Jump to content

AV-8B Harrier II plus


Kit
 Share

Recommended Posts

Kit... in questa occasione la Future avrebbe risolto tutti i tuoi problemi... io farei un viaggio negli USA! :rotfl:

chi può mai saperlo....magari in un "future".... :rotfl:

 

Cioè, l'Hasegawa ha stampato i trasparenti con uno scalino congiunzione della plastica al centro?!?! :angry: non ci posso credere... io torno a fare i modelli della supemodel! sò brutti ma almeno costano poco... e i trasparenti non hanno questi problemi!

 

Si..... :furioso: ! La stessa cosa mi si era presentata con l'F-16 Tamiya, trovo strano anch'io che case rinomate come quelle citate, offrano soluzioni simili per i trasparenti [almeno...(spero solo ...) per questi due modelli]. Fortunatamente con un po di pazienza il problema viene aggirato. In ogni caso, rimane un particolare antipatico, accettabile (sempre con riserva) per marche notoriamente economiche ma non per quelle considerate al vertice del modellismo statico.

 

Comunque .....una volta archiviato il problema i lavori procedono. Ho appena finito di colorare la mimetica di base e spruzzato il fondo lucido per l'applicazione delle decals. A tal proposito questa volta non ho usato il lucido Humbrol, poichè la volta scorsa (montaggio F16) ho avuto un leggero inconveniente dato dalla lenta asciugatura dello smalto, ma ho provato l'acrilico trasparente della Tamiya....che, non mi ha pienamente soddisfatto, anche se devo riconoscere l'essiccazione è molto rapida. A questo punto vorrei chiedervi che trasparente usate e se vi trovate bene.....grazie! ;)

Per il resto trovo gli acrilici Tamiya (purcè opachi) usati anche in questa occasione con l'aerografo, ottimi per la decorazione dei modelli.

harrier089ol4.jpg

harrier097px7.jpg

harrier099ac6.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 95
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Finito..............!!!

 

Portare a termine questo modello non è sato semplicissimo, vuoi per alcune imperfezioni nella precisione degli stampi, vuoi per cadute di "stile" come la riga di giunzione sui trasparenti....sinceramente con questo kit la Hasegawa non si è dimostrata ai livelli cui la immaginavo, ma spero possa rivalutarsi con un prossimo kit...sì perchè nonostante tutto con un po (molta...) di pazienza, una volta finito..... il risultato non è un modello da scartare ma abbastanza fedele all'originale!

 

dscf3171io4.jpg

dscf3169am1.jpg

dscf3068zx1.jpg

dscf3069er3.jpg

dscf3070no1.jpg

dscf3072rr3.jpg

dscf3073rt8.jpg

dscf3074fm4.jpg

dscf3078vi0.jpg

dscf3093zx5.jpg

 

stasera posto le altre immagini che non ho potuto inserire....in particolare quella chiesta da oberst sulle "parti intime" :lol::P

 

Altre foto quì..!

Edited by Kit
Link to comment
Share on other sites

Mi spieghi un pò come l'hai invecchiato?

Sperando di accontentare altri utenti del forum....ben volentieri!

Hai qualche domanda specifica ;).... !?

 

intanto Ti posto la foto richiesta....

dscf3174hx8.jpg

P.S. noterai che manca il dispenser delle contromisure......eemmh!!! :whistling: .... :blushing:...lo avevo già pronto ma al momento delle foto mi sono dimenticato di incollarlo :sm:

 

Io ho il trasparento non lo uso, non serve ad un tubo (nei modelli WWII)

E fai male..... :P in quanto il trasparente generalmente (tranne pochissimi casi) non viene usato per "lucidare" le mimetiche, ma per preparare il fondo adatto all'applicazione delle decals e la mano successiva oltre a limitare lo "scalino" dato dallo spessore delle decals e proteggere le stesse, serve a preparare il fondo per l'eventuale lavaggio ad olio o altro. Specie per le decals se vuoi che queste sembrinio dipinte e non appiccicate dovresti cominciare ad usare il trasparente....ad esempio ti posto una foto e tieni presente che le decals Hasegawa non sono certamente le migliori in quanto a spessore.

dscf3114rh3.jpg

Link to comment
Share on other sites

Sperando di accontentare altri utenti del forum....ben volentieri!

