Jump to content

La valutazione per la sostituzione parziale dei Tiger


lender
 Share

Recommended Posts

www.vbs.ch

 

 

Sul sito del Dipartimento della Difesa (pagina dedicata a "Sostituzione parziale dei Tiger") vi sono indicazioni ufficiali sull'iter tecnico/politico che riguarda i Gripen E/F. Accanto anche un video sulle prove in Svezia del Gripen NG da parte di piloti/tecnici svizzeri avvenute a inizio maggio.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Håkan Buskhe, il CEO di Saab, sostiene che il suo telefono è stato tenuto sotto "controllo" durante i negoziati con la Svizzera per la vendita del Gripen.

 

Secondo il Ceo di Saab, una forte concorrenza implica «una sorveglianza in un modo o nell'altro». Tuttavia, «sono sorpreso nel vedere come lavorano i nostri concorrenti», afferma senza fare nomi.

 

Saab CEO 'spied upon' during Swiss Gripen talks

 

Ceo-Saab col telefono controllato

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Il Comandante di corpo (Lieutnant general) Gigax si è recato negli scorsi giorni in Svezia, presso SAAB, per aggiornarsi sullo stato di avanzamento dei lavori per le nuove versioni del Gripen. Nel sito del Dipartimento della difesa informazioni anche in italiano, foto e video.

 

www.vbs.ch

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Nuove informazioni dalla Svezia ....

 

Swedes And Swiss Move Toward Joint Gripen

 

Source: Aviation Week & Space Technology

 

By Bill Sweetman / Malmen AB, Sweden (June 18, 2012)

 

Provided nationally endorsed plans in Sweden and Switzerland survive political or economic upsets, the JAS 39E/F, the product of the Gripen Demo and Next Generation programs, will be delivered to customers in 2018. This will mean that Saab and its supplier team will have created what is in most respects an entirely new aircraft, compared to the original JAS 39A/B, since development of the in-service C/D started in June 1997.

 

This has been done so far under fixed-price contracts for development, new production and retrofits, according to a presentation by FMV, the Swedish defense procurement organization. After the delivery of the last Gripen C/D, Saab returned an unspecified sum of money to the Swedish government because costs were lower than predicted.

 

More details of the JAS 39E/F emerged at an aerospace conference hosted by the Swedish air force and Saab earlier this month at Malmen air base, and attended by current and prospective Gripen operators.

 

The schedule is set by two interlocking commitments. The Swedish government has decided to replace the C/D with the E/F and has committed to developing the aircraft in time to support Switzerland's requirements. The Swiss government has selected the E/F as the sole affordable replacement for the F-5E/F, and subject to a referendum and negotiations will sign a contract in 2014, triggering a full-scale go-ahead by Sweden.

 

Some development work will continue to lay the foundation for the four-year program. As long as the political process stays on track, the first of two built-from-the-ground-up E/F development aircraft, identified as 39-8, will fly in late 2013. The Gripen Demo has been equipped with a prototype of the Selex Raven ES-05 active, electronically scanned array radar and will be used to test the E/F's revised avionics system and weapons.

 

The E/F airframe will be largely new, although it should be possible to use some major components from existing C/D airframes, including the wings. Mid and aft fuselage sections will be new, to accommodate the General Electric F414 engine (and its larger airflow) and the new landing gear. The blended wing-body sections will be larger, placing the wing attachment points an estimated 30 in. farther apart. The goal is to maintain the same wing loading for the E/F's 2.5-ton increase in gross weight. The body will be slightly longer, maintaining or improving fineness ratio. Sources suggest the design will incorporate F-35-style diverterless supersonic inlets.

 

The E/F is expected to supercruise with weapons carried. Still under discussion is whether to use the Enhanced Performance Engine (EPE) version of the F414, which could be configured to deliver more thrust, better fuel efficiency or a combination of the two.

