Jump to content
Sign in to follow this  
paperinik

Azioni di pirateria a largo delle coste somale

Recommended Posts

si, ma questo governo se ne frega di tutto, quindi potrebbe benissimo usare i nostri reparti speciali

Non siamo nella stessa situazione degli Americani con un solo ostaggio.

Noi ne abbiamo 16, vigilati da almeno 10 tizi armati. Ci vorrebbe almeno un'azione ad opera di diversi teams di incursori e su nave Maestrale non ne abbiamo così tanti. Comunque la cosa più importante a mancare è la volontà politica. Sicuramente vincerà il partito della tratttiva e del pagamento del riscatto, come è sempre successo, tanto paghiamo noi.

Eh... beati i Francesi e gli Americani...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se lo facevano gli italiani, sai che casino, interrogazioni parlamentari, critiche di Repubblica e del Libero (Feltri sa come vendere il suo giornale), inchieste di Famiglia Cristiana, dubbi di Avvenire, una puntata di Annozero, Franceschini che prende le distanze, Casini che si domanda, i sindacati manifestano...

 

l'ultima volta le FS , in A-stan , le abbiamo usate e le polemiche furono molto limitate ,solo quelle degli irriducibili alla fine

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
l'ultima volta le FS , in A-stan , le abbiamo usate e le polemiche furono molto limitate ,solo quelle degli irriducibili alla fine

 

Se mi ricordo bene, c'era ancora Prodi, all'epoca. E comunque veniva poco dopo le polemiche per quel giornalista di Repubblica per il quale era stato pagato il riscatto. E, last but not least (vado a memoria, attenzione), non furono impiegate le forze speciali italiane, mi pare l'SAS inglese.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se mi ricordo bene, c'era ancora Prodi, all'epoca. E comunque veniva poco dopo le polemiche per quel giornalista di Repubblica per il quale era stato pagato il riscatto. E, last but not least (vado a memoria, attenzione), non furono impiegate le forze speciali italiane, mi pare l'SAS inglese.

Se ti riferisci al sequestro dei 2 nostri operatori del SISMI,il Raid fu eseguito congiuntamente da nostre FS con l'SBS inglese;per una serie di circostanze(trasferimento improvviso dei sequestrati) le nostre FS,che avrebbero dovuto effettuare l'assalto principale dovettero passare la palla all'SBS che intercettò il convoglio con gli ostaggi.Questo almeno quanto fu raccontato all'epoca;rispetto al caso in oggetto bisogna anche tenere conto della diversa natura dei sequestrati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poveri Americani , ce l'hanno tutti con loro ! :ph34r::ph34r::ph34r:

 

Il capo dei pirati somali: vendicheremo i nostri uomini uccisi dagli americani

 

Il capo dei pirati somali che hanno tenuto per cinque giorni in ostaggio il capitano americano Richard Phillips nel Golfo di Aden - poi liberato con un blitz delle unità speciali della Marina militare americana - rinnova le minacce di vendetta per la morte di tre dei suoi uomini e precisa: ora gli americani sono obiettivo prioritario.

 

"Questi americani bugiardi hanno ucciso i nostri amici, che avevano accettato di liberare gli ostaggi senza riscatto, ma vi dico che ora ci saranno rappresaglie - ha dichiarato Abdi Garad all'agenzia di stampa France Press -, in particolare daremo la caccia a cittadini americani che viaggiano nelle nostre acque".

 

Garad dice anche che "gli attacchi saranno intensificati, anche molto lontano dalle acque somale, e spero che la prossima volta che ci sarà un ostaggio americano non si aspetteranno da noi alcuna pietà".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non parliamo del sequestro dei due nostri agenti perchè fu condotto nel modo più farsesco possibile...

Comunque si parla di cecchini dei SEAL, ma potevano essere benissimo armati anche di normali fucili visto che gli hanno sparato dall'USS Bainbridge, un burke, dalla distanza di 30-40 yarde, ovvero praticamente gli stavano sopra.

