Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
samurai

La guerra delle Falkland/Malvinas

Messaggi consigliati

Ospite intruder
Anche il sito segnalato da Lender riporta che il 18 o il 19 maggio i britannici persero un Sea King vicino Punta Arenas.

Cosa ci faceva un elicottero britannico in territorio cileno?

E' lecito a questo punto pensare a qualche inciucio Anglo-cileno.

 

 

Certo che ci fu un inciucio (o un inizio di inciucio) anglo-cileno, non dimenticare che il Cile ha un contenzioso confinario che dura da qualche millenno, con Bayres (tutti i confini sudamericani sono linee armistiziali, più o meno), qualche guerriciola se la sono fatta anche fra loro per quel ghiacciaio o quell'altra vallata, ma in Europa le cose sono sempre passate sotto silenzio. Durante Corporate, a un certo punto si sentì parlare della possibilità di dislocare bombardieri inglesi, Canberra, Phantom e Vulcan, in territorio cileno per colpire l'Argentina, ma l'evolvere della situazione nell'arcipelago fece sì che non ce ne fosse bisogno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Contributo sull'invasione argentina.

 

La fase dell'invasione argentina si apriva il 18 marzo 1982 quando dalla nave appoggio della Marina argentina Bahja Buen Suceso, un gruppo di una cinquantina di operai, incaricati del recupero di materiali metallici da una base baleniera ormai fuori uso, sbarcavano sull'isola di San Pedro nella Georgia australe. Una ditta argentina, avendo acquistato le vecchie installazioni, intendeva procedere alla loro demolizione; ma gli operai di rifiutarono di esibire il passaporto ed issarono sull'isola la bandiera argentina, istallandovisi.

A quel punto il dibattito politico alle Nazioni Unite a suo tempo già caldo sulle Falkland-Malvinas si riaccendeva, la Royal Navy inviava nell'Atlantico meridionale il pattugliatore antartico Endurance con a bordo due elicotteri ed un contingente di Royal Marines, mentre la Marina argentina inviava il rompighiaccio Bahia Paraiso per rifornire gli uomini di San Pedro.

A quel punto il rompighiaccio argentino rientrò alla base mentre una forza navale composta dalla portaerei 25 de Mayo, dai cacciatorpedinieri Hercules e Santisima Trinitad, dalle fregate Drummond e Granville iniziavano a radunarsi, l'ammiragliato britannico inviava in risposta nell'Atlantico meridionale 2 sommegibili d'attacco nucleari: il Superb e il Conqueror.

Nel frattempo la forza aerea argentina spostava i propri reparti da combattimento e da trasporto nel sud del paese, dove nei punti di imbarco si andavano ormai concentrando uomini e mezzi dell'esercito e della marina, insieme alle unità militari da trasporto. Nella notte del 1 aprile la Gran Bretagna chiedeva una riunione straordinaria del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. In quel momento la forza navale argentina era già al largo delle Falkland orientali. Alle ore 23,00 in vicinanza di Port Stanely si effettuava un primo sbarco. All'alba del 2 aprile, il primo contingente sbarcato si dirigeva verso la capitale mentre il grosso della forza di occupazione prendeva terra nella Baia di York. Seguirono degli scontri armati a Port Stanely che costarono un morto e due feriti tra gli argentini, alle ore 9.00 del 2 aprile veniva raggiunto un accordo per il cessate il fuoco, il governatore inglese Rex Hunt lasciava le isole e lo stesso giorno venivano evacuati per essere rimpatriati 86 tra funzionari e militari britannici. Il 3 aprile il Consiglio di Sicurezza adottava la risoluzione n° 502 nella quale si chiedeva l'immediato ritiro delle forze armate argentine dalle isole. Lo stesso giorno le truppe argentine si impadronivano della Georgia australe al prezzo di tre morti mentre dodici soldati britannici si ritirarono all'interno dell'isola; sarebbero stati tutti catturati senza perdite alcuni giorni più tardi. Dopo questi episodi la presenza argentina si consolidò e divenne definitiva fino al successivo sbarco britannico ad opera della task Force.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sempre da "http://www.naval-history.net/NAVAL1982FALKLANDS.htm"]http://www.naval-history.net/NAVAL1982FALKLANDS.htm

Questa volta un estratto con le perdite di aerei argentini, suddivise per giorno di guerra. Gli skyhawk pagarono un prezzo veramente alto, da quello che si legge.

 

Part 54. ARGENTINE AIRCRAFT LOST

 

3rd April - 15th June 1982

 

 

Saturday 3rd April

 

[a1] - Puma SA.330L of CAB 601 shot down at Grytviken, South Georgia by Royal Marine small arms fire.

 

Saturday 1st May

 

[a2, a3, a4] - One Pucara of FAA Grupo 3 destroyed and two more damaged and not repaired at Goose Green by CBU's dropped in attack by No.800 Sea Harriers flown by Lt Cmdr Frederiksen, Lt Hale and Lt McHarg RN (8.25 am). Lt Jukic killed in the destroyed aircraft.

 

[a5] - Mirage IIIEA of FAA Grupo 8 shot down north of West Falkland by Flt Lt Barton RAF in No.801 Sea Harrier using Sidewinder (4.10 pm). Lt Perona ejected safely.

