Jump to content
Sign in to follow this  
Graziani

DIEN BIEN PHU

Recommended Posts

Le truppe della "Francia Libera" in Nord Africa (a quanto ne so) sono state sconfitte miseramente da quattro straccioni italiani male equipaggiati e numericamente inferiori.........

 

Sicuramente non a Koufra:

 

http://www.histoiredumonde.net/article.php3?id_article=1599

 

 

 

Al link seguente tutta l'epopea del Generale Philippe de Hauteclocque, dit Leclerc:

 

http://concours-resistance.org/pdf/cnrd_20..._2004_28-35.pdf

 

 

 

All'indomani della vittoriosa battaglia di Koufra, Leclerc fa prestare ai suoi uomini il famoso "Serment (giuramento) de Koufra":

 

"Je jure de ne déposer les armes que lorsque nos couleurs, nos belles couleurs, flotteront sur la cathédrale de Strasbourg"

 

("Giuro di deporre le armi solo quando i nostri colori (bandiera), i nostri bei colori, sventoleranno sulla Cattedrale di Strasburgo").

 

 

 

Biografie del Maresciallo di Francia, Philippe Marie de Hauteclocque, dit Leclerc:

 

http://www.ordredelaliberation.fr/fr_compagnon/569.html

 

http://www.v1.paris.fr/musees/memorial/lec...eclerc_bio.html

Share this post


Link to post
Share on other sites
Veramente si... ;)

 

visto che furono le operazioni di bombardamento massiccio al nord Linebecker, a portare se non "trascinare" il Vietnam al tavolo di pace.

 

Ah si, il famoso tavolo di pace con il quale gli americani si sono ritirati dal Vietnam, i vietnamiti dovevano tremare davvero dalla paura visti i risultati.

 

Quei bombardamenti erano proprio il contrario, gli americani li aumentavano alla vigilia di ogni negoziato per salvare la faccia, dato che avevano già capito che si sarebbero dovuti ritirare e non volevano che fosse una sconfitta plateale.

 

Leggetevi le statistiche sul numero di soldati e le tonnellate di bombe impiegate in Vietnam dagli americani, hanno speso più mezzi e uomini che per combattere la Germania, e alla fine si sono ritirati perchè la guerra non andava da nessuna parte, i vietnamiti non mollavano.

 

Stai scherzando? L'Impero Britannico l'esercito ce l'aveva eccome, anche se era sparso in tutto il Globo.

A parte episodi come quello dei Marines a Belleau Wood, nonchè al preziosissimo aiuto della loro artiglieria nonchè alle possibilità di rifornimento dal Continente Nord Americano.

Questo è vero!

afghano.

 

L'esercito britannico nel 1914 era un esercito professionale di qualche centinaio di migliaia di uomini, compresi i reparti coloniali, e senza nessuna riserva perchè non esisteva la leva, nel frattempo francesi, tedeschi,, austriaci e russi, che avevano la leva da decenni o più, avevano mobilitato in poche settimane milioni di uomini ognuno.

 

Quando i tedeschi hanno sfondato e si sono avvicinati alla Marna, il corpo di spedizione britannico era qualcosa meno di una armata francese come consistenza, e hanno avuto bisogno di quasi un anno prima di poter inviare reparti in abbondanza, nel frattempo è stato l'esercito francese da solo a fermare i tedeschi.

 

Nel 1917, quando gli americani sono intervenuti, erano così preparati che volavano con aerei francesi, sparavano con artiglierie francesi e britanniche, e ancora il loro corpo di spedizione era qualcosa di trascurabile tra i milioni di soldati francesi e italiani, e le molte centinaia di migliaia di soldati mobilitati dai britannici.

 

E sia i francesi che i britannici non avevano nessun problema a rifornirsi dalle loro colonie di tutto, dal cibo ai metalli, il carbone, il petrolio, avrebbero sconfitto la Germania e l'Austria-Ungheria in qualche mese in ogni caso, perché tedeschi e austriaci invece facevano la fame letteralmente, e erano arrivati a rastrellare il rame e il bronzo pure nelle chiese per costruire qualche cannone in più.

