Jump to content
picpus

Marina Russa - Discussione Ufficiale

Recommended Posts

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un mio conoscente che fa il guardiafuoco in Fincantieri mi ha raccontato come i welding mishap siano il loro incubo....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, sono nuovo. Non so se ne avete già parlato, se si, mi scuso. Nuove classi di sub Russi sono in stato avanzato di progettazione e produzione. Il "Belgorod", progetto 09852, potrebbe essere il prototipo di una nuova classe di sottomarini nucleari multi-missione. Secondo alcuni esso dovrebbe essere una evoluzione degli Oscar-II (i secondi più grandi del mondo). Il Belgorod dovrebbe essere in grado di trasportare e lanciare almeno sei droni sottomarini nucleari intercontinentali "Poseidon", con testata di cento megatoni. Il Poseidon (ufficialmente "siluro intercontinentale") è un drone con propulsione nucleare, propulso da una turbina alimentata da un piccolo reattore nucleare. Inoltre il Belgorod può trasportare anche droni e sottomarini di piccole dimensioni, come il progetto AS-12/31 "Kalitka" (porticina), meglio conosciuto come "Losharik" (nome di un eroe dei cartoni animati, che dovrebbe significare "ragazzaccio"). Il Losharik sembra essere un batiscafo (si pensa che potrebbe raggiungere i seimila metri di profondità e oltre) per missioni molto speciali. E' anche lui a propulsione nucleare, completamente automatizzato, ma con possibilità di imbarcare anche un equipaggio di una ventina di persone. Una cosa interessante secondo me è che il Losharik è un progetto sovietico, il cui sviluppo si era perduto nel caos della caduta dell'URSS. Progettato presso l'istituto Malakìt, da Yuri Mikhailovich Konovalov (vi ricorda niente?), Eroe della Russia. Nessuno, tranne forse le spie, ha saputo niente del Losharik fino alla fine del 2012, quando è venuto fuori che esso è stato usato per una missione che ufficialmente aveva lo scopo di studiare i confini della piattaforma continentale artica, a più di tremila metri di profondità. Queste indagini sarebbero state utili per la domanda russa, presso le Nazioni Unite, di estensione delle loro acque territoriali in Artico. Il Losharik è lungo circa una settantina di metri (come un U-boot tedesco della seconda guerra mondiale) e disloca intorno alle duemila tonnellate in immersione (questo rende anche l'idea delle dimensioni del Belgorod che lo trasporta). 

 

http://www.hisutton.com/Spy Subs -Project 09852 Belgorod.html

1362092305_losharik.jpg

Ru_Belgorod_Schematic.jpg

Edited by minuti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una foto del Losharik, ormeggiato a un molo galleggiante (ultima foto in fondo).

Una nuova classe di sottomarini d'attacco russi (di quinta generazione) sarebbe in avanzato stato di sviluppo. Nucleari e non. Quelli nucleari risponderebbero al nome di: "Progetto Laika" (o "Husky"). Questi sottomarini riprenderebbero la tradizione di sottomarini d'attacco dalle caratteristiche molto spinte, come quelle dei vecchi "Lira" (Alfa, nella Nato). A differenza degli Alfa però, le dimensioni sarebbero nettamente aumentate, pur rimanendo inferiori a uno "Yasen". Se un Alfa era lungo circa ottanta metri e dislocava tremila tonnellate, un moderno "Husky" dovrebbe dislocare fino a tredicimila tonnellate, mantenendo però numerose caratteristiche in comune con gli Alfa e in alcuni casi superandole. Il nuovo sottomarino dovrebbe essere costituito in larga parte da polimeri di carbonio. Questo, unito a un doppio scafo multistrato con materiali assorbenti dovrebbe renderlo a bassissima osservabilità per quanto riguarda i sonar e i MAD nemici. Come per gli Alfa, la velocità in immersione eccederebbe i 41 nodi, il reattore nucleare sarebbe un "fast reactor" raffreddato a metallo liquido, ma senza gli svantaggi dei reattori degli Alfa. Due versioni ipotizzate, una anti-sottomarino, che avrebbe come primo bersaglio i sottomarini lanciamissili Ohio e Vanguard e una anti-nave, fatta per attaccare e distruggere gruppi di portaerei, usando nuovi missili come lo Zircon ipersonico, capace di 8 Mach. Come per gli Alfa e i derivati, anche gli "Husky" avranno un singolo sistema di controllo integrato automatizzato, che riduce il numero dei membri dell'equipaggio e rende anche possibile istallare a bordo un sistema di espulsione per il salvataggio in caso di disastri, che nei sottomarini russi in genere dovrebbe essere ospitato come parte integrante della torretta (vela?) del sottomarino. Come gli Alfa, anche gli Hursky dovrebbero essere l'equivalente marino di un caccia intercettatore, con alta velocità, manovrabilità e potente armamento. Gli Alfa mantenevano il reattore sempre acceso, anche in porto, dove attendevano l'ordine di partire. Questo per non causare il raffreddamento e la solidificazione del refrigerante del reattore (cosa che in un caso pare sia successa, sembra senza gravissime conseguenze). Pochissime basi in URSS potevano garantire la manutenzione e l'assistenza per gli Alfa (sembra meno di 5) e i loro reattori erano soggetti a usura precoce e il loro smaltimento si è rivelato molto costoso, al punto da richiedere investimenti stranieri (se ho capito bene).

https://ru.wikipedia.org/wiki/Хаски_(подводная_лодка)

1385347854_595542_1000.jpg

70304818_133778801298317_7705086352962494936_n.jpg

00040534.jpg

field_image_1847.jpg

1362092388_losharik-2.jpg

Edited by minuti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un nuovo pattugliatore antisom ... mediante adattamento di jetliners (anche) di seconda mano ...

Quote

The Russian navy has prepared a revised specification for a next-generation anti-submarine warfare (ASW) aircraft that permits using the Tupolev Tu-204/214 narrow-body twinjets as a platform. 
Dubbed PLAK, the Russian acronym for “Antisubmarine Aviation Complex”, the future asset could be broadly similar in performance to the U.S. Navy’s Boeing P-8A Poseidon, which is based on the Boeing 737-800 platform.
As well as being close to the P-8A in size and payload/range characteristics, the Tu-204/214 is also available cheaply on the secondhand market. 
Over 20 such jetliners are stored following their withdrawal from commercial airline service. 
Another dozen could be assembled by the Tu-214 manufacturing plant in Kazan (KAPO), and that of the Tu-204 in Ulyanovsk (Aviastar), using pre-manufactured parts from their stocks.

 ... ainonline.com ... Russia Considers Redundant Jetliners for Anti-Sub Role ...

🇷🇺

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×