Jump to content
Bubu

Dassault Rafale - discussione ufficiale

Recommended Posts

L'editoriale di Nativi su RID di questo mese è dedicato proprio al Rafale, l'ho trovato molto interessante. Il Rafale si sta riscattando all'improvviso anche se, come anticipato da zander, molto dipenderà dalle presidenziali francesi. Se vincesse Sarkozy Eufrofighter avrebbe molte meno chance di piazzare il velivolo negli EAU anche se pare che i diplomatici emiratini non abbiano ricevuto un trattamento particolarmente accogliente dai francesi, tanto da spingere gli EAU ad emettere una RFI al consorzio europeo, così che quello francese è diventato ormai un lavoro di... "riallacciamento" delle relazioni tra i due paesi.

 

Che devo dire, io faccio il tifo per il nostro Tifone e spero che Cameron abbia ragione quando dice che non è ancora detta l'ultima, d'altronde io sono del parere di Nativi quando dice che l'EF-2000, nella versione offerta all'India, è un velivolo che attualmente cede il passo solo all'F-22.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'editoriale di Nativi su RID di questo mese è dedicato proprio al Rafale, l'ho trovato molto interessante. Il Rafale si sta riscattando all'improvviso anche se, come anticipato da zander, molto dipenderà dalle presidenziali francesi. Se vincesse Sarkozy Eufrofighter avrebbe molte meno chance di piazzare il velivolo negli EAU anche se pare che i diplomatici emiratini non abbiano ricevuto un trattamento particolarmente accogliente dai francesi, tanto da spingere gli EAU ad emettere una RFI al consorzio europeo, così che quello francese è diventato ormai un lavoro di... "riallacciamento" delle relazioni tra i due paesi.

 

Non ho ancora letto l'editoriale di Nativi. Però la vicenda della RFI è accaduta a novembre.

Successivamente i diplomatici francesi hanno ricucito per l'ennesima volta i rapporti.

I rapporti si sono di nuovo leggermente raffredati quando gli emiratini hanno scoperto che Dassault a loro ha fatto un prezzo mentre agli indiani ne ha fatto un altro. Dassault però si è giustificata sostenendo che le modifiche richieste ai motori e al sistema avioncio spiegano la differenza di prezzo.

 

 

Che devo dire, io faccio il tifo per il nostro Tifone e spero che Cameron abbia ragione quando dice che non è ancora detta l'ultima, d'altronde io sono del parere di Nativi quando dice che l'EF-2000, nella versione offerta all'India, è un velivolo che attualmente cede il passo solo all'F-22.

Sono d'accordo. Comunque anche Lockheed Martin è in attesa di vedere cosa accadrà al contratto indiano, in attesa di poter piazzare l'F-35.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un articolo della Tribune fa il punto della situazione sui tentativi di Sarkozy di vendere il Rafale.

 

Sembra che il Presidente Sarkozy sia destinato a chiudere il suo mandato all'Eliseo senza essere riuscito a raggiungere uno dei punti pregnanti del suo mandato: vendere il Rafale. Se tutto andrà bene, occorrerà aspettare il prossimo quinquennato.

 

Sarkozy ha accettato la sfida idi riuscire a vendere il gioiello aeronautico francese dopo la cocente sconfitta subita da Dassault in Marocco, dove vinse l'F-16. Il presidente francese si è speso tantissimo in questi anni, ottenendo ottimi piazzamenti, senza mai però raggiungere fino ad ora l'agognato risultato. Come negli EAU, dove sperava fervidamente di firmare il contratto entro il primo trimestre 2012. Ma invano.

Una visita di Sarkozy era prevista negli EAU il 12 febbraio, poi slittata a marzo. E infine rinviata ulteriormente.

 

La speranza per gli EAU era molto viva, in quanto i rapporti tra i 2 stati, in particolare in ambito militare, sono molto stretti. Sarkozy ha anche rinnovato l'accordo di mutua collaborazione militare, in particolare in caso di aggressione esterna. Ma fino ad ora gli arabi non hanno mai firmato l'acquisto, sempre paventato come imminente da qualche anno a questa parte. Praticamente un fallimento personale del Presidente, anche se Dassault non è stata un interlocutore facile per gli arabi. Probabilmente il contratto sarà firmato dal prossimo presidente, e sarebbe crudele per Sarkozy non essere rieletto in maggio.

 

Al fine di vendere il Rafale, Sarkozy ha avvicinato anche clienti poco probabili, come il Kuwait, che orbita attorno agli americani, e l'Oman, che orbita attorno agli inglesi. Ottenendo ovviamente un rifiuto. O ancora quando ha proposto il velivolo alla Libia di Ghedadafi.

 

Il Brasile attualmente è un'altra ferita aperta, tra i tentativi di Sarkozy. Il presidente Lula poco prima della fine del suo mandato, aveva promesso di acquistare il velivolo francese. Alla fine Lula non ha mantenuto la parola.