 

[a6] - Mirage IIIEA of FAA Grupo 8 damaged in same incident north of West Falkland by Lt Thomas RN in No.801 Sea Harrier using Sidewinder. Then shot down over Stanley by own AA defences (4.15 pm). and Capt Cuerva killed

 

[a7] - Dagger A of FAA Grupo 6 shot down over East Falkland by Flt Lt Penfold RAF in No.800 Sea Harrier using Sidewinder (4.40 pm). Lt Ardiles killed.

 

[a8] - Canberra B.62 of FAA Grupo 2 shot down north of Falklands by Lt Curtiss RN in No.801 Sea Harrier using Sidewinder (5.45 pm). Lt Ibanez and Gonzalez ejected but are not rescued.

 

Sunday 2nd May

 

[a9] - Lynx HAS.23 of CANA 1 Esc embarked on ARA Santisima Trinidad lost in flying accident probably to north of Falklands.

 

[a10] - Alouette III of CANA 1 Esc lost on board ARA General Belgrano when she was torpedoed and sunk to south west of Falklands.

 

Monday 3rd May

 

[a11] - Aermacchi MB-339A of CANA 1 Esc crashed into ground near Stanley approaching airfield in bad weather (4.00 pm). Lt Benitez killed.

 

[a12] - Skyvan of PNA damaged by naval gunfire at Stanley on the night of 3rd/4th and not repaired.

 

Sunday 9th May

 

[a13, a14] - Two A-4C Skyhawks of FAA Grupo 4 lost. Possibly damaged by Sea Darts from HMS Coventry or crashed in bad weather, with one aircraft found on South Jason Island. Lt Casco and Lt Farias killed.

 

[a15] - Puma SA.330L of CAB 601 shot down over Choiseul Sound by Sea Dart fired by HMS Coventry (4.10 pm). Crew of three lost.

 

Wednesday 12th May

 

[a16, a17, a18] - Two A-4B Skyhawks of FAA Grupo 5 shot down off Stanley by Sea Wolf fired by HMS Brilliant and third aircraft hit sea trying to evade missile (1.45 pm). All three pilots, Lt Bustos, Lt Ibarlucea and Lt Nivoli killed.

 

[a19] - A-4B Skyhawk of FAA Grupo 5 shot down over Goose Green by own AA fire (2.25 pm). Lt Gavazzi killed.

 

Saturday 15th May

 

[a20-a25] - Six Pucaras of FAA Grupo 3; [a26-a29] - Four T-34C Mentors of CANA 4 Esc; [a30] - Skyvan of PNA, all destroyed or put out of action at Pebble Island in raid by D Sqdn SAS (early morning)

 

Friday 21st May

 

[a31] - Chinook CH-47C of CAB 601 destroyed on ground near Mount Kent by Flt Lt Hare RAF in 1(F) Sqdn Harrier GR.3 using 30mm cannon (8.00 am).

 

[a32] - Puma SA.330L of CAB 601 badly damaged on ground near Mount Kent in same attack by Sqdn Ldr Pook and Flt Lt Hare RAF in 1(F) Sqdn Harrier GR.3's using 30mm cannon (8.00 am). Destroyed on 26th in same position by Sqdn Ldr Pook using CBU's.

 

[a33] - Pucara of FAA Grupo 3 shot down over Sussex Mountains by Stinger SAM fired by D Sqdn SAS (10.00 am). Capt Benitz ejected safely.

 

[a34] - Dagger A of FAA Grupo 6 shot down near Fanning Head by Sea Cat fired by HMS Argonaut or Plymouth, or more likely Sea Wolf from HMS Broadsword (10.30 am). Lt Bean killed.

 

[a35] - Pucara of FAA Grupo 3 shot down near Darwin by Cmdr Ward RN in one of three Sea Harriers of No.801 NAS using 30mm cannon (12.10 pm). Major Tomba ejected.

 

[a36, a37] - Two A-4C Skyhawks of FAA Grupo 4 shot down near Chartres, West Falkland by Lt Cmdr Blissett and Lt Cmdr Thomas RN in No.800 Sea Harriers using Sidewinders (1.05 pm). Lt Lopez and Lt Manzotti killed.

 

[a38] - Dagger A of FAA Grupo 6 shot down near Teal River Inlet, West Falkland by Lt Cmdr Frederiksen RN in No.800 Sea Harrier using Sidewinder (2.35 pm). Lt Luna ejected.

 

[a39, a40, a41] - Two Dagger A's of FAA Grupo 6 shot down north of Port Howard, West Falkland by Lt Thomas and a third by Cmdr Ward RN in No.801 Sea Harriers using Sidewinders (2.50 pm). Maj Piuma, Capt Donaldille and Lt Senn all ejected.

 

[a42] - A-4Q Skyhawk of CANA 3 Esc shot down near Swan Island in Falkland Sound by Lt Morell RN in No.800 Sea Harrier using Sidewinder (3.12 pm). Lt Cmdr Philippi ejected.

 

[a43] - A-4Q Skyhawk of CANA 3 Esc also shot down near Swan Island in Falkland Sound in same incident by Flt Lt Leeming RAF in No.800 Sea Harrier using 30mm cannon (3.12 pm). Lt Marquez was killed.

 

[a44] - A-4Q Skyhawk of CANA 3 Esc damaged over Falkland Sound by small arms fire from HMS Ardent and again in same incident as above by Lt Morrell using 30mm cannon. Unable to land at Stanley with undercarriage problems and Lt Arca ejected (3.30 pm).