In ogni caso ottima azione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest caposkaw

a proposito di pirateria...

mi ricordo un episodio di quella schifezza di "turisti per caso", in cui il loro compagno di merende amendola girava in giro in barca per il mondo....

dovevano essere dalle parti del golfo di aden, quando si vedono arrivare una barca addosso, che non rispondeva alla radio. la barca si avvicina e sulla coperta della barca italiana (o comunista, non lo so) sale un tale con un fucile a pompa....

spara un colpo in aria, e apostrofa con aria offensiva la barca altrui.

alchè, i supposti pirati voltano le terga....

non è un comportamento di sinistra, per definizione pacifista....

sta di fatto che se fosse permesso al nostro consubin di fare il suo mestiere, ci sarebbe un caos pazzesco perchè non si può uccidere dei poveri negretti musulmani, ache se pirati e assassini...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel caso specifico SM79 ha ragione, non abbiamo in zona asset adeguati per una azione di forza.

 

La vergogna è che, a differenza di francesi e americani, visto che il fenomeno non è nuovo, tali asset non erano stati preventivamente dislocati in zona con l'intenzione, ovviamente, di usarli se necessario.

Che volete farci, noi ci stiamo comportando da pagliacci.

 

l'ultima volta le FS , in A-stan , le abbiamo usate e le polemiche furono molto limitate ,solo quelle degli irriducibili alla fine

Grossa differenza di vedute tra il precedente governo e quello attuale.

 

Ora, un paese normale agirebbe e non avrebbe problemi a dirlo.

 

B. preoccupato dell'opinione pubblica molto più di quanto voi crediate (non di quella dei pacifinti ovviamente, ma del casino che scoppierebbe se ci scappa qualche morto tra gli ostaggi) preferisce pagare. A lui concetti quali dignità e onore sono sconosciuti

 

I colleghi dall'altra parte invece erano e sono disposti ad agire da paese normale, basta che l'opinione pubblica non lo sappia.

Edited by Rick86

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nel caso specifico SM79 ha ragione, non abbiamo in zona asset adeguati per una azione di forza.

 

La vergogna è che, a differenza di francesi e americani, visto che il fenomeno non è nuovo, tali asset non erano stati preventivamente dislocati in zona con l'intenzione, ovviamente, di usarli se necessario.

Che volete farci, noi ci stiamo comportando da pagliacci.

Grossa differenza di vedute tra il precedente governo e quello attuale.

 

Ora, un paese normale agirebbe e non avrebbe problemi a dirlo.

 

B. preoccupato dell'opinione pubblica molto più di quanto voi crediate (non di quella dei pacifinti ovviamente, ma del casino che scoppierebbe se ci scappa qualche morto tra gli ostaggi) preferisce pagare. A lui concetti quali dignità e onore sono sconosciuti

 

I colleghi dall'altra parte invece erano e sono disposti ad agire da paese normale, basta che l'opinione pubblica non lo sappia.

Mah!Non mi risulta che col caso Mastrogiacomo avessero conservato tanto la dignità italiana facendo liberare un prigioniero talebano.Come ho scritto prima la diversa natura degli ostaggi (erano militari,per di più dei servizi)ha fatto avere una diversa valutazione sui potenziali rischi;erano solo 2 ed addestrati ad eventuali situazioni del genere,in più gente generalmente abituata a tenere la bocca chiusa una volta conclusa la vicenda.Vorrei ricordare che il centro-destra adottò la linea della fermezza con il caso dei 4 contractors sequestrati..questo non per giustificare l'attuale governo(per le quali avrei molte critiche da fare) ma cercate anche di non santificare gli altri.Ogni caso è diverso da valutare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se lo facevano gli italiani, sai che casino, interrogazioni parlamentari, critiche di Repubblica e del Libero (Feltri sa come vendere il suo giornale), inchieste di Famiglia Cristiana, dubbi di Avvenire, una puntata di Annozero, Franceschini che prende le distanze, Casini che si domanda, i sindacati manifestano...

