Jump to content

Guzzanti nei guai


Recommended Posts

Ti ripeto, non hai smontato nulla: tutto il forum può leggere ciò che c'è scritto sul link seguente: http://it.wikipedia.org/wiki/Filippo_Facci

 

"Le numerose querele rivolte da Di Pietro a Facci, compresa una per calunnia, non ebbero esito ai danni di quest'ultimo... "

 

Se non vedi la frase che ho scritto sopra, prendi la lente d'ingrandimento!!!

 

Quella frase significa, se non arrivi a capirlo da solo, che Facci è stato assolto, quindi diceva la verità su Di Pietro!!!

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...
ROMA - Un milione di euro di danni. E' la richiesta fatta recapitare da Mara Carfagna, tramite il suo legale, a Sabina Guzzanti, in riferimento alle parole pronunciate dall'attrice durante la manifestazione dell'8 luglio di piazza Navona.

 

E' la stessa Guzzanti a comunicare sul suo blog di aver ricevuto la citazione da parte del ministro, che ieri, a Porta a Porta, l'ha definita, a sua volta, una persona "fragile anche mentalmente", che le "fa compassione". Il ministro delle Pari opportunità del governo Berlusconi ha comunque optato per una causa solo civile. "Strano per una preoccupata di essere stata diffamata no? (la diffamazione è un reato penale)", fa notare la comica. "La querela - osserva ancora - è firmata da un avvocato sconosciuto che mi fa pensare che sia solo di facciata e che dietro ci siano i soliti avvocati di Berlusconi".

 

Per quanto riguarda i contenuti della causa ("materiale per sketch satirici", li definisce la Guzzanti), si sostiene che parlando della Carfagna, "si sarebbe dovuto parlare anche delle sue capacità". Per la Guzzanti questo atto di citazione "cerca di introdurre un precedente pericoloso: cioè che la satira debba stare entro certi limiti, che l'atto di citazione stabilirebbe diventando più che una citazione una proposta di legge".

 

Quanto alla cifra richiesta, il commento è caustico: "Bella donna ma che tariffe!". La Guzzanti replica poi alle affermazioni fatte dal ministro, intervistata da Enrico Mentana: "Posso farle causa anch'io con la differenza che mentre i miei giudizi su di lei sono fondatissimi i suoi su di me sono assolutamente gratuiti".

 

Il post pubblicato oggi sul suo blog prende anche di mira il calendario realizzato dalla Carfagna prima di vestire i panni della ministra: quelle foto "sarebbero un argomento sufficiente a dire che non può fare il ministro delle pari opportunità - scrive - Spero che le donne italiane si sveglino e colgano l'occasione per difendere la dignità calpestata da anni di incoraggiamento alla prostituzione mentale oltre che fisica propagandata dalla Fininvest a tutte le ore del giorno. Mettendo la Carfagna al ministero delle pari opportunità, Berlusconi ha offeso tutte le donne italiane ancora una volta e in modo definitivo".

 

La vicenda, comunque, sarà anche affrontata nel prossimo spettacolo della Guzzanti: il suo "Vilipendio tour" partirà il 4 novembre da La Spezia, per girare i teatri italiani. "Non vedo l'ora di andare in scena e cantargliele insieme a voi", promette. L'attrice comunica, infine, che sono stati bocciati i finanziamenti per il film "L'internazionale della satira". Colpa, sostiene, dei "diktat di Bondi e al coraggio dei commissari che finanziano quest'anno solo filmacci di bassa propaganda di fascisti o di gente che ha abiurato pubblicamente da tempo".

 

(9 ottobre 2008) Tutti gli articoli di politica

 

 

Ho visto ieri sera qualche pezzo della Carfagna a Matrix e devo dire che, al di là della mia contrarietà alle sue politiche, l'ho apprezzata come persona.

Spero che la giustizia faccia il suo corso e che finalmente si capisca, da una parte e dall'altra, che nè la satira nè la politica possano essere fatte con la calunnia, specie se gratuita o infondata.

Link to post
Share on other sites

La Guzzanti ha replicato che l'atto di citazione depositato dei legali della Carfagna rischia di creare un precedente gravissimo, specialmente se i giudici vi daranno accoglimento. Poichè -secondo la Guzzanti- si vorrà così imporre dei limiti alla satira.....insomma, la sta buttando sul campo delle libertà personali. Poveretta, o è instabile per davvero come dice la Carfagna, oppure molto più probabilmente INIZIA SERIAMENTE A TEMERE DI DOVER RISARCIRE UN MILIONE DI EURO!

