Jump to content
Sign in to follow this  
Maverick1990

Ariete

Recommended Posts

Dirò una panzana, ma credo che i nostri Leo1 non verranno sostituiti da nessun MBT: rimarremo con 200 MBT Ariete aggiornati, e forse si comincerà ad aggiornare le blindo Centauro in dotazione (sostituzione canna da 105 con 120, nuovo powerpack, ecc.).Per le nostre esigenze, direi comunque che malaccio non siamo messi..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vorrei partire dall'esame della situazione attuale dei reparti italiani dotati di carri armati.

 

Si tratta di:

 

3 reggimenti, 4°, 32° e 132° della Brigata Corazzata "Ariete", dotati ciascuno di 54 carri Ariete;

 

1 reggimento, 131°, della Brigata Meccanizzata "Garibaldi", dotato di 41 carri Leopard 1 A5;

 

1 reggimento, 31°, della Brigata, ufficialmente, Corazzata ma, di fatto, Meccanizzata, "Pinerolo", dotato di 41 carri Leopard 1 A5.

 

 

Il 31° Reggimento Carri con il 2007 ha iniziato la dismissione dei Leopard 1 A5 che sarà completata entro l'autunno, l'unità sarà riconfigurata in "battle lab" per testare gli apparati e le tecnologie per la digitalizzazione del campo di battaglia (Siccona, Soldato Futuro ecc...).

 

A mio parere, vista la probabile ulteriore riduzione dello strumento militare italiano, in particolare, della sua componente terrestre, è possibile che si proceda allo scioglimento di ulteriori reparti operativi (sempre preferiti, in questi casi, rispetto a strutture burocratiche territoriali, centrali e periferiche, più o meno inutili, che riescono sempre a sopravvivere, magari cambiando nome!); in questa prospettiva, la Brigata "Pinerolo", unità, diciamo, in atto, non di "prima linea", potrebbe anche essere prescelta tra i reparti da sciogliere e la scelta del 31° Rgt. Carri come reparto per sperimentare il "battle lab" potrebbe anche essere indicativa di una precisa volontà in tal senso, così come potrebbe essere vero anche il contrario, nel senso che la scelta in questione, potrebbe essere il segnale per portare la "Pinerolo" ad elevati livelli operativi.

 

Si vedrà, con il tempo, quale sarà l'interpretazione più corretta da dare alla conversione del 31°.

 

Ad ogni modo, lo scioglimento della "Pinerolo" consentirebbe, a parer mio, di costituire 2 brigate corazzate omogenee, "Ariete" e "Garibaldi", ciascuna su 2 reggimenti di carri Ariete (numero di mezzi per reggimento: 13+13+13+2=41), 2 reggimenti di fanteria (bersaglieri) meccanizzata, un reggimento di artiglieria semovente (con i PZH 2000), un reggimento di cavalleria esplorante (con le blindo Centauro), un reggimento genio.

 

Ciò consentirebbe di far bastare gli attuali 200 carri armati Ariete.

 

 

Ciao a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda le versioni speciali (carro gettaponte, carro soccorso, carro per il Genio) non vi è alternativa, non dico razionale, ma neanche possibile, a quelle derivate dal Leopard 2; peraltro, tenendoci quelle che abbiamo, derivate dal Leopard 1, a parte il problema della vetustà, per la versione gettaponte si pone, mi si corregga se sbaglio, anche quello di avere una portata inferiore a quella richiesta per il passaggio dell'Ariete.

 

Quando si fa presente l'opportunità di acquistare prodotti italiani, io sono del tutto d'accordo, a condizione che gli stessi abbiano pari qualità e costo di quelli stranieri: in caso diverso, ci si troverebbe solo dinanzi ad antistorico e, aggiungo, stupido, protezionismo fine a sé stesso.

 

 

Ciao a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dirò una panzana, ma credo che i nostri Leo1 non verranno sostituiti da nessun MBT: rimarremo con 200 MBT Ariete aggiornati, e forse si comincerà ad aggiornare le blindo Centauro in dotazione (sostituzione canna da 105 con 120, nuovo powerpack, ecc.).Per le nostre esigenze, direi comunque che malaccio non siamo messi..

