Jump to content

Fucili d'assalto


Qual'è il vostro fucile d'assalto preferito???  

137 members have voted

  1. 1. Eccoli elencati alcuni

    • M-16
      33
    • M-4
      35
    • XM-177
      3
    • Galil AR
      6
    • AK-47
      19
    • VZ-58
      1
    • Stg-44(anche se è un po' vecchio)
      7
    • Me ne piacciono altri(scrivete quale vi piace nelle risposte)
      34


Recommended Posts

Quella dell'ak è quella a destra 7.62 soviet (7.62x39) , quella al centro è 7.62 russo. (7.62x54)

 

Pensa un po fra tutte le munizioni tra calibri intermedi e full size (tra quelle diffuse), sai qual'è la munizione con il collo meno accentuato? proprio il 7.62x39. Fermo restando che le munizioni son si valutano in base a quanto hanno di angolo alpha.

 

L'avere un bossolo di calibro molto ridotto rispetto al volume del bossolo è detto overbore. Senza arrivare agli eccessi dell'overbore avere un rapporto volume/calibro a favore del volume è l'unico modo per sparare proiettili veloci e pesanti (pesanti per il calibro). Per avere un volume elevato rispetto al calibro ci sono 2 modi: o si allunga il bossolo come i vari magnum da pistola e gli express dei vecchi tempi ,con il risultato di ottenere munizioni inefficenti (termodinamicamente) e improponibilmente lunghe. Oppure usare bossoli a collo di bottiglia mantenendo cosi la lunghezza del bossolo a livelli accettabili e ottenere munizioni dalla forma tozza: grosse e corte avvicinandosi di piu alla forma termodinamica ideale che vorrebbe lo spazio per la polvere tanto largo quanto lungo (a tal proposito vale la pena citare i calibri da bench resti e gli super short magnum della winchester)

Il 7.62x39 ha poco volume rispetto al calibro e infatti per essere un 7.62 spara proiettili lenti e leggeri.

 

700 express e bossoli 223 WSSM

 

700c.jpg

31724_223_WSSM_m.jpg

 

Vari calibri intermedi (Da fucile d'assalto per intenderci)le due "intruse" sono la 7.62 carbine 3a da sinistra e il 9x39 subsonico 4o da destra

Service%20Carts.jpg

 

 

 

 

Edited by Einherjar
Link to post
Share on other sites
  • Replies 444
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Non è certo, ma altre voci dicono che nel contratto ci sia anche il passaggio dell'alsazia e della lorena come pagamento

FN Scar.   Effettivamente la lista è un pò scarna, mancano molti tipi di fucili (G36, SIG550, Famas, AR, ARX, ect)

Il ministro Ursula von der Leyen pessimista sul futuro del G36 .....   " Germany defence minister sees 'no future for G36' " ..... (117 of 677 words) ..... http://www.janes.com/article/50946/germ

non ho mai smentito che la famiglia AK, essendo di fattura grezza e dozzinale, con ampie tolleranze tra i singoli pezzi, risulti più "user friendly" per quegli utenti dove l'addestramento alla cura ed alla conoscenza profonda dell'arma non è particolarmente curato, ossia, forze irregolari di ogni genere ed eserciti di leva di stampo sovietico, cioè i principali utilizzatori dell'AK.

quindi, che vuoi?

 

 

questo non è vero! si usano le armi di ordinanza. gli unici casi in cui è concesso l'uso di armi extra-ordinanza sono quelli che riguardano le SF (usare l'arma del nemico, soprattutto quando si opera dietro le linee avversarie, può essere comodo per fattori logistici e di stealthness... fa lo stesso rumore e si trovano le munizioni... detto in soldoni) o quando, in situazioni estreme, non si ha nient'altro a portata di mano per sopravvivere.

 

 

le alternative sono 2:

1. ti ha detto un sacco di palle, come quella di montare un bipede sotto un fucile d'assalto: cosa inutile e controproducente.

2. hai capito tu male cosa voleva dire.

