Jump to content

SERVE DAVVERO IL NUCLEARE IN ITALIA?


Recommended Posts

le vecchie centrali non possono essere riattivate per motivi pratici...

 

i pro e i contro sono cosi tanti e variegati che dire cosa è giusto fare è tosta

Link to post
Share on other sites
  • Replies 532
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

E' un po' come la paura dell'aereo. Se cade un Jumbo, muoiono 300 persone tutte in una volta, se incidenta un'automobile, male che va ne muoiono 5. Quindi il primo fa più impressione, peccato che stat

Come già detto da vorthex la Svizzera ha deciso di abbandonare progressivamente il nucleare per una questione politica e non economica.   Il Consiglio federale ha già dato una stima di massima dei c

C'è un piccolo problema che nessuno considera delle rinnovabili. L'italia è il paese meno adatto per le rinnovabili, sia per il fotovoltaico sia per l'eolico.   Direte: ma come, sei andato fuori di

Per quanto riguarda Caorso vi posso dire che è iniziato lo smantellamento della struttura schermata in cemento armato che conteneva il reattore, perciò non può essere riattivata in nessun modo (era comunque disattivata da anni)

 

Come vi sentite pensando a quanti soldi sono stati sprecati per colpa di quelle teste di :censura: (e scusatemi, di solito sono pacato ma a pensare all'occasione persa e al danno fatto per colpa della propaganda dei verdi, perdo la ragione):

 

- Soldi persi in termini di mancata produzione di energia elettrica

- Soldi persi in termini di costo del petrolio o del metano con cui abbiamo sostituito le centrali nucleari

- Soldi persi in termini industriali e di Know-how

- Soldi persi in termini di smantellamento vero e proprio

Link to post
Share on other sites

rick86 se insulti insulti l'80.6% delle persone che ha votato NO (mi pare questa la cifra vado a memoria)

 

te avevi due-tre ann quando successe Cernobyl ma la gente allora era terrorizzata

Link to post
Share on other sites
rick86 se insulti insulti l'80.6% delle persone che ha votato NO (mi pare questa la cifra vado a memoria)

 

te avevi due-tre ann quando successe Cernobyl ma la gente allora era terrorizzata

 

Terrorizzata appunto; non si puo chiedere a gente terrorizzata di prendere decisioni del genere,quindi andrebbe insultato solo chi ha promosso quel referendum strumentalizzando le paure della gente per raggiungere i propri scopi,chi erano?

Edited by Einherjar
Link to post
Share on other sites
Terrorizzata appunto; non si puo chiedere a gente terrorizzata di prendere decisioni del genere,quindi andrebbe insultato solo chi ha promosso quel referendum strumentalizzando le paure della gente per raggiungere i propri scopi,chi erano?

 

E' prprio questo il punto: non era materia referendaria. I populisti che quel giorno convinsero gli italiani a votare no sull'onda emotiva del disastro non spiegarono che, per coerenza, chi era contrario al nucleare, una volta tornato a casa, doveva staccare il contatore dell'ENEL. Non lo fecero...

Link to post
Share on other sites

Si sono dimenticati anche di dire che per una faccenda strategica per l'Italia non era il caso che a decidere fosse un branco di pecoroni spaventati e disinformati. Perchè questo erano quelli che hanno votato no. una massa di ignoranti che si sono fatti abbindolare da quei soliti 4 ****** dei verdi e hanno messo nella **** 60 milioni di persone.

 

Benvenga quindi il ritorno al nucleare il più presto possibile. A fronte di un investimento enorme iniziale, una volta a regime i benefici saranno maggiori degli svantaggi sia in termini di maggiore contrattuale con i paesi esteri sia sul fronte interno con minori spese per industrie e famiglie(con tutti i vantaggi che o già spiegato.

 

Per la costruzione possiamo avvalerci di fondi europei???