 

 

infatti gli ariete poi tutto sommato non sono poi così malvagi certo andrebbero sostituiti anche loro ma se non ci sono le disponibilità economiche bisogna arrangiarci in qualche modo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se l'Italia rimane quella che è sempre stata ci basteranno 200 Ariete ma il giorno in cui ci decideremo a menare le mani anche noi allora spero proprio che i nostri politici riarmino le nostre FORZE ARMATE.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest fede
disolito sono 3 le caratteristiche:

-protezione

-mobilità

-potenza di fuoco

 

Il nostro ariete è messo molto bene per quanto riguarda la potenza di fuoco,maluccio con il motore e maluccio pure con la corazza

 

Con i nuovi aggiornamenti mi pare di no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

gli aggiornamenti al motore sono fermi per mancanza di fondi.

 

quelli per la corazza invece sono stati applicati ai carri inviati in iraq ( quindi pochini)

 

in ogni caso mi pare di aver letto che il livello di protezione con le nuove corazze lo porta al di sopra del Leo2A4 ma non del Leo2A6, comunque credo che per noi basti e avanzi

Share this post


Link to post
Share on other sites
gli aggiornamenti al motore sono fermi per mancanza di fondi.

 

Cambiato il panorama politico del nostro paese penso che si abbiano i presupposti per un cambiamento di questa situazione. (Si parla anche di partecipare attivamente in Afghanistan)

 

 

 

Vorrei però ora farvi una domanda.... ho visto in questo thread un rappresentazione 3D dei kit di corazze aggiuntive del carro Ariete...

 

Queste qui:

 

47005573lb5.jpg

 

 

Qual'è la fonte di questa ricostruzione 3d?

 

 

perchè ho visto alcune foto dei modelli impiegati in Iraq, sono impiegate le corazze gialle ma SOLO UNA PARTE delle corazze Blu.

 

per esempio potete vedere qui: http://img529.imageshack.us/my.php?image=arieteirak4vw.jpg

 

 

Inoltre si sa qualcosa sul peso di questi kit?

 

Se decidessero di fare L'Ariete con il nuovo motore da 1600hp (ben 100cv in più del Leopard) con entrambi i kit di corazza (PSO & WAR) e con il nuovo cannone l55 (anche questo uno dei tanti aggiornamenti previsti) secondo voi potrebbe competere con i moderni carri occidentali e oltreoceano? (leo 2a6 m1a2 challenger 2)

Edited by KingBorn88

Share this post


Link to post
Share on other sites
potrebbe competere con i moderni carri occidentali e oltreoceano? (leo 2a6 m1a2 challenger 2)

 

personalmente credo di no, almeno non del Leo 2A6 e dell'ultima versione dell'abrams.

A quanto ho capito l'ariete non è malaccio per quanto riguarda la meccanica, ma è carente nel settore dell'elettronica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gli Ariete tornati dall’Iraq sono stati tutti dichiarati fuori servizio. Conosco la sorte di uno di essi, che è praticamente smontato per valutazione, presso la OTOMELARA.

 

Ma si può sapere che significa questo tuo "fuori servizio"?

Ogni volta che lo dici sembrano che siano da buttare, io credo che siano semplicemente in manutenzione dopo un utilizzo operativo, ma la missione in Iraq è anche finita da 2 e più anni ormai, e credo che siano già belli che ritornati all'Esercito!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Qual'è la fonte di questa ricostruzione 3d?

perchè ho visto alcune foto dei modelli impiegati in Iraq, sono impiegate le corazze gialle ma SOLO UNA PARTE delle corazze Blu.

 

per esempio potete vedere qui: http://img529.imageshack.us/my.php?image=arieteirak4vw.jpg

Nella ricostruzione si vedono solo le corazze e non il carro, ma a me sembra che nella foto i moduli (anche se un po'diversi) ci siano tutti, compresi quelli blu.

D'altra parte devono proteggere solo la parte anteriore dello scafo e della torretta, dove si trova l'equipaggio...

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per la spiegazione ;)

 

Ma mi chiedo, è possibile che con 4-6 carri da noi inviati si siano creati tutti questi problemi di usura? E gli Inglesi e Americani che ne hanno mandati molto ma molti di più di carri che dovrebbero dire?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal sito "Ferrea Mole", http://www.ferreamole.it/ , eccovi il link ad una pagina relativa al carro "Ariete" con le corazzature aggiuntive (le foto non vi sono più, ma è interessante, in particolare, il riquadro sui carri che operarono in Iraq):

 

http://www.ferreamole.it/images/ariete_upa/arieteupa.htm

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nella ricostruzione si vedono solo le corazze e non il carro, ma a me sembra che nella foto i moduli (anche se un po'diversi) ci siano tutti, compresi quelli blu.