 

Sunday 23rd May

 

[a45] - Puma SA.330L of CAB 601 flew into ground near Shag Cove House, West Falkland attempting to evade Flt Lt Morgan RAF in No.800 NAS Sea Harrier (10.30 am). All crew escaped.

 

[a46] - Agusta A-109A of CAB 601 in same incident near Shag Cove House, West Falkland destroyed on ground by Flt Lt Morgan and Flt Lt Leeming RAF in No.800 NAS Sea Harriers using 30mm cannon (10.30 am).

 

[a47] - Puma SA.330L of CAB 601 also in same incident near Shag Cove House, West Falkland damaged on ground by Flt Lt Morgan with 30mm cannon (10.30 am). Then believed shortly destroyed by Lt Cmdr Gedge and Lt Cmdr Braithwaite RN in No.801 Sea Harriers with more cannon fire.

 

[a48] - A-4B Skyhawk of FAA Grupo 5 shot down over San Carlos Water by unknown SAM (1.50 pm). Claims that day include "Broadsword" Sea Wolf, "Antelope" Sea Cat, and land-based Rapiers and Blowpipe. Lt Guadagnini killed.

 

[a49] - Dagger A of FAA Grupo 6 shot down over Pebble Island by Lt Hale RN in No.800 Sea Harrier using Sidewinder (4.00 pm). Lt Volponi killed.

 

Monday 24th May

 

[a50, a51, a52] - Two Dagger A's of FAA Grupo 6 shot down north of Pebble Island by Lt Cmdr Auld and a third by Lt D Smith in No.800 Sea Harriers using Sidewinder (11.15 am). Maj Puga and Capt Diaz ejected, but Lt Castillo killed.

 

[a53] - A-4C Skyhawk of FAA Grupo 4 damaged over San Carlos Water by ship and ground-based air defences and crashed into King George Bay, West Falkland on flight home (1.30 pm). Claims that day include "Argonaut" and "Fearless" Sea Cat, and Rapier and Blowpipe SAM's. Lt Bono lost.

 

Tuesday 25th May

 

[a54] - A-4B Skyhawk of FAA Grupo 5 shot down north of Pebble Island by Sea Dart fired by HMS Coventry (9.30 am). Lt Palaver killed.

 

[a55] - A-4C Skyhawk of FAA Grupo 4 destroyed over San Carlos Water by a variety of weapons, claims including small arms fire, "Yarmouth" Sea Cat, and Rapier and Blowpipe SAM's (12.30 pm). Lt Lucero ejected.

 

[a56] - A-4C Skyhawk of FAA Grupo 4 damaged over San Carlos Water in same attack, and then brought down north east of Pebble Island by Sea Dart fired by HMS Coventry (12.45 am). Lt Garcia killed.

 

Thursday 27th May

 

[a57] - A-4B Skyhawk of FAA Grupo 5 damaged over San Carlos Water by 40mm Bofors from HMS Fearless or Intrepid, and crashed near Port Howard (5.00 pm). Lt Velasco ejected.

 

Friday 28th May

 

[a58] - Pucara of FAA Grupo 3 crashed into high ground between Goose Green and Stanley returning from attack in Goose Green area (c10.00 am). Lt Giminez killed.

 

[a59] - Aermacchi MB-339A of CANA 1 Esc shot down at Goose Green by Blowpipe SAM fired by Royal Marine Air Defence Troop (5.00 pm). Lt Miguel killed.

 

[a60] - Pucara of FAA Grupo 3 shot down at Goose Green by small arms fire from 2 Para (5.10 pm). Lt Cruzado ejected and became POW.

 

Saturday 29th May

 

[a61] - Dagger A of FAA Grupo 6 shot down over San Carlos Water by Rapier SAM (12.00 pm]. Lt Bernhardt killed.

 

Sunday 30th May

 

[a62] - Puma SA.330L of CAB 601 lost in the morning in uncertain circumstances near Mount Kent, possibly to own forces fire.

 

[a63, a64] - Two A-4C Skyhawks of FAA Grupo 4 shot down east of Falklands by Sea Darts fired by HMS Exeter, although 4.5 inch gunfire from HMS Avenger may have hit one (2.35 pm). Lt Vazquez and Lt Castillo killed.

 

Tuesday 1st June

 

[a65] - Hercules C.130E of FAA Transport Grupo 1 shot down 50 miles North of Pebble Island by Cmdr Ward RN in No.801 Sea Harrier using Sidewinder and 30mm cannon (10.45 am). Crew of seven killed.

 

Monday 7th June

 

[a66] - Learjet 35A of FAA Photo-Reconnaissance Grupo 1 shot down over Pebble Island by Sea Dart fired by HMS Exeter (9.05 am). Wing Cmdr de la Colina and crew of four killed.

 

Tuesday 8th June

 

[a67, a68, a69] - Two A-4B Skyhawks of FAA Grupo 5 shot down over Choiseul Sound by Flt Lt Morgan RAF and a third by Lt D Smith in No.800 NAS Sea Harriers using Sidewinders (4.45 pm). Lt Arraras, Lt Bolzan and Ensign Vazquez killed.

 

Sunday 13th June

 

[a70] - Canberra B.62 of FAA Grupo 2 shot down west of Stanley by Sea Dart fired by HMS Exeter (10.55 pm). Pilot, Capt Pastran ejected safely but Capt Casado is killed.

