Jump to content
Sign in to follow this  
fabri

Dubbi, domande e curiosità generiche

Recommended Posts

Sbagliato vultur: sempre 109 è.

 

Poi appunto è una versione diversa. Ma non è un FW190.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti è un HH-3F Codice Charlie, la definizione non è casuale.

Forse sarebbe stato più chiaro se fosse stato chiamato HH-3G o HH-3I, ma tali sigle sono designazioni del DoD americano, quindi il nostro essendo una variante autonoma di un modello prodotto su licenza come HH-3F, non poteva che mantenere tale designazione di partenza, a cui è stato aggiunto il suffisso semi ufficiale B (Bravo) e poi C (Charlie). Nè lo Stato Italiano nè tanto meno l'Agusta avevano alcuna autorità per modificare una designazione di paternità americana, nè tanto meno potevano avere alcun interesse a farlo.

Sigle a parte la sostanza non cambia, è senz'altro una macchina diversa dagli HH-3F della Cost Guard americana e, per quanto possibile, aggiornata allo "stato dell'arte", ma la base è pur sempre quella.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti,

ho bisogno del vostro aiuto, vorrei acquistare un elicottero militare dismesso, cioè non funzionante, meglio ancora la sola fusoliera, ma non riesco proprio a trovare nessuno che mi aiuti dandomi delle indicazioni su dove si possono trovare.

chiedo se qualcuno ha informazioni in merito.

ogni indicazione è ben gradita.

 

un saluto a tutti, Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti,

Come scritto in descrizione,vorrei sapere se per diventare pilota di elicottero (non militare mai civile) bisogna avere una vista perfetta.

Vi chiedo questo perchè sono miope ed ho un leggerissimo astigmatismo.

Ad esempio per pilotare un Sikorky S-64 bisogna avere 10/10 di vista ?

E se decidessi di entrare ella forestale oppure nei V.V.F.,è richiesta la medesima perfezione ?

Grazie per le future risposte ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se è rimasto come nel '95, per i militari se ricordo bene devi avere 10/10, (che non è "la perfezione", ma il minimo per poter dire che hai una vista sufficiente; alcuni individui, specie alcuni adolescenti, superano, in genere temporaneamente, i 10/10).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Vultur,

per i piloti militari sapevo che era così. Ma vorrei delle informazioni riguardo alle altre domande ;)

Purtroppo non posso entrare in AM proprio per i problemi,seppur leggeri,che riguardano la mia vista ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

In campo civile sono più "morbidi", specie all'estero nei paesi anglosassoni. Una volta in campo militare la chirurgia rifrattiva non era ammessa. In campo civile neanche (in Italia). All'estero si.

 

Io a suo tempo feci il laser a ecccimeri con tecnica PRK. A me mi ha cambiato la vita. Ora, adistanza di un anno, grazie a Dio posso dire che è andato tutto benissimo. Ma attenzione: io sono nato fortunato (e forse pure incosciente), altri invece non lo sono stati altrettanto ...

 

Primo: ci sono dei rischi intrinseci che vanno attentamente valutati. Secondo: il risultato perfetto, come nel mio caso, NON è affatto scontato e potresti benissimo fare l'intervento, rischiare la vista (che non mi pare poco) per poi scoprire che la correzione non è stata totale e nei limiti non ci rientri lo stesso e devi comunque rimettere gli occhiali (anche se più "leggeri")!

E, terzo, il successo dipende MOLTO da chi è che ti opera, quindi è come sempre necessario informarsi A FONDO e PRIMA dell'intervento e non dopo .... (Come ho visto fare a certi poveri fessi perchè al mondo c'è anche sta gente e poi ci si pente amarissimamente .......).

 

In Italia sono molto esclusivi e selettivi. L'intervento ai miei tempi non era accettato in campo militare. In campo civile si, ma dipendeva dall'entità del difetto in diottrie da cui partivi prima della correzione laser.

 

Scrivi in giro che oggi nel web c'è parecchia roba. Per esempio dà un'occhiata alle norme JAR FCL3 (Joint Aviation requirements). Per vari motivi in Italia i limiti sono più ristretti, all'estero in campo civile invece meno perchè dicono che se entro certi limiti ci vedi 10/10 con la giusta correzione loro ti danno possibilità uguali a quelle degli altri (nel civile ovviamente).

Edited by Vultur

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao david .. è possibile ottenere aiuto da globalplanesearch.com.They hanno ottenuto alcuni elicotteri militari decommisioned in vendita e se avete bisogno di

 

elicotteri rc, quindi si può avere un sacco di opzioni sul internet.There sono molti rc giocattoli di produzione dell'azienda, è possibile controllare i loro prodotti loro siti ufficiali

Edited by barry3065

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti...

questa mattina giocavo con il mio simulatore ed ho impostato le condizioni meteo in piovoso.

Mi chiedevo se un elicottero potesse viaggiare in condizioni meteo così! faccio la domanda come mi serve :D

Un elicottero o un aereo possono essere sogetti ad essere colpiti da fulmini???

:) grazie :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo e capita pure spesso...