 

"Italiani brava gente", in fin dei conti è la nomea che ci portiamo dietro, è così quando ci sono situazioni di questo tipo non potendoci permettere, per così dire, di mostrare i "muscoli" (si sa, è una cosa che fanno solamente i cattivoni americani) dobbiamo sempre trattare, trattare (se necessario con i soldi, ma non si deve sapere),...in nome del "politically correct" (alla Casini).

 

A parte questo, sono d'accordo con SM79 c'è troppa gente armata a bordo e quindi, la situazione è un pò più delicata rispetto a quella americana. Purtroppo, a discapito dell'opzione militare va la forte esposizione mediatica di questi giorni: inevitabile a differenza di quanto potrebbe accadere in scenari di guerra convenzionali.

 

OT ON

Non son mai stato in USA (spero in futuro) ma una cosa che si nota spesso nei vari TG, filmati (anche quelli recenti con i quali hanno festeggiato la liberazione) è la bandiera americana: ogni casa, stabile, rudere, ecc. ce ne ha quasi sempre una fuori appesa (stupenda quella dell'11 settembre su Ground Zero). Questo per dire che questo modo di gestire tali crisi deriva, a mio parere da una mancanza di una vera identità nazionale; a tal poposito, ho recentemente seguito una puntata di Report, Terra (non ricordo bene) in cui un giornalista ando a visitare un carcere in cui la maggior parte dei detenuti erano ex colletti bianchi condannati a 5-10 anni per evasione fiscale. Ad una domanda del giornalista incredulo riguardo alla apparente gravità della pena comminata (secondo il metro italiano) il funzionario USA disse che queste persone "non avevano mentito al Fisco, bensì al popolo americano", proprio una concetto di Nazione differente dal nostro...

OT OFF

Share this post


Link to post
Share on other sites

Leggendo i media americani emerge un dato che fino a qualche tempo fa era rimasto secondario, ovvero la sempre più alta insofferenza da parte della Casa Bianca rispetto agli attacchi pirati.

 

Con buona probabiltà se non si è già dato il via libera ad una bella operazione aerea è solo perchè allo stato attuale sono troppi sia gli ostaggi occidentali sia le navi dirottate in mano ai somali. Molte navi hanno infatti carichi preziosi e sono oggetto di trattative per il loro rilascio.

 

Se non fosse per questi due fattori state certi che gli USA (ma non escluderei anche la partecipazione della Francia o di qualche stato arabo per dare maggiore legittimità internazionale all'azione) farebbero tranquillamente ricorso all'uso della forza, visto che il problema della Pirateria sta diventando di giorno in giorno sempre più preoccupante e destabilizzante per quella porzione di mondo, senza contare che nelle ultime settimane i pirati hanno alzato la posta in gioco minacciando seriamente la vita degli ostaggi. Basterebbe un'attacco singolo utilizzando gli AV-8B e i Super-Cobra dello USMC, ma se proprio si volesse colpire con forza nell'Oceano Indiano e nel Golfo Persico navigano le portaerei della USN con task force a seguito.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
Leggendo i media americani emerge un dato che fino a qualche tempo fa era rimasto secondario, ovvero la sempre più alta insofferenza da parte della Casa Bianca rispetto agli attacchi pirati.

 

Con buona probabiltà se non si è già dato il via libera ad una bella operazione aerea è solo perchè allo stato attuale sono troppi sia gli ostaggi occidentali sia le navi dirottate in mano ai somali. Molte navi hanno infatti carichi preziosi e sono oggetto di trattative per il loro rilascio.