 

salve a tutti scusate se replico come primo intervento su questo forum... ma io se ricordo bene anche l'MB 59 come il galil ha il bipede di serie non mi pare inutile....

poi non ci trovo niente di scandaloso se alcuni soldati occidentali usano armi nemiche.. non sarebbe la prima volta ad esempio durante la 2 guerra mondiale molti tedeschi non vedevano l'ora di impossessarsi dei PPSh-41 sovietici dato che erano molto più robusti ed affidabili degli mp 40 , come gli alleati usavano appena possibile le mg 42 tedesche...

Edited by blob
Link to post
Share on other sites
ma io se ricordo bene anche l'MB 59 come il galil ha il bipede di serie non mi pare inutile....

e allora?

il bipede resta uno strumento inutile e pesante su di un fucile d'assalto essendo, per sua stessa natura, un aiuto nel tiro prolungato e da posizione fissa (tralasciando l'uso nel tiro di precisione), cosa che si confà ad una mitragliatrice e non ad un AR. non è un caso se, per il Galil, i bipede è presente solo nella versione ARM (una sottospecie di mitragliatrice leggera di squadra) e non in quella AR. per il BM... bhe, è un Battle Rifle, ovvio che avesse il bipede, nonostante non servisse chissà a che... ed infatti i suoi omologhi non lo avevano.

 

poi non ci trovo niente di scandaloso se alcuni soldati occidentali usano armi nemiche.. non sarebbe la prima volta ad esempio durante la 2 guerra mondiale molti tedeschi non vedevano l'ora di impossessarsi dei PPSh-41 sovietici dato che erano molto più robusti ed affidabili degli mp 40 , come gli alleati usavano appena possibile le mg 42 tedesche...

chi ha mai detto che è scandaloso? semplicemente, si affermava un utilizzo generalizzato e diffuso al posto delle normali ordinanze, cosa falsa.

sulla PPSH-41... là c'era anche "comunanza" di munizionamento ed infatti i russi amavano la MP-38/40. al contrario, non ho mai sentito di MG-42 usate dagli alleati in modo estensivo, se non in casi estremi... non fosse altro per il munizionamento assai differente, dove lo hai letto?

Edited by vorthex
Link to post
Share on other sites

e allora?

il bipede resta uno strumento inutile e pesante su di un fucile d'assalto essendo, per sua stessa natura, un aiuto nel tiro prolungato e da posizione fissa (tralasciando l'uso nel tiro di precisione), cosa che si confà ad una mitragliatrice e non ad un AR. non è un caso se, per il Galil, i bipede è presente solo nella versione ARM (una sottospecie di mitragliatrice leggera di squadra) e non in quella AR. per il BM... bhe, è un Battle Rifle, ovvio che avesse il bipede, nonostante non servisse chissà a che.

 

 

chi ha mai detto che è scandaloso? semplicemente, si affermava un utilizzo generalizzato e diffuso al posto delle normali ordinanze, cosa falsa.

sulla PPSH-41... là c'era anche "comunanza" di munizionamento ed infatti i russi amavano la MP-38/40. al contrario, non ho mai sentito di MG-42 usate dagli alleati in modo estensivo, se non in casi estremi... non fosse altro per il munizionamento assai differente, dove lo hai letto?

 

ma sai questi accessori si usano a secondo delle esigenze.... dargli dell'inutile a prescindere mi pare inappropriato dato che in molte varianti è montato...

Link to post
Share on other sites
ma sai questi accessori si usano a secondo delle esigenze.... dargli dell'inutile a prescindere mi pare inappropriato

se giudichi il bipede utile in un AR... forse allora non ti è chiaro il ruolo dell'AR. altrimenti come spieghi il fatto che nessun AR lo monta? non è che forse è inutile? :asd:

diverso è il discorso del BR, ma là la questione è quasi "comica"... intuile fare tiro a raffica, quindi col bipede (perchè sparare a raffica cone un 7,62 e senza bipede è inutile, nonchè doloroso), coi caricatori da 20colpi :asd:

diverso ancora è il discorso delle odierne rail, dove è possibile montare anche un bipede, ma per compiti molto specifichi, come il DMR, e non di certo come standard del normale fante.

