Jump to content
Linux&Xunil

MIG-31 Foxhound - discussione ufficiale

Recommended Posts

semmai è il mig 25 ad esser stato costruito per contrastare blackbird e b70, infatti l'u2 non volava più sull'urss dopo l'incidente di powers nel 1960 e il b70 era stato cancellato. il mig 31 fu creato, come scritto nei post precedenti, per intercettare bombardieri e sostituire i mig 25.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Era per spiegare le quote per le quali è progettato il Mig-31. E' chiaro che tranne alcuni U-2 (che non violano più lo spazio aereo russo da sessant'anni) oggi in pratica non ci sono più bersagli a quelle quote e velocità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che il Mig25/31 sia stato costruito per intercettare un SR71 avrei qualche dubbio

 

http://www.wvi.com/~sr71webmaster/mig25.html

 

 

 


  • Pilot forward vision was highly obstructed.
  • With huge Tumansky R-15D-300 engines the Mig was considered almost a rocket.
  • Pilots were forbidden to exceed Mach 2.5. There was a total of three engine instruments and the airspeed indicator was redlined at 2.8 Mach.
  • Above Mach 2.8 the engines would overheat and burn up. The Americans had clocked a Mig-25 over Israel at Mach 3.2 in 1973. Upon landing in Egypt, the engines were totally destroyed. We did not understand that the engine destruction was inevitable.
  • The combat radius is 186 miles.
  • Without using afterburner; staying at optimum altitude and not maneuvering, the Mig can fly in a straight line for 744 miles.
  • The plane was so heavy at 64,200 pounds, that according to early rumors Soviet designers had to eliminate a pilot ejection system. However this was disproved. Most MiG-25s used the KM-1 ejector seat. The last versions used an early variant of the famous K-36 seat. The speed record for the fastest successful ejection (Mach 2.67) is held by a KM-1 equipped MiG-25.
  • Maximum operational altitude: Carrying two missiles, 78,740 feet (for maximum two minutes duration); carrying four missiles, 68,900 feet is maximum.
  • Maximum altitude of missiles: 88,588 feet.
  • Ability to intercept an SR-71: Belenko states the Mig-25 cannot intercept the SR-71 for several reasons: The SR-71 fly too high and too fast; the Mig cannot reach it or catch it. The missiles lack the velocity to overtake the SR-71 and in the event of a head on missile fire (The Golden BB), the Guidance system cannot adjust to the high closure rate of the SR-71.
  • The Mig-25 has a jam proof radar but cannot distinguish targets below 1,640 feet due to ground clutter. The radar was so powerful it could burn through jamming signals by approaching bombers.
  • Maximum G load: With full fuel tanks 2.2 G's is max; with near empty fuel tanks, 5 G's is dangerous. The Mig-25 cannot turn inside a U.S. F-4 Phantom fighter!
  • The plane was made of steel alloy, not high temperature titanium, although strips of titanium was used in areas of high heat concentration.
  • In a tight turn the missiles could be ripped from the wings.

 

 

In altre parole la velocita e la quota massima poteva essere raggiunta e mantenuta solo per breve tempo e a particolari condizioni di carico.

 

Teniamo poi presente che il Mig31 dispone di un potente radar con funzioni look-down, shoot-down la cui funzione sembra proprio quella di attaccare bombardieri o missili da crociera.

 

 

Quanto all' SR71 il mezzo si dimostro in grado di raggiungere un altitudine massima di 25900 metri (!) e una velocita massima di 2193 miglia orarie (3500 km orari !).

 

http://www.wvi.com/~sr71webmaster/srrcd~1.htm

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dati degli aerei, dal volume (direi definitivo) di Yeflim Gordon su MIG 25\31

 

 

