Jump to content
Sign in to follow this  
Psycho

1995, Bosnia Herzegovina, F-16 abbattuto

Recommended Posts

http://en.wikipedia.org/wiki/Mrkonjić_Grad_incident

 

http://en.wikipedia.org/wiki/Scott_O'Grady

 

http://www.f-16.net/varia_article10.html

 

Oggi ho visto un video un pezzo di trasmissione su SKY, discovery channel o national geographic channel, a riguardo.

 

Mi chiedevo, visto che è un avvenimento recente, se qualcuno ne ha memoria e se sa qualche dettaglio, qualche particolare, qualche curiosità a riguardo.

 

 

Da quel che ho capito poi la missione di salvataggio è stata rischiosissima, perchè mandarono due elicotteri con circa 40 marines a bordo, praticamente privi di copertura e supporto aereo, a fare slalom tra le batterie dei missili serbi (senza sapere l'esatta locazione di ognuna di esse) e solo per fortuna e bravura loro o per non bravura dei serbi si è evitata la strage.

 

Who dares wins? :unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites

avevano Cobra, Harrier ed Hornet a coprirli... se la vogliamo chiamare assenza di copeetura aerea questa :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

La vicenda cel Cap. Scott "Zulu" O'Grady mi colpì molto.

 

Il suo F-16C venne abbattuto mentre era in volo il 2 Giugno 1995, sopra la Bosnia per garantire la No-Fly Zone.

Era in volo assieme al suo campagno e leader di messione Cap. Robert G. "Wilbur" Wright quando circuitando sopra un territorio in mano ai serbi vennero presi di mira da parte di una batteria di SA-6.

 

Le dinamiche dell'abbattimento furono molto peculiari. Di fatto gli aerei della NATO erano a conoscenza della presenza di batterie SAM, tuttavia appena venivano agganciati dal radar della batteria attuavano tutte le misure attive/passive opportune per sganciarsi. Quel giorno O'Grady fu molto sfortunato, o meglio furono molto abili i serbi, ma il quali fecero un primo tentativo utilizzando il radar della postazione SAM al primo passaggio della coppia: il radar agganciò il compagno di O'Grady ed il missile esplose in mezzo ai due. Al secondo passaggio i serbi spensero il radar, in modo che i due piloti non avrebbero potuto esserei avvisati dal sistema anti-missile del Falcon, e lanciarono un'altro missile. Solo quando quest'ultimo era in quota attivarono il radar di terra per indirizzaro sugli F-16C. Il Viper di O'Grady fu aganciato e per il Capitano non ci fu tempo utile nemmeno per rilasciare i flare. Una pioggia di schegge investì il suo F-16 tranciandolo in due. Il pilota riuscì ad ejettarsi e da quel momento in poi incominciò la sua lotta per la vita.

 

La postazione SAM rilevò l'ejezione e due battaglioni para-militari vennero immediatamente diretti nella zona per scatenare una vera e propria caccia all'uomo.

Il pilota USAF si trovò a terra in mezzo a una boscaglia con 5 oggetti fondamentali: la radio a batterie con radiofaro incorporato, la sua Beretta F-92, la cartina del territorio e un mini-kit di sopravvivenza, ma soprattutto l'enorme bagaglio di conoscenze apprese nel suo addestramento.

 

Le operazioni per il salvataggio di Basher-52 (call name di O'Grady) vennero attuate immediatamente, tuttavia il problema era prima individuarlo. Il pilota si trovava in pieno territorio ostile, braccato come una volpe, quindi non poteva tenere il radiofaro acceso o utilizzare la radio, poichè con ogni probabilità sarebbe sato individuato anche dai suoi nemici. O'Grady quindi poteva utilizzare la radio (anche per risparmiare le pile) solo a brevi intervalli sperando che in quel momento sopra il suo cielo volasse un velivolo alleato sintonizzato nella frequenza d'emergenza. Dopo 6 giorni di fuga verso un'area meno ostile, nascosto durante il giorno (e per ben due volte i para-militari gli passarono accanto mentre era nascosto nella boscaglia), spostandosi solo la notte, mangiando bacche e insetti, bevendo acqua piovana, il Capitano andò a riscuotere il suo credito con la fortuna. Scesa la notte, verso le 2:00 AM il pilota accese in uno degli ultimi tentativi la radio (le batterie erano ormai alla fine) e chiamò "Basher 5-2, Basher 5-2, ANYBODY COPY ME?". Proprio in quell'istante sorvolava l'area Basher 51, il compagno di O'Grady che il giorno dell'abbattimento era in volo con lui (il Cap. Wright). Basher 51 commosso risposte "Basher 5-2, this is Basher 5-1: I COPY YOU!", quindi annotò le coordinate e rimase il più possibile in pattugliamento su quell'area.