Nel settembre 2009 Sarkozy aveva preso a cuore la commessa brasiliana. Poco prima di partire per Brasilia, il capo francese sentiva di avere in pugno il contratto, benché i brasiliani fossero molto più prudenti. Le visioni politiche dei due leader erano molto diverse, ma i rapporti umani con Lula erano ottimi.

 

Dopo una cena ristretta offerta da Lula, Sarkozy sentiva di avere in pugno il contratto. Dopo la cena, la delegazione presidenziale e quella di Dassault si incontrarono, e dato che Sarkozy era molto ottimista convinse la delegazione di Dassault a lavorare tutta la notte per rivedere l'offerta francese e spostarla verso le richieste brasiliane. L'indomani i brasiliani non poterono che apprezzare lo sforzo della delegazione francese. Ma poi di nuovo un raffreddamento delle relazioni. Il motivo del passo indietro non è noto, ma sembra che abbiano fatto una brutta impressione certi personaggi "poco trasparenti" dell'entourage del presidente francese.

 

La questione svizzera è stata uno scacco per Sarkozy. Le sue inopportune affermazioni sul segreto bancario svizzero potrebbero avere giocato contro Dassault. Il tema è stato ampiamente trattato anche su questo forum e quindi non mi soffermo.

 

In India al momento il Rafale è in pole position. Nel 2007 fu sempre Sarkozy a spingere Dassault a presentarsi al bando indiano, in quanto Dassault era titubante sulle capacità di supporto politico diplomatiche. Sarkozy invece ha lavorato moltissimo ottenendo la vittoria del lower bidder. Però le ultime voci parlano di uno stallo fino alla conclusione dell'inchiesta parlamentare indiana, e quindi l'ipotesi di una firma entro la fine dell'anno potrebbe sfumare. Se la firma arriverà, sarà il prossimo presidente a siglare il contratto.

 

Il prossimo presidente, o Sarkozy stesso se sarà rieletto, dovrà poi portare avanti le campagne di vendita in Quatar (tra 12 e 26 velivoli) e in Malesia (18 velivoli).

 

Un compito non certo facile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' un bel riassunto della fallimentare situazione produttivo/commerciale del Rafale. Anche se non vi sono comunicazioni ufficiali il prodotto di Dassault ha vinto le valutazioni (tecnico-operative) in Svizzera e in India. Ma non basta certamente. I tempi non sono più quelli della guerra fredda quando, per es la Svizzera, poteva pensare a un acquisto fra 80 e 100 aerei. I problemi, anche per i relativamente pochi Stati che possono permettersi aerei da combattimento, sono ben altri o vi sono altre priorità. Quindi, prima di usare danaro pubblico, ci si pensa parecchie volte e mi pare non sia scandaloso fare i difficili. L'atteggiamento di Sarkò, nel problema Rafale, ha avuto momenti di incredibile ineleganza. E' sempre apparso chiaro che subiva anche le pressioni dell'anziano Dassault, finanziatore del suo partito.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Svizzera il Rafale ha ottenuto il migliore ranking tecnico ma in India ha vinto come lower bid. I dettagli sulla valutazione tecnica indiana non sono trapelati: ufficialmente entrambi i velivoli hanno superato i criteri minimi della IAF.

 

E' però incredibile la vicenda degli EAU: il tira e molla va avanti già da qualche anno. Gli arabi vogliono il Rafale, ma lo acquisterebbero solo alle loro condizioni: sistemi principali (radar e motori) potenziati, ritiro dei Mirage 2000 e prezzo di favore, al punto che si sono risentiti quando hanno saputo che gli indiani riceverebbero i Rafale ad un prezzo inferiore al loro. Sono clienti difficilissimi, ma sono tra i pochi che non hanno problemi correnti di finanziamento degli apparati militari.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì, effettivamente il concetto di Stato e le realtà finanziarie dei Paesi del Golfo sfuggono ai nostri criteri occidentali. Eppure sono Paesi essenziali (lo aveva detto lo scorso anno anche il ceo di Pilatus) per i costruttori di aerei e di armi. Stipulare un contratto con loro è decisamente stressante, ci vuole pazienza, potere di convincimento, conoscenza della mentalità, fortuna...

Share this post


Link to post
Share on other sites

.... Stipulare un contratto con loro è decisamente stressante, ci vuole pazienza, potere di convincimento, conoscenza della mentalità, fortuna ....

.... e magari .... un pò di "lubrificazione" agli ingranaggi .... :whistling:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì, effettivamente il concetto di Stato e le realtà finanziarie dei Paesi del Golfo sfuggono ai nostri criteri occidentali. Eppure sono Paesi essenziali (lo aveva detto lo scorso anno anche il ceo di Pilatus) per i costruttori di aerei e di armi. Stipulare un contratto con loro è decisamente stressante, ci vuole pazienza, potere di convincimento, conoscenza della mentalità, fortuna...