The MiG-25PD had a normal take-off weight of 34,920kg (76,984lb) and a MTOW of 36,720kg (80,952lb). Unlike the MiG-25P, it could carry a 5,300 litre (1,166 Imp gallon) drop tank. Cruising at Mach 2.35, the aircraft had a range of 1,250km (781 miles) with four R-40 missiles and no drop tank; in subsonic flight the range was 1,730km (1,081 miles).
The drop tank extended the range to 2,400km (1,500 miles). With no drop tank the aircraft could climb to 19,000m (62,336ft) in 6.6 minutes and had a service ceiling of 20,700m
(67,913ft).
La versione dell'aereo di Belenko era la P, quella precedente (D sta per Dorabotannyy, modificata\migliorata)
Per i ricognitori, le prestazioni erano queste.
dual-role MiG-25RB, or Izdelye 02B, in 1970. (The RB suffix denoted Razvedchik-Bombardirovschchik - reconnaissance aircraft/bomber.) The production aircraft
was intended for clear-weather day and night Photint, general purpose and detailed Sigint, day/night radar imaging in visual flight rules (VFR) and IFR conditions and day/night bomb attacks in VFR and IFR conditions. Reconnaissance was possible up to 23,000m (75,460ft) and at speeds of 2,500-3,000km/h (1,562-1,875mph) within a combat radius of 920km(575 miles). It was possible to drop bombs at21,000m (68,897ft) and 2,500km/h within acombat radius of 650km (406 miles) while performing all kinds of reconnaissance tasks.
Sulla affidabilità dei motori, valga quanto scritto nella stessa opera riguardo ai voli di ricognizione condotti dall'Egitto su Israele, da parte di MIG25 con piloti russi ai comandi.-
Sorties over Israeli-held territory involved cruising in full afterburner for about 40 minutes. Air temperature in the intake ducts reached 320°C; the aircraft skin was not much colder either (303°C). By then, the Tumanskii design bureau had extended engine running time in full afterburner from three to eight minutes and then to 40 minutes. Thus, virtually all sorties could be flown at maximum thrust; the R15B- 300 turbojets proved reliable enough and gaveno problems in the hot Egyptian climate.

 

Missions were flown at maximum speed and 17,000-23,000m (55,774-75,459ft). At this rate, no one could keep up with the MiG-25, which was just as well because the aircraft was unarmed. The engines burned off 500kg (1,102lb) of fuel, reducing all-up weight, and the aircraft would accelerate to Mach 2.8.
The Soviet pilots were not afraid of Israeli jets scrambling to intercept them, having encountered them before over the Sinai desert - the F-4E and Mirage IIICJ
were just no match for the MiG-25. The Phantom was inferior in speed and ceiling; trying to line up for an attack it would stall and flick into a spin. The Mirage did even worse, and at bestthe Israeli pilots managed only to get a glimpse of the intruder.
The MIM-23 Hawk missiles used by Israel were no great threat to the MiG-25 either

 

 

Other sources state that it was WS pilot Krasnogorskiy who should walk away with the record (and get the 'speeding ticket'), as he reached 3,400km/h (2,125mph) in one of the sorties. This was dangerous because the airframe could be damaged by overheating, but careful inspection of the aircraft showed no apparent damage. Still, the pilots received anunambiguous 'debriefing' afterthis incident.
Belenko:
Investigators found out that the defection was not an impulsive action of a dissatisfied officer - Belenko was expected in Japan and made preparations for the flight. He
high-tailed it to Japan the very first time he had a full fuel load, taking the classified technical manuals with him. (Taking the manuals on a sortie was expressly forbidden.)
Nobody at the base suspected that a defection was afoot. The mission profile included low level flight during which the aircraft would be undetectable by ground radar. Only when Belenko failed to return at the planned time did the АТС start calling him on the radio and fighters were sent up to try and locate the crash site.
The message from the border guards that an aircraft had crossed the state border and was making for Japan came too late: Belenko wasalready approaching Japanese airspace, with Air Self-Defence Force fighters waiting to escort him.
Quindi, Belenko fa parte di un piano ben congegnato per fuggire in occidente con l'aereo (ma si sapeva da tempo....). Ma la cosa interessante è un altra: IL SUO PROFILO DI MISSIONE PREVEDEVA VOLO A BASSA QUOTA, quindi il Mig 25 era considerato capace anche di intercettare bersagli a bassa quota, non solo Valkyrie (mai entrati in servizio) U2 o SR71.
E comunque, dalla ispezione vennero fuori diverse sorprese:
The incident got the world press going wild with stories about the MiG-25. Aviation journalists derided the design as 'crude' and 'engineering archaeology' but conceded that the steel airframe worked well at high temperatures and could be built and repaired easily without requiring any great skill from the repair personnel.
The radar's elements were deemed outdated; yet the radar impressed the West by having two wavebands which made it virtually jamproof - something no US radar featured at the time. In fact, USAF C-in-C Robert Siemens said that 'the MiG-25 is the only aircraft scaring all the world'. US Defence Secretary Schlesinger stated that the new Soviet interceptor was a sufficiently potent weapon to bring about drastic changes to the Western weapons systems and strategies.
Veniamo al MIG31
Communist Party of the Soviet Union and the Council of Ministers issued a directive, ordering the Mikoyan OKB to design and build three versions (interceptor, strike and reconnaissance) of an aircraft designated Ye-155M. Initially the aircraft was merely an upgraded MiG-25; by the early 1970s, however, the objective was somewhat
different.
The USSR had long been suffering from inadequate air defence of the polar regions. Air bases with powerful avionics and navigational facilities were few and far between in the north. The existing air defence radars could only detect low flying targets at close range. The Tupolev Tu-128 'Fiddler', the MiG-25PD and the Su-15TM 'Flagon' interceptors equipping the Protivovozdushnaya Oborona (PVO - air defence forces) units stationed up north were hampered by limited range and outdated weapons systems. Therefore, the Mikoyan OKB proposed developing the MiG-25PD into a long range interceptor capable of patrolling alone over the vast northern wilderness and defending industrial centres effectively.
The aircraft was to have long range and a cruising speed of about 3,000km/h (1,864mph) and be capable of destroying multiple targets - including cruise missiles - in a single sortie.
The crew was to include a pilot and a navigator/ weapons systems officer (WSO). The idea was supported by the government and the PVO
command.
Quindi, mentre il Mig25 nasce come aereo da difesa per bersagli ad alta velocità e alta quota, il MIG31 parte da presupposti completamente diversi, quello che, in occidente, poteva essere il Tomcat: biposto, missili a largo raggio, possibilità di ingaggi multipli, alta autonomia.