 

Da quel momento in poi la macchina del CSAR era pronta a muoversi, la U.S.Navy se ne sarebbe fatto carico. I Marines della 24ma unità a bordo della USS Kearsage erano pronti già pochi minuti dopo l'abbattimento e una portaerei classe Nimitz (se non ricordo male la USS Saratoga) era pronta a fornire tutto l'appoggio aereo necessario. Alle 4:40 circa arrivò l'ordine esecutivo. La mattina seguente all'alba l'operazione ebbe inizio, operazione di tipo TRAP (Tactical Recovery of Aircraft and Personnel), .

 

Il Capitano si trovava ancora in pieno territorio ostile, quindi fu necessario il vasto impiego di mezzi e uomini.

Gli F-18C avrebbero garantito la sicurezza dei cieli: nessun Mig-29 o Mil serbo avrebbe potuto avvicinarsi senza incrociare la tragliettoria di un Aim-120.

I due CH-53 Superstallion del USMC con a bordo 43 Marines si alzarono in volo e appena avvistate le coste slave iniziarono il volo tattico a quota limite. I due elicotteri godevano dell'appoggio ravvicinato di due AH-1W Super-Cobra e di due Av-8 Harrier. I Cobra avrebbero coperto i due Ch-53 nel momento del loro atterraggio, mentre gli Harriers si sarebbero fatti carico di eliminare mezzi d'assalto nemici.

 

Giunti sulle coordinate indicate dal pilota, O'Grady avvistò i suoi compagni, avviò il radiofaro e accese un fumogeno colorato di segnalazione. I due Super-Stallion lo individuarono e scesero in una radura vicina. Nel giro di pochi secondi il 24th USMC aveva creato un perimetro di sicurezza. Al Capitano non mancavano che correre per un centinaio di metri (che a lui saranno sembrati kilometri). Intanto tutta la milizia serba si stava dirigedo in quel punto e il fuoco di armi leggere iniziava a farsi sentire.

Niente di abbasatanza pesante per tirare giù una bestia come il Ch-53. Intanto i due super-Cobra e i due Harrier iniziavano a ripulire l'area circostante.

 

I 6 mezzi iniziarono la loro corsa (ormai privi della copertura dell'effetto sopresa) verso il mare Adriatico e dovettero affrontare pesante fuoco nemico. Ma ormai la missione -storica- era portata a termine.

 

Per O'Grady ora è una gran bella storia da raccontare, ma quei 6 giorni sono stati una durissima prova da affrontare, forse la più dura della sua vita. 6 giorni che hanno testimoniato al mondo intero due cose:

1)L'addestramento che i piloti dell'USAF e delle aeronautiche militari occidentali ricevono è frutto del miglior programma addestrativo possibile, quei piloti non solo apprendono le più sofisticate tecniche di volo e combattimento aereo, ma apprendono a tenere i nervi saldi e il sangue freddo anche quando il loro aereo è andato in mille pezzi.

2)Le forze militari occidentali non lasciano NESSUNO indietro, fin quando ci sarà una speranza -anche una sola- di portare a casa un compagno tutti gli sforzi verranno attuati. E ciò significa anche accettare di mettere a repentaglio la vita di 43 Marines e almeno 10 fra piloti e personale navigante per salvare una singola vita.

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites

c'è stata qualche ritorsione in seguito a questo attacco?quando un pilota si ejetta in territorio ostile come in questa occasione cosa si porta dietro dopo aver toccato terra?non credo che la tuta anti-g aiuti in caso di corsa...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Le operazioni per il salvataggio di Basher-52 (call name di O'Grady) vennero attuate immediatamente, tuttavia il problema era prima individuarlo. Il pilota si trovava in pieno territorio ostile, braccato come una volpe, quindi non poteva tenere il radiofaro acceso o utilizzare la radio, poichè con ogni probabilità sarebbe sato individuato anche dai suoi nemici. O'Grady quindi poteva utilizzare la radio (anche per risparmiare le pile) solo a brevi intervalli sperando che in quel momento sopra il suo cielo volasse un velivolo alleato sintonizzato nella frequenza d'emergenza. Dopo 6 giorni di fuga verso un'area meno ostile, nascosto durante il giorno (e per ben due volte i para-militari gli passarono accanto mentre era nascosto nella boscaglia), spostandosi solo la notte, mangiando bacche e insetti, bevendo acqua piovana, il Capitano andò a riscuotere il suo credito con la fortuna. Scesa la notte, verso le 2:00 AM il pilota accese in uno degli ultimi tentativi la radio (le batterie erano ormai alla fine) e chiamò "Basher 5-2, Basher 5-2, ANYBODY COPY ME?". Proprio in quell'istante sorvolava l'area Basher 51, il compagno di O'Grady che il giorno dell'abbattimento era in volo con lui (il Cap. Wright). Basher 51 commosso risposte "Basher 5-2, this is Basher 5-1: I COPY YOU!", quindi annotò le coordinate e rimase il più possibile in pattugliamento su quell'area.