 

Postwar - Captured at Stanley

 

[a71-a81] - Eleven Pucaras of FAA Grupo 3

 

[a82-a83] - Two Bell 212's of FAA Grupo 7

 

[a84-a86] - Three Aermacchi MB-339A's of CANA 1 Esc

 

[a87] - Puma SA.330L of PNA

 

[a88] - Chinook CH-47C of CAB 601

 

[a89-a90] - Two Agusta A-109A Hirundos of CAB 601

 

[a91-a99] - Nine Iroquois UH-1H's of CAB 601

 

Unknown Date

 

[a100] - Pucara of FAA Grupo 4 reported lost over in the Atlantic on reconnaissance mission from Comodoro Rivadavia.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il contributo è interessante, puoi citare le fonti? Hai qualche dettaglio in più sugli aerei peruviani prestati all'Argentina: tipo, utilizzo effettivo?
...................

Per quanto riguardano gli aiuti peruviani e non solo (il testo specifica che molti paesi dell'America Latina si dichirarono disponibili a prestare assistenza militare all'Argentina specificando oltre al Perù però solo Cuba) il testo rimanda citando espressamente:

De Risio, I 75 giorni della Falkland, Milano, 1982.

Questo volume però non è in mio possesso e quindi non riesco a dare maggiori indicazioni sul tipo e qualità degli aiuti peruviani forniti <_< .

Io ho quel testo: si parla diffusamente dell'aiuto, ad ambedue le parti in conflitto, da parte di tanti paesi, sudamericani e non, sotto varie forme (fornitura di armamenti e di informazioni sugli stessi, di pezzi di ricambio, messa a disposizione dei preziosi risultati dell'attività di intelligence satellitare (in particolare l'URSS a favore dell'Argentina), ecc.); alcuni paesi, ad esempio la Francia, aiutarono ambedue i contendenti!!!

Per quanto riguarda gli aerei peruviani, nel libro letto a suo tempo ed a cui, nell'occasione, ho dato una rapida scorsa, nell'accennare alle ottime prestazioni fornite dai 3 velivoli G-222 argentini, si fa riferimento al fatto che gli stessi aerei erano stati acquistati dal Perù (si parla di tutto ciò, nella pagina dedicata ai numerosi mezzi e sistemi d'arma di origine italiana, in possesso degli argentini).

 

 

 

Certo che ci fu un inciucio (o un inizio di inciucio) anglo-cileno, non dimenticare che il Cile ha un contenzioso confinario che dura da qualche millenno, con Bayres (tutti i confini sudamericani sono linee armistiziali, più o meno), qualche guerriciola se la sono fatta anche fra loro per quel ghiacciaio o quell'altra vallata, ma in Europa le cose sono sempre passate sotto silenzio. Durante Corporate, a un certo punto si sentì parlare della possibilità di dislocare bombardieri inglesi, Canberra, Phantom e Vulcan, in territorio cileno per colpire l'Argentina, ma l'evolvere della situazione nell'arcipelago fece sì che non ce ne fosse bisogno.

L'aiuto cileno, alla Gran Bretagna, sicuramente ci fu ed era, ovvio e naturale!

 

Il contenzioso di cui parla intruder è stato risolto, in via definitiva, grazie alla mediazione della Santa Sede, con il Trattato di pace e di amicizia fra Argentina e Cile, firmato a Roma, il 29 novembre 1984.

 

Vedere anche il seguente link: http://it.encarta.msn.com/encyclopedia_981..._di_Beagle.html

Modificato da picpus

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A proposito della tensione tra Argentina e Cile, esistente in quegli anni, si può parlare di un vero e proprio stato prebellico: date uno sguardo a questi filmati (in spagnolo) trovati su YouTube:

 

 

http://fr.youtube.com/watch?v=h0io7xU_rIg

 

http://fr.youtube.com/watch?v=Fz3pDwGNoXk&...feature=related

 

http://fr.youtube.com/watch?v=pdNiJI5YOlo&...feature=related

 

http://fr.youtube.com/watch?v=qN7TBC3At2g&...feature=related

 

http://fr.youtube.com/watch?v=MreXn1ZsTu0&...feature=related

 

 

Su YouTube, vi sono moltissimi altri filmati sullo stesso argomento.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma cosa ne pensate dell'efficenza dei 5 (di 14) esemplari di dessault super entendard consegnati dalla francia all' Argentina prima della guerra.La guerra delle Falklands ne ha dimostrato la capacita.Infatti i velivoli affondarono il cacciatorpediniere britannico Sheffield e la nave porta conteiner Conveyor.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ospite intruder
Ma cosa ne pensate dell'efficenza dei 5 (di 14) esemplari di dessault super entendard consegnati dalla francia all' Argentina prima della guerra.La guerra delle Falklands ne ha dimostrato la capacita.Infatti i velivoli affondarono il cacciatorpediniere britannico Sheffield e la nave porta conteiner Conveyor.

 

 

Se è per questo hanno quasi mandato a picco anche la fregata americana Stark, nel Golfo Persico. A parte questo, non si può ricavare un'opinione da alcune singole operazioni belliche andate bene. Le condizioni di Corporate non si ripeteranno tanto facilmente in una futura guerra, sarebbe invece il caso di analizzare il rendimento della macchina nei Balcani, dovrebbe essere stata impiegata sia durante Deliberate Force che nella successiva Allied.