 

Per dare una idea delle sue capacità:

 

 

Test pilots Taskayev and Aubakirov and test navigator Leonid Popov made several non-stop flights from Monchegorsk to Anadyr via the North Pole,
covering over 8,500km (5,280 miles) in autonomous navigation mode and refuelling twice along the way: Flight time was 8 hours 40 minutes;
the missions included two simulated intercepts, including one over the North Pole.
No malfunctions were encountered.

Ah, sul fatto 'scandaloso' dei rivetti....

 

http://data3.primeportal.net/hangar/mark_hayward/sr-71_64-17962/images/sr-71_64-17962_11_of_55.jpg

 

 

 

 

Edited by madmike

Share this post


Link to post
Share on other sites

Possiamo dire che la coppia Mig25/31 per caratteristiche e prestazioni ricopre (ricopri) un ruolo un po ambiguo e sotto certi aspetti indefinito.

Non si trattava di un vero ricognitore strategico paragonabile all' SR71 perche tanto la cellula, quanto i motori non permettevano prestazioni cosi estreme, e non si trattava di caccia adatti per il combattimento manovrato perche essendo dei mattoni volanti erano vulnerabili a distanza ravvicinata.

 

Se lo scopo era quello di abbattere un SR71 possiamo dire che tale missione falli alla grande, visto che tra l'inizio degli anni settanta fino alla fine degli anni ottanta il "merlo nero" volo decine e decine di volte nello spazio aereo adiacente all'URSS.

 

La storia del MIG 25 che vola sul Sinai a mach 3.2 appare contradditoria e legata ad un altro episodio . Qualche anno prima la rete sensoristica occidentale capto un misterioso velivolo che sorvolava l'artico ad una velocita superiore a Mach 3.

Si penso fosse il misterioso Mig 25 ma si accerto poi che era il Tupolev Tu 123, una sorta di aereo-razzo per ricognizione.

 

Se lo scopo invece era quello di essere un caccia ad alte prestazioni, i risultati delle varie aviazioni siriane, irachene, egiziane..... furono molto modesti (alcuni furono abbattuti) anche se il mezzo disponeva di notevoli doti nelle tattiche difensive (velocita di fuga).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come detto, era un intercettatore con missioni ben definite: intercettare bombardieri strategici e ricognitori ad alta quota.

 

Il combattimento manovrato non era certo roba per lui, e lo si sapeva bene, anche se nel libro in parola si parla di un abbattimento da parte dei Siriani di un caccia israeliano (perdendono 2\3 in due azioni distinte) e dell'abbattimento di un F18C il secondo giorno della Guerra del Golfo (perdendone poi diversi nei giorni successivi).

 

Ma appunto, la sua missione (così come quella del MIG31) sono missioni particolarissime, che avevano un senso solo per l'URSS.

