Jump to content
Sign in to follow this  
CoB

MB-339 - discussione ufficiale

Recommended Posts

A parte il fatto che non li addestriamo tutti, ma solo qualcuno per via di accordi bilaterali volti soprattutto a rafforzare la cooperazione tra gli stati e le relative forze aeree, il numero di piloti non è neanche paragonabile alle orde di allievi di Pozzuoli e dell'AUPC che venivano selezionate negli anni '70 ed '80, quando i macchini furono acquistati. Basti pensare che l'AUPC è nato proprio per formare piloti, appunto, di complemento a quelli usciti da Pozzuoli destinati agli incarichi di comando che, una volta in carriera, non bastavano più per "riempire" gli stormi, tipico di una forza aerea dove gli ufficiali in alti comandi devono essere per forza piloti...

 

Poi ripeto, non parlo con dati alla mano, quindi potresti tranquillamente avere ragione tu.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aspetta aspetta, non ho detto che li addestriamo "tutti", ma qualcuno....

 

Toglietemi una curiosità, prendo per esempio l' ENJJPT negli USA, sono gli USA che pagano l' addestramento dei nostri piloti o siamo sempre noi che paghiamo??? :huh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

La gran parte dei costi sono a carico dell'AMI, qualcosina ci mette anche la NATO e qualcosina anche gli USA. Da che io sappia i programmi di addestramento congiunti lavorano praticamente come agenzia, ossia effettivamente vendono corsi di addestramento ricevendo fondi accessori da alcune nazioni od organizzazioni, come appunto la NATO. Per lo meno così verrà strutturato l'AEJPT europeo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sai anche la lingua?

Mi spiego meglio.....per esempio nell' ENJJPT ci sono istruttori italiani che insegnano a piloti italiani, ma i libri e i vari esami si fanno in inglese o in italiano? E tra pilota-istruttore pur essendo italiani ma essendo una scuola USA si parla l' inglese?

 

Ho questo dubbio che mi perseguita :huh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

La lingua in uso è l'inglese, che fortunatamente i piloti dell'AMI conoscono nella stragrande maggioranza dei casi molto bene (per lo meno in base alla mia esperienza), ma non credo che tra pilota ed istruttore di stessa nazionalità si usi l'inglese. Con tutto che la metà delle parole che si dicono in cabina o nelle fasi "ground" dell'addestramento sono inglesi o inglesizzate, a cominciare proprio da "briefing" e "debriefing", entrate nell'uso comune anche tra i reparti dell'AMI.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ho conosciuto un pilota civile che fa l'istruttore e dice che quando è in cabina usa sempre l'inglese per abituare il pilota anche se italiano a usare quella lingua e conoscere i termini specifici.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ho conosciuto un pilota civile che fa l'istruttore e dice che quando è in cabina usa sempre l'inglese per abituare il pilota anche se italiano a usare quella lingua e conoscere i termini specifici.

Non ho competenza specifica in merito .... ma ritengo che questo "modus operandi" sia quanto mai opportuno ....

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ho conosciuto un pilota civile che fa l'istruttore e dice che quando è in cabina usa sempre l'inglese per abituare il pilota anche se italiano a usare quella lingua e conoscere i termini specifici.

 

 

Sarebbe sempre meglio così a mio parere, per imparare l' inglese lo devi parlare, non devi "mescolarlo" con altre lingue

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ho conosciuto un pilota civile che fa l'istruttore e dice che quando è in cabina usa sempre l'inglese per abituare il pilota anche se italiano a usare quella lingua e conoscere i termini specifici.

Dipende molto dalla scuola di volo, ho avuto esperienze diverse in merito.

 

Non ho competenza specifica in merito .... ma ritengo che questo "modus operandi" sia quanto mai opportuno ....

Sarebbe sempre meglio così a mio parere, per imparare l' inglese lo devi parlare, non devi "mescolarlo" con altre lingue

E' vero che aiuta ma consideriamo anche che il team work deve innanzitutto incentrarsi sulla fiducia ed il rispetto reciproco, e costruirli in inglese è più difficile, anche per un ICAO4 o 5. Nel senso: prima impara a fare il lavoro, poi a farlo in gruppo, poi a farlo in inglese.

 

Rimangono comunque scuole di pensiero... Personalmente l'inglese dei piloti mi pare molto migliorato ultimamente.

Edited by Tuccio14

Share this post


Link to post
Share on other sites

A mio parere inizialmente si dovrebbe cominciare con l' italiano, e poi finire con l' inglese, poi ripeto "a mio parere", che non conta niente però....

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao a tutti sono nuovo. sono a 12 km da galatina (lecce) e qui passano moltissimi mb339, io sono entrato nel aereo porto durante un expo ke lo fanno ogni anno. li non ci sono tutti gli mb339 ovvero 100 ma tutti gli aerei ke sono in servizio nell'AMI sono sparsi in tutta l'italia. quando sono andato ne ho visti una 30ina o di + poi qualke eurofighter, amx ecc... quindi penso ke provengono vicino al tuo paese o provincia. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao a tutti sono nuovo. sono a 12 km da galatina (lecce) e qui passano moltissimi mb339, io sono entrato nel aereo porto durante un expo ke lo fanno ogni anno. li non ci sono tutti gli mb339 ovvero 100 ma tutti gli aerei ke sono in servizio nell'AMI sono sparsi in tutta l'italia. quando sono andato ne ho visti una 30ina o di + poi qualke eurofighter, amx ecc... quindi penso ke provengono vicino al tuo paese o provincia. :)

 

Vicino al paese o provincia di chi intendi con "al tuo"?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vicino al paese o provincia di chi intendi con "al tuo"?

se vicino al tuo paese o provincia o regione c'è sicuramente un aeroporto e penso ke provengono da lì

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao a tutti sono nuovo. sono a 12 km da galatina (lecce) e qui passano moltissimi mb339, io sono entrato nel aereo porto durante un expo ke lo fanno ogni anno. li non ci sono tutti gli mb339 ovvero 100 ma tutti gli aerei ke sono in servizio nell'AMI sono sparsi in tutta l'italia. quando sono andato ne ho visti una 30ina o di + poi qualke eurofighter, amx ecc... quindi penso ke provengono vicino al tuo paese o provincia. :)

Karo amiko .... questo è un forum aeronautico .... ke ospita tante persone alle kuali non è gradito lo "stile SMS" ....

