Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
HB-CDH

Aeronautiche Europee

Messaggi consigliati

Le classifiche in generale si fanno solo sulla carta.

Poi bisogna vedere effettivamente le nazioni chi riescono a far volare i propri aerei , in che numero e portarli in giro per il mondo a combattere .

 

A mio avviso con le crisi che girano (Vedi Grecia ) ben poche.

 

A parte questo le nazioni in Europa che hanno in prima linea il Typhoon partono sicuramente avantaggiate. In un fantomatico scontro avere uno dei migliori caccia, probabilmente il secondo dopo il Raptor. a difesa delle proprie teste non e' cosa da poco.

Ricordiamo oltretutto che L'Italia continua avere in linea ancora uno dei migliori cacciabombardieri nel termine classico della ,parola il nostro beneamato Tornado in varie configurazuini e aggiornamenti.

Non dimetichiamoci inoltre del nostro bistrattato AMX che per i compiti per cui e' stato creato, quando e' stato impiegato non ha fatto proprio bruttissime figure. Consideriamolo oltretutto ora con tutti gli upgrade fatti nel corso del suo cammino.

 

Quindi visto comunque che si parla di classifica secondo me:

 

Inghilterra

Francia

Germania

Italia

Spagna

Tutte le altre.

 

Un saluto a tutti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Proviamo a cimentarci con questa classifica...Premetto che non starò lì a guardare cose come la linea VIP perchè credo che per quella un aereo valga l'altro (in fondo sono degli aerei passeggeri...) e terrò conto invece delle capacità belliche di ciascuna, considerando anche gli sviluppi nell'immediato futuro. La mia classifica è questa:

 

-Royal Air Force (ovvi motivi...gran numero di velivoli, tra cui AWACS, tanker, UAV e pattugliatori marittimi, elicotteri per tutte le funzioni, capacità di operare da piste semipreparate grazie agli Harrier, buona linea sia da caccia che da attacco ecc...insomma è quella più completa).

 

-Armee de l'air (un po' come sopra, con in più il fatto che ha una considerevole forza destinata allo strike nucleare, ma va dietro per la carenza in campo anti-nave, per la componente d'attacco meno performante e per il minor numero di aerei di supporto)

 

-Luftwaffe (è vero che per ora ha pochi EFA e degli F-4, però gli Eurofighter dovrebbero salire a 140 a breve, e inoltre ha una considerevole forza da attacco e da trasporto tattico...la grande mancanza sono gli aerei AWACS)

 

-Aeronautica Militare (considerevole forza d'attacco, inclusi gli AMX adatti agli scenari di guerra a bassa intensità e la prospettiva dei nuovi F-35 finanziamenti permettendo, buona componente per il trasporto tattico, disponibilità di tanker, anche se in realtà sono C-130 modificati allo scopo, e una Forza Speciale degna di nota...se si riuscisse a portare la linea caccia a buoni livelli mettendo in servizio questi benedetti EFA con piena capacità operativa e in numero sufficente, potremmo tranquillamente superare i Tedeschi...e anche degli AWACS farebbero proprio comodo, ma sappiamo che i soldi non ci sono... :pianto: )

 

-Ελληνική Πολεμική Αεροπορία, leggasi Ellinikì Polemikì Aeroporìa (per me l'HAF è la più grande tra le "piccole": una linea caccia di tutto rispetto, componente d'attacco buona anche se un po' datata, presenza di tanker, UAV ,fatti in casa fra l'altro, alcuni AEW e piloti esperti vista la situazione di tensione perenne con la Turchia...se non fosse per i tagli dovuti alla crisi economica :pianto: che probabilmente ne ostacoleranno lo sviluppo, cioè l'entrata in servizio del Lightning II e l'aggiornamento della linea attuale, l'avrei quasi messa al pari dell'Italia)

 

-Ejèrcito del Aire (dei gran aerei da addestramento avanzato, da trasporto ed elicotteri, niente AWACS, pochi tanker, una linea da combattimento fatta di pochi EFA, vecchi Mirage F1 e un buon numero di EF-18...si salva solo per quelli)

 

-Svenska Flygvapnet, alias l'aeronautica svedese (buon numero di moderni Gripen, discreta componente logistica e alcuni aerei AEW...se avesse qualche aereo in più e maggiori capacità di operare fuori casa, date da aerei con maggiore autonomia e da qualche tanker, l'avrei messa davanti alla Spagna)

 

Poi vengono le altre...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come molte classifiche riportano la nostra ami è la quarta forza aerea europea e tra le prime 10 del mondo, per quanto ne sparlino.

Come avete notato in precedenza le forze aeree più importanti a cui manca una componebte Aew sono quelle di Italia e Germania.