 

Escluso ovviamente le missioni di ricognizione, che anche su Israele ebbero grande successo per anni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le missioni di questo aereo, erano primariamente votate all'intercettazione dell'SR-71. I russi erano davvero stanchi degli SR-71. Suppongo sia frustrante non riuscire a tirarlo giù quell'uccellaccio, frustrante a tal punto che un signor graduato russo, vedendo ancora il contatto radar dell'SR-71 apparire sugli schermi, dopo avergli tirato contro parecchi SAM, in preda ad una crisi nervosa uscì fuori e tirò tanto di stivale contro il cielo (magari sperando di abbatterlo con quello ahahahha). Ho visto qualche video riguardo questa macchina e non metto in dubbio le sue capacità. Nei video raggiunge quote molto elevate, ma.... fallì nella sua missione... Nessun SR-71 abbattuto... senza contare che le ha prese anche dall'F-15, che in quel tempo si esercitavano "intercettando" gli SR-71.... ho posto intercettando fra virgolette perchè agli f-15 veniva fornito un vettore per l'intercettazione e gli f-15 beccavano gli SR-71 perchè sapevano che erano in quel punto esato.. ma un giorno un pilota di SR-71 si stufò di venire surclassato da "semplici" F-15 ed effettuò una semplicissima virata di 10° e puff.. gli F-15 non riuscirono più a trovarlo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dunque, le missioni dell' SR 71 erano talmente delicate e complesse che venivano preparate con giorni di anticipo.

Tutti i minimi dettagli prevedibili venivano studiati e calcolati e la macchina subiva un controllo molto approfondito prima

di partire perche appunto doveva volare in condizioni estreme.

 

Questo filmato da l'idea di cosa stiamo parlando!

 

 

 

 

 

Lo status del Mig25/31 e' invece diversa nel senso che il mezzo poteva decollare con un breve preavviso, era (ed e') un "intercettore a chiamata".

 

La difficolta nell' abbattere il "merlo nero" stava tanto nella velocita (e quota) quanto nei tempi che impiegavano i russi nell'individuarlo, lanciare l'allarme, far decollare i caccia (Mig 25/31) che dovevano portarsi in quota.....in altre parole potevano passare 15 e passa minuti.

 

Se calcoliamo la velocita di crociera dell' SR 71 vediamo che in 15 minuti percorre circa 600-700km.

Edited by holmes7

Share this post


Link to post
Share on other sites

e' certo che il Mig31 abbia capacità più che discrete per il contrasto ai missili cruise, abilità provata in più di una esercitazione,ma non in combattimento,però il suo radar originale non era combinato con un computer molto potente,per cui-pare- sullo schermo i bersagli apparivano come semplici punti luminosi,senza indicazioni riguardo la loro natura,quota, direzione e velocità relativa, lasciando al secondo membro dell'quipaggio il difficile compito di "dare un senso" a detti punti luminosi. Per confronto, i radar dell'F 16 fornivano fin dall'inizio ttutti i parametri del bersaglio, compreso il vettore per l'eventuale intercettazione,mentre i sovietici dovevano fare tutto indipendentemente. Questo poteva andare bene se il bersaglio era un Tomahawk isolato,però -per esempio- in una battaglia aerea con tanti mezzi che si affrontano fra loro, sarebbe stato difficile per l'equipaggio,da solo, riconoscere gli amici dai nemici,oppure i bombardieri dai caccia di scorta.

Oggi ,con un nuovo computer di bordo, queste difficoltà sono superate

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da tempo sostengo che in fatto di elettronica raffinata i paesi occidentali (USA in primis) hanno da sempre sovrastato i russi e (oggi) i cinesi sopratutto quando si dovevano gestire questi mezzi in un ottica di "battle management".

 

Anche io sono del parere che questa macchina fosse destinata ad attaccare bombardieri e missili da crociera, visto anche l'enorme radar che ha e che sembra come un "sostituto" dell' AWACS. La cosa ha il suo senso visto l'enormita del territorio russo, in altre parole, Mosca ha cercato di prendere 2 piccioni con una fava. Costruire un "simil Awacs" con le capacita di un intercettore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si siamo d'accordo.

 

Dicevo che il mezzo ha volato nel 1982 quando ormai "il concetto di combattimento aereo manovrato" si era palesato in tutta la sua evidenza, visto che gli USA avevano messo in linea l' F15 e l' F16 mezzi che avevano capacita cinematiche in termini di g-accellerazioni, rateo di virata e angolo d'attacco decisamente migliori del Mig 31, che in questi parametri era appunto un mattone.