 

dato che in molte varianti è montato...

quale variente di quale arma, scusa?

Edited by vorthex
Link to post
Share on other sites

se giudichi il bipede utile in un AR... forse allora non ti è chiaro il ruolo dell'AR. altrimenti come spieghi il fatto che nessun AR lo monta? non è che forse è inutile? :asd:

diverso è il discorso del BR, ma là la questione è quasi "comica"... intuile fare tiro a raffica, quindi col bipede (perchè sparare a raffica cone un 7,62 e senza bipede è inutile, nonchè doloroso), coi caricatori da 20colpi :asd:

diverso ancora è il discorso delle odierne rail, dove è possibile montare anche un bipede, ma per compiti molto specifichi, come il DMR e non di certo come standard del normale fante.

 

 

quale variente di quale arma, scusa?

 

ma io non sto dicendo che è un accessorio indispenzabile ma solo che è contemplato in alcune variante come dici te in br..

per quanto riguarda il PPSh-41 sbaglio o era camerato con il 7,65??? mentre gli mp40 cal. 9???

Link to post
Share on other sites

attenzione, però, a non confendere il 7,63x25 tokarev della PPHS-41, il quale era assimilabile al 7,62x25 mauser (e da qui la "comunanza" del munizionamento) col 7,62 comunemente inteso... ossia quello delle GPMP e dei BR, che è lungo più del doppio.

Edited by vorthex
Link to post
Share on other sites

attenzione, però, a non confendere il 7,63x25 tokarev della PPHS-41, il quale era assimilabile al 7,62x25 mauser (e da qui la "comunanza" del munizionamento) col 7,62 comunemente inteso... ossia quello delle GPMP e dei BR, che è lungo più del doppio.

 

si certo si parla di munizioni da smg non di fucili di assalto...

sbaglio o il PPHS-41 è stato uno dei pochi smg con bossoli a collo di bottiglia???

Edited by blob
Link to post
Share on other sites

Quella dell'ak è quella a destra 7.62 soviet (7.62x39) , quella al centro è 7.62 russo. (7.62x54)

 

Pensa un po fra tutte le munizioni tra calibri intermedi e full size (tra quelle diffuse), sai qual'è la munizione con il collo meno accentuato? proprio il 7.62x39. Fermo restando che le munizioni son si valutano in base a quanto hanno di angolo alpha.

 

 

ma sicuro parliamo della stessa cartuccia????

Mio Link

ok,ma le munizioni dell'AK restano comunque molto più grossi di quelle NATO,con più polvere e quindi di conseguenza più potenti(probabilmente è più un difetto che un pregio)

Link to post
Share on other sites

ma sicuro parliamo della stessa cartuccia????

Mio Link

ok,ma le munizioni dell'AK restano comunque molto più grossi di quelle NATO,con più polvere e quindi di conseguenza più potenti(probabilmente è più un difetto che un pregio)

 

 

Veramente le munizioni paricalibro nato sono più potenti, nell'ordine di 1000J di potenza in più.

 

Riguardo a cosa parlate è senz'altro la stessa cartuccia e la tua foto non fa che dimostrarlo: l'angolo alfa della cartuccia sovietica è nell'ordine di 15-16 gradi (ad occhio), mentre in un 7,62X51 siamo già a 20 per arrivare ai 23-24 del 5,56x45

Edited by Dominus
Link to post
Share on other sites

Veramente le munizioni paricalibro nato sono più potenti, nell'ordine di 1000J di potenza in più.

 

Riguardo a cosa parlate è senz'altro la stessa cartuccia e la tua foto non fa che dimostrarlo: l'angolo alfa della cartuccia sovietica è nell'ordine di 15-16 gradi (ad occhio), mentre in un 7,62X51 siamo già a 20 per arrivare ai 23-24 del 5,56x45

 

non esistono paricalibro nato a qusta munizione per fucili d'assalto,comunque non intendevo la differenza di diametro tra il collo e la spalla o la base,ma quella tra spalla e base,che nelle munizioni dell'AK è decisamente maggiore,ecco perchè ho detto a cono,era per rendere un pò di più l'idea. comunque nessuno ha ancora detto niente sul discusso video

Link to post
Share on other sites

ma sicuro parliamo della stessa cartuccia????