Modificato da intruder

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ma cosa ne pensate dell'efficenza dei 5 (di 14) esemplari di dessault super entendard consegnati dalla francia all' Argentina prima della guerra.La guerra delle Falklands ne ha dimostrato la capacita.Infatti i velivoli affondarono il cacciatorpediniere britannico Sheffield e la nave porta conteiner Conveyor.

A proposito dei "Super-Etendard" ( http://www.netmarine.net/aero/aeronefs/setendard/index.htm ) argentini, i francesi hanno fatto la proposta di cui si parla al topic al link che segue:

 

http://www.aereimilitari.org/forum/index.php?showtopic=10395

 

 

 

Se è per questo hanno quasi mandato a picco anche la fregata americana Stark, nel Golfo Persico. A parte questo, non si può ricavare un'opinione da alcune singole operazioni belliche andate bene. Le condizioni di Corporate non si ripeteranno tanto facilmente in una futura guerra, sarebbe invece il caso di analizzare il rendimento della macchina nei Balcani, dovrebbe essere stata impiegata sia durante Deliberate Force che nella successiva Allied.

Fu un "Mirage F-1" a lanciare i due "Exocet" (dei quali uno solo esplose) che colpirono la "USS Stark"; vedi il link seguente:

 

http://navysite.de/ffg/FFG31.HTM

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ospite intruder
Fu un "Mirage F-1" a lanciare i due "Exocet" (dei quali uno solo esplose) che colpirono la "USS Stark"; vedi il link seguente:

 

 

Touché (stavo pensando all'Exocet, a dire il vero, ma non è una scusante, se non dovuta al mio palese stato di senilità mentale).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
A proposito dei "Super-Etendard" ( http://www.netmarine.net/aero/aeronefs/setendard/index.htm ) argentini, i francesi hanno fatto la proposta di cui si parla al topic al link che segue:

 

http://www.aereimilitari.org/forum/index.php?showtopic=10395

Fu un "Mirage F-1" a lanciare i due "Exocet" (dei quali uno solo esplose) che colpirono la "USS Stark"; vedi il link seguente:

 

http://navysite.de/ffg/FFG31.HTM

 

Scusatemi ma l'Argentina non mi pare che possieda anche i Mirage F-1...

Possiede i Mirage III/5 o sbaglio.

Fatemi sapere a riguardo perchè non mi sembra una cosa vera.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ospite intruder
Scusatemi ma l'Argentina non mi pare che possieda anche i Mirage F-1...

Possiede i Mirage III/5 o sbaglio.

Fatemi sapere a riguardo perchè non mi sembra una cosa vera.

 

 

Quelli della Stark erano Mirage iracheni.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...In questo conflitto vi è stata da parte argentina anche (credo) l'unico uso in battaglia di aerei italiani, gli mb 339; uno di questi catturato dagli inglesi deve essere esposto in un museo in inghilterra (anche se è ottenuto dal montaggio di due diverse cellule)......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Segreti di Guerra …… la partecipazione Cilena nella guerra delle Malvine/Falkland

 

Apparso in Argentina, il libro "La guerra segreta per le Malvinas/Falkland", dell'inglese Nigel West, riveló aspetti fino ad allora sconosciuti della guerra. Una parte importante del lavoro è l'analisi sull’interferenza del Cile nella controversia tra l’Inghilterra e l’Argentina, (qui alcuni interessanti passaggi tradotti all'italiano, un interessante vista dei dietroscena di quei mesi)

 

Chi erano gli agenti dei servizi segreti d’intelligeza che riunivano informazioni a Buenos Aires, prima e durante il conflitto delle Malvine/Falkland? Come il governo britannico gestiva questi dati? Perché si produsse l'affondamento del "Sheffield"? Che membri della British Intelligence Service conoscevano le reali possibilità di successo nel conflitto con gli argentini?

Queste sono alcune delle domande che lo scrittore inglese Nigel West, lo pseudonimo usato possibilmente da un ex-membro dei servizi segreti britannici (MI5) - cerca di spiegare nel suo libro "La guerra segreta per le Falkland, che l'editrice Sudamericana ha messo nelle librerie di Buenos Aires.

Un libro ha suscitando polemiche in diversi settori nell'Argentina, per i quali l'episodio delle Malvine/Falkland è ancora una ferita aperta e dolorosa.

Nel libro di 259 pagine e sottotitolato "L'Exocet e la spia internazionale", l'autore descrive in dettaglio finora sconosciuto di come gli argentini pianificarono l'invasione e come Londra, fú colta di sorpresa.

Inoltre, il libro rivela aspetti di come i servizi segreti inglesi programmarono di lanciare un attacco clandestino, fallito sotto il nome in codice "Mikado" a una base Argentina nella Terra del Fuoco dove erano custodiati i missili "Exocet", e in che modo l'astuzia di un comandante britannico dei servizi d’intelligence in Parigi, riuscí a mettere in scacco il mercato nero per l'acquisto e la vendita di missili aria-terra, tra le altre questioni.

Ma il lavoro si estende anche generosamente al ruolo svolto dal Cile nel conflitto.

In questa descrizione; West chiaramente indica come alcuni rappresentanti di Sua Maestà nel nostro paese (Cile) hanno intrapreso una intenso e ben pianificato lavoro di "avvicinamento" con le forze armate cilene alla fine che queste fornissero utili informazioni che per Londra era di vitale importanza per le sorti del conflitto. ,

Concessioni che, per inciso, non rappresentavano per niente, un semplice atto di aiuto gratuito, dalla parte del nostro paese.