 

Perche i russi hanno fatto questa scelta?

Il tutto e' da ricondurre alla necessita di tenere in aria un intercettore a lungo raggio, capace non di affrontare un F15C ma bombardieri strategici come il B1 e il B52 che potevano penetrare in un qualunque punto dell'immenso perimetro di confine russo.

 

Sono parzialmente d'accordo.

 

Certamente il MiG-31 è un mezzo concepito per abbattere i bombardieri USA ai tempi della guerra fredda ma, in questo caso, non ci sarebbe più motivo di tenerlo in servizio ai giorni nostri (pensiamo all' F-14 che è stato radiato).

 

In verità il MiG-31, inaspettatamente forse, si è rivelato un mezzo perfetto (già disponibile) nel combattimento CAP-BVR, anche ai nostri giorni (con i dovuti aggiornamenti ovviamente).

 

Sappiamo che, negli scenari di guerra previsti, il novanta per cento dei combattimenti avverrebbe in BVR e il MiG-31 è perfetto in questo compito a differenza, ad esempio, del MiG-29 che è stato infatti accantonato se non per l'esportazione.

 

Consideriamo poi che l'aeronautica russa, almeno per ora, ha vocazione prevalentemente difensiva, quindi dubito che verranno prodotti centinaia di moderni caccia multiruolo derivati dal Su-27 e MiG-29.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve, avrei un paio di curiosità da soddisfare riguardanti il Mig-31 che non sono riuscito a risolvere da solo:

Sapete se è in grado di mantenere una velocità supersonica senza usare i postbruciatori? Dato che già i caccia della serie teen ne sono in grado (naturalmente senza carichi esterni), forse può farlo anche lui, dato che è progettato appositamente per le alte velocità, magari usando gli a/b solo per la fase transonica...

Altra domanda, ho letto in diversi siti che può sostenere una velocita di Mach 2.35 per circa 25 minuti grazie alla notevole quantità di carburante che si porta dietro, per compiere tale performance consuma tutta la sua riserva e deve poi ricorrere subito al rifornimento o rimane in bingo fuel?

Grazie a chi mi illuminerà! :)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Visto i motori e la loro geometria, ottimizzati per le alte quote, e l'enorme spinta, credo che la super crociera sia possibile sopra i 10.000 m: non credo però che per accelerare basti la spinta a secco.

 

Per i 5 minuti a mach 2.35 penso che sia un puro calcolo teorico: certamente rimane in bingo fuel

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se si impegna e' capace anche di mach 2,89 ad alte quote... il problema e' che frigge i motori...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie, ho fatto qualche ricerca ed un paio di conti, ditemi se secondo voi sono realistici o meno.

Varie fonti (la scheda in questo sito, GlobalSecurity, EnWikipedia) danno un raggio d'azione in combattimento di 720 km.

 

A Mach 2.35 (circa 2500 km/h) 720 km si percorrono in 17' 17" circa, considerando il tempo per salire in quota ed accelerare facciamo 20'.

Aggiungiamo 5' di permanenza sul bersaglio, si arriva ai famosi 25 minuti → bingo fuel → ritorno alla base.

Plausibile secondo voi?

 

Ma soprattutto riesce ad arrivare a Mach 2.35 con i missili appesi sotto? Altrimenti è un puro esercizio teorico...

Su un forum estero, non ricordo quale, ho letto che può farlo con quattro R-33...

 

Avete qualche dato sicuro a riguardo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Era il MiG 25 che friggeva i motori oltre 2,85: penso che alla fine sia stato imposto come limite anche il Mig 31:

Ed era sempre il Mig 25 che con 4 missili sotto le ali viaggiava a Mach 2,35: penso che anche il Foxhound possa fare altrettanto con le armi annegate sotto la pancia :okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo la messa a terra dell'intera flotta a causa di un ennesimo incidente ....

 

"Russian MiG-31 crashes in Far Eastern region" .... http://www.janes.com/article/31599/russian-mig-31-crashes-in-far-eastern-region

 

.... torneranno presto a volare i MiG-31 ....

 

"Russia clears MiG-31s to resume flight operations" .... http://www.janes.com/article/31965/russia-clears-mig-31s-to-resume-flight-operations

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Modernizzazione radicale ....