Link to post
Share on other sites

sicuramente avete ragione, l'onda emotiva post Cernobyl fu cavalcata per chiudere la nostra esperienza nucleare, ma attenzione, se il popolo si esprime in un senso che non condividiamo, pur con indubbi elementi contingenti di allarme, non possiamo qualificarlo come "gregge di pecore", "pecoroni", è un ragionamento pericoloso. Bisognerebbe ragionare più in termini di informazione, campagna pro e contro che si ebbe all'epoca, lobbismo e quant'altro, altrimenti si corre il rischio di delegittimare ogni espressione popolare; alcuni potrebbero dire che l'attuale governo ha sfruttato le paure degli italiani in termini di sicurezza ad esempio, rincarare la dose dicendo che molto di questo allarme è stato fomentato dai media etc. etc. e che in termini numerici i reati in Italia non sono aumentati in maniera esponenziale come potrebbe sembrare. E' bene sottolineare che il voto popolare, per gran parte, è un voto emotivo, più fondato sugli stati d'animo che sulla pura logica razionale

Link to post
Share on other sites

Ieri sera al tg3 Piemonte ,la presidente della regione Piemonte Mercedes Bresso ha detto un no assoluto del Piemonte al ritorno al nucleare , evocando la tragedia di Cernobyl !!!! :blink::blink::blink::huh: dicendo che un incidente del genere sarebbe la morte della pianura padana .....

 

Primo ,la Bresso dovrebbe parlare per se stessa e non a nome di un intera regione , non importa che sia presidente.

 

Secondo , evocare ancora Cernobyl denota una pochezza sulle argomentazioni contro il nucleare , e poi dovrebbe spiegare cosa ci succederebbe se un incidente tipo Cernobyl :rolleyes: succedesse nella Savoia Francese , acc che stupido ci sono le montagne che fermerebbero tutto ..... :rolleyes::blink:

 

Terzo ,il Professor Rubbia ha detto che oltre al nucleare, si potrebbe andare avanti con la ricerca per cercare nuove tecnologie , il problema , dico io , è che in Italia dove troviamo i finanziamenti ??

 

Comunque al Proffesor Rubbia va tutto il mio Rispetto , a differenza di altre persone che con le loro affermazioni mi fanno cascare ....gli smile !!!

 

ah già se non si fosse capito ho votato Si al Nucleare .... anche in Piemonte !

Link to post
Share on other sites
Per carità, che non si pensi nemmeno a riattivare le vecchie centrali! ... secondo me costa meno farle nuove ...

forse è vero però per ragioni di opportunità dovranno essere costruite sullo stesso sito delle vecchie : una centrale si costruisce solo in zone particolari ( stabilità geologica , scarsamente popolate ecc) mettersi a cercare nuovi siti farebbe alzare nuove barricate che richiederebbero tempi troppo lunghi.

Link to post
Share on other sites
Terrorizzata appunto; non si puo chiedere a gente terrorizzata di prendere decisioni del genere,quindi andrebbe insultato solo chi ha promosso quel referendum strumentalizzando le paure della gente per raggiungere i propri scopi,chi erano?

 

Sono d'accordo; io sono uno dei tanti che a quel referendum votarono contro il nucleare; ero al mio secondo voto e, a distanza di anni e mente fredda mi rendo conto dell'errore e sono favorevole al ritorno al nucleare; ma allora, l'impulso emotivo fu fortissimo, incrementato ancora di più dal fatto che inizialmente era trapelato poco di quanto effettivamente accaduto e della catena di errori umani che avevano portato al disastro.

Link to post
Share on other sites
andrebbe insultato solo chi ha promosso quel referendum strumentalizzando le paure della gente per raggiungere i propri scopi,

 

A questi signori mi riferivo.

 

Una nota sulla democrazia (per rispondere a Montgomery): democrazia non è permettere al popolo di giudicare, magari sull'onda emotiva di un qualche avvenimento straordinario, qualsiasi scelta, dalle minori alle più importanti.

