Jump to content

Armi nucleari volano per sbaglio su B-52 sopra Usa


Guest sbarulla

Recommended Posts

Con riferimento all'apparente doppia discussione su questo argomento, confermo che si tratta del "passaggio automatico" della notizia inserita sul blog.

 

Purtroppo per problemi di tempo leggo con considerevole ritardo le informazioni che mi pervengono prevalentemente su carta e che poi provvedo a inserire nel blog. Solitamente filtro le notizie e lascio perdere quelle che ormai sono state già oggetto di discussioni, a meno che non contengano qualche particolare interessante.

 

In questo caso, nonostante il rapportino risalisse al 10 settembre, si trattava del primo report da fonte professionale e non giornalistica, per cui ho ritenuto utile inserirlo anche per alcuni particolari citati.

 

Nei post pubblicati prima che quella discussione fosse chiusa, ho notato che qualcuno si è meravigliato che gli aerei USAF non portassero armi nucleari reali dal 1968.

 

La notizia è vera, ed è anche già nota. Nel giro di circa una quindicina di anni in cui i bombardieri americani hanno effettuato voli di deterrenza (almeno una sezione era sempre in volo, a turno) si sono verificati una serie di incidenti (24, se non ricordo male) che hanno coinvolto aerei con testate nucleari.

 

In nessun caso c'è stata esplosione nucleare, ma in diversi casi c'è stato rilascio di materiale radioattivo e in qualche caso è stato un problema recuperare le testate prima che qualcun altro potesse appropiarsene.

 

Per queste ragioni, dopo l'ennesimo incidente, nel 1968, gli USA decisero unilateralmente di non imbarcare mai più testate nucleari su bombardieri in volo.

 

I bombardieri in allarme sarebbero rimasti pronti al decollo sulla pista, con le testate a bordo (o le testate sarebbero state imbarcate al momento del decollo) e sarebbero decollati solo in caso di imminente attacco nucleare.

 

Dopo la fine della guerra fredda gli USA, sempre unilateralmente, decisero di cessare del tutto anche i servizi di allarme sulla pista.

 

Spero di aver chiarito questo aspetto della guerra fredda, e ci tengo a sottolineare che queste due decisioni unilaterali (cessazione dei voli con testate, cessazione del servizio di allarme) rappresentano due importanti gesti di distensione unilaterale, che si aggiungono ad altri gesti analoghi: il ritiro di tutte le armi nucleari tattiche dalle unità navali e sottomarine, il ritiro di gran parte delle bombe nucleari tattiche nelle basi aeree all'estero (e il disassemblaggio della testata da quelle rimanenti), il ritiro dei missili cruise nucleari navali, il ritiro di tutti i missili nucleari aria-terra con eccezione degli ALCM ma compresi i nuovissimi ACM stealth oggetto di questa notizia, il ritiro dei nuovissimi missili MX e lo smantellamento di buona parte dei Minuteman, la riduzione del numero di testate sugli SLBM, la non omologazione al ruolo nucleare dei B-1B e dei B-2 (la loro capacità è solo teorica ma non è mai stata realmente implementata), la non omologazione al ruolo nucleare di quasi tutti i velivoli d'attacco, caccia, cacciabombardieri, ecc...

 

Altre decisioni sono state concordate con la Russia sulla base di accordi non ufficiali e reciproci, come la "sprogrammazione" dei missili ICBM ed SLBM che oggi non contengono più, nel proprio computer di rotta, bersagli predefiniti: vanno programmati prima del lancio.

Quest'ultimo accorgimento, ovviamente, è inverificabile: è rimesso alla reciproca fiducia.

 

Un'altra cosa concordata è quella che tutti i lanci di prova, esercitazioni ecc... che riguardano le armi nucleari, sono effettuati in maniera tale che l'avversario possa intercettare tutti i dati.

I dati telemetrici, ad esempio, sono in chiaro. Le fasi di approntamento al lancio sono ben visibili dai satelliti.

Persino i bombardieri nucleari hanno segni distintivi che li rendono immediatamente riconoscibili dai satelliti, rispetto ai bombardieri convenzionali.

 

Tutte queste misure dimostrano la concreta volontà, da parte delle due superpotenze, di dialogare, di dare segni di distensione, di abbassare il rischio di incidenti e di guerre scoppiate per errore.

 

Sono cose di cui difficilmente si parla, perchè spesso si preferisce fornire l'immagine di superpotenze guerrafondaie e pronte ad azzannarsi.

 

Purtroppo questi gesti non hanno minimamente influito su altre potenze nucleari, ed in particolare la Cina, che però ha sempre avuto un arsenale enormemente inferiore (per problemi tecnologici ed economici, non per buona volontà...)

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

In questi minuti dovrebbe tenersi al Pentagono una conferenza stampa in cui saranno divulgati i risultati dell'inchiesta sull'incidente.