 

L'incredulità cilena

 

Il sesto capitolo del libro è intitolato "Santiago" e West describe ampiamente la partecipazione e le implicazioni dell'evoluzione del conflitto delle Malvine/Falkland dell’intervento cileno.

Così, l'autore rivela che l'allora presidente Augusto Pinochet non è stato sorpreso quando, il 30 di marzo, 1982, venne a sapere che l'Argentina si era imbarcato nell’invasione delle Malvine/Falkland.

La sola curiosità del generale era circa un rapporto d’intelligence che gli era stato consegnato quella stessa mattina, ma che era datata 3 marzo. Dove era stato nelle ultime tre settimane?

La spiegazione dell'autore è che l'intelligence cilena era profondamente divisa in quanto solo pochi mesi prima si era vissuta una tensa situazione di guerra con l’Argentina - nel dicembre del 1978 – Si era fatta una profonda riforma della cupola della Forza Aerea (con l’uscita del generale Gustavo Leigh)

Da allora, l'esercito era stato il ramo che aveva una posizione dominate nella scena dell’Intelligenza nazionale, in particolare attraverso gruppi chiamati G-2, e INF. Direzione di Intelligence per la Difesa Nazionale (Didena).

Tuttavia, i compiti d’intelligeza strategica, erano a carico di quest’ultima, che utilizzava una combinazione di personale civile e militare per analizzare le informazioni raccolte.

In ogni caso, le tre rame delle Forze Armate informavano della loro attività direttamente a Pinochet, che presiedeva una riunione mensile per tale scopo.

Secondo West, quando il 1° marzo 1982, in occasione della riunione presieduta da Pinochet, si parló per prima volta della possibilitá che l'Argentina avrebbe invaso le isole Malvine/Falkland, possibilitá che respinse energicamente in quell'occasione il Capo dello Stato Maggiore generale McIntyre.

Una visione non condivisa da Emilio Meneses, che era l’analista in carico dell’analisi del teatro argentino.

Lo stesso Meneses si compromesse che in tre giorni, farebbe un rapporto completo dove si segnalava che l’Argentina si sarebbe imbarcata in un invasione alle Malvine/Falkland tra marzo o aprile del 1982, o in modo sicuro più per settembre o ottobre.

Ma la relazione di Meneses fu ritenuta e non analizzata nel ministero degli Esteri fino al 27 marzo dove si gestiva le sensibili relazioni con l’Argentina, arrivando nell’ufficio di Pinochet tre giorni dopo.

 

Le funzioni dell’Ambasciatore Britannico

 

Gli uffici dell’Intelligenza Cilena cominciarono a funzionare le 24 ore del giorno per l'analisi, della complessa situazione che cominciava a delinearsi dopo la decisione argentina d’invadere le Malvine/Falkland.

Nigel West assicura che i volti di due rappresentanti civili britannici erano cominciati a vedersi spesso d’entro l’unità d’intelligenza Cilena, l'allora Ambasciatore britannico, John Heath, accompagnato da l’addetto navale britannico di quel tempo, il consigliere Michael Johns.

Dobbiamo però ricordare, che le relazioni Anglo-Cilene non passavano precisamente per un buon momento.

L'amministrazione del Primo ministro britannico Harold Wilson aveva ridotto la rappresentazione del suo paese a una copertura consolare dal 1975, in segno di protesta contro la politica dei diritti umani del regime militare cileno.

Inoltre, il governo britannico aveva imposto un embargo sulle future vendite militari e di attrezzature per il Cile, una mossa dannosa per un paese bisogno di pezzi di ricambio, in particolare quelle volte a mantenere i loro aerei Hawker Hunter.

Quindi, il compito intrapreso, dall'Ambasciatore Heath Johns e il suo consigliere era una missione scomoda e complessa. E per queste ragioni, l'ambasciata britannica per evitare di essere accusati di spionaggio sul regime militare aveva scelto di non mantenere rappresentanti del Secret Intelligence Service (SIS) in Santiago.

In effetti, gli informatori SIS più vicini dei britannici erano a Buenos Aires, così il lavoro dell’Ambasciatore in Cile è stato particolarmente complicato.

A tutto questo scenario, si doveva aggiungere il fatto che le relazioni Cileno-Argentine, si distinguevano per i forti attriti tra i governi, dubbi reciproci e rapporti segnati dal forte sospetto mutuo.

Era un fatto ovvio che le forze armate dei due paesi dedicassero grande quantità di tempo per il monitoraggio e l'analisi delle operazioni e movimenti di truppe dell’ avversario.

In ogni caso, nel Cile, i rapporti dei servizi segreti erano abbondanti e abbastanza completi.

Tuttavia, i militari cileni convenivano nel fatto che sarebbero necessarie, almeno, 72 ore di tempo per stabilire se l'Argentina si movilizaba verso l’occidented (Cile) o e verso l’oriente (gli Inglesi).

La preoccupazione Cilena era evidente, buona parte della della flotta cilena si trova a Valparaiso - porto situato a soli 15 minuti di volo dal territorio argentino.

Da qui che l'intelligence della marina cilena era responsabile dello sviluppo di una capacità molto sofisticata per l'intercettazione di segnali, soprattutto dalle isole di San Felix e Dawson.

In quel modo la Gran Bretagna, povera di dati d’intelligenza era più che interessata alle informazioni in possesso dell’intelligenza cilena.