 

Per essere sicuro della sua identità gli chiese qual'era stato il loro call-sign durante il loro ultimo rischieramento in Korea (Juvas).

 

 

Da quel momento in poi la macchina del CSAR era pronta a muoversi, la U.S.Navy se ne sarebbe fatto carico. I Marines della 24ma unità a bordo della USS Kearsage erano pronti già pochi minuti dopo l'abbattimento e una portaerei classe Nimitz (se non ricordo male la USS Saratoga) era pronta a fornire tutto l'appoggio aereo necessario. Alle 4:40 circa arrivò l'ordine esecutivo. La mattina seguente all'alba l'operazione ebbe inizio, operazione di tipo TRAP (Tactical Recovery of Aircraft and Personnel)...

 

Da quando la Saratoga era una Classe Nimitz??? :blink: La Super-Sara era un'unità della Classe Forrestal. ;)

 

 

1)L'addestramento che i piloti dell'USAF e delle aeronautiche militari occidentali ricevono è frutto del miglior programma addestrativo possibile, quei piloti non solo apprendono le più sofisticate tecniche di volo e combattimento aereo, ma apprendono a tenere i nervi saldi e il sangue freddo anche quando il loro aereo è andato in mille pezzi.

 

A dir la verità spesso i piloti vanno ai corsi SERE solo perchè sono costretti a farlo e non li frequentano con l'attenzione dovuta. In proposito leggetevi cosa racconta il Sig. McNab sui piloti RAF/RN dei corsi SERE in Azione Immediata.

 

2)Le forze militari occidentali non lasciano NESSUNO indietro, fin quando ci sarà una speranza -anche una sola- di portare a casa un compagno tutti gli sforzi verranno attuati. E ciò significa anche accettare di mettere a repentaglio la vita di 43 Marines e almeno 10 fra piloti e personale navigante per salvare una singola vita.

 

Questo purtroppo è vero solo per i piloti. La storia anche recente dimostra che i DoughboyZ vengono spesso lasciati al loro destino oppure le missioni di recupero sono portate avanti senza la speditezza e la convinzione del Combat SAR di piloti abbattuti. Anche in Iraqi Freedom abbiamo assistito a fatti del genere. Il motivo: il costo dell'addestramento di un pilota. Il fante o il carrista sono spendibili, il pilota no!

Edited by Marvin

Share this post


Link to post
Share on other sites
Da quando la Saratoga era una Classe Nimitz??? :blink: La Super-Sara era un'unità della Classe Forrestal. ;)

.........minch*a che pignolo!

Pignolo ma impreciso! :bleh: :bleh: :bleh:

Infatti avresti dovuto richiamarmi piuttosto sul fatto che era la USS Theodore Roosevelt (CVN 71) e non la USS Saratoga (CVN-60), visto che era stata decommissionata già nel 1994...e quindi avevo ragione a dire che quella del salvataggio di O'Grady era una portaerei della classe Nimitz ! :bleh::D

 

A dir la verità spesso i piloti vanno ai corsi SERE solo perchè sono costretti a farlo e non li frequentano con l'attenzione dovuta. In proposito leggetevi cosa racconta il Sig. McNab sui piloti RAF/RN dei corsi SERE in Azione Immediata.

 

Evidentemente O'Grady a quelle lezioni ha prestato massima attenzione!

E sono certo che dopo il suo abbattimento anche gli altri piloti hanno preso appunti... :asd: :asd: :asd:

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites
.........minch*a che pignolo!

Pignolo ma impreciso! :bleh: :bleh: :bleh:

Infatti avresti dovuto richiamarmi piuttosto sul fatto che era la USS Theodore Roosevelt (CVN 71) e non la USS Saratoga (CVN-60), visto che era stata decommissionata già nel 1994...e quindi avevo ragione a dire che quella del salvataggio di O'Grady era una portaerei della classe Nimitz ! :bleh::D

Evidentemente O'Grady a quelle lezioni ha prestato massima attenzione!

 

Ad ogni modo la Saratoga NON E' UNA CLASSE NIMITZ :bleh:

 

E sono certo che dopo il suo abbattimento anche gli altri piloti hanno preso appunti... :asd: :asd: :asd:

 

:asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Behind Enemy Lines si ispira molto, moltissimo alla vicenda di O' Grady. Ovviamente le esigenze cinematografiche ne hanno tirato fuori una classica "americanata".

 

Comunque la scena dell'abbattimento dell'F-18F Super Hornet è eccellente: merita di essere vista, ci sono molti dettagli da apprendere!

http://it.youtube.com/watch?v=-RNDVyvbKoI

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì Verothex, ma uno non esperto vedendola capisce la dinamica: aggancio, lancio, evasione, rilascio flare, deflagrazione....poi come avevo scritto è una "americanata"!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×