.

Certo è che la revisione del contratto deve avere annullato le pretese indiane di integrare armamento indiano sul velivolo transalpino.

Vedremo anche se la riduzione inciderà sulla linea manutentiva-logistica, ovvero se tra qualche anno la linea di Rafale indiana non si troverà a corto di pezzi. Comunque vedremo.

http://www.air-cosmos.com/rafale-en-inde-l-accord-est-il-finalise-70203

Link to post
Share on other sites

La gestione del contratto MMRCA in questi 4 anni non è stata esente da pecche. Gli indiani devono arrivare alla firma per non perdere la faccia, ma spendendo "relativamente poco".

Sono curioso di sapere se alla fine abbiano tirato talmente la corda da provocare per il futuro qualche problema gestionale in quanto lo sconto che hanno ottenuto è molto elevato. Lo sconto riguarderà solo la rinuncia allì'integrazione di munizionamento indiano oppure riserverà sorprese per il futuro?

Link to post
Share on other sites

Finora abbiamo considerato solo l'acquisto degli aerei. Il contratto, che per materiali militari vede sempre l'intervento anche dei rispettivi Stati, chissà cosa comprende d'altro. Io non ho mai visto una lista precisa franco-indiana con i dettagli degli acquisti. Non si può quindi valutare in 240 milioni di USD al pezzo il prodotto di Dassault. Ci mancherebbe altro che, un prodotto che l' Armee de l'Air non riesce assolutamente ad acquistare nell'importante numero previsto anni fa, venga rifilato agli acquirenti di turno. L'offerta era di 4,1 miliardi di CHF/USD per 22 aerei alla molto pretenziosa Svizzera, non credo certamente in una così marcata lievitazione dei costi. Ci sarà molto altro.

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

L'Egitto sta dando grandi soddisfazioni all'industria della difesa francese.

Trapelano infatti voci dell'inizio della trattativa di vendita di ulteriori Rafale alla forza aerea egiziana.

In aprile Hollande si è recato in visita in Egitto, dove ha attivato i colloqui per la vendita di 12 Rafale previsti come opzione dal contratto firmato nel febbraio 2015.

 

La firma potrebbe avvenire entro la fine del 2016.

http://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/et-si-l-egypte-achetait-12-rafale-de-plus-en-2016-579182.html

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

Anniversario importante per il Rafale.

30 anni fa, esattamente il 4 luglio, il Rafale A staccò per la prima volta le ruote dalla pista di Istres, poco dopo le 19.00.

Il primo volo, condotto dal pilota collaudatore Guy Mitaux-Maurouard, durò 50 minuti ed avvenne dopo circa 3 mesi la morte di Marcel Dassult, avvenuta il 17 aprile, che quindi non vide il volo del suo ultimo lavoro.

http://www.lopinion.fr/blog/secret-defense/il-y-a-trente-ans-premier-vol-rafale-106055

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...

 

Al quartier generale di Dassault c'è euforia per la firma del contratto indiano (http://www.dassault-aviation.com/fr/dassault-aviation/presse/press-kits/dassault-aviation-se-felicite-de-lacquisition-linde-de-36-rafale/), che ricordiamo è il più grosso contratto firmato da un paese estero:

  • India 36 velivoli,
  • Egitto 24 velivoli,
  • Qatar 24 velivoli,

per un totale di 84 aerei.

 

Il ministero della difesa francese ha ordinato 180 velivoli, di cui 146 consegnati al 30 giugno 2016 (ma 5 perduti in incidenti di volo). Il prossimo ordine dovrà tenere in conto dell'attrition rate (che l'AdlA stima in 1 velivolo perso ogni 10000 ore di volo), del ritiro dei Mirage 2000 nel corso degli anni 2020 e del ritiro degli esemplari più anziani di Rafale consegnati nei primi anni 2000. Il ritiro di questi velivoli è previsto entro la fine degli 2020 a causa dello logoramento intenso delle cellule per lo sforzo profuso nelle numerose ed impegnative campagne militari (Afghanistan, Libia, Mali, Iraq e Siria). Inoltre l'introduzione di UCAV armati previsto per il 2030-35 porterà le forze armate a rivedere l'uso operativo dei Rafale.

 

Le forze amate contano sul rispetto delle consegne dei velivoli della Tranche 4 (60 velivoli in totale), di cui 26 consegnati al 30 giugno 2016. Altri 6 saranno consegnati prima della fine dell'attuale legge di programmazione militare 2014-2020 all'AdlA: 2 Rafale biposto nel 2016, uno nel 2017 e 3 ad inizio 2018 per la costituzione nell'estate dello stesso anno del secondo squadrone nucleare di Rafale. A fine 2018 si conta che 32 velivoli della Tranche 4 saranno stati consegnati.