 

2mrcqgw.jpg

 

Russian Aircraft Corporation MiG and Aviadvigatel have confirmed that work continues on “radical modernization” of the MiG-31 Foxhound, with the focus on extending the performance of the aging, out-of-production Mach 3 interceptor so that it can carry out not only air-defense duties but also serve the recently established VKO, the Russian acronym for the country’s Air and Space Defense (Command).

Under a directive from the Russian defense ministry, RAC MiG is working on new versions of the aircraft more capable than the current MiG-31BM.

 

Fonte .... "MiG, Aviadvigatel Confirm MiG-31 Development" .... http://www.ainonline.com/aviation-news/ain-defense-perspective/2014-04-24/mig-aviadvigatel-confirm-mig-31-development

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riaprire le linee del Foxhound??? è questa la proposta del deputato primo ministro Dmitry Rogozin:

 

 

MOSCOW, August 8 (RIA Novosti) - The production of MiG-31 interceptor aircraft should resume, as they could prove effective for another 15 years, Russian Deputy Prime Minister Dmitry Rogozin said Friday.

“The aircraft had no rivals. That was the opinion of the Military-Industrial Commission, the Defense Ministry, the industry on the whole and even the State Duma, which used to hold special hearings on the subject of the interceptor. The production should be revived, as the jet is being upgraded. This fighter will certainly be effective for another 15 years, with its various modifications that are up to today’s military requirements,” Rogozin said.

The deputy prime minister went on to say that he believed the aircraft had big export potential and expected high demand for the MiG-31.

The MiG-31 is a long-range supersonic interceptor aircraft based on the MiG-25. The MiG-31 went into production in 1979, with some 500 delivered. In 1994, production of the jets was curtailed.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sto parlando di macchine , non di pilti.

Quando debutto il MIG 25 i piloti della IAF se lo sono visti passare sulla testa a Mach 3.

Un MIG-31 , adeguatamente aggiornato , che svolazza a Mach 3 non deve essere una cosa semplice con cui avere a che fare dal momento che l USAF , ossia la IDF , non hanno mai avuto macchine da combattimento trisoniche e non hanno intenzione di progettarle.

 

 

 

 

"Più si va avanti" la velocità si fa sempre meno importante.

Edited by nicola2000

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quando debutto il MIG 25 i piloti della IAF se lo sono visti passare sulla testa a Mach 3

 

 

 

 

Non era in grado di raggiungere quella velocita. Le stime piu credibili parlano di una velocita max di mach 2.8 senza alcun carico esterno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riaprire le linee del Foxhound??? è questa la proposta del deputato primo ministro Dmitry Rogozin:

 

mah...

Ok, Il MIG-31 e' un aereo molto "russo" che e' stato concepito ad uso e consumo di quel paese ed ha caratteristiche precise per quel contesto.

A tutt'oggi inserito in una difesa organica dello spazio aereo russo sarebbe comunque un bel cliente.. non a caso l'F-22 e' nato proprio per penetrare quel tipo di rete difensiva..

 

Non ha senso usarlo in altri contesti (Siria ad esempio).. forse solo un paese come la Cina avrebbe "senso geografico" per un aereo del genere,

 

Ma siamo nel 2014!

ai cinesi, giustamente, non interessa un intercettore pesanti(issimo) puro progettato negli anni 70 ...e spendono soldi per dei su-35, una rete a terra antiaera (radar, missili antiaerei, missili antimissile), per un caccia (bombardiere/antnave) stealth, anche quello molto specifico disegnato sulle esigenze di quel paese, come il J-20.., per una serie di early warning awacs moderni...

 

Aprire le linee in russia non mi sembra una grande idea... quelli che ci sono vanno e bene e si potrebbero ammodernare consderando che i russi non hanno awacs (cosa molto limitante) e il Mig-31 puo' lavorare in gruppo e avere funzioni simili, ma far ripartire la linea di aerei comunque "vecchi" progettati negli anni 70, quando tutti gli avversari si stanno muovendo pesantemente nell'ambito della 5gen., lo vedo come uno spreco di risorse....

Tra l'altro per i concetti espressi sopra, e' un aereo inesportabile anche se decidessero di renderlo tale: troppo specifico in primis, troppo vecchio per aviazioni moderne, troppo caro per aviazioni di seconda fascia

Edited by nik978

Share this post


Link to post
Share on other sites

non ero aggionrato a dopo il 2010.. errore mio

non pensavo ne avessero gia' cosi tanti operativi!

Edited by nik978

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×