Democrazia è permettere al popolo, ogni tot di tempo, di giudicare le persone che lo hanno governato, ascoltare le loro proposte e decidere se confermarli o no. Il tutto unito ovviamente allo stato di diritto, all'equilibrio dei poteri, ai diritti umani, ecc. ecc.

Link to post
Share on other sites

in democrazia decide la maggioranza non il buon senso [cit]

 

@ rick86 non sono d'accordo i referendum in italia andrebbero invece allargati introducendo anche il referendum propositivo

Link to post
Share on other sites

Sono contrario, quto in pieno la dottrina di gianni, poi vorrei dire che paesi come la germania con molto menos ole di noi e con molte piu industrie producono piu solare di noi, fate un po voi.

 

Perche non abbiamo lampioni allimentanti dal solare?

Link to post
Share on other sites

Di nucleare si è già parlato in diversi altri topic, ma vi propongo questo articolo che se, avrete la pazienza di leggerlo, vi aprirà gli occhi sulla fattibilità di un nuovo programma nucleare italiano, sul vero problema energetico italiano e sulla condizione in cui versa il nucleare nei paesi più esposti in questo senso...

 

ragioniamo seriamente del nucleare

Link to post
Share on other sites

così su due piedi, serio è una parola un po' grossa -_-:huh: (ho dato una rapida occhiata)

ora non ho tempo, appena ho due minuti a disposizione vedo punto dopo punto tutto l'articolo e do' la mia opinione ;)

Edited by GreenPhoenix
Link to post
Share on other sites
ho dato una rapida occhiata... già il titolo di un paragrafo, secondo il quale non è vero che importiamo energia dalla Francia, mi ha fatto capire la levatura dello scritto :rotfl:

 

ma infatti non dice assolutamente che non importiamo energia dalla Francia!!! spiega solo la diversità dello sviluppo del loro nucleare, la loro situazione attuale e il perché lo vendono in gran quantità...

 

magari leggi prima di esprimere le opinioni, no? :thumbdown:

Link to post
Share on other sites

scusa eh... Purtroppo ha fatto breccia fra la gente il refrain che siamo costretti a importare energia elettrica, per di più dalla Francia, che la produce a costi bassissimi dal nucleare: ma è totalmente errato. In primo luogo perché la capacità elettrica installata in Italia eccede ampiamente la domanda [88.300 MW contro 55.600 MW, dati 2006].

 

:rotfl:

 

mi sono letto anche il resto dell'articolo... non mi ha convinto, soprattutto la storia del "il nucleare produce solo elettricità e noi non viviamo solo di elettricità"... citando, poi, come esempi, il trasporto su gomma e l'agricoltura che poco e niente c'entrano col discorso energetico.

Edited by vorthex
Link to post
Share on other sites

L'articolo è di parte è tendenzioso non serve nemmeno leggerlo per capirlo (comunque gli ho dato una lettura veloce), basta dare un'occhiata ai riferimenti a fine articolo, o basta guardare le tag del sito che lo pubblica.

Link to post
Share on other sites

ho ato un'occhiata all'articolo ed anche alla home page del sito, guardando le notizie in primo piano

dire che questo giornale è fortemente di parte risulta quantomeno riduttivo!

 

-Cariche a Chiaiano. Parla il vicesindaco di Marano

 

-Carica della polizia sui manifestanti a Chiaiano

 

-Patacche e «scajolate» nucleari

 

Angelo Baracca [23-05-2008]

Perché gli annunci del ministro dello sviluppo economico non reggono alla prova dei fatti.

 

-Viva Kinsey, abbasso Ratzinger

 

-Gaza. Incursione israeliana: 5 morti e più di trenta arresti

 

...VABBE! se questo è giornalismo

Link to post
Share on other sites

lev orami vive nello spauracchio della P2 (o della PSP, PS2, PS3 chi lo sa...) e dei nanetti minatori. non riesce ad accettare che un articolo di parte, sia OGGETTIVAMENTE di parte.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...