 

Ben gli stà....troppe volte aveva defecato fuori dal vasino, questa volta qualcuno ha deciso finalmente di fargli pulire il tutto (perdonate la non molto elegante metafora).

Link to post
Share on other sites

È arrivata la citazione della Carfagna il 7 ottobre. Aveva tempo fino all’8 agosto per querelarmi. Ci ha pensato bene. Poi ha optato per una causa solo civile. Strano per una preoccupata di essere stata diffamata no? (la diffamazione è un reato penale).

 

I contenuti sono tutto materiale per sketch satirici: si sostiene nell’atto che io abbia partecipato a una manifestazione dichiaratamente antigovernativa, come se questo fosse un’aggravante o una cosa anormale. Si sostiene che avrei dovuto parlare anche delle sue capacità, non ha nemmeno capito che non era lei l’oggetto del discorso.

 

Comunque visto che l’8 luglio la Legge sulla prostituzione non era uscita e che subito dopo non è potuta uscire perché era una legge a firma carfagna berlusconi, e la cosa sarebbe stato pane facile per tutti i vignettisti, ora che la legge è uscita voglio commentare le sue capacità: la legge pretende d’essere diversa da un semplice e incivile atto di repressione contro le prostitute tanto per levarsele da sotto gli occhi senza dare il minimo soccorso alle minorenni e alle schiave, la legge pretende di essere diversa perché punisce anche i clienti. I clienti però rischiano da 5 a 15 giorni. Tenuto conto che la condizionale arriva a 2 anni pui essere arrestato 800 volte prima di finire in galera. Quindi non è una punizione è un abbonamento.

 

L’atto di citazione “propone” di costituire un diritto dei cittadini il cui diritto è vivere nella civiltà del linguaggio. Di nuovo si chiede di stabilire limiti per la satira. l’atto di citazione sembra che voglia essere una proposta di legge.

Inutile sottolineare come “la civiltà del linguaggio” sia morta con l’arrivo del berlusconismo. E che nel caso specifico è il suo amante che parla di lei in termini osceni. Triste tristissimo ma vero.

 

La Carfagna chiede niente popo’ che un milione di euro. Bella donna ma che tariffe!

 

Naturalmente dopo le dichiarazioni di ieri posso farle causa anch’io con la differenza che mentre i miei giudizi su di lei sono fondatissimi i suoi su di me sono assolutamente gratuiti.

 

Anche se le intercettazioni davvero non esistessero, ed esistono state tranquilli, le foto del suo calendario già solo quelle sarebbero un argomento sufficiente a dire che non può fare il ministro delle pari opportunità. Spero che le donne italiane si sveglino e colgano l’occasione per difendere la dignità calpestata da anni di incoraggiamento alla prostituzione mentale oltre che fisica propagandata dalla finivest a tutte le ore del giorno. Il ministero delle pari opportunità esiste per agevolare le donne a farsi strada nel mondo del lavoro, negli studi e nella vita privata senza dovere accettare condizioni disagiate rispetto agli uomini. Senza accettare stipendi più bassi e va da sé senza dovere utilizzare il proprio corpo o diventare l’amante di qualche vecchio flaccido miliardario col trapianto. Mettendo la Carfagna al ministero delle pari opportunità, berlusconi ha offeso tutte le donne italiane ancora una volta e in modo definitivo. E siccome le donne non sono Veltroni e D’alema, le donne sono forti e coraggiose confido in una reazione di tutte a questo scandalo.

 

Mettere la Carfagna alle pari opportunità è inaccettabile come era inaccettabile Previti alla giustizia.

 

Ieri con il tipico stile di giornalismo americano che contraddistingue i nostri ancor man (ancora uomini?) Mentana dava per scontato che le intercettazioni non esistono senza menzionare il fatto che di queste intercettazioni se n’è parlato sia sui giornali italiani che su quelli stranieri e che poi è stato scritto da più parti che sono state distrutte. Come si distrugge una cosa che non esiste? Mentana non se l’è chiesto. Queste persone vanno considerate per quello che sono: intervalli fra blocchi pubblicitari.

 

Non vedo l’ora di andare in scena con Vilipendio e cantargliele insieme a voi.