D'altra parte devono proteggere solo la parte anteriore dello scafo e della torretta, dove si trova l'equipaggio...

 

 

Ho rivisto meglio l'immagine è secondo me il rendering ha mostra delle protezioni laterali più lunghe di quelle viste in Iraq.

 

In ogni modo un altro utente ha specificato che quelle montate in Iraq erano prototipi di corazze quindi chi sa cosa cambierà.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo con Little Bird, fa piacere Lupus che un esperto sul campo si "dilunghi"! Due domande:

1) SE E con tanti forse, magari ecc.. Si avessero i fondi per ordinare altri 60/100 Ariete sarebbe fattibile riaprire la line di produzione o una volta chiusa si passa ad altro?

2)Avevo letto che il Centauro aveva problemi di sterzo su strade standard italiane, me lo confermi? Quindi scarsa mobilità nelle suddette in servizio di un'eventuale difesa del territorio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie molte. Per quanto riguarda l'Ariete perchè dici 100 da rottamare? Io pensavo di tenere i 200 e aggiungerne altri 100 col nuovo aggiornamento. 70 miliardi sono un'enormità, ma visto che i progetti ci sono già, non c'è bisogno di sperimentazione e sviluppo, smaltendo i costi per un quinquennio minimo non sarebbe più abbordabile? :unsure: (sempre considerando che nella realtà la difesa sembra che debba fare ulteriori tagli :pianto: )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho parlato spesso dell'Ariete in un altro topic e noto con favore che in questo c'è qualcuno che condivide la mia opinione sul rapporto tra questo e l'OTOMAT. Mi rendo conto che spesso le riviste specilizzate sono la miglior fonte per saperne qualcosa in quanto i manuali sono di difficile reperibilità, il problema è che gli editori di riviste specializzate sono finanziati da finmeccanica, cioè pagano gli stipendi degli editorialisti con i soldi di IVECO, OTOBREDA, ECC. Per cui in cambio si fa l'agiografia dei mezzi italiani e non si fanno mai raffronti costruttivi o di tipo tecnico-tattico....Non è polemica è solo la verità

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque credo tu ti riferisca all'OF-40, visto che l'OTOMAT non è altro che il missile navale Teseo.

Probabilmente ti confondi con l'OTOMATIC, il semovente AA da 76mm su scafo OF-40.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Insomma i Tedeschi li sanno fare i carri armati... :drool:

Grazie delle info, davvero interessante! :adorazione:

 

 

fortunatamente per loro non sono come l'Italia

Share this post


Link to post
Share on other sites

si si è che con le sigle non ci acchiappo poi tutto ciò che conosco è per esperienza pratica leggo poco le riviste specializzate

Comunque credo tu ti riferisca all'OF-40, visto che l'OTOMAT non è altro che il missile navale Teseo.

Probabilmente ti confondi con l'OTOMATIC, il semovente AA da 76mm su scafo OF-40.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal link seguente: http://www.esercito.difesa.it/root/News/news_08_09_01.asp

 

si apprende che il carro "Ariete" sta entrando in servizio nel 131° Reggimento Carri della Brigata Bersaglieri "Garibaldi".

 

Si tratta del quarto reggimento che riceve i carri in argomento; finora ne erano dotati solo il 4°, il 32° ed il 132° della Brigata Corazzata "Ariete".

 

Per assegnare i carri al 131°, probabilmente saranno diminuiti i carri originariamente in dotazione ai 3 reggimenti della Brigata "Ariete" (54 per ciascun reggimento), essendo di 200, il numero totale di carri "Ariete" in possesso dell'EI.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente il 131 sarà un pò sottorganico rispetto ai reggimenti della "ariete", in quanto i suoi carri agiranno integrati con altri mezzi, oppure si pensa davvero di basare i reggimenti su 40 carri?

Mi sembra meglio, a questo punto, organizzare a livello di battaglione una forza più flessibile di diversi mezzi in modo da impiegarla in maniera organica, senza smembrarla a livello di plotone e di compagnia, nel supporto alle operazioni fuori area visto che di pericoli all'orizzonte tali da giustificare l'impiego di reggimenti di carri non ce ne sono.

Share this post


Link to post
Share on other sites

4°, il 32° ed il 132° della Brigata Corazzata "Ariete" avranno tre compagnie al posto delle attuali 4 (quindi per un totale di 41 Ariete) e i carri recuperati verrano trasferiti al 131° della "Garibaldi", per un totale di 164 Ariete assegnati ai reparti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...