 

Secondo me, la trattativa con gli EAU sta mettendo in cattiva luce Dassault. Ricordiamoci lo sgarbo che gli arabi hanno fatto a fine anno 2011.

Tutto sommato ero convinto all'inizio di quest'anno che a breve il contratto sarebbe stato firmato. Tenuto in conto delle elezioni presidenziali in Francia, pensavo che gli arabi avrebbe aiutato politicamente Sarkozy firmando il contratto. E invece tutto ciò non è avvenuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allego qualche foto che ho fatto della versione navalizzata cioe' la M.

Non sono il massimo perche le ho scannerizzate (non avevo ancora la digitale portate pazienza)

 

Si tratta di veivoli del primo block

 

scansione0109.jpg

 

scansione0054.jpg

 

scansione0053g.jpg

 

scansione0052q.jpg

 

scansione0051.jpg

 

scansione0050.jpg

 

scansione0112.jpg

 

questo invece e' il SEM aereo che adoro

 

scansione0108.jpg

Edited by pante01

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un aggiornamento sulla trattativa franco-emiratina.

 

Secondo la Tribune, complice il fatto che Hollande ha obiettivi diversi da quelli di Sarkozy, la trattativa per la vendita da parte francese di 60 Rafale sembra avere perso vigore e al momento sembra in una situazione stagnante.

 

Quindi, mancando la forza propulsiva politica che sosteneva la vendita, ed essendo le parti consapevoli del fatto che gli EAU dispongono comunque di una flotta moderna, al momento le trattative sono in una fase di stallo, in attesa di riprendere quando le condizioni saranno cambiate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rafale Delivered With AESA Radar

 

The Direction Générale de l’Armement (DGA) took delivery of the first production-built Rafale fighter jet fitted with an active electronically scanned array (AESA) radar, the procurement office said Oct. 2.

Fielding the Rafale with an AESA radar is widely seen as an advantage in closely fought export markets. Current Rafale models are fitted with a passive array radar.

“The Rafale is the first European combat aircraft in service to benefit from AESA technology, which has been the subject of studies and previous demonstrators, and which is the fruit of more than 10 years of [research and development] effort in active arrays,” the DGA said.

The new Rafale jet, registered C137, is due to be handed over to the French Air Force and will be based at Mont de Marsan air base. The Rafale is also equipped with an improved missile launch detector and a new generation front sector optronic sensor, the DGA said.

The new radar allows the Rafale to use the Meteor long range air-to-air missile, offers greater reliability and lower support costs, and is harder to jam, Dassault Aviation and Thales said in a joint statement. Dassault builds the Rafale, Thales the radar.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A proposito di "Rafale" dotato di radar "AESA" e del suo eventuale primato .... interessante, sul blog "The DEW line", il commento di un Tedesco che rivendica per la Germania l'invenzione del radar a scansione di fase durante la Seconda Guerra Mondiale ....

 

http://www.flightglobal.com/blogs/the-dewline/2012/10/rafale-bags-euro-aesa-bragging.html

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rafale per la Malaysia?... Mah! A inizio ottobre una delegazione di Dassault si è recata nella federazione la cui aeronautica intende sostituire i MiG 29 che non soddisfano le esigenze della forza aerea. Punto di riferimento la vendita (ma il contratto non c'è ancora) del Rafale all' India.

Share this post


Link to post
Share on other sites

The Rafale omnirole fighter

 

In October 2012, the Rafale omnirole fighter reached two major milestones: the first delivery of a production aircraft equipped with the first production RBE2 AESA radar, and the initial successful testing of the new-generation, very long-range, Meteor air-to-air missile.

 

Pushing forward on new air-to-air capabilities, the Rafale B301, operating from Cazaux DGA Flight Test Center in south-western France, successfully completed, on October 4 then on October 10, two successful tests of the beyond visual-range air-to-air missile (BVRAAM) Meteor.

 

Poi vengono elencate le cartatteristiche dell'aereo

 

ABOUT THE RAFALE OMNIROLE FIGHTER:

French operational requirements have been set at 286 Rafales. The Air Force will receive 228 aircraft (in two versions: the single-seater Rafale C and the two-seater Rafale B), while the Navy will operate 58 Rafales M (single-seater).

To date, 180 production aircraft have been ordered for both services. Under current plans, production of the aircraft is to continue through 2025.

By October 15, 2012, 111 production aircraft have been delivered to the warfighters (36 Rafales M for the French Navy; 37 Rafales C and 38 Rafales B for the French Air Force).

