Jump to content

Recommended Posts

Guest intruder
Ma, a parte le osservazioni di Blu e Green che, per logica, vengono prima di tutto, ti sembra così a buon mercato un B-2 a 2 MILIARDI di dollari??? L'USAF ne ha acquistato in tutto 21, ora ridotti a 20!

 

 

Il B2 costa sui 600 milioni, i due miliardi si ottengono col sistema molto discutibile (secondo me) di spalmare tutti i costi, R&D in poi, sulla produzione. Con questi sistemi una Panda dovrebbe costare mezzo milione o giù di lì.

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites

imageviewcfmon9.th.jpg

 

E' proprio il caso di dire che il vecchio "BUFF" non muore mai! Tant'è che la scorsa settimana, presso la Barksdale Air Force Base, si è svolto, per la prima volta, un volo di dimostrazione, mediante l'impiego, su un B-52H, della LJDAM, la quale in aggiunta al gps, che è il sistema di guida, ha il puntamento laser, che fornisce una estrema precisione , in terra come in mare, e sia per oggetti stazionari che in movimento. Un altro volo di dimostrazione è previsto entro la fine di quest'anno. Per chi volesse approfondire la LJDAM, esiste una ottima descrizione di gianni al seguente link:

http://www.aereimilitari.org/forum/index.php?showtopic=3842

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ottimo :adorazione: il B-52 secondo me potrà ancora dire la sua..e con quel carico di ben 30 tonnellate ;);)

Anche perche rimarra in prima linea fino al 2040 o giù di li, diventando il velivolo militare più vecchio al mondo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque mi sorge una domanda spontanea ma tra il B-1 Lancer e il B-2 Spirit non portebbero trovare un sostituto per il B-52 invece di aspettare che l'aereo invecchi ancora di più??

Certo, tra i vari aggiornamenti effettuati il B-52 è ancora un ottimo bombardiere ma nell'era della tecnologia stealth non vi sembra il caso che venga radiato una volta per tutte ???

P.S. Non pensate che odio questo bombardiere :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

costa meno un B52 ke un B1 o addirittura un B2!!!!

 

perchè dovrebbero radiarlo???.....non ne vedo il motivo,avrà i suoi anni sulle ali( :rotfl: ),ma è il miglior(secondo il mio parere)bombardiere costruito!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono daccordo con Nascar.

Credo che il B-52 sia stato uno dei migliori (se non il migliore)bombardieri mai esisti,ma ormai ha una certa età e quindi dovrebbero trovare un sostituto prima possibile,anche se non credo sia un compito facile sostituire un aereo come il BUFF.

 

Ho visto che se ne era parlato anche un po qui:http://www.aereimilitari.org/forum/index.p...=3874&st=15

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho cercato, in rete soprattutto, ma certi dati sembra che non esistano e/o non siano "pubblici".

Più o meno quanto duravano le missioni "di pattuglia" degli anni '60, quando c'era molta preoccupazione riguardo a possibili "first strike"? Mi sembra un problema logistico non da poco, se è vero che i velivoli dovevano partire da basi USA e restare a 2-3 ore dai loro potenziali obiettivi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
Ho cercato, in rete soprattutto, ma certi dati sembra che non esistano e/o non siano "pubblici".

Più o meno quanto duravano le missioni "di pattuglia" degli anni '60, quando c'era molta preoccupazione riguardo a possibili "first strike"? Mi sembra un problema logistico non da poco, se è vero che i velivoli dovevano partire da basi USA e restare a 2-3 ore dai loro potenziali obiettivi

 

Considera che la loro prima missione di Desert Storm, fu un round trip da Barksdale AFB, oltre 25 mila chilometri in 35 ore di volo e 4 rifornimenti aerei complessivi per ogni macchina. Non credo le missioni di pattugliamento della Guerra Fredda avesseo tempi inferiori.

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sulla durata dei voli, nel 1957 tre B-52 a quato risulta "normali" fecero il giro del Mondo partendo da Castlle afb in California diretti ad est sorvolando il Medio Oriente, l'Indonesia, il Pacifico in amm.ne fiduciaria USA e arrivando di nuovo in California in circa 47 ore (la durata esatta varia da fonte a fonte). Dall'intervista rilasciata da uno dei membri dell'equipaggio sembra che queste durate fossero considerate "ordinaia amministrazione" e che in futuro sarebber stata la norma per tutti gli equipaggi potersi trovare impegnati in voli di simile durata- però rimaste coperte da segreto militare

Share this post


Link to post
Share on other sites

è stato un risultato notevolissimo in tempi difficili doove qualcuno temeva che gli sputnik fossero l'avvisaglia di un nuovo tipo di "bombe atomiche orbitanti" in grado di piovere ovunque partendo da una qualsiasi delle basi sovietiche.

Gli sputnik orbitavano in cielo, i b-52 orbitavano sulla terra...

Edited by Simone

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciò che colpisce è che il b-52 "normale" senza modificazioni ad hoc sia rimasto in volo - a quanto pare senza aver subito avarie inabilitanti- per 47h mantenendo una velocità media piuttosto sostenuta. In 47 h si possono compiere diversi viaggi su potenziali obiettivi sovietici, quindi almeno senza tenere conto delle difese antiaeree un singolo b-52 avrebbe potuto compire fino a 4 missioni in territorio sovietico,allontanarsi ad una distanza di sicurezza dove rifornirsi in volo grazie ad aerocisterne "sopravvissute" ad un eventuale attacco, tornare indietro su un nuovo obiettivo e così via fino ad esaurimento delle bombe (e delle forze dell'equipaggio).