 

A mock-up of the Selex Galileo sensor suite for the E/F was on display at Malmen, confirming important features of the design. The Raven ES-05 features a “repositioner”: the AESA is sharply canted and mounted on a rotating bearing, giving it a +-100-deg. field of regard, almost twice that of a fixed AESA. It has a single bearing, unlike the more complex two-bearing design planned for the Eurofighter Typhoon, reducing weight and cost.

 

The AESA incorporates an identification friend-or-foe (IFF) function that works in conjunction with the SIT 426 IFF. The latter features large active-array antennas on the fuselage sides, behind the radome, providing unprecedented IFF coverage in azimuth and range. Finally, the Skyward-G infrared search-and-track system is air-cooled—reducing weight.

 

The sensor suite design, focused on low weight, supports part of the E/F strategy, which is to provide a common upgrade path for new E/F customers and current C/D operators by making the new sensors, and the revised avionics system, retrofittable to the C/D.

 

This in turn supports the economic strategy behind Gripen. While the fighter's flyaway costs are not quoted, a senior Swedish officer notes that “it is not a cheap aircraft” to acquire. On the other hand, new Swedish Defense Minister Karin Enstrom said in an interview at Malmen that “the alternatives are not viable, either.” This reflects the fact that the operating costs of the Gripen are claimed to be far lower than those of any competitor.

 

According to Swiss air force Chief of Staff Lt. Gen. Marcus Gygax, the national evaluation showed that the Dassault Rafale and Typhoon would have costs per flight-hour within a few per cent of one another—but roughly twice that of the JAS 39E/F. (Gygax also confirms that leaked reports out of Swiss weapons acquisition agency Armasuisse are based on old data and do not reflect the Gripen configuration chosen by Switzerland.)

 

Norway, in its 2008 evaluation of Gripen against the F-35, penalized the Swedish fighter with life-cycle cost estimates based on high upgrade development costs, spread over a small number of aircraft. However, Swedish leaders point to the C/D—which includes a new cockpit, data link and electronic warfare system, developed at far lower cost than most comparable upgrades. The E/F's new central avionics system is intended to feature an unprecedented degree of partitioning between mission systems and flight-critical functions, reducing development and upgrade times and costs. According to Saab, flight-critical systems take as much time and money in verification and testing as they do in initial design, but the E/F mission systems should be verified in 10-15% of that time. Gygax points out that with a common C/D upgrade path, the E/F operators will be part of the same community as current operators of the type.

 

Link to comment
Share on other sites

Si stanno concretando le operazioni per le compensazioni industriali nell'operazione "Gripen". I dettagli sono precisati (anche in italiano) nel sito del Dipartimento della Difesa...

 

www.vbs.ch

Edited by mo-mo
Link to comment
Share on other sites

Il ministro della difesa svedese, signora Katrin Enström, è in Svizzera per una visita di lavoro ieri e oggi. In discussione argomenti di politica militare per situazioni (a parte le molto diverse dimensioni dei due Paesi) simili. In attesa della (per ora solo eventale) fornitura di 22 Gripen E/F ha proposto alla Svizzera il noleggio di una decina di Gripen convenzionali (C/D). Il Capo del Dipartimento della difesa Ueli Maurer ritiene possibile il concretamento dell'offerta, ma solo dopo le decisioni parlamentari e del popolo.

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Il "Gripen" sarà presente alla prossima dimostrazione di tiro delle Forze aeree svizzere all' Axalp. Sarebbe (mi pare) la prima volta di una partecipazione di un apparecchio extra Luftwaffe alla ormai divenuta famosa esercitazione aerea autunnale dell'Oberland bernese. SAAB festeggerà poi, quest'anno, il suo 75°. La "Fabbrica svedese di aeroplani Società per azioni" (SAAB è la sigla svedese) venne infatti fondata nel 1937 con lo scopo di assicurare al regno un'adeguata fornitura di apparecchi per la Flygvapnet.