Mio Link

ok,ma le munizioni dell'AK restano comunque molto più grossi di quelle NATO,con più polvere e quindi di conseguenza più potenti(probabilmente è più un difetto che un pregio)

La capacita del bossolo "colmo" è di 1.87 cm cubi per il 5.56 nel 7.62x39 la capacita 2.31 cm cubi. Ma la palla occupa parte dello spazio nel bossolo ed'essendo le palle del 7.62 piu voluminose alla fine la capacita di entrambe le cartucce si aggira attorno ai 25 grani (varia in base alla palla e alla polvere usata) , altro che molto piu grande.

Il 7.62x39 è comunque piu potente di un 20% ma solo perche ha un bossolo piu efficente e soprattutto perche non deve spingere le palle a 1000ms limitandosi ai 710 (piu una cartuccia è veloce meno è efficente , perche una frazione maggiore della polvere serve per spostare la polvere stessa)

 

 

non esistono paricalibro nato a qusta munizione per fucili d'assalto,comunque non intendevo la differenza di diametro tra il collo e la spalla o la base,ma quella tra spalla e base,che nelle munizioni dell'AK è decisamente maggiore,ecco perchè ho detto a cono,era per rendere un pò di più l'idea. comunque nessuno ha ancora detto niente sul discusso video

 

Ah allora parli della rastrematura, ma la rastrematura non ha niente a che vedere col miglioramento delle qualita balistiche anzi è dannosa perche diminuendo il diametro dalla base alla spalla si sottrae volume al bossolo che quindi per contenere una data quantita di polvere deve essere piu lungo (e quindi inefficente) di un bossolo con la stessa base ma con il corpo dritto.

 

La rastematura serve per facilitare il funzionamento del ciclo in un'arma automatica rendendo piu facile cameramento ed'estrazione, caricatori e armi automatiche non vanno d'accordo con cartucce che siano corte,larghe,corpo dritto,e spalla accentuata. Infatti è per motivivi di affidabilita (e numero di colpi nel caricatore) che ci si è fatti piacere il bossolo del 5.56 nonostante essendo cosi lungo e stretto non è certo l'ideale per la balistica interna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Link to post
Share on other sites

se giudichi il bipede utile in un AR... forse allora non ti è chiaro il ruolo dell'AR.

 

In realtà se rispondi così forse non è chiaro a te il ruolo

 

1. Dell'AR ( o nella versione SC);

2. Del bipiede in sè;

3. Dell'unità (inteso come fante) appiedata;

 

L'AR è una delle armi d'assalto in dotazione alle nostre forze armate, quel fucile è in dotazione alla fanteria che non sempre fa delle azioni tipo RAID, ma molto spesso deve presidiare dei torritori per lungo periodo.

Durante questi periodi onde evitare che la truppa a terra si faccia tirare in fronte si costruiscono ( aseconda dei tempi di presidio dei ripari piu' o meno confortevoli/sicuri (pile di sacchetti a terra oppure veri e proprimuri di mattoni) e non è raro che il soldato sfrutti il bipiede per appoggiare l'arma appunto sul muro per garantirsi una posizione piu' comoda e piu' sicura.

 

 

altrimenti come spieghi il fatto che nessun AR lo monta? non è che forse è inutile? :asd:

 

Ahem..

 

è una dotazione standard il bipiede ed è presente su tutti gli AR e gli SC

 

beretta_sc70_90.jpg

 

Quello sotto il manicotto attaccato alla fine del tromboncino spegnifiamma è appunto il bipiede chiuso..