I materiali usati e la stessa progettazione sono volti però a far si che il fulmine trovi facile passaggio sulle superfici esterne senza danneggiare il mezzo e tantomeno attraversarlo.

Purtroppo non capita sempre questo e a volte le cose vanno male.

Qui cosa può succedere a un elicottero...

 

https://www.eurocopter.com/mailing2/doc_wsw/oil_gas5/5950_Light_E_edited.pdf

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Primo, dovrebbe essere certificato per volo strumentale. Significa tra le altre cose che la cellula è fatta per disperdere il fulmine sulla sua superficie e che tutte le sue parti metalliche sono tutte collegate tra loro con fili di rame (conduttori) o alluminio (di cui è fatto l'aereo) in modo da costituire un "tutt'uno elettrico", cioè una scatola fatta di materiali conduttori. Questo per favorire la dispersione dell'energia del fulmine all'esterno lungo tutta la fusoliera in modo che colpisca una parte della cellula e se ne esca dall'altra attraverso la via più breve e/o quella a maggior conduttività e minor resistenza. A questo scopo i materiali compositi moderni pare abbiano una resistenza più elevata dell'alluminio e pertanto purtroppo sarebbero proprio loro (i compositi) a subire il danno maggiore in caso di fulmini.

Le sedi più stressate dalla scarica di un fulmine (da quel che so), sono il punto dove il fulmine colpisce e quello da dove esce rientrando in atmosfera. Questi punti è meglio che abbiano una buona conduttività (bassa resistenza), perchè sennò il fulmine li fonde e li può perforare.

 

Secondo: alla larga il più possibile dai temporali (in genere sono dei bellissimi nuvoloni neri) perchè sono una delle più grandi fonti generatrici di fulmini.

 

I fulmini possono rappresentare un pericolo molto serio soprattutto per l'avionica di bordo (dentro la fusoliera) oltre che per l'aereo in sè. La scarica elettromagnetica di un fulmine può far impazzire gli strumenti di bordo. La fusoliera in volo è un contenitore metallico chiuso e dovrebbe funzionare da Gabbia di Faraday, cioè la scarica della differenza di potenziale che genera il fulmine dovrebbe propagarsi (e dissiparsi) lungo la superficie esterna della fusoliera proteggendo chi è dentro. La strumentazione elettrica ed elettronica però può annullare questo effetto.

 

Sempre da quel che so io i fulmini non sono tutti uguali, essendo essi una scarica o "arco" che si origina per una differenza di potenziale tra due oggetti (atmosfera e terreno per esempio), la loro intensità dovrebbe dipendere dall'entità della differenza di potenziale instauratasi: più è grande la differenza, più sarà catastrofico e potente il fulmine (cadere dal primo piano non è come cadere dal quarto), ma purtroppo non ne so molto di più. In generale l'incontro con un fulmine non è un bell'incontro.

Edited by Vultur

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti,

Su questo argomento; per quei aerei stealt, Tipo B2B o F117 o comunque quelli in materiali compositi, come si proteggono?

 

Per quanto riguarda i tipi di fulmini, che io sappia ce ne sono di due tipi:

Classici, che hanno un energia associata medio bassa, e per cui gli aerei sono attrezzati, progettualmente parlando.

Stratosferici, rari, ma con un energia molto elevata tale da giungere fino nello spazio, e credo che contro questi siamo indifesi. (cosi come le onde anomale da 40 metri che ci sono in mare)

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho idea di come fanno gli aerei stealth a proteggersi dai fulmini. probabilmente come fanno tutti gli aerei. le mie conoscenze di fisica sono rudimentali, ma in genere una corrente elettrica dovrebbe muoversi in un corpo o oggetto non attraverso la via più breve, ma attraverso la via a minor resistenza a a più alta conducibilità. Se l'ampiezza, cioè la forza della corrente (che credo sia in Ampere) è eccessiva (come nei fulmini che arrivano a centinaia di migliaia di Ampere), tutto quello che offre resistenza è praticamente spacciato (cioè fritto).

 

Se un fulmine corre lungo la via di minor resistenza, questo si può sfruttare. Predisponendo nell'aereo vie continue e ininterrotte da un capo all'altro della cellula e a bassa resistenza ed alta conducibilità, fatte di materiale altamente conduttore come l'alluminio, il rame, ecc... In questo modo il fulmine corre preferenzialmente lungo queste vie e "lascia in pace" (si fa per dire) il resto.

 

tra i punti più colpiti dalle scariche come si sa i più interessati sono tutti i punti sporgenti o appuntiti, che in pratica attirano i fulmini come farebbe un parafulmine. L'aereo purtroppo è pieno di questi punti: muso, coda, apice delle ali e della deriva, punta delle pale delle eliche ... Sono questi i punti più colpiti dai fulmini.