C’erano due problemi di grande preoccupazione per Britannici, gli abbondanti Dossiers cileni sulle basi aeree argentine, e le informazioni meteorologiche dell’Oceano Pacifico soprattutto nell’area del sud indispensabili per le future operazioni nell'Atlantico del Sud specie nella stagione dell'Autunno-Inverno.

Inoltre a ciò vi erano altre due priorità per gli inglesi: cercare di convincere la Marina cilena per salire al mare, aumentando così la pressione sul fianco marittimo meridionale dell'Argentina, e due, generare attività militare lungo il confine terrestre per inchiodare numerose truppe nel continente che contrariamente potrebbero inviarsi a rafforzare le Malvinas/Falkland.

Ma non c’era bisogno di rafforzare la preoccupazione del Cile circa le azioni dell’Argentina mediante le argomentazioni britanniche.

In realtà, la preoccupazione dei militari cileni era stata piú che confermata, quando lo stesso generale Galtieri, la stessa mattina del l'invasione delle Malvina/Falkland in una locuzione radiale affermó che l'azione iniziata era solo “il primo passo per il recupero del territorio Argentino”.

La conclusione di ufficiali cileni era chiara: mentre la Gran Bretagna mantenesse il controllo delle Malvinas/Falkland, il Cile sarebbe ragionevolmente sicuro.

Ma se gli inglesi perdevano la guerra, il territorio cileno, sicuramente sarebbe il prossimo obiettivo per i militari argentini.

Quindi, gli interessi dei cileni e gli inglesi non sembrano così distanti.

L'ambasciatore Heath si mosse con rapidità per convincere i militari cileni.

Non sorprende che l’inglese richiedesse che due sommergibili cileni della classe "Oberon" si spostassero al sud, nel modo più púbblico possibile. In una mossa che potrebbe preoccupare a Buenos Aires.

Heath lavoró duro per rafforzare il legame tra le agenzie dell’Esercito e l’Aviazione rispettivamente, giá

che entrambe le organizzazioni avevano la reputazione di conoscere in ogni momento la posizione di qualsiasi argentino in uniforme. Informazione che per gli inglesi, èra diventata di vitale importanza.

Naturalmente, i "favori" cileni non sarebbe gratis.

Gli inglesi sapevano del valore delle informazioni cilene e gli obbligava a non risparmiare ogni tipo di offerte per il suo ottenimento.

Così l’Ambasciatore Heath espresse la volontà di fare un "prestito" di tre aerei da foto-ricognitori Canberra e due aerei da trasporto Hercules per la raccolta di dati tecnici.

Secondo il libro di West, il Cile rimase in possesso dei tre Canberra, con numeri di serie 341, 342 e 343 - dopo il conflitto delle Malvinas/Falkland.

Inoltre, la Forza Aerea Cilena ha ricevuto un totale di 9 aerei da combattimento Hawker Hunter e 30 motori di ricambio Rolls-Royce Avon-207, tutti a condizioni vantaggiose per il Cile.

"Una concidenza?" domanda l'autore.

 

"Garcia" L'Anglosassone

 

Uno dei passagi più incisivi del libro riguardante la partecipazione del Cile nel conflitto si riferisce ai mutamenti militari che ha cominciato a mostrare la città australe di Punta Arenas, a solo 750 km dalle isole Malvine/Falkland.

Nonostante la sua posizione strategica nello Stretto di Magellano, la forte relazione tra la popolazione civile e il personale delle Forze Armate non forniva sufficienti garanzie per i segreti militari.

Pertanto, la tradizionale interazione tra soldati e civili per motivi di sicurezza, dovevano ridursi al massimo.

I primi passi in questa direzione non tardarono. Per esempio, si richideva a tutti gli aerei commerciali che durante gli atterraggi e decolli di chiudere le finestre.

Anche le finestre dell’Aeroporto di Punta Arenas,furono coperte per evitare la visione sulle piste.

Tuttavia, era più che evidente che l'inventario di Hercules della Forza Aerea Cilena sull’aeroporto e Hangars della base era aumentato notevolmente.

Un dettaglio tradiva questa situazione: gli Hercules adizionali erano dipinti con il tipico colore mimetico europeo e non la classica mimetica convenzionale utilizzata dagli Stati Uniti nella guerra del Vietnam, che era stata adottata come standard dall’aviazione cilena.

Ma, in aggiunta, alcuni dettagli non è sfuggivano all'occhio attento di uno che conosceva bene l'attività di dell’aeroporto di Punta Arenas.

Così, il libro spiega che i nuovi Hercules C-130 parcheggiati sulla pista dell’aeroporto australe portavano la legenda di "Fuerza Aérea de Chile" sulla fusoliera, ma con una differenza: la parola "Aera" in sostituzione della "Aérea " .

Manca una "e" e il primo era senza accento. Almeno, curioso.

Un sospetto che si chiarí per i piloti cileni quando gli si spiegó in riunioni esplicative, di non offendersi in caso d’incrociarsi con personale di spetto anglosassone con identificazione única di "Gonzalez" o "Garcia", e non facessero il classico saluto militare.

Infine, West si riferisce all'intenzione della Gran Bretagna di estendere il conflitto in territorio argentino.

Questo spiega l'operazione "Mikado", il che significava un attacco a sorpresa sulla base del Rio Grande in Terra del Fuoco, in particolare per individuare e distruggere i cinque aerei della marina Aerospatiale Super Etendard e i tre missili Exocet che erano nella base.

