Jump to content
Sign in to follow this  
Little_Bird

NATO: C-17 per la Strategic Airlift Capability

Recommended Posts

NATO: C-17 per la Strategic Airlift Capability

 

c17.jpg

 

Le 12 nazioni partner della Strategic Airlift Capability (SAC) in ambito NATO - ovvero Bulgaria, Estonia, Ungheria, Lituania, Olanda, Norvegia, Svezia, Finlandia, Polonia, Romania, Slovenia, Stati Uniti - hanno firmato il Memorandum of Understanding (MOU) per acquisire 3 aerei da trasporto tattico e strategico C-17 Globemaster III, due dei quali forniti direttamente da Boeing ed il terzo proveniente dalle file USAF.

 

L’accordo, stipulato tra l’U.S. Department of Defense e la NATO Airlift Management Agency (NAMA), fornirà alle nazioni partecipanti un mezzo per colmare il loro gap in materia di proiezione a medio e lungo raggio. Ogni paese pagherà una quota del costo di ciascun velivolo ed opererà in comune con equipaggi misti a seconda delle necessità per missioni internazionali, Afghanistan in primis. Gli aerei verranno stanziati alla base aerea di Pápa, in Ungheria, all’interno dell’ Heavy Airlift Wing (HAW).

 

La NATO attualmente non dispone di una propria flotta dedicata al trasporto strategico e spesso contratta gli aerei sia con gli Stati Uniti che con la Russia.

 

Il C-17 può compiere missioni di trasporto truppe, cargo, umanitarie fino a 4.400 km con un carico di 77 tonnellate ed atterrare su piste semipreparate di lunghezza inferiore ai 1.000 metri. Attualmente ci sono 192 C-17 in servizio nel mondo, 178 presso la U.S. Air Force, 6 alla RAF, 4 presso le forze armate canadesi e 4 alla Royal Australian Air Force.

 

Difesanews

 

Come già accennato dal Min. della Difesa, l'Italia si è tirata fuori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da notare che tra le 12 nazioni partner della Strategic Airlift Capability (SAC), ve ne sono 2 che non fanno parte della Nato, ma sono Partnership for Peace ed EU: Svezia e Finlandia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avevo letto che probabilmente saremmo usciti dal programma.Ma le motivazioni?Problemi di bilancio oppure il numero ristretto di aerei ha fatto ritenere che il gioco non vale la candela?Oppure tutte e 2?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Problemi di bilancio, visto che comunque i cargo strategici ci servono, e spesso ricorriamo al leasing di Antonov russi o di C17 dell'USAF.

Share this post


Link to post
Share on other sites

...mi viene da pensare che o le ore di affitto degli Antonov russi sono molto a buon mercato, inferiori comunque al costo delle ore di volo del programma SAC, o che abbiamo appena operato una scelta stupida.

 

Difendevo la bontà della scelta di acquistare ore di volo del programma SAC piuttosto che acquistare una flotta di C-17 (o peggio A400M)...ora però restiamo senza l'uno o l'altro.

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tanto l'importante è avere centinaia di aerei da combattimento, poi se non si riesce a rischierarli a meno che non si voglia dipendere dall'amico Putin chi se ne importa...

 

Io veramente certe scelte non le riesco a comprendere, spero solo che si traduca in un acquisto vero e proprio più in la del quale ora non possiamo sapere niente. E' veramente una bella idea il SAC, ovviamente noi per le belle idee non siamo portati... :angry:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×