Hai qualche domanda specifica ;).... !?

Vorrei sapere come hai fatto a dare così bene la "profondità" ai pannelli. e in particolare vorrei sapere che tecniche usi di preciso (per esempio colori a olio, sfumature con l'aerografo oppure tutte due insieme)

P.S.: Grazie per la foto ;)

Link to comment
Share on other sites

Vorrei sapere come hai fatto a dare così bene la "profondità" ai pannelli. e in particolare vorrei sapere che tecniche usi di preciso (per esempio colori a olio, sfumature con l'aerografo oppure tutte due insieme)

...una volta applicate le decals, e data la seconda mano di lucido (ho usato quello Tamiya acrilico) per evidenziare i pannelli più in vista, ho utilizzato un cartoncino come mascherina e l'inchiostro di china abbastanza diluito con alcool, spruzzato con l'aerografo. L'ugello deve essere molto chiuso e il getto di inchiostro deve nella maggior parte finire sulla mascherina di cartoncino (a tal proposito, va benissimo la copertina di una qualsiasi rivista) mentre sui pannelli da evidenziare deve andare solo una minima parte del getto, grazie al cartoncino atterrai delle linee nitide e ben definite oltre ad una definita profondità del pannello. Avendo usato un fondo lucido acrilico devi stare molto attento a non fare errori in questa fase, poichè per togliere eventuali sbavature non puoi usare il cotton fioc imbevuto di alcool perchè così facendo correresti il rischio di togliere anche la vernice acrilica sottostante, nel caso di errori meglio correggere con l'aerografo carico del solito colore del pannello, diversamente se hai usato un lucido sintetico puoi correggere eventuali errori rimuovendo l'inchiostro in eccesso con il cottonfioc imbevuto in alcool.

A questo punto, sono passato al lavaggio con colori ad olio, questa volta per diluirli ho utilizzato non la trementina che oltre a avere un forte odore mi è sembrata troppo "aggressiva", ma il thinner per smalti della molak. Ho ripassato tutti i pannelli (ma non tutti insieme) poi una volta asciutto il composto olio/thinner, senza timore di rovinare le colorazioni precedenti, (trattandosi di acrilici) ho rimosso con dei cotton fioc imbevuti leggermente nel thinner molak le sbavature lasciando evidenziate le sole pannellature, in alcuni casi ho dovuto ripetere l'operazione, in altri dato la minima profondità delle incisioni ho rinunciato.

Caricando l'aerografo con il colore della mimetica leggermente schiarito (ovviamente....un colore per volta :P!) e più diluito del solito, ho corretto eventuali piccoli strabordamenti e schiarito i pannelli all'interno, ma non tutti e non tutti nel solito modo. A questo punto su alcune parti ho usato molto delicatamente la carta abrasiva la più fine che trovi ma non sotto la 1000 (mi raccomando) Io ho usato una grana 1200. A mio avviso sulla superficie ancora lucida se usata con attenzione la carta abrasiva opacizza la zona trattata riflettendo la luce con una angolazione diversa e questa condizione rimane anche se in tono minore anche dopo la mano di opaco, dando al punto così trattato l'impressione di "corrosione". A proposito di opaco, ho utilizzato un mix di vernice trasparente opaca al 60% e il restante 40% trasparente satinato ambedue Humbrol.

 

Almeno in parte spero di essere stato di aiuto.... ;)

Link to comment
Share on other sites

che differenzac'è fra un colore sintetico ed uno acrilico nel risultato finale

Nel risultato finale....amesso che utilizzi l'aerografo, non ci sono sostanziali differenze. Le differenze ci sono nella praticità di utilizzo che a mio parere pendono maggiormente verso gli acrilici.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share


×
×
  • Create New...