Certo, tali missioni sarebbero state al lmite del kamikazismo...

 

 

Un autonomia del genere serve per mantenere gli aerei in volo il più possibile per avere una deterrenza credibile, non certo per fare più missioni sul territorio sovietico!

Se fossero riusciti a raggiungere il loro obiettivo e magari a tornare indietro vivi sarebbe stato già grasso che cola...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come difficoltà di pilotaggio, senza considerare le missioni belliche, il B-52 come è considerato dai piloti?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Evitare di postare con sole faccine o comunque con scritti il cui unico merito sia quello di zavorrare inutilmente il forum

 

2° Avvertimento!

Edited by Blue Sky

Share this post


Link to post
Share on other sites

eccoCherokee, la "prova del fuoco", parte della Operazione Redwing

Test: Cherokee

Time: 17:51 20 May 1956 (GMT)

05:51 21 May 1956 (local)

Location: Off Namu (Charlie) Island, Bikini Atoll

Test Height and Type: B-52 Air Drop, 4350 (+/- 150) Ft burst height

Yield: 3.8 Mt

 

This was the first U.S. air drop of a thermonuclear weapon. This DOD sponsored test (using an LASL designed device) was intended to gather weapon effects data for high yield air bursts, but also was a political demonstration of the United States capability to deliver H-bombs by air to pressure the Soviet Union.

 

The weapon used was a TX-15-X1 weapon similar to the lower yield Zombie device tested in Castle Nectar. The B-52 was flown from Fred Island at Eniwetak. The intended ground zero was directly over Namu Island, but the flight crew mistook an observation facility on a different island for their targeting beacon with the result that the weapon delivery was grossly in error. The bomb detonated some 4 miles off target over the ocean northeast of Namu. As a result essentially all of the weapons effects data was lost.

 

The operational configuration bomb was 34.5 inches wide, 136 inches long, and weighed 6867 lb. The yield was very close to the predicted value. The cloud height rose to 94,000 feet. Although the Mk-15/39 was a radiation implosion design that harnessed thermonuclear reactions, it seems to have been a transitional design that could also be considered a radiation implosion boosted fission design. The secondary consisted of highly enriched uranium jacket that would have produced a high yield fission explosion even without the yield-boosting fusion fuel it contained.

Tratto da "operation redwing original report"

 

a dirla tutta già con la serie di test "Castle"- fonte operation Castle commander report- si fecero volare, immagino gi scongiuri degli equipaggi, un b-36 ed un b-47 in prossimità del punto di detonazione (castle romeo circa 10mtoni), e per poco gli aerei pur essendo in lega leggera e dalle notevoli caratteriatiche meccaniche ed ad una distanza fra i 10 ed i 20km dal ground zero non precipitarono sopraffatti dall'onda d'urto e dalla vampata di calore. Il b-52, invece uscì dalla sua prova sopra menzionata a quanto sembra "indenne", nonostante fosse verniciato di colore scuro che di certo non contribuì a mitigare gli effetti della "vampata" termica.

Edited by Simone

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

Certo che se continuate a fare degli interventi così, questo topic non dura a lungo.

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lucasauro, Intruder si riferiva a questo avviso, se per caso tu non lo avessia gia letto, te lo indico io.

 

Evitare di postare con sole faccine o comunque con scritti il cui unico merito sia quello di zavorrare inutilmente il forum

 

2° Avvertimento!

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è una vicenda poco chiara: nel 1960 il B-52H 60040 volò da Okinawa a Torrejon, senza rifornimento, carico di 152 US ton di carburante. Non sono riuscito a capire che rotta venne seguita, ma si fa cenno sugli "annali della base Minot" che non sorvolò- ovviamente- l'URSS percorrendo comunque circa 20 mila km, presumibilmente sorvolando il Mar glaciale artico. SE il velivolo era "di serie" e normalmente rifornito ed equipaggiato come gli altri bombe comprese- era in servizio attivo e compresibilmente armato per ogni evenienza-, ed ha potuto percorrere a circa 500 mi/h 20 mila km, perchè si dice che l'autonomia dei b-52 è intorno ai 12000 km ad alta quota?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

A dire il vero, il ferry range ufficiale è di 10 mila miglia e dispari, quindi oltre 16 mila chilometri. Comunque non sempre, per gli aerei militari, vengono dichiarate le prestazioni effettive, e, nel caso di prove speciali, magari si bara un po', allegerendo equipaggiamento che non serve per far posto a carburante. Bisognerebbe capire esattamente in quali condizioni è stata condotta la prova di cui dici, della quale ho trovato slolo quedsto riferimento: The TF33s were also much more fuel-efficient, which meant the B-52H had about 20% greater range than the B-52G. The Air Force demonstrated the increased range of the B-52H when, on 10:11 January 1962, one of them flew from Kadena AFB on Okinawa to Torrejon AFB in Spain nonstop, unrefueled, a distance of 20,177 kilometers (12,532 miles). Non dice in quali condizioni effettive il volo sia stato compiuto, cioè con quale carico, eccetera. Altro riferimento è questo, coi medesimi dubbi irrisolti: Evely and crew accomplished that 12,519-mile trip by flying a great circle route at altitudes of 40,000 to 50,000 feet, in 21 hours and 53 minutes. They set records for unrefueled distance for all aircraft and unrefueled distance for jet aircraft plus nine course speed marks for each leg of the flight.

 

http://www.minotdailynews.com/page/content...4.html?nav=5576

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×