Link to comment
Share on other sites

Ma sicuramente la tua è una domanda retorica, visto che apprezzi la foto e hai identificato almeno 2 velivoli :)

È impressionante la qualità dei velivoli prodotti dalla divisione aerospazio e difesa di SAAB, indipendente da SAAB Automobile AB. fallita nel 2011 ma che probabilmente si riprenderà.

 

Gli aerei svedesi sono sempre stati prodotti in quasi totale autarchia, e sono sempre stati molto interessanti e fascinosi. I cittadini della più avanzata socialdemocrazia europea si sono sempre fatti carico di tasse altissime per assicurare alle proprie FFAA velivoli prodotti in proprio e che sicuramente hanno fatto la storia dell'aviazione, cito solo il barile volante e il bellissimo e per l'epoca innovativo Draken, che rivaleggiava in fascino con gli aerei USA della famosa serie 100 (tra l'altro mi sembra che TT-1 Pinto abbia postato di recente, oltre alla foto dei velivoli SAAB a cui ti riferisci anche qualcosa a proposito della serie 100).

 

SAAB AB non si ferma al Gripen, è partner al 25% del nEUROn.

Edited by Scagnetti
Link to comment
Share on other sites

comunque, io ho riconosciuto oltre al j29 e al gripen, anche il viggen e il draken, ma non conosco i rimanenti due, mi potete illuminare?

 

Il SAAB 105 (jet da addestramento) e il "Lansen".

Link to comment
Share on other sites

Le foto (bellissime) postate rendono bene l'idea di cosa è il JAS-39: confrontato con il Draken (che era una sorta di F-104 leggermente più grande) e il Viggen (paragonabile a un Mirage F-1 un pò piu grande?) si vede chiaramente che è l'unico caccia multiruolo moderno di taglia "piccola": l'unico vero erede dell'F-5

Link to comment
Share on other sites

Secondo il giornale svizzero Le Matin, la sottocommissione parlamentare alla sicurezza, incaricata di indagare sulle procedure di selezione del nuovo caccia svizzero Gripen, dovrebbe pronunciare il suo verdetto il 21 agosto. Secondo le prime indiscrezioni, però la commissione avrebbe giudicato non sufficientemente motivata la scelta del velivolo svedese.

 

La sottocommisione sta scrivendo il rapporto, ma il compito sembra essere difficile perché si vorrebbe non imbarazzare troppo il Consiglio Federale che avrebbe scelto il velivolo svedese.

 

Quindi secondo le indiscrezioni, sembra che il processo d'acquisto del velivolo svedese sarà arrestato o che sarà rifatta la selezione con gli stessi contendenti.

 

Oltre a ciò, sembra che la Svezia stia esitando ad impegnarsi a sviluppare una nuova versione del velivolo: il politico svizzero Ueli Maurer afferma che Saab svilupperà la versione per la svizzera a prezzo fisso, mentre il ministro alla difesa svedese Karen Enström lo contraddice.

 

Sempre il ministro svedese afferma che il calendario per lo svilippo della nuova versione non è stato ancora fissato, e la Svezia non finanzierebbe lo sviluppo della nuova versione senza il supporto finanziario di un partner.

 

A chi fa presente queste considerazioni, Ueli Maurer risponde che "sarà Gripen o niente".

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

L'unica motivazione per cui si debba rifare la gara per me è quella di selezionare un sostituto sia per F18 ,sia per F5 in modo da portare la svizzera su una monolinea con vantaggi tattici,logistici ed in un ultimo benefici economici (ed è questa,secondo me, la gara che sarebbe dovuta essere indetta sin dall'inizio).

Sostituire solo gli F5 rimanendo con 2 caccia è un suicidio economico. Se andiamo a vedere le prime pagine della discussione l'avevamo già capito tutti (e pure la boeing) che la gara con quei numeri non stava in piedi. La Dassault e EADS erano con l'acqua alla gola e ci hanno provato lo stesso..