 

Se non fosse per questi due fattori state certi che gli USA (ma non escluderei anche la partecipazione della Francia o di qualche stato arabo per dare maggiore legittimità internazionale all'azione) farebbero tranquillamente ricorso all'uso della forza, visto che il problema della Pirateria sta diventando di giorno in giorno sempre più preoccupante e destabilizzante per quella porzione di mondo, senza contare che nelle ultime settimane i pirati hanno alzato la posta in gioco minacciando seriamente la vita degli ostaggi. Basterebbe un'attacco singolo utilizzando gli AV-8B e i Super-Cobra dello USMC, ma se proprio si volesse colpire con forza nell'Oceano Indiano e nel Golfo Persico navigano le portaerei della USN con task force a seguito.

 

Scomodare le portaerei per quattro tagliagole mi pare francamente eccessivo, basta tutto il resto che è disponibile in zona (a Gibuti c'è una grossa base americana, se ben ricordo e se è ancora lì). E prima o poi metteranno la parola fine a questo scandalo, con gli alleati europei o senza di loro (chissà, magari assisteremo a un inedito asse Washington-Pechino-Nuova Delhi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì in linea di massima per infliggere seri danni alle strutture e mezzi dei pirati (barchini, porticcioli, rimesse) non servirebbe un potente apparato militare, tutto dipende però quanto e come si vuole colpire. Se si volesse azzerare ogni capacità dei pirati occorrerebbe gioco-forza un attacco aereo devastante e allora gli F-18 della USN sarebbero indispensabili.

 

Molti analisti sostengono però che sarebbe opportuno anche andare a terra (nel senso stretto della parola) con un raid veloce e potente....molti hanno apertamente richiamato la dottrina "impiccalo alto", messa in atto dagli inglesi per debellare la pirateria nel Mar dei Caraibi. La dottrina prevedeva lo sbarco di una forza terrestre in prossimità dai porti-rifugi dei pirati e conseguente attacco a sorpresa...da concludere con l'impiccagione di tutti i pirati catturati. Evocativo...non c'è che dire.

 

D'altra parte non si pongono problemi di natura giuridica, poichè il Diritto Internazionale attribuisce ad ogni stato della Comunità Internazionale la facoltà di fare ricorso all'uso della forza per contrastare fenomeni di pirateria.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I francesi hanno a disposizione in zona un eccellente assetto per operazioni a terra in grande stile, ovvero una brigata leggera della legione straniera

Share this post


Link to post
Share on other sites

vanno sdradicati a ogni costo, la Somalia è comunque una terra pericolosa piena di uomini/donne/bambini armati (restor Hope ne ha dato una prova)e di milizia varie, e quindi dubito che si faranno operazioni di terra (l'opinione pubblica non gradisce la parola Caduto in Combattimento)bensì bombardamenti aerei e affondamenti di vascelli.

 

EDIT

TgLa7 li ha chiamati bucanieri :lollollol: mi chiedo dove è il tipo con il pappagallo sulla spalla

Edited by Leviathan

Share this post


Link to post
Share on other sites
I francesi hanno a disposizione in zona un eccellente assetto per operazioni a terra in grande stile, ovvero una brigata leggera della legione straniera

L'assetto militare di cui dispongono i francesi a Gibuti è interforze; eccovi, dal sito ufficiale del Ministero della Difesa francese, il link:

 

http://www.defense.gouv.fr/ema/forces_inte...e/djibouti/ffdj

 

dal quale riporto la parte relativa all'entità ed al tipo di forze:

 

" ...

Le dispositif

 

Le général commandant les forces françaises à Djibouti dispose d’un état-major interarmées.

 

Il commande 2 900 militaires appartenant à des unités pré positionnées et tournantes qui constituent les forces de présence. Il s’agit essentiellement :

 

- pour les unités de l’armée de terre du 5ème RIAOM, de la 13ème DBLE, et d’un détachement de l’ALAT (5 Puma et 2 Gazelle),

 

- pour l’armée de l’air, de 10 Mirage 2000, d’1 C160, d’1 hélicoptère Fennec et de 2 hélicoptères PUMA,

 

- pour la marine nationale, d’un bâtiment de débarquement d’infanterie et de char (Edic Dague), de 2 chalands de transport de matériel.