A decade before the still-to-come Lockheed Martin F-35 Joint Strike Fighter, Rafale is the first aircraft to have been designed, from the outset, to take off and land both from land bases and from aircraft carriers. The Rafale will ultimately replace all the current types of legacy fighter aircraft in the inventory of the French Air Force and the French Navy.

Missions of the Rafale omnirole fighter:

- air defence and air superiority;

- close air support;

- engagement of surface targets (with laser-guided bombs, all-weather stand-off precision weapons, or cruise missiles); SEAD/DEAD capabilities;

- anti-ship attack;

- nuclear strike;

- real time tactical and strategic reconnaissance (ground and naval targets);

- in-flight refuelling (“buddy-buddy” tanker capability for the French Navy Rafale M).

Share this post


Link to post
Share on other sites

... endorsement per vendere in Canada http://www.lesechos.fr/entreprises-secteurs/air-defense/actu/0202486616284-dassault-convaincu-que-le-rafale-a-ses-chances-au-canada-526539.php

 

Dassault convaincu que le Rafale a ses chances au Canada

 

 

 

Persuadé que le jeu en vaut la chandelle, Dassault va répondre à la demande d'information du Canada sur le Rafale. Mieux, si Ottawa décide de lancer un appel d'offres plutôt que de confirmer son intention d'acheter de gré à gré des F-35 à Lockheed Martin, l'avionneur français participera à la compétition. « Il y a un coup à jouer. Le Canada est potentiellement le premier pays qui pourrait remettre en cause le F-35. Nous ne pouvons pas ne pas l'accompagner», assure aux « Echos » Eric Trappier, qui remplace aujourd'hui Charles Edelstenne au poste de PDG de Dassault.

La confiance affichée dans les chances du Rafale d'équiper un jour l'armée canadienne en surprendra plus d'un. De par sa proximité avec Washington, on imagine mal Ottawa acheter autre chose qu'américain pour un armement aussi stratégique.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hanno interpellato le principali industrie aeronautiche occidentali ....

 

http://www.aviationweek.com/Blogs.aspx?plckBlogId=Blog:27ec4a53-dcc8-42d0-bd3a-01329aef79a7&plckPostId=Blog:27ec4a53-dcc8-42d0-bd3a-01329aef79a7Post:6276dccd-bb5b-4e4b-a161-3a1d5257681d

 

http://www.tpsgc-pwgsc.gc.ca/app-acq/stamgp-lamsmp/snaclettre-nfpsletter-eng.html

 

Dovessero scegliere il "Rafale" .... si metterebbero a strepitare i Canadesi anglofoni ....

Dovessero scegliere il "Typhoon" .... si metterebbero a strepitare i Canadesi francofoni ....

 

Salomonicamente .... acquisteranno americano ....

Comunque sia .... ci si potrebbe anche aspettare, dati i precedenti, che scelgano il "Gripen" .... il meno consono alla bisogna .... :wacko:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il senso di rinunciare al Lightning per il Rafale non lo afferro tanto.. :scratch:

Edited by Alpino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il senso di rinunciare al Lightning per il Rafale non lo afferro tanto.. :scratch:

 

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il senso di rinunciare al Lightning per il Rafale non lo afferro tanto.. :scratch:

 

Si è accennato più volte anche in questo forum che l'aspetto finanziario di un acquisto militare, in questo caso di aerei, è ormai determinante. Io non mi scandalizzo, anzi mi fa piacere che vari Paesi mettano quest'aspetto in primo piano. Ma anche il Rafale (o simili) non è che sia gratis. Che Dassault sia in crisi da anni per l'assenza di ordini extra Esagono è un problema suo. Se non trova qualche sovrano del Golfo con la luna giusta mi pare proprio che il Rafale rischi di non essere acquistato da nessuno al di fuori dell' AdA. E sfruttare la francofonia canadese mi pare proprio fuori luogo... I tempi del ... "Vive le Québec libre" cari a De Gaulle sono finiti da molto, molto tempo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Video riguardante il primo coinvolgimento della linea Rafale nella corrente crisi in Mali.I 4 velivoli sono partiti dalla Francia con 6 GBU49 ciascuno,hanno sorvolato l'Algeria,colpito i propri obiettivi in Mali e infine sono atterrati in Chad.Da notare la composizione della formazione,1 monoposto C e 3 biposto B;vorrei far notare che i biposto erano senza il backseater/WSO.Non lo trovate strano? Edited by super64des

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi risulta abbiano vinto la gara in India, quindi anche se le cose vanno epr le lunghe dovrebbero aver piazzato un po' di ordini tra qualche anno.

Comunque rimane sicuramente un aereo più appetibile del Typhoon se non altro per il fatto che sta accumulando parecchie missioni reali tra Libia e Mali.

Secondo me comunque il Canada resterà con l'F-35. E' troppo insensato scegliere un aereo di vecchia generazione al posto di un aereo nuovo. Al limite se non hanno i soldi resteranno col super hornet, no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...