 

image002.jpg

 

montgomery_foto.jpg

:rolleyes::rolleyes::rolleyes::rolleyes:

 

 

Vedi che carini i sovietici, hanno pure invitato Montgomery a vedere Berlino con i suoi occhi.

 

Certo che se ci doveva arrivare lui con la sua capacità i britannici stavano freschi.

 

Lo sapete quale era la battuta che gli americani facevano alle spalle dei britannici e del loro generale Montgomery? Avevano ribattezzato un cocktail, fatto per cinque parti di un liquore e per una parte di un altro "Montgomery", perchè riusciva a vincere una battaglia solo se aveva una superiorità di cinque a uno.

Edited by -{-Legolas-}-

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vedi che carini i sovietici, hanno pure invitato Montgomery a vedere Berlino con i suoi occhi.

 

Certo che se ci doveva arrivare lui con la sua capacità i britannici stavano freschi.

 

Lo sapete quale era la battuta che gli americani facevano alle spalle dei britannici e del loro generale Montgomery? Avevano ribattezzato un cocktail, fatto per cinque parti di un liquore e per una parte di un altro "Montgomery", perchè riusciva a vincere una battaglia solo se aveva una superiorità di cinque a uno.

 

beh... i Russi hanno vinto perchè avevano una superiorità numerica di gran lunga superiore al 5 a 1... non mi sembra un esempio molto calzante.

 

Montogmery è comunque riconosciuto come uno dei più grandi e valenti generali della storia, ci si deve solo inchinare di fronte a gente come lui.

 

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

 

Nota: Martin Pescatore... triplo post! Complimenti :okok: ... i moderatori saranno di una contentezza... :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ah si, il famoso tavolo di pace con il quale gli americani si sono ritirati dal Vietnam, i vietnamiti dovevano tremare davvero dalla paura visti i risultati.

 

Quei bombardamenti erano proprio il contrario, gli americani li aumentavano alla vigilia di ogni negoziato per salvare la faccia, dato che avevano già capito che si sarebbero dovuti ritirare e non volevano che fosse una sconfitta plateale.

 

Leggetevi le statistiche sul numero di soldati e le tonnellate di bombe impiegate in Vietnam dagli americani, hanno speso più mezzi e uomini che per combattere la Germania, e alla fine si sono ritirati perchè la guerra non andava da nessuna parte, i vietnamiti non mollavano.

 

A parte che il problema è dove finivano tutte quelle tonnellate di bombe usate in Vietnam, a causa delle limitazioni di impiego, non stavo dicendo (e penso nemmeno Legolas volesse dirlo) che solo con i bombardamenti gli USA avrebbero vinto la guerra, ma affermare che i Nordvietnamiti se ne infischiavano mi sembra veramente eccessivo. I bombardamenti venivano aumentati (e soprattutto veniva concencessa l'autorizzazione a colpire più a nord) prima dei negoziati proprio perchè era l'uncio modo efficace di aumentare il "potere contrattuale".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ricollegandomi al mio precedente post, in cui ho parlato del Generale Leclerc (a lui, ricordo, è dedicato l'attuale carro armato francese) e della battaglia di Koufra, dal sito delle "Troupes de Marine", http://www.troupesdemarine.org/index2.htm , eccovi il link alla sezione relativa al "Régiment de Marche du Tchad", http://www.troupesdemarine.org/actuel/unites/1rmt.htm , unità di fanteria meccanizzata delle "Troupes de Marine", inquadrata nella 2^ Brigata Blindata di Orléans, http://www.defense.gouv.fr/terre/decouvert...brigade_blindee .

 

Altro link al RMT: http://www.defense.gouv.fr/terre/layout/se...view/full/38846 , reparto creato, proprio dopo la battaglia di Koufra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Lender: si, hai colto la mia affermazione correttamente.

 

E in quel "Potere contrattuale", mettiamoci che gli USA hanno fatto accettare a NV di restituire i POW (prima dei bombardamenti si erano rifiutati di farlo), e che i rifornimenti del paese sono precipitati da 160.000t al mese, a 30.000.

 

Non diciamolo che Linebacker II gli ha fatto un tombino così al NV per carità, diciamo che li ha proprio annichiliti. Roba che se l'operazione avesse avuto luogo 2 giorni dopo l'inizio della guerra, probabilmente ora non esisterebbe il pianeta, perchè i cinesi si sarebbero incavolati a morte, per non parlare dei sovietici poi...