 

L'anno prossimo ad aprile in Francia si terranno le elezioni politiche e sarà nominato un nuovo ministro della difesa. Sarà lui a prendere in carico il fascicolo per l'ordinazione di 28 nuovi velivoli a completamento della Tranche 4 con consegne a partire dal 2021 per proseguire nel 2022 e 2023.

 

Nel frattempo Dassault ed il ministero discutono di Tranche 5 senza però avere deciso il numero, la data delle consegne, il numero delle batch ed il contenuto tecnico. L'unica informazione nota proviene dal libro bianco della difesa del 2013 che parlava di 225 Rafale al 2030.

 

Inizialmente la consegna della Tranche 5 era prevista per il 2022, ma l'ordine indiano potrebbe spostarla al 2024, come d'altra parte è successo per i contratti firmati con Egitto e Qatar.

 

Infine non è ancora noto se la Tranche 5 corrisponderà alla variante F4, ovvero:

  • comunicazione con i droni armati,
  • connettività accresciuta,
  • modernizzazione dell'armamento,
  • aumento della potenza del motore da 7,5 a 9 tonnellate di spinta.

 

Lo sviluppo della versione F4 è estremamente importante perché potrebbe convincere gli EAU all'acquisto (60 esemplari).

 

Ad oggi il ministero della difesa procede all'adozione dello standard F3R, che prevede la capacità di comunicazioni satellitare.

 

http://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/rafale-he-oh-la-france-601849.html

Link to post
Share on other sites

Sta ovviamente messo meglio (vedi tabella)...

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Eurofighter_Typhoon

 

Comunque i francesi, ma anche i membri del consorzio Eurofighter, possono girarla e menarla come vogliono: col senno del poi non sviluppare un unico velivolo è probabilmente stata la più grossa idiozia aerospaziale fatta dalla classe dirigente europea.

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites

La Francia ha sempre ritenuto importante mantenere l'indipendenza nello strategico settore dell'industria aerospaziale militare (così come ha fatto in altri campi), a maggiore ragione negli anni '80 quando nemmeno apparteneva alla NATO. Sganciandosi dal progetto EFA la Francia ha mantenuto (a carissimo prezzo) la sua indipendenza, riuscendo a costruire un velivolo completamente ITAR-free, indipendente dalle ingerenze esterne americane.

La scelta ha pagato negli ultimissimi anni quando Obama ha impedito alla Forza Aerea Egiziana di usare i suoi oltre 200 F-16 nella campagna libica come avrebbe voluto. Pochi mesi dopo lo sgarbo, Al-Sisi ha acquistato il velivolo francese riguadagnando quella autonomia militare che Obama non garantiva più.

La scelta di un velivolo tutto francese ha fatto competere il velivolo transalpino sul mercato con EF-2000, Gripen e i velivoli americani. I francesi hanno preferito l'autarchia e l'indipendenza anche a discapito di ricavi economici inferiori.

Sono passati 30 da quando furono prese quelle scelte. Oggi chissà, con la Francia nella NATO, le decisioni francesi sarebbero state diverse?

Link to post
Share on other sites

Ecco appunto...Così possono girarsela e menarsela i francesi. Resta il fatto che oggi non gli passerebbe manco per l'anticamera del cervello di spendere quella barca di soldi per vendere un pugno di aerei agli Egiziani.

Già il Mirage 2000 avrebbe dovuto far capire ai Francesi che non poteva andar meglio ma solo peggio a far aerei tanto indipendenti quanto autocastrati sul mercato delle esportazioni.

 

L'intuizione iniziale di fare un unico aereo europeo (realmente alternativo agli USA), senza far prevalere certe logiche era quella giusta, ma non si ebbe il coraggio e la determinazione di portarla avanti.

 

Già allora si era intuito quale fosse la strada giusta, ma al bivio si scelse altrimenti.

Oggi, grazie a quella scelta miope, i due eurocanard convivono da fratelli separati in casa, costano un botto, vendono poco, si fanno concorrenza più fra di loro che agli USA, sono in ritardo e dulcis in fundo hanno ammazzato la quinta generazione europea.

Bel bottino...

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites

Un unico IV gen. plus europeo avrebbe certamente influito anche sulla Royal Navy: probabilmente le 2 portaerei inglesi sarebbero state CATOBAR e con una linea mista aereo europeo + F-35C

Edited by Mustanghino
Link to post
Share on other sites

Oggi, grazie a quella scelta miope, i due eurocanard convivono da fratelli separati in casa, costano un botto, vendono poco, si fanno concorrenza più fra di loro che agli USA, sono in ritardo e dulcis in fundo hanno ammazzato la quinta generazione europea.

Bel bottino...

 

Intendi che se non si fossero separati l'Eurofighter sarebbe stato di 5° generazione o che ne avrebbero sviluppato uno successivamente?

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...