 

:P

 

diverso è il discorso del BR, ma là la questione è quasi "comica"... intuile fare tiro a raffica, quindi col bipede (perchè sparare a raffica cone un 7,62 e senza bipede è inutile, nonchè doloroso), coi caricatori da 20colpi :asd:

 

Se si tira a raffica non necessariamente si fa con il bipiede aperto..

Link to post
Share on other sites
In realtà se rispondi così forse non è chiaro a te il ruolo

 

1. Dell'AR ( o nella versione SC);

2. Del bipiede in sè;

3. Dell'unità (inteso come fante) appiedata;

 

L'AR è una delle armi d'assalto in dotazione alle nostre forze armate, quel fucile è in dotazione alla fanteria che non sempre fa delle azioni tipo RAID, ma molto spesso deve presidiare dei torritori per lungo periodo.

Durante questi periodi onde evitare che la truppa a terra si faccia tirare in fronte si costruiscono ( aseconda dei tempi di presidio dei ripari piu' o meno confortevoli/sicuri (pile di sacchetti a terra oppure veri e proprimuri di mattoni) e non è raro che il soldato sfrutti il bipiede per appoggiare l'arma appunto sul muro per garantirsi una posizione piu' comoda e piu' sicura.

mi sa che non è chiaro a te e non a caso hai tirato in ballo una situazione limite, situazione nella quale è sicuramente più indicata un GPMG e non un AR col bipede che sa tanto di fantozziano.

 

Ahem..

 

è una dotazione standard il bipiede ed è presente su tutti gli AR e gli SC

Quello sotto il manicotto attaccato alla fine del tromboncino spegnifiamma è appunto il bipiede chiuso..

tralasciando che con AR intendevo un qualsiasi fucile d'assalto e non il nostro.

sarà forse un caso che il bipede è stato sempre oggetto di critica perchè oltre ad essere pesante è anche inutile? e sarà forse sempre un caso se altri fucili non lo montano... o anche tutti gli altri stati maggiori non hanno ben chiaro il compito del fante?

 

Se si tira a raffica non necessariamente si fa con il bipiede aperto..

se tiri a raffica con un 7,62 NATO, senza adeguato sostegno non becchi niente... non lo dico io, ma la fisica e non a caso il 7,62 NATO non si usa più come dotazione base del fante. ovviamente, da ciò esluano i fucili per DMR, ma sono situazioni particolari e tali armi non sostituiscono le normali dotazioni in 5,56.

Edited by vorthex
Link to post
Share on other sites

mi sa che non è chiaro a te e non a caso hai tirato in ballo una situazione limite, situazione nella quale è sicuramente più indicata un GPMG e non un AR col bipede che sa tanto di fantozziano.

 

 

tralasciando che con AR intendevo un qualsiasi fucile d'assalto e non il nostro.

sarà forse un caso che il bipede è stato sempre oggetto di critica perchè oltre ad essere pesante è anche inutile? e sarà forse sempre un caso se altri fucili non lo montano... o anche tutti gli altri stati maggiori non hanno ben chiaro il compito del fante?

 

 

se tiri a raffica con un 7,62 NATO, senza adeguato sostegno non becchi niente... non lo dico io, ma la fisica e non a caso il 7,62 NATO non si usa più come dotazione base del fante. ovviamente, da ciò esluano i fucili per DMR, ma sono situazioni particolari e tali armi non sostituiscono le normali dotazioni in 5,56.

 

Senza voler per questo diventare polemico, a quanto detto aggiungo che per 6 anni ho fatto parte delle forze armate e quel che dico lo dico sapendo di cosa parlo..

 

:)

 

Poi giudica tu cosa secondo te è piu' corretto, se una scheda tecnica letta sul web o una esoerienza personale riportatada chi ci ha macinato dei km in pattuglia..

 

ah

 

http://it.wikipedia.org/wiki/AK-47

 

questo è un 7,62..

 

 

sbaglio oppure è una arma individuale?

 

sbaglio o non necessita di bipiedi per essere impiegata correttamente?