 

Il Vietnam, è stata tutta una guerra politica. Legate le mani ai militari, e quello che ottenete è: il Vietnam.

 

http://www.afa.org/magazine/nov1997/1197lineback.asp

 

Scusa l'OT Pipcus, ho visto dopo il tuo ultimo post tutto su Leclerc.

Edited by -{-Legolas-}-

Share this post


Link to post
Share on other sites

martin pescatore ma stai scherzando :rotfl::rotfl::rotfl: Montgomery è stato un grandioso generale e come dice Marvin ci si può solo inchinare :adorazione::adorazione::adorazione:

Vuoi mettero l'IMPERO BRITANNICO con la russia!!!!! <_<<_<<_< Ricordati che i Britannici avevano centinaia di migliaia di soldati a combattere su tutti i fronti, dalla Birmania, al nord-africa ai balcani, africa orientale e via dicendo, mentre i russi avevano un unico fronte per quanto grande possa essere!!!!!

 

 

Rule, Britannia! Britannia, rule the waves!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che i militari britannici, di tutte e tre le forze Armate, Esercito, Marina ed Aeronautica, siano i migliori al Mondo è, semplicemente, un fatto, sul quale non ci piove!!!

 

I russi arrivarono prima a Berlino, solo per l'arrendevolezza (vorrei usare ben altri termini, più incisivi!!!) di Franklin Delano Roosevelt, che ordinò alle truppe alleate di fermarsi, per fare questo grazioso omaggio a Stalin!

Share this post


Link to post
Share on other sites

monty non era chissà quale genio dell'arte militare, anzi... semplicemente ammassava talmente tanti uomini e mezzi che era quasi impossibile perdere, benchè ci riuscisse non raramente. inoltre, aveva la gradita usanza di radare al suolo ciò che non riusciva a conquistare... come la città di Caen, che fu si conquistata (o meglio se ne conquistarno le rovine, che per giunta aiutarano e non poco i difensori), ma dopo due mesi ed un numero elevatissimo di perdite.

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

auhauhauahauhuah, a questo punto io ti consiglio una attenta lettura della presa di Caen :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Graziani ti scrivo una frase tratta da "Quell'ultimo ponte" di Cornelius Ryan "IL MIO PAESE NON POTRA' MAI PIU' PAGARSI IL LUSSO DI UN ALTRO SUCCESSO DI MONTGOMERY." BERNARDO D'OLANDA.

 

 

Per picpus vallo a dire a Patton che gli proibirono di attraversare il reno

Edited by CHAFFEE79

Share this post


Link to post
Share on other sites
..........Per picpus vallo a dire a Patton che gli proibirono di attraversare il reno

 

Il problema non era l'attraversamento del Reno: Patton fu fermato dopo!

 

 

Dall'articolo "Gli Accordi di Yalta e il destino dell'Europa", http://www.storico.org/YALTA.htm

 

"...Successivamente a tali episodi Roosevelt (ormai in fin di vita) inviò dei messaggi di protesta a Stalin, e Churchill richiese con insistenza agli americani che i loro eserciti occupassero Berlino, Vienna e Praga ancora raggiungibili, ma Truman e Eisenhower non ne vollero sapere, ed anzi successivamente venne decisa in maniera tempestiva la smobilitazione dell'esercito americano...".

 

 

Dall'articolo George Smith Patton, http://it.wikipedia.org/wiki/George_Smith_Patton

 

"...Riprese l'avanzata e superato il Reno, si spinse fino a Pilsen, al confine cecoslovacco; qui l'ordine indiscutibile del generale Dwight D. Eisenhower, gli impedì di continuare l'avanzata e lo obbligò a ricongiungersi con le truppe sovietiche...".

 

 

Dall'articolo George Patton, http://www.spartacus.schoolnet.co.uk/2WWpatton.htm

 

"...Patton continued to advance deep into Nazi Germany and eventually crossed into Czechoslovakia and was forced to withdraw after protests from Joseph Stalin and the Red Army...".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo so che fu fermato dopo, però era stato fermato anche prima, peccato che lui se ne fregò. E attraverso il reno. ALtrimenti pechè gli tagliavano sempre i rifornimenti?

