Jump to content
Sign in to follow this  
samurai

I successi degli aerosiluranti italiani nella seconda guerra mondiale

Recommended Posts

L'impiego delle radiospolette potrebbe spiegare, in parte, l'enorme numero di abbattimenti. L'aumento di efficacia è di 3 a 1 rispetto alle spolette tradizionali. Anche gli inglesi le hanno utilizzate, sempre sul finire del conflitto.

 

Come funzionano queste "radiospolette" ? :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

non so se ti può essere utile ma nella mia città, Sezze, presso il Cimitero comunale c'è una tomba con su il nome del Capitano Riccardo De Angelis...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Come funzionano queste "radiospolette" ? :rolleyes:

 

La radiospoletta è una spoletta di prossimità realizzata negli Stati Uniti durante la guerra. E’ una interessante applicazione dell’effetto Doppler . E’ stata utilizzata nel Pacifico e in Europa, dove il 79% delle V-1 venne neutralizzato da proiettili dotati di radiospolette. L’aumento di efficacia è stimato 3 a 1. Applicando alla spoletta una piccola trasmittente di impulsi radio ed una ricevente, in grado di resistere alle sollecitazioni del tiro, si ottiene che l’energia emessa dal proietto e riflessa dal bersaglio dà luogo nella radiospoletta , per effetto Doppler, ad una corrente variabile in intensità e frequenza. Questa corrente si annulla quando il proietto passa alla minima distanza. E attiva lo scoppio. Per avere una idea dell’efficacia delle radiospolette in abbinamento al radar di tiro si cita il caso dell’incrociatore americano Guam che ha abbattuto 100 kamikaze in 30 minuti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Post interessantissimo. Complimenti! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ti porto un esempiol... durante l'operazione harpoon venivano abbattuti una media di 7 aerei a sorita... per 3 giorni di combattimenti arrivarno a poco più di 30.nel pacifico... nella sola giornata di attacchi alla enterprise, durante la battaglia di santa curz, la sola south dakota tirò giù 26 e dico VENTISEI aerei nipponici da sola... come vedi c'è una certa discrepanza

 

g30054.jpg

 

Gli statunitensi, a differenza dei britannici, disponevano di munizioni dotate di spolette di prossimità: molto più pericolose per gli attaccanti.

Le spolette di prossimità a transistor, impiegate dagli statunitensi nel Pacifico,funzionavano rilevando le onde riflesse dal bersaglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×