Jump to content
Sign in to follow this  
xSTARFIGHTERx

Aermacchi MB326

Recommended Posts

Il pilota del 326 di Casalecchio, di complemento, sopravvisse lanciandosi, ma ebbe vita e carriera sconvolte, essendo additato alla pubblica indignazione come "mostro", e nessuno disse che la colpa in primis era del governo italiano che, per mancanza di fondi, costringeva l'ami a volare con aerei ormai obsoleti e di difficile manutenzione... nel video di yuotube è vergognosa e qualunquista l'uscita del tizio con i baffetti che parla di "pezzi di stato deviati"... purtroppo quello era il clima politico e sociale del 1990

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma la versione K monoposto è ancora in servizio da qualche parte?

 

Sì! Qualcuno in Brasile ( si dice una decina) e non escludo lo Zaire e il Ghana..........

Per quel che ne so il Sud Africa li ha radiati tutti!

0858019.jpg

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riprendo questa discussione. Perchè qui sembra che ci sia gente che sa tutto.

 

messaggio provocatorio ed off-topic. +10%

Edited by vorthex
violazione del regolamento

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo riscrivo per la seconda volta, anche quì, in questa discussione come in tutto il forum vale quello che ho scritto QUI', perciò vedete di darvi una regolata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

il 326 fu radiato da tutti i servizi al 31 gennaio 1995

era rimasto alle squadriglie collegamento e al traino bersagli+

non c'è stata nessuna correlazione tra radiazione e la tragedia di Casalecchio in quanto l'inchiesta stabilì che non dipese ne dall'aereo ne dalla tipologia della missione

l'Aeronautica come spesso accade dopo l'incidente mise a terra il 326 a titolo precauzionale per un anno...quando fu il momento qualche aereo decollò ma ormai ne rimanevano pochi esemplari (meno di dieci)

l'aereo raggiungese i 35 anni di servizio e fu fatta in ambito AMI una piccola cerimonia...ma c'era poco da volare (1 o 2 esemplari )

la tragedia di Casalecchio impose però , questo si, una attenzione maggiore nella gestione delle emergenze per principio di incendio ...con il divieto assoluto di rientro alla base principale o alternativa e l'obbligo con comando generale per il pilota di condurre l'aeromobile in zone sicure (in genere il mare) e lanciarsi accettando la perdita del mezzo e non il rientro in emergenza, un aspetto in un certo senso epocale in quanto per la prima volta si obbligherà il pilota comandante ad ordini da terra..al di fuori delle sue valutazioni naturalmente vale per i monomotori a pilota unico a bordo

tutto qui per la precisione

UAVPREDATOR

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×