Share this post


Link to post
Share on other sites
monty non era chissà quale genio dell'arte militare, anzi... semplicemente ammassava talmente tanti uomini e mezzi che era quasi impossibile perdere, benchè ci riuscisse non raramente. inoltre, aveva la gradita usanza di radare al suolo ciò che non riusciva a conquistare... come la città di Caen, che fu si conquistata (o meglio se ne conquistarno le rovine, che per giunta aiutarano e non poco i difensori), ma dopo due mesi ed un numero elevatissimo di perdite.

 

Vabbè un po' come i tuoi carissimi Grunts nelle isole del Pacifico. :asd:

 

[Mo si incazza... gli ho toccato i Marines! :asd: ]

 

 

 

Ad ogni modo Patton si che era un vero generale, forse il migliore di tutti. Magari non aveva il portamento di Montgomery o l'acume tattico di Bradley... però che tipo...

 

Afferrate il nemico per il naso e prendetelo a calci nel c*****o!

 

Non voglio ricevere messaggi che dicono "stiamo tenedo la posizione". Noi non terremo un accidente, che tengano i crucchi se ci riescono! Le uniche cose che terremo saranno le loro p****e quando li prenderemo a calci!

 

"Quando tra vent'anni il vosto nipotino seduto sulle vostre ginocchia vi chiederà "nonno, cos'hai fatto nella Seconda Guerra Mondiale?" non dovrete tossicchiare imbarazzati e dirgli: "beh... spalavo m****a in Louisiana...", ma lo fisserete intensamente negli occhi e con orgoglio gli direte: "figliolo, ho avuto l'onore di combattere con quel gran figlio di p****a del Generale Patton!"

 

Nessun figlio di p*****a morto per il suo paese ha mai vinto una guerra. La guerra l'ha vinta il figlio di p*****a che ha convinto un figlio di p*****a suo nemico a morire per la propria patria!

 

Come fai a non adorare un generale del genere! :asd: Li batte tutti, crucchi, rossi, mangiarane e bevitori di te! VIVA PATTON!

Share this post


Link to post
Share on other sites

un conto è polverizzare una cittadina medievale di un alleato, un conto è spianare un isola del nemico dove non c'è niente oltre a palme, bunker e musi gialli :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
un conto è polverizzare una cittadina medievale di un alleato, un conto è spianare un isola del nemico dove non c'è niente oltre a palme, bunker e musi gialli :lol:

 

Da quando i mangiarane sono considerati alleati dai bevitori di tea? :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vabbè un po' come i tuoi carissimi Grunts nelle isole del Pacifico. :asd:

 

[Mo si incazza... gli ho toccato i Marines! :asd: ]

Ad ogni modo Patton si che era un vero generale, forse il migliore di tutti. Magari non aveva il portamento di Montgomery o l'acume tattico di Bradley... però che tipo...

 

Afferrate il nemico per il naso e prendetelo a calci nel c*****o!

 

Non voglio ricevere messaggi che dicono "stiamo tenedo la posizione". Noi non terremo un accidente, che tengano i crucchi se ci riescono! Le uniche cose che terremo saranno le loro p****e quando li prenderemo a calci!

 

"Quando tra vent'anni il vosto nipotino seduto sulle vostre ginocchia vi chiederà "nonno, cos'hai fatto nella Seconda Guerra Mondiale?" non dovrete tossicchiare imbarazzati e dirgli: "beh... spalavo m****a in Louisiana...", ma lo fisserete intensamente negli occhi e con orgoglio gli direte: "figliolo, ho avuto l'onore di combattere con quel gran figlio di p****a del Generale Patton!"

 

Nessun figlio di p*****a morto per il suo paese ha mai vinto una guerra. La guerra l'ha vinta il figlio di p*****a che ha convinto un figlio di p*****a suo nemico a morire per la propria patria!

 

Come fai a non adorare un generale del genere! :asd: Li batte tutti, crucchi, rossi, mangiarane e bevitori di te! VIVA PATTON!