 

Se però l'esigenza è quella di andare avanti interstardendosi con la scelta fatta , con questi numeri e queste capacità richieste (sostituire solo gli f5), il gripen è pure eccedente come sostituto dell'F5 (non parliamo di gripen ng,di rafale ed ef2000 poi.Il t50 magari avrebbe potuto ancora avere qualche chance). Non capisco perchè stiano facendo tutto questo balletto francamente.... I prezzi sono quelli e temporeggiare mantenendo al contempo i requisiti iniziali abbassa la serietà delle gare svolte e dei processi decisionali svizzeri. Ad esempio, a che scopo dire che i risultati non sono stati esaltanti da parte di tutti i concorrenti?Si è perso un pò il senso della gara.Si stava sostituendo un f5, non si stava cercando il non-plus-ultra sul mercato,altrimenti si sarebbe dovuti andare a sostituire evidentemente anche gli f18. Se hanno deciso di prendere questa strada dovrebbe andare fino in fondo ,l'attesa non fa che aumentare i costi.

Semplifico la situazione. Sembra di vedere una persona che entra in una concessionaria per sostituire la seconda auto di famiglia(una citycar) con un'altra citycar più nuova. Poi però si lamenta che le prestazioni della nuova citycar sono scarse rispetto alla sua prima auto (una berlina),si orienta sulle berline e si lamenta che costano troppo per le prestazione che danno... Insomma dà l'idea di una persona che già in partenza ha le idee un pò confuse. Sei entrato per prenderti una citycar,compra quella! Oppure comprati una berlina compatta che possa fare da auto unica in famiglia.

 

L'unica ragione plausibile è che incomincino a rendersi conto di aver fatto un grosso casino già in partenza con una decisione a livello strategico già sbagliata.... Mah.. :huh: Non riesco proprio a capirli.

Edited by Takumi_Fujiwara
Link to comment
Share on other sites

... E noi svizzeri non riusciamo a capire come un Paese come l'Italia, afflitto di problemi di ogni tipo, soprattutto di natura finanziaria, dilapidi miliardi per l'acquisto degli F-35, insomma le spiegazioni al popolo in difficoltà, ai lavoratori con stipendi da fame, ai disoccupati sono state tutt'altro che complete e convincenti. Affari italiani. All'amico sopra, perlomeno per l'impegno profuso nello scrivere il suo intervento, vorrei precisare che si tratta di sostituire un AEREO e non l'F-5 come tale, AEREO ormai desueto e in fine di carriera da sostituire con un altro AEREO. In Svizzera si decide SEMPRE su stanziamenti per acquistare qualcosa e mai viceversa. Per la cifra massima di 3,2 miliardi di CHF ci stanno solo 22 Gripen, se a SAAB costeranno di più non si potrà adeguare la fattura (o si rinuncia o paga lo Stato svedese). Ma l'aereo scelto (in versione E/F) non è stato ancora acquistato: un passo avanti c'è stato però oggi...

Con 16 voti contro 9 la commissione per la politica di sicurezza del Consiglio nazionale (una delle due camere federali) ha deciso di proporre la continuazione dell'iter d'acquisto del Gripen nonostante alcune perplessità o incertezze rese più o meno note.

Link to comment
Share on other sites

Non capisco: se il popolo italiano è tutto in difficoltà finanziaria e i nostri lavoratori hanno tutti stipendi da fame come dici tu, perché il Consiglio federale elvetico si oppone all'intesa con l’Italia per la tassazione dei redditi dei capitali italiani espatriati in Svizzera? :hmm: L'intesa dovrebbe ricalcare a grandi linee gli accordi già raggiunti con Regno Unito e Germania per la tassazione dei redditi dei capitali (attenzione redditi dei capitali, non i capitali stessi) degli evasori fiscali italiani, ma la Schlumpf ha ribadito di nuovo il suo Niet.