 

Immagino che subito dopo i media americani ne parleranno abbondantemente, quindi chi vuole mettersi a caccia delle notizie è benvenuto.

 

:-)

Link to post
Share on other sites

spero di aver tradotto bene...scusate eventuali errori

secondo me è stato il solito scaricabarile...

 

by Staff Sgt. Monique Randolph

Secretary of the Air Force Public Affairs

10/19/2007 - WASHINGTON (AFPN) Un ufficiale anziano dell'Aeronautica militare ha comunicato i risultati dell'investigazione sull' incidente del 30 agosto. quando missili da crociera furono caricati su un B-52 Stratofortress alla base aerea di Minot , N.D., e trasportati alla Barksdale AFB, La.

Il B-52 assegnato a Barksdale era preparato per trasportare 12 missili di crociera in Louisiana per una missione di trasporto tattico; sei dei 12 missili non furono preparati correttamente , dice il Maj. Gen. Richard Newton III, Newton il qualee ha attribuìto il caricamento e trasporto degli armamenti a "una serie di guasti procedurali ed errori umani", affermando che i sei missili di crociera su quel particolare pilone non dovevano esserci Le sei settimane di investigazioni hanno appurato che questo è stato un evento isolato e che gli armamenti sono sempre stati in sicurezza sotto la custodia degli avieri ."Comunque, questo incidente è inaccettabile per gli americani i e per l' 'Aeronautica militare degli Stati Uniti."

A seguito dell'incidente, il, Gen. Ronald Keys, comandante Air Combat Command ordinò un'investigazione immediata condotta dal Maj. Gen. Douglas Raaberg, ACC director of Air and Space Operations . L'investigazione durò sei settimane .Inseguito alll'incidente, un comandante dell'ACC è stato sollevato dal comando, e il 5° gruppo bombardieri di Minot decertificato dalle specifiche missioni e sospeso dal compiere operazioni di trasferimenti tattici. Molti altri ufficiali hanno ricevuto azione amministrativa e sono stati sollevati dal comando . Inoltre, l'Aeronautica militare ha effettuato un'inventario di riserva per verificare che non ci fossero discrepanze ,e per migliorare la gestione dello stoccaggio, della rintracciabilità ed etichettatura di tutte gli armamenti.

Il Gen Newton ha inoltre aggiunto

"Noi stiamo esaminando e perfezionando misure correttive sui processi di maneggiamento e trasferimento dei nostri armamenti", . "L'azione correttiva assicurerà le nostre munizioni sono maneggiate precisamente ed in sicurezza al 100 percento del tempo.

"Questo è stato un serio errore causato dallacarenza delle procedure dei nostri Aviatori", il Gen Newton aggiunge. " siamo responsabili e assicuriamo gli americani che gli standard dell 'Aeronautica militare risponderà alle loro aspettative."

Edited by skyfighter
Link to post
Share on other sites
"Questo è stato un serio errore causato dallacarenza delle procedure dei nostri Aviatori", il Gen Newton aggiunge. " siamo responsabili e assicuriamo gli americani che gli standard dell 'Aeronautica militare risponderà alle loro aspettative."

 

In poche parole non c'era nessuno che sapesse che iter adottare.Ignoranza delle corrette procedure.

Link to post
Share on other sites

"una serie di guasti procedurali ed errori umani" praticamente maneggiavano armi nucleari senza alcun controllo sulle corrette procedure in sicurezza... e non credo che questo sia un caso isolato, probabilmente è solo il più eclatante. Speriamo che da ora in poi i controlli siano effettivamente più severi.

Link to post
Share on other sites

Allora, qui c'è un articolo molto completo:

 

http://www.sacbee.com/838/story/443206.html

 

La storia è confermata: 6 ACM (sarebbero gli AGM-129 stealth) sono stati caricati completi di testate che avrebbero dovuto essere smontate prima dell'imbarco.

Pare che gli specialisti avessero sostituito il protocollo USAF con una propria procedura, per motivi che non sono stati chiariti (ma che si può immaginare siano stati quelli di risparmiare tempo e fatica).

 

Una settantina di persone sono state punite, alla base è stata revocata la prontezza al combattimento, è stato completato un processo di verifica presso tutte le basi con armamento nucleare.

Link to post
Share on other sites
  • 9 months later...
Guest intruder
Quello che mi stupisce è che episodi del genere diventino di dominio pubblico.

Chissà, magari qualcuno è d'accordo coi fabbricanti di ansiolitici per incrementare le vendite.

Edited by intruder
Link to post
Share on other sites
Chissà, magari qualcuno è d'accordo coi fabbricanti di ansiolitici per incrementare le vendite.

 

Oppure qualcuno, per qualche misterioso motivo, ha interesse a far credere che gli USA non sono più in grado, al pari dell'ex URSS, di controllare il loro arsenale nucleare...

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...