 

:P

Edited by Rootlogan
Link to post
Share on other sites

bhe, considerando che non sai distinguere tra un 7,62x39 russo, ossia quello usato dell'AK, ed un 7,62 NATO che, per la cronaca, è 7,62x51... direi che mi fido di una "scheda tecnica letta sul web" ;)

Edited by vorthex
Link to post
Share on other sites

bhe, considerando che non sai distinguere tra un 7,62x39 russo, ossia quello usato dell'AK, ed un 7,62 NATO... direi che mi fido di una "scheda tecnica letta sul web" ;)

 

Giusto, la camera di cartucci è la stessa, la reazione all'esplosione uguale .

 

Probabilmente non hai mai preso in mano un'arma e lo si evince dalle tue valutazioni superficiali e prive di esperienza personale fondata..

 

comq si, continua a fidarti delle tue schede tecniche..

 

:)

 

Senza rancore

 

Root

Edited by Rootlogan
Link to post
Share on other sites

la camera di cartuccia tra un AK ed un fucile camerato per un 7,62 NATO è diversa, perchè diverso è il bossolo...

 

ora, in base a quale stramba legge fisica un 7,62x39 è uguale ad un 7,62x51?

no perchè, sulla Terra, 51mm sono cosa ben diversa da 39mm. da ciò deriva che l'arma, non solo non può spararli entrambi indifferentemente, visto la "piccola" differenza in lunghezza del bossolo, ma anche che un proiettile è adatto al tiro a raffica "senza bipede" (il russo, nasce apposta come calibro intermedio adatto ad un AR), mentre l'altro, essendo "leggermente" più potente (non è più lungo perchè "altezza mezza bellezza" eh!... è più lungo perchè contiene più polvere)... no, oltre ad avere il primo una palla più leggera dell'altro.

 

aspetto una risposta, anche perchè tu hai citato l'AK-47 come esempio di 7,62 NATO da usare "senza bipede".

Edited by vorthex
Link to post
Share on other sites

la camera di cartuccia tra un AK ed un fucile camerato per un 7,62 NATO è diversa, perchè diverso è il bossolo...

 

ora, in base a quale stramba legge fisica un 7,62x39 è uguale ad un 7,62x51?

no perchè, sulla Terra, 51mm sono cosa ben diversa da 39mm. da ciò deriva che l'arma, non solo non può spararli entrambi indifferentemente, visto la "piccola" differenza in lunghezza del bossolo, ma anche che un proiettile è adatto al tiro a raffica "senza bipede" (il russo, nasce apposta come calibro intermedio adatto ad un AR), mentre l'altro, essendo "leggermente" più potente (non è più lungo perchè "altezza mezza bellezza" eh!... è più lungo perchè contiene più polvere)... no, oltre ad avere il primo una palla più leggera dell'altro.

 

aspetto una risposta, anche perchè tu hai citato l'AK-47 come esempio di 7,62 NATO da usare "senza bipede".

 

 

La replica arriva:

 

Il fucile d'assalto semi automatico M1 Garand (7,62x63 mm),viene impiegato nel corso del secondo conflitto mondiale ed era impiegato a colpo singolo e a raffiche dalle truppe alleate, precisamente americane.

Nel corso degli anni successivi da quello che ricordo viene invece elaborata la 7,62x51 Nato che ha lo scopo di uniformare le munizioni delle armi leggere del patto atlantico, la nuova cartuccia farà perdere un pò di gittata rispetto alla precedente (sotto il 20%) ma garantisce una precisione migliore.

 

Detto questo, le ragini che spinsero gli americani a rivedere la munizione era la sempre crescente necessità di avere volume di fuoco per le armi leggere (la precedente avendo una lunghezza maggiore provocava inceppamenti).

 

Detto questo, sicuramente impiegare una 7,62x51 senza bipiede risulta piu' faticoso che per una 7,62x39 ma l'impiego è stato pensato per armi individuali semiautomatiche da non utilizzare necessariamente con il bipiede.

 

Comuque, io parlavo di calibri 7,62 in genere ed intendevo dire che come risposta di fuoco sono simili ma non identici, non intendevo certo dire che un fulcile impiegato storicamente dai paesi del patto di Varsavia potesse usare delle munizioni standard NATO.