Se in Italia non produciamo reddito e capitali, perché la Svizzera si oppone alla tassazione delle rendite di quelli che dovrebbero essere solo pochi spiccioli come dici tu? Forse non si tratta proprio di pochi spiccioli quelli messi a fruttare nelle banche della Confederazione a beneficio dei nostri evasori e delle banche svizzere? :whistling:

 

Comunque rintuzzato il tuo piccolo off-topic, credo che se rileggi l'intervento di Takumi ti potrai rendere conto che esso è più propositivo che polemico. Mentre tu preferisci la sostituzione di una linea di aerei obsoleta con una linea moderna alla volta, lui suggerisce la possibilità di una standardizzazione tra la linea mista F-5/F-18 verso una monolinea più razionale. Sicuramente gli F/A-18C/D di prima generazione svizzeri non potranno durare in eterno. Si vedano le esigenze di difesa della Svizzera verso le potenze ostili confinanti e gli impegni internazionali che essa intende assumersi nel medio termine e si razionalizzi un sistema di difesa aereo basato ancora sulla contrapposizione NATO/PDV. Il muro di Berlino è caduto, prima che entrino in servizio i Gripen di nuova versione probabilmente anche gli ottimi Hornet (non Super Hornet) dimostreranno probabilmente qualche acciacco. In pratica il quesito posto è: meglio 22 Gripen operativi in 2-3 anni + 33 F-18 che rimarranno operativi per x anni (con costi di mantenimento destinati a crescere col passare del tempo) o una monolinea di (ad esempio) 38 Gripen?

 

N.B.

Né a me né credo tantomeno a Takumi entrerà un solo cent in tasca se i Gripen acquistati in CH saranno più di 22. Si discute pacatamente e disinteressatamente di aerei militari, come il nome del forum suggerisce. :)

Link to comment
Share on other sites

.... Si discute pacatamente e disinteressatamente di aerei militari, come il nome del forum suggerisce. :)

Il punto è proprio questo .... caro Scagnetti .... come riuscire a discutere pacatamente con un "tizio" (definiamolo così con un eufemismo) che, ogniqualvolta interviene nei forum italiani, non manca mai di esternare la sua acrimonia nei nostri confronti ..... beato te che ci riesci ....

 

Ma che gli abbiamo fatto noi Italiani a costui ?

 

Perchè mai non lo dice .... una buona volta per tutte ?

 

Mi rifiuto di pensare che gli Svizzeri siano tutti come lui .... anche perchè vedo che altri suoi connazionali che frequentano questo Forum si comportano da persone civili ....

Link to comment
Share on other sites

.

Non capisco: se il popolo italiano è tutto in difficoltà finanziaria e i nostri lavoratori hanno tutti stipendi da fame come dici tu, perché il Consiglio federale elvetico si oppone all'intesa con l’Italia per la tassazione dei redditi dei capitali italiani espatriati in Svizzera? :hmm: L'intesa dovrebbe ricalcare a grandi linee gli accordi già raggiunti con Regno Unito e Germania per la tassazione dei redditi dei capitali (attenzione redditi dei capitali, non i capitali stessi) degli evasori fiscali italiani, ma la Schlumpf ha ribadito di nuovo il suo Niet.

Se in Italia non produciamo reddito e capitali, perché la Svizzera si oppone alla tassazione delle rendite di quelli che dovrebbero essere solo pochi spiccioli come dici tu? Forse non si tratta proprio di pochi spiccioli quelli messi a fruttare nelle banche della Confederazione a beneficio dei nostri evasori e delle banche svizzere? :whistling:

 