 

intanto come prevedevo mi hanno negato i fondi per il film “l’internazionale della satira” grazie ai dictat di bondi e al coraggio dei commissari che finanziano quest’anno solo filmacci di bassa propaganda di fascisti o di gente che ha abiurato pubblicamente da tempo. per chi non lo sa i finanziamenti si danno in base a un punteggio e io avevo tutti i punti per riceverlo. sono tutti stimoli in più per cacciare queste muffe malefiche via dai nostri cuori e dalla nostra terra.

 

http://www.sabinaguzzanti.it/

 

 

sabina sarai assolta per aver detto il vero

E la carfagna si rimangia la denuncia penale eh LOL

Link to post
Share on other sites
....

Anche se le intercettazioni davvero non esistessero, ed esistono state tranquilli, le foto del suo calendario già solo quelle sarebbero un argomento sufficiente a dire che non può fare il ministro delle pari opportunità. Spero che le donne italiane si sveglino e colgano l’occasione per difendere la dignità calpestata da anni di incoraggiamento alla prostituzione mentale oltre che fisica propagandata dalla finivest a tutte le ore del giorno. Il ministero delle pari opportunità esiste per agevolare le donne a farsi strada nel mondo del lavoro, negli studi e nella vita privata senza dovere accettare condizioni disagiate rispetto agli uomini. Senza accettare stipendi più bassi e va da sé senza dovere utilizzare il proprio corpo o diventare l’amante di qualche vecchio flaccido miliardario col trapianto. Mettendo la Carfagna al ministero delle pari opportunità, berlusconi ha offeso tutte le donne italiane ancora una volta e in modo definitivo. E siccome le donne non sono Veltroni e D’alema, le donne sono forti e coraggiose confido in una reazione di tutte a questo scandalo.

 

....

intanto come prevedevo mi hanno negato i fondi per il film “l’internazionale della satira” grazie ai dictat di bondi e al coraggio dei commissari che finanziano quest’anno solo filmacci di bassa propaganda di fascisti o di gente che ha abiurato pubblicamente da tempo. per chi non lo sa i finanziamenti si danno in base a un punteggio e io avevo tutti i punti per riceverlo. sono tutti stimoli in più per cacciare queste muffe malefiche via dai nostri cuori e dalla nostra terra.

....

 

 

Moralista e piangina... :thumbdown:

Link to post
Share on other sites

semplicemente è una povera ipocrita, un tempo era una brava comica adesso è una mediocrissima teatrante che sopperisce alla comicità con lò'insulto gratuito e la calunnia e si protegge con lo scudo della satira.

Fa pena per la sua pochezza intellettuale e morale.

Link to post
Share on other sites
Ho visto ieri sera qualche pezzo della Carfagna a Matrix e devo dire che, al di là della mia contrarietà alle sue politiche, l'ho apprezzata come persona.

Spero che la giustizia faccia il suo corso e che finalmente si capisca, da una parte e dall'altra, che nè la satira nè la politica possano essere fatte con la calunnia, specie se gratuita o infondata.

La Guzzanti ha replicato che l'atto di citazione depositato dei legali della Carfagna rischia di creare un precedente gravissimo, specialmente se i giudici vi daranno accoglimento. Poichè -secondo la Guzzanti- si vorrà così imporre dei limiti alla satira.....insomma, la sta buttando sul campo delle libertà personali. Poveretta, o è instabile per davvero come dice la Carfagna, oppure molto più probabilmente INIZIA SERIAMENTE A TEMERE DI DOVER RISARCIRE UN MILIONE DI EURO!

 

Ben gli stà....troppe volte aveva defecato fuori dal vasino, questa volta qualcuno ha deciso finalmente di fargli pulire il tutto (perdonate la non molto elegante metafora).

Moralista e piangina... :thumbdown:
semplicemente è una povera ipocrita, un tempo era una brava comica adesso è una mediocrissima teatrante che sopperisce alla comicità con lò'insulto gratuito e la calunnia e si protegge con lo scudo della satira.

Fa pena per la sua pochezza intellettuale e morale.

Pienamente d'accordo con voi tutti!!! :adorazione:

 

D'altronde, solo chi è privo di un minimo di sale in zucca, può non esserlo!!!

Link to post
Share on other sites
D'altronde, solo chi è privo di un minimo di sale in zucca, può non esserlo!!!

 

quindi io?

 

 

e po ci lamentiamo del amcato rispetto idee/altrui

 

Sabina sarà assolta, ne sono sicuro

Edited by Leviathan
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...