 

Spero di aver chiarito il mio punto di vista senza aver per questo urtato la sensibilità di nessuno, cercavo solo di raccontare alcune esperienze personali, testate sul campo da me e non lette ahimè su delle schede tecniche.

Link to post
Share on other sites

La replica arriva:

 

Il fucile d'assalto semi automatico M1 Garand (7,62x63 mm),viene impiegato nel corso del secondo conflitto mondiale ed era impiegato a colpo singolo e a raffiche dalle truppe alleate, precisamente americane.

Nel corso degli anni successivi da quello che ricordo viene invece elaborata la 7,62x51 Nato che ha lo scopo di uniformare le munizioni delle armi leggere del patto atlantico, la nuova cartuccia farà perdere un pò di gittata rispetto alla precedente (sotto il 20%) ma garantisce una precisione migliore.

 

Detto questo, le ragini che spinsero gli americani a rivedere la munizione era la sempre crescente necessità di avere volume di fuoco per le armi leggere (la precedente avendo una lunghezza maggiore provocava inceppamenti).

 

Detto questo, sicuramente impiegare una 7,62x51 senza bipiede risulta piu' faticoso che per una 7,62x39 ma l'impiego è stato pensato per armi individuali semiautomatiche da non utilizzare necessariamente con il bipiede.

 

Comuque, io parlavo di calibri 7,62 in genere ed intendevo dire che come risposta di fuoco sono simili ma non identici, non intendevo certo dire che un fulcile impiegato storicamente dai paesi del patto di Varsavia potesse usare delle munizioni standard NATO.

 

Spero di aver chiarito il mio punto di vista senza aver per questo urtato la sensibilità di nessuno, cercavo solo di raccontare alcune esperienze personali, testate sul campo da me e non lette ahimè su delle schede tecniche.

 

Il Garand non era un fucile d'assalto e soprattutto non sparava a raffica -_- tu stesso dici nella stessa frase che è un semiautomatico.

 

Il 7.62x51 doveva in teoria essere uina munizione meno esuberante del 30-06, da applicare nella nuova dottrina del fucile d'assalto maturata durante la WW2. Ma chi di dovere non voleva assolutamente scendere sotto lo 0.30 di calibro ne calare troppo con la velocita , negli stessi anni paesi di tutto il mondo si cimentavano nella sperimentazione di cartucce di calibro intermedio, e il .280 british tra queste era probabimente la piu adatta (di fatti il trend di sperimentazione moderno riguarda carttucce (6.5 grendel , 6.8 spc) che presentano molte analogie con la munizione britannica) . Fatto sta che gli USA pèreferirono il loro 7.62x51 e il peso della standardizzazione con gli USA nella NATO era tale da portare gli altri paesi contro voglia ad'adottare il 7.62x51.

 

 

Il risultato è che il 7.62x51 è tutt'altro che una munizione di calibro intermedio adatta ai fucili d'assalto , e da questo punto di vista è stato un fallimento. Ma come cartuccia nel suo complesso è stato un grande successo perche utilizzabile proficuamente in DMR rifle, sniper rifle , GPMG , e nei battle rifle; battle rifle ovvero tutti quei fucili nati in occidente sulla dottrina del fucile d'assalto ma non riusciti come tali causa la munizione utilizzata (il 7.62x51) tra questi: FAL belga, G-3, BM-59, IMI Galil ,M-14 ecc. I battle rifle anche se armi utilissime non rispondo ai criteri della dottrina del fucile d'assalto , e di qui il successivo sviluppo del 5.56 e armi relative.

 

Balisticamente il 7.62x51 ha praticamente la stessa potenza del 30-06. Cio è il risultato dei progressi nella chimica delle polveri (da quanto è nato il 30.-06 a quando è nato il 7.62x51) è dai diversi caricicamenti, Il 30-06 ha un case con una capacita maggiore del 7.62 ma questa capacita viene usata per usare polveri piu lente e voluminose con palle piu pesanti rispetto a quelle del 7.62x51, ma in termini di energia cinetica pura il 30-06 è solo marginalmente piu potente, e la migliore resa su lunghe distanze è dovuta principalmente al poter utilizzare palle con coeficente balistico migliore.