Comunque rintuzzato il tuo piccolo off-topic, credo che se rileggi l'intervento di Takumi ti potrai rendere conto che esso è più propositivo che polemico. Mentre tu preferisci la sostituzione di una linea di aerei obsoleta con una linea moderna alla volta, lui suggerisce la possibilità di una standardizzazione tra la linea mista F-5/F-18 verso una monolinea più razionale. Sicuramente gli F/A-18C/D di prima generazione svizzeri non potranno durare in eterno. Si vedano le esigenze di difesa della Svizzera verso le potenze ostili confinanti e gli impegni internazionali che essa intende assumersi nel medio termine e si razionalizzi un sistema di difesa aereo basato ancora sulla contrapposizione NATO/PDV. Il muro di Berlino è caduto, prima che entrino in servizio i Gripen di nuova versione probabilmente anche gli ottimi Hornet (non Super Hornet) dimostreranno probabilmente qualche acciacco. In pratica il quesito posto è: meglio 22 Gripen operativi in 2-3 anni + 33 F-18 che rimarranno operativi per x anni (con costi di mantenimento destinati a crescere col passare del tempo) o una monolinea di (ad esempio) 38 Gripen?

 

N.B.

Né a me né credo tantomeno a Takumi entrerà un solo cent in tasca se i Gripen acquistati in CH saranno più di 22. Si discute pacatamente e disinteressatamente di aerei militari, come il nome del forum suggerisce. :)

 

 

Rispondi raccontando balle. In corso semmai vi sono trattative italosvizzere sulla proposta tutta svizzera detta "Rubik". Le banche svizzere sarebbero esattrici fiscali per l'Agenzia italiana delle entrate. Le trattative sono in corso ma in Svizzera ci si aspettano altri risultati primo fra tutti quello di togliere la Confederazione dalla cosiddetta "black list" italiana dei paradisi fiscali, inserimento che è tutt'altro che amichevole. I rapporti italosvizzeri sono quelli che sono, non si tratta di fatti personali, è la realtà delle cose. Io mi occupo di politica da decenni sia a livello professionale, sia come pratica e quindi sono sensibile a problemi sia interni, sia di rapporti internazionali e quelli con l'Italia non sono a un livello normale da qualche anno. Va bene così?

Tornando agli aeroplani: ognuno ha diritto di dire quello che gli pare. La realtà è però quella che è. La CH non è Israele, la difesa nazionale non è prioritaria come negli anni della guerra fredda. La cifra massima da spendere è di 3,126 miliardi di franchi per 22 aerei. Si acquisteranno se anche il Parlamento svedese deciderà di acquistare la versione E/F per la Flygvapnet e se lo Stato (svedese) garantirà per l'acquisto svizzero. Il problema è anche di politica internazionale dunque. Typhoon o Rafale sarebbero costati più di un miliardo in più (senza contare i ricorrenti maggiori costi di gestione per aerei bireattori). I Gripen, se verranno acquistati, saranno consegnati per armare due squadriglie fra il 2018 e il 2020. Mi pare che sia logico poi sostituire gli Hornet con il medesimo tipo di aereo... ma SAAB, la notizia è degli scorsi giorni, sta ideando una versione senza pilota. Vedremo se si stratta diun'indiscrezione "estiva". Va bene cosi?...

 

Il punto è proprio questo .... caro Scagnetti .... come riuscire a discutere pacatamente con un "tizio" (definiamolo così con un eufemismo) che, ogniqualvolta interviene nei forum italiani, non manca mai di esternare la sua acrimonia nei nostri confronti ..... beato te che ci riesci ....

 

Ma che gli abbiamo fatto noi Italiani a costui ?

 

Perchè mai non lo dice .... una buona volta per tutte ?

 

Mi rifiuto di pensare che gli Svizzeri siano tutti come lui .... anche perchè vedo che altri suoi connazionali che frequentano questo Forum si comportano da persone civili ....

 

Ma dai che fa caldo anche qui. Non ci facciamo certamente la guerra. Svizzera e Italia sono Paesi confinanti e molto diversi. E sia. Ho fatto conferenze anche in in Italia e mi hanno sempre detto di parlare chiaro. Gli Svizzeroitaliani si aspettano però dall' Italia (quella ufficiale) un atteggiamento "migliore". Qui si aspetta. A molti italiani (non evasori fiscali) diamo già molto.

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...