... "

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esattamente Picpus, la 13esima demì brigate legion etrangere + supporti + mezzi da sbarco :)

 

Tra l'altro io sapevo che Gibuti è una base francese, non americana (Diego Garcia è la loro base principale). Poi, sul fatto che siano ospitate anche unità americane, beh nulla di strano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Esattamente Picpus, la 13esima demì brigate legion etrangere + supporti + mezzi da sbarco :)

 

Tra l'altro io sapevo che Gibuti è una base francese, non americana (Diego Garcia è la loro base principale). Poi, sul fatto che siano ospitate anche unità americane, beh nulla di strano.

Due sono i reparti da combattimento dell'"Armée de Terre", di stanza a Gibuti.

 

 

Il 5° RIAOM (Régiment InterArmes d'Outre-Mer) delle "Troupes de Marine", eccovi un link:

 

http://www.troupesdemarine.org/actuel/unites/5riaom.htm

 

 

e la 13^ DBLE (Demi-Brigade de Légion Étrangère), al link che segue:

 

http://www.legion-13dble.com/

Edited by picpus

Share this post


Link to post
Share on other sites
vanno sdradicati a ogni costo, la Somalia è comunque una terra pericolosa piena di uomini/donne/bambini armati (restor Hope ne ha dato una prova)e di milizia varie, e quindi dubito che si faranno operazioni di terra (l'opinione pubblica non gradisce la parola Caduto in Combattimento)bensì bombardamenti aerei e affondamenti di vascelli.

 

EDIT

TgLa7 li ha chiamati bucanieri :lollollol: mi chiedo dove è il tipo con il pappagallo sulla spalla

Qui di bucaniere c'è solo il nostro rimorchiatore, che dopo questa disavventura cambierà sicuramente nome: Proporrei

"Colomba bianca" o "Neutralità disarmata".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Signori, ripeto che il problema vero non è l'apparato militare per un attacco....il problema sono i 250 ostaggi di nazionalità varie e i le decine di navi dirottate.

 

Comunque il primo passo per debellare il fenomeno è smettere di pagare. Fino a quando qualcuno pagherà i pescatori somali continueranno a giocare ai pirati. Non è un caso se americani e francesi non pagano.

 

PS: la USN ha appena predisposto un nuovo allerta radio specifico per gli attacchi dei pirati, le navi che transitano in quella porzione di mare ferebbero bene a prestare atenzione....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gibuti è anche la più importante base africana degli USA, e sono spesso basati li assett importanti tra cui gli spectre, già usati in Somalia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccezionali immagini del blitz Francese ( Il sole 24 Ore.com )

 

I pirati a bordo del Tanit con gli ostaggi

 

c3media62894galleryitem.jpg

 

I negoziatori della marina francese si avvicinano allo yacht

 

C_3_Media_62894_galleryitems_galleryitem13_immagine.jpg

 

Scatta il blitz delle forze speciali della marina francese

 

C_3_Media_62894_galleryitems_galleryitem16_immagine.jpg

 

Un momento dello scontro a fuoco tra militari e pirati

 

C_3_Media_62894_galleryitems_galleryitem17_immagine.jpg

 

Un secondo gommone si avvicina allo yacht

 

C_3_Media_62894_galleryitems_galleryitem18_immagine.jpg

 

Un momento della liberazione degli ostaggi

 

C_3_Media_62894_galleryitems_galleryitem20_immagine.jpg

 

 

Vedremo mai il Comsubin fare qualcosa del genere ? :ph34r:

Share this post


Link to post
Share on other sites

avrebbero potuto fare un bellissimo tiro al piccione con i prodi mangiarane :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×