 

Quindi nulla a che vedere con precisione e inceppamenti. dal punto di vista della meccanica dell'arma un bossolo piu corto permette di avere un'azione piu corta e quindi un'arma piu compattto, dal punto di veista della meccanica i vantaggi finiscono qui il resto è balistica.

Edited by Einherjar
Link to post
Share on other sites

Quindi nulla a che vedere con precisione e inceppamenti. dal punto di vista della meccanica dell'arma un bossolo piu corto permette di avere un'azione piu corta e quindi un'arma piu compattto, dal punto di veista della meccanica i vantaggi finiscono qui il resto è balistica.

 

http://it.wikipedia.org/wiki/7,62_%C3%97_51_mm

 

Dice della 7,62x51 NATO

 

 

"La .308 Winchester è accorciata, di circa dodici millimetri, e lievemente modificata, nella parte apicale del bossolo, della più anziana .30-06. Il che significa in termini balistici una leggera perdita di gittata, di circa il 15%, ma un tiro più teso e dritto.

 

Questa modifica si rese necessaria nel dopoguerra per l'impiego in armi militari automatiche, nelle quali inoltre tanto minore è la corsa dell'otturatore in fase di espulsione del bossolo e di riarmo, tanto più veloce e scevra da inceppamenti risulta la cadenza di fuoco."

 

Per tutte le altre obiezioni c'è sempre la pagina indicata..

 

 

ciao e grazie

Edited by Rootlogan
Link to post
Share on other sites

un paio di punti fermi sugli argomenti:

 

- il 30.06 e' un calibro ottimo. Ha benissimo figurato col Garand e con le MG, e l'unico motivo della sua sostituzione e' stato quello di trovare una cartuccia meno grande che potesse essere sparato anche in automatico (i Johnson non erano certo stati un successo), senza dovere costruire una mitragliatrice.

- il 308 nasce come calibro di compromesso: gli Americani non volevano, sostanzialmente, una cartuccia per il fuoco automatico, ma una cartuccia che potesse essere sparata ANCHE in automatico (essendo previsto che il fante sparasse in fuoco mirato, e solo in emergenza a raffica), il contrario di quanto gli inglesi, come si ricordava, studiavano con la .280 british.

- Il 308 nasce quindi con filosofie totalmente diverse da quelle del 7,62x39, ispirata dal 7,62x33 Kurz, o forse in origine dal 7,75x39 prebellico, ovvero una cartuccia che doveva essere intermedia fra quelle della pistola, e quelle da fucile.

 

da li, nasce tutta la vostra discussione, per cui:

 

- si, meglio sparare a raffica con un bipede, se lo si ha, col 7,62x51 (gli inglesi non hanno mai voluto il FAL a raffica, ma solo semiautomatico, in quanto assolutamente incontrollabile

- si, il 7,62 russian e' una ottima cartuccia, per il suo uso, ma non e' balisticamente confrontabile con il 7,62 NATO, che invece puo' essere balisticamente sovrapponibile al 7,62x54 delle MG russe

- si, lo AK47 e' una ottima arma, ma anche i Russi lo hanno sostituito da anni con lo AK74 in ca. 5,45, per gli stessi motivi che hanno portato gli occidentali a scegliere il 5,56: maggiore controllabilità nel tiro a raffica, maggior numero di colpi trasportabili a parità di peso.

- si, gli Americani, ma soprattutto i sudafricani, gli Israeliani, ecc ecc, specie delle FS, hanno utilizzato lo AK47, arma comunque ottima (per i suoi scopi originari) e che e' stata copiata dagli Israeliani, che qualcosa capiscono, col GALIL (e uno dei motivi e' la pressochè totale mancanza di manutenzione, nessun fucile come lo AK spara davvero sempre, non c'e' M4 che tenga).

 

Morale, avere ragione tutti quanti.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...