 

 

Patton era un ottimo tattico della guerra con mezzi corazzati, al livello del migliore Rommel, ma piú di quello non era.

 

Se c'è un generale americano che è stato davvero grande quello è stato Bradley, che era sia un ottimo tattico che un ottimo stratega.

 

Certo che le sparate di Patton erano una grande trovata pubblicitaria, ma nessuno gli avrebbe mai affidato un gruppo di armate, i suoi limiti erano quelli e di più non si poteva ottenere da lui.

 

Sempre a livello di grande tattico, e con una logica che puntava all'annientamento fisico dei nemici, c'era il generale Hoth, quello che tentò di rompere l'accerchiamento di Stalingrado.

 

Senza sparate varie, aveva un modo di condurre le operazioni che puntava ad infliggere qunate piú perdite possibili al nemico, e anche lui non arrivò mai oltre il comando di una armata, perché piú di quello non sapeva fare.

 

Se si guarda a generali che erano sia grandi tattici che grandi strateghi, i due nomi che mi vengono in mente sono Von Manstein e Bradley sopra tutti gli altri, e poi Rokossovskij e Konev, due eccellenti tattici con anche grandi capacità strategiche che hanno saputo compensare l'inettitudine degli ufficiali intermedi sovietici, e di molti superiori, con i loro staff ben preparati e da loro selezionati personalmente e che hanno dimostrato di poter affrontare i tedeschi sul loro stesso terreno, ottenendo le vittorie con molte meno perdite di quelle che altri generali sovietici pagavano per vincere.

 

Di Rokossovskij molti dicono che fosse l'ideatore dietro le quinte di molti dei migliori piani offensivi e difensivi attribuiti ad altri anche se ufficialmente non era in carico al comando di Fronte, come i sovietici chiamavano i gruppi di armate.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Patton era un ottimo tattico della guerra con mezzi corazzati, al livello del migliore Rommel, ma piú di quello non era.

 

Se c'è un generale americano che è stato davvero grande quello è stato Bradley, che era sia un ottimo tattico che un ottimo stratega.

 

Certo che le sparate di Patton erano una grande trovata pubblicitaria, ma nessuno gli avrebbe mai affidato un gruppo di armate, i suoi limiti erano quelli e di più non si poteva ottenere da lui.

 

Sempre a livello di grande tattico, e con una logica che puntava all'annientamento fisico dei nemici, c'era il generale Hoth, quello che tentò di rompere l'accerchiamento di Stalingrado.

 

Senza sparate varie, aveva un modo di condurre le operazioni che puntava ad infliggere qunate piú perdite possibili al nemico, e anche lui non arrivò mai oltre il comando di una armata, perché piú di quello non sapeva fare.

 

Se si guarda a generali che erano sia grandi tattici che grandi strateghi, i due nomi che mi vengono in mente sono Von Manstein e Bradley sopra tutti gli altri, e poi Rokossovskij e Konev, due eccellenti tattici con anche grandi capacità strategiche che hanno saputo compensare l'inettitudine degli ufficiali intermedi sovietici, e di molti superiori, con i loro staff ben preparati e da loro selezionati personalmente e che hanno dimostrato di poter affrontare i tedeschi sul loro stesso terreno, ottenendo le vittorie con molte meno perdite di quelle che altri generali sovietici pagavano per vincere.

 

Di Rokossovskij molti dicono che fosse l'ideatore dietro le quinte di molti dei migliori piani offensivi e difensivi attribuiti ad altri anche se ufficialmente non era in carico al comando di Fronte, come i sovietici chiamavano i gruppi di armate.

 

Ma le ardenne non ti dicono niente? Quando Patton fece muovere le truppe tra i fanghi e riusci a liberare bastogne?

 

Per Marvin, ti sei scordato i siciliani. Oltre a rossi tedeschi inglesi ebrei odiava anche i siciliani.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma le ardenne non ti dicono niente? Quando Patton fece muovere le truppe tra i fanghi e riusci a liberare bastogne?

 

Per Marvin, ti sei scordato i siciliani. Oltre a rossi tedeschi inglesi ebrei odiava anche i siciliani.

 

 

Infatti era un eccellente tattico, uno stratega è qualcosa di diverso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×