 

 

Inoltre, ogni aereo o aeromobile in volo sfrega contro l'atmosfera (contro l'aria, contro la polvere, contro la pioggia, contro aghi di ghiaccio delle nuvole ...), specie durante il volo in mezzo a brutto tempo, o a temporali, o nelle nuvole. Le pale delle eliche, specie in un elicottero, sono molto esposte a caricarsi (ionizzarsi) in questo modo a causa del loro moto veloce ("sfregano" molto). Tutto questo carica (cioè ionizza) la fusoliera (perchè "strappa" elettroni), dotandola di un eccesso di cariche elettriche (statiche). Una cosa simile a quando si fa passare un maglione di lana sui capelli: se si è al buio si vedono le scintille e si sentono i capelli che si drizzano in testa.

 

Quasi sempre, specie se si vola nelle nuvole, la distribuzione delle cariche statiche sull'aereo non è uniforme, per cui tra le parti più cariche e quelle meno cariche della fusoliera iniziano a crearsi delle correnti, per annullare le differenze di potenziale elettrico tra i vari punti dell'aereo. Queste correnti tra parti diverse della fusoliera possono essere tali da essere anche viste, come "piccoli" fulmini o scintille. Queste correnti tendono a generare campi magnetici che fanno impazzire la radio e l'elettronica di bordo e anche queste pertanto vanno incanalate lungo vie preferenziali (a bassa resistenza) che le portano a sfociare in atmosfera in siti prestabiliti dell'aereo che sono quelle antennine (dissipatori di statica) che si vedono alle estremità di ali, deriva e equilibratori). In questo modo la corrente elettrica viene incanalata e smaltita in atmosfera.

 

Al contrario, i siti come le antenne radio o il radar (ma questo lo dico io non so se è sicuro) sono protetti dalla corrente elettrica che corre sulla fusoliera da un cappuccio isolante, cioè ad alta resistenza o "dielettrico", che protegge l'antenna da interferenze in trasmissione o ricezione causate da fulmini o statica, in quanto queste correnti vengono incanalate altrove (lontano dalle antenne) lungo le vie a minor resistenza.

Non a caso il radome dei caccia che copre l'antenna radar dovrebbe essere in materiale dielettrico (isolante).

Un'altra cosa è poi che tutti gli strumenti di bordo vengono costruiti dotandoli di una tolleranza alla tensione molto alta, cioè possono sopportare differenze di potenziale molto elevate, in modo che anche un fulmine potrebbe attraversarli, in teoria senza fonderli (ma questa ultima cosa non so se è esatta).

Edited by Vultur

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a Tutti,

mi rivolgo a questo forum per conoscere le retribuzioni dei piloti a 129 in missione in Afganistan ...

grazie per l'attenzione

 

per i diversi gradi di :

-maggiore

-tenente colonnello

Edited by radar111

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti,

chiedevo se qualcuno è a conoscenza di manovre militari con elicotteri, in corso da qualche giorno nelle zone del basso lago di Garda, diciamo tra Peschiera e Verona. L'altro giorno c'erano due elicotteri tipo Mangusta che hanno fatto decine di giri, al mattino, sopra le colline zona Castelnuovo del Garda. Oggi intorno alle 16 invece c'era un Tornado che ha fatto molti "giri" nella stessa zona, (a quota abbastanza alta). Adesso mentre scrivo, (h 18,30 del 18/04) ci sono tre elicotteri tipo Agusta Bell 212 che continuano a girare sulle stesse zone. Ormai hanno fatto decine di giri ad una quota di circa 200 m. con i portelloni aperti. Mi incuriosiscono parecchio queste operazioni e chiedevo se qualcuno degli appassionati di volo è a conoscenza di queste manovre. Magari sono solo esercitazioni di routine, ma è strano, perchè non siamo vicini ad ad aeroporti militari, quello di Ghedi ospita solo i Tornado, mentre quello di Villafranca è quasi esclusivamente civile.

 

Grazie e good summer for you

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche se non proprio vicinissima c'è l'RMM di Padova che ospita proprio gli AB212...io ti parlo solo di AM, ma può darsi che sia qualche addestramento dell'AVES, personalmente non ti sò dire...in ogni caso è anche possibile, se dici di aver visto il portellone aperto, che siano manovre addestrative di aero-soccorritori.

Premetto però che di Elicotteri ne sò poco o niente...

per quanto concerne il Tornado, con la base di Ghedi nelle tue vicinanze sono certo che sia praticamente normale soprattutto in questo periodo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Alex83,

 

grazie per le tue osservazioni, saranno di certo voli di addestramento.

 

I tre AB212 li ho visti ancora passare ieri sera sul tardi, verso le 22.

 

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Figurati...io non sono a conoscenza delle operazioni che svolge il reparto manutenzioni di Padova, ammesso e concesso che siano i loro AB212, ma per quanto ne so in genere dopo delle ispezioni o comunque dopo riparazioni svolte in determinati apparati dell'elicottero si fanno dei voli di collaudo per testare l'apparecchio. Per il resto non ti saprei aiutare =)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve ragazzi, qualcuno saprebbe dirmi quanti cavalli x kilo ci vogliono per un overing fuori dall'effetto terra? piu o meno, prendendo come esempi elicotteri tra i piu efficenti in questa situazione.

 

saluti!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...