Non dimentichiamo che le basi degli E 3 della nato sono proprio a Trapani e a GeilenKirchen in Germania oltre che un altra in turchia.

Di conseguanza avendo una disponibilità di questi velivoli nel nostro paese, non abbiamo bisogno di acquistarli, dato che per questo servizio paghiamo già molto.

Ultimamente le capacità Tanker dell' ami sono piuttosto diminuite con il C 130 perso di recente che era uno dei 4 che potevano essere destinati a tale scopo, oltre al solito ritardo dei Kc 767 che dovevano arrivare già da un pò di tempo.

La componente da trasporto dell' ami è apprezzata in tutto il mondo per la sua versatilità, che con i suoi c 27 riesce a coprire ruoli difficili o impossibili per altri areomobili delle altre forze aeree.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In effetti il lavoro "dietro le quinte" che svolgiamo per la componente AWACS della NATO viene facilmente dimenticato, come quello che l'AMI svolse per i bombardamenti nei Balcani. Con gli EuroHawk basati a Sigonella avremo anche una discreta capacità di Aerial Ground Survillance. D'altra parte facciamo parte della NATO, no?

 

Questo non toglie che la carenza di moltiplicatori di forze nell'AMI è un tallone d'Achille non indifferente che ci fa andare giù nella classifica, pensiamo solo ai C-17 della RAF, segnano un divario impossibile da ricoprire, pur disponendo di una buona linea da trasporto tattico.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A noi non servono dei mastodontici C 17..............

Non dobbiamo trasportare enormi quantità di carichi in afghanistan per esempio; ci bastano i C 130 ( forse qualcuno di più ) per adempiere a tutti i bisogni tattici dell'Ami.

Il regno unito ha diverese esigenze di trasporto tattico e strategico, che deve confrontarsi con quello immenso degli Stati Uniti, dato che lavorano sempre sugli stessi campi.

Certo un C 17 non ci farebbe male, ma in questo caso mi accontento dei classici c 130, che offrono un costo prestazioni imbattibile.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A noi non servono dei mastodontici C 17..............

Non dobbiamo trasportare enormi quantità di carichi in afghanistan per esempio; ci bastano i C 130 ( forse qualcuno di più ) per adempiere a tutti i bisogni tattici dell'Ami.

Il regno unito ha diverese esigenze di trasporto tattico e strategico, che deve confrontarsi con quello immenso degli Stati Uniti, dato che lavorano sempre sugli stessi campi.

Certo un C 17 non ci farebbe male, ma in questo caso mi accontento dei classici c 130, che offrono un costo prestazioni imbattibile.

Siamo un po' OT, chiedo venia!

 

Se non ci servono trasporti strategici allora perchè continuiamo a noleggiare Antonov An-124 e Ilyushin Il-82? Con quello che costano (tra fissi e variabili) ad ora di volo ce ne saremmo comprati un paio e avremmo avuto i soldi per gestirli per un decennio, con tutti i vantaggi del poter gestire "in proprio" un'attività delicata e fondamentale come quella dei rifornimenti.

 

E poi se il C-130 viene definito un trasporto tattico mentre questi bestioni sono trasporti strategici c'è un motivo! Nel C-130 alcuni mezzi non entrano neanche smontati, così che o si spediscono via nave (su appalto, ovviamente, perchè non è il caso di far fare avanti e dietro ad uno dei Santi della Marina) o si ricorre al noleggio di grandi cargo (sempre russi o ucraini, non proprio i più affidabili operatori al mondo). Tanto che i nostri soldati in missione, quando non arrivano i rifornimenti per i soliti ritardi di 2 o 3 giorni, parlano di "Illusion" al posto di "Ilyushin"...

 

Ecco perchè secondo me almeno al SAC avremmo dovuto partecipare, non si trattava di soldi, quelli li sborsiamo lo stesso dato che i nostri soldati in missione ci vanno lo stesso, è solo che a sborsarli un po' alla volta forse non ci se ne accorge, tutti quei milioni.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sempre a giustificare la scarsità di acquisti e progettazioni con le "diverse esigenze"... Le diverse esigenze sono date da scelte politiche, non da altro, e se avallate queste scelte politiche non siete poi molto diversi dai pacifisti che ritengono soldi buttati quelli per comprare aerei e altre costose.

13 squadroni aerei striminziti contro 23 di francia e Regno unito... Certo, esigenze diverse... 200 carri pesanti contro più di un migliaio per ciascuno dei grandi, e di qualità superiore, a parte il Leclerc.. Esigenze diverse certo.

E la lista sarebbe lunga.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

un conto è essere pacifisti, un altro è essere REALISTI. poi certo... la faciloneria è sempre di moda.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dai è la prima volta che mi becco del pacifista! Ma che cavolo, un po' di obiettività!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×