.... io, purtroppo, sono una di kuelle .... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi mi state facendo uscire pazzo :blink:

 

Chi intendete? (TT-1 Pinto e air forze one)?

 

Rispondo a air force one, gli aerei certo che sono sparsi su tutto il territorio :rolleyes:

In particolare i 339 cono praticamente in quasi tutti gli stormi, dato che sono aerei da collegamento anche al 70° Stormo (per esempio) ci sono....

Share this post


Link to post
Share on other sites

se vicino al tuo paese o provincia o regione c'è sicuramente un aeroporto e penso ke provengono da lì

Credo che fino a là ci arriviamo tutti....di certo un MB-339 non si alza in volo se non c'è una pista :asd: ... la domanda era da quale aeroporto, e, come è stato detto nei primi post, quegli Mb-339 potrebbero provenire proprio da Galatina, o magari da Grosseto, da Latina o da Istrana....

Share this post


Link to post
Share on other sites

mmmm non penso da galatina dato ke sono sui 700km da galatina alle marche di solito volano qui sulla costa e ogni tanto fanno esercitazione di bombardamento qui nei paragi

Share this post


Link to post
Share on other sites

mmmm non penso da galatina dato ke sono sui 700km da galatina alle marche di solito volano qui sulla costa e ogni tanto fanno esercitazione di bombardamento qui nei paragi

 

Per quello che ne so io è invece molto probabile che provengano da Galatina o stiano facendo ritorno. Nell'iter addestrativo degli allievi sono compresi dei voli di navigazione a lungo raggio con atterraggio in altre basi (cross - country), anche per familiarizzarli con altre basi dell'AM con le quali potranno presto avere a che fare.

Quando ero a Cervia erano molto frequenti visite di questo tipo di 339 del 61esimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se non lo sapete gli aerei fanno esercitazioni a lunga navigazione, persino a me che sono di Monza mi è capitato di vedere una volta (l' unica) due MB339 in formazione, esperienza bellissima naturalmente (per me che ho visto solo due volta un caccia volare).

Share this post


Link to post
Share on other sites

qualcuno di voi sa se durante la guerra delle falkland gli mb 339 argentini hanno combattuto o compiuto qualche azione ?? o sono stati tutti distrutti mentre erano parcheggiati negli aereoporti ??

Share this post


Link to post
Share on other sites

qualcuno di voi sa se durante la guerra delle falkland gli mb 339 argentini hanno combattuto o compiuto qualche azione ?? o sono stati tutti distrutti mentre erano parcheggiati negli aereoporti ??

 

6 Aermacchi MB-339A's to Falklands, 2 lost and 3 captured ....

 

Fonte .... http://www.naval-history.net/F41argaircraft.htm

 

Inoltre .... http://www.naval-history.net/F64argaircraftlost.htm

 

Fonte generale .... http://www.naval-history.net/NAVAL1982FALKLANDS.htm

Share this post


Link to post
Share on other sites

O anche dalla pagina sul 339 di wiki

 

During the Falklands War, late in April 1982, six of them were located at Port Stanley Airport, renamed Base Aérea Militar (BAM) Malvinas. They were the only attack jets to operate from the Falklands, along with four Beech T-34 Mentor piston-engined armament trainer and light attack aircraft, and 24 turboprop FMA IA 58 Pucará light attack aircraft of Grupo 3 de Ataque. Other Aermacchis operated from three mainland bases, at Almirante Zar, Bahía Blanca and Río Grande, Tierra del Fuego naval air station.

On 3 May 1982 Lt Benitez crashed into high ground with approaching the airport at Port Stanley, and was killed. On 21 May during a routine reconnaissance flight and flown by Lieutenant Owen Crippa, a MB-339A was the first one to attack the Royal Navy amphibious force. The Aermacchi hit the frigate HMS Argonaut, causing light damage. On 27 May, a MB-339A (4-A-114) was shot down by a Blowpipe missile during the Battle for Goose Green, while attempting to attack British ships and landed troops. The Pilot, Teniente (Lt) Miguel, was killed. Three MB-339 airframes were captured by the British.One of these airframes is preserved at the South Yorkshire Aircraft Museum, Doncaster

 

Quindi tra le altre cose, uno distrutto da un missile blowpipe mentre attaccava le forze a terra, uno schintatosi per condimeteo, 3 catturati. Diversi attacchi tra i quali uno dei primi alle navi britanniche, durante un volo di ricognizione. Il tenente Crippa non si fece scrupolo di attaccare da solo la Argonaut con mitragliatrici e razzi Zuni: http://portale.lombardinelmondo.org/nazioni/argurug/articoli/Tetimonianze/malv

 

Una foto dell’aereo in questione:

 

6iO6V.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

2i7r8gj.jpg

 

Notevole la pistola mitragliatrice M.L.63 (Modelo Liviano 63) "Halcon" con impugnatura in puro stile FN-FAL ....
k33sye.jpg
Edited by TT-1 Pinto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...