La data scelta dagli inglesi fú il 16 maggio, giornata della Marina Argentina, data che si pensava ci fosse un indebolimento della sorveglianza.

Secondo West, quando gli aerei britannici erano a 20 chilometri dalla città furono scoperti dai radar nemici, in modo che l'operazione fu interrotta.

Le navi britanniche si ritirarono in direzione del Cile, dove gli aerei si rifornirono di carburante.

Così la piú audace operazione inglesa fracassó, ma i suoi soldati, almeno, erano al sicuro. Al sicuro nella "neutralità" Cilena.

Modificato da MC72

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"il nemico del mio nemico, anche se puzza, è mio amico".

Sul fatto che in molti non pensavano che la Tatcher avrebbe deciso per la linea dura, secondo me ha influito molto una questione di "reputazione internazionale"; mi viene in mente quanto detto da Truman nel 1951 riguardo l'incipiente conflitto coreano, ovvero che se si fosse permesso a taluno di invadere a piacimento i vicini "più deboli" senza reagire, sarebbe stato un invito generalizzato a tutti nel Mondo di fare altrettanto.

Un'altra cosa poco nota è il comportamento dell'URSS in queste circostanze. Secondo me all'interno del Politbjuro qualcuno avrebbe potuto pensare di attuare una rivoluzione diplomatica avvicinandosi agli argentini, e magari in argentina qualche generale avrebbe potuto apprezzare eventuali offerte di assistenza e di "amicizia politica"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Riguardo alla questione dell'USS Stark, non si può trattare di una nave inglese: infatti USS sta per United States Ship. Se fosse stata una nave inglese sarebbe stata la HMS Stark, cioé Her Majesty's Ship!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

l'unico uso in battaglia di aerei italiani, gli mb 339

 

Rhodesiani e Sudafricani avrebbero molto da dire, al riguardo...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
l'unico uso in battaglia di aerei italiani, gli mb 339

 

Rhodesiani e Sudafricani avrebbero molto da dire, al riguardo...

 

ma in questo caso si trattava di Mb 326 Impala, ampiamente utilizzati dalla SAAF in Mozambico

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sempre a proposito dei 339 argentina utilizzati alle Malvinas....uno dei superstiti fu riacquistato dall'Aermacchi e la cellula modificata per partecipare negli Usa al concorso per l'addestratore basico dell'Usaf, il nuovo T-bird, al quale arrivò in volo attraversando l'Atlantico....(poi però andò male...il concorso intendo)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me l'Argentina ha sottovalutato troppo l'UK, doveva proteggere meglio l'aeroporto e schierare più mezzi sulle isole, ha confidato troppo sul fatto che gli inglesi non sarebbero intervenuti.

 

Qualcuno sa dirmi che missioni hanno svolto gli MB-339 e se sono stati efficaci?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...In questo conflitto vi è stata da parte argentina anche (credo) l'unico uso in battaglia di aerei italiani, gli mb 339; ...........

 

Recupero questo 3d dormiente da mesi per segnalare anche l'impiego operativo degli A-109.

 

Tra l'altro due esemplari sono stati catturati intatti dagli inglesi e portati in UK, integrati con altri due esemplari acquistati direttamente a Cascina Costa (allora non c'era ancora la fusione Westland-Agusta) sono/sono stati impiegati dall'Army air Corps come supporto alle forze speciali :

http://www.helis.com/database/modelorg/337/

 

Mi ricordavo di ver letto anche l'impiego dell' A-109 preda bellica argentina per la Polizia inglese, ma non ho trovato più riscontri. O mi ricordo male (possibilissimo data l'età), oppure sono gli stessi sopra citati passati dall'esercito alla polizia.

 

Saluti

Raff

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

@Samurai

Mi risulta che Uss Missouri fossero 2 corazzate: BB 63, classe Iowa e BB 11, classe Maine. Non risultano incrociatori affondati a Pearl Harbour, mentre il Belgrano era un incrociatore classe Brooklin, cioè l' Uss Phoenix

Modificato da vorthex

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

si, è un Orrore di un certo livello. sarebbe interessante capire quale è la fonte del documento.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La Royal Navy ha confermato l'invio dell'Hms Dauntless alle Falklands source

 

L'invio dell'unità navale, ufficialmente per esercitazioni, potrebbe essere legato al risveglio della controversia tra UK e Argentina source

 

Uno sforzo diplomatico costante che ha portato negli ultimi mesi a un risultato insperato solo fino a qualche anni fa, la decisione dei governi amici di Uruguay e Brasile di chiudere i loro porti alle navi britanniche dirette verso le isole. Un successo per Cristina Fernandez de Kirchner, presidente decisa a fare «tutto il possibile, salvo la guerra» per riaprire una questione che sembrava ormai chiusa da anni.

 

... e il premier inglese Cameron accusa l'Argentina di colonialismo source

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La guerra delle Falkland, parlo delle reazioni in Svizzera, aveva in generale suscitato un'iniziale sorpresa, poi comprensione e infine "entusiasmo" per la vittoria della democrazia su un Paese guidato da una giunta criminale. La democrazia in Argentina è ristabilita da tempo ma mi sembra buona cosa l'impegno militare britannico nella difesa di lontani territori (non poi tanto piccoli, 10'000 km2).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×