Jump to content
Sign in to follow this  
Madmax

Voi siete favorevoli alla riammissione del reclutamento di leva?

  

110 members have voted

  1. 1. Favorevoli alla riammissione del reclutamento di leva?

    • si
      39
    • no
      71


Recommended Posts

Guest intruder
Azzo... quindi io, da buon ventiseienne, dovrei essere un depresso alcolizzato che rischia l'infarto se scende una rampa di scale?

 

Tu non lo so, ma ne conosco più di uno che fatica persino a sollevare il McBacon alla bocca.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Del resto chi l'ha scritto sono anche quelle stesse persone che scrissero SMOM sui bombardieri dell'AM per non doverli demolire, aggirando così i trattati armistiziali.

SMOM non è la sigla di Malta? E cosa successe? Hanno scritto SMOM per far credere che i bombardieri appartenessero a Malta per non farli demolire?

Non la sapevo questa o_O

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
SMOM non è la sigla di Malta? E cosa successe? Hanno scritto SMOM per far credere che i bombardieri appartenessero a Malta per non farli demolire?

Non la sapevo questa o_O

 

 

Sovrano Militare Ordine di Malta, gode per non so quale motivo di status internazionale come il Vaticano. E non mi far dire altro, perché quando li vedo andare a distribuire i panini ai barboni a Termini con le Cayenne e le Bentley e le BMW 760 (e le signore, d'inverno, con pellicce che costano più delle auto suddette), mi girano tanto ma tanto ma tanto i santissimi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
SMOM non è la sigla di Malta? E cosa successe? Hanno scritto SMOM per far credere che i bombardieri appartenessero a Malta per non farli demolire?

Non la sapevo questa o_O

 

No, era un modo per aggirare le clausole armistiziali. L'Italia "pacifica" che ripudia la guerra si è inventata una sorta di croce rossa militarizzata a status internazionale in cui far confluire equipaggiamenti militari (segnatamente i bombarideri) di cui dovevamo disfarci in seguito all'armistizio. Certo che far passare degli sgancia-bombe pera aeroambulanze necessita di una discreta faccia-tosta. Tipico ITALIAN JOB!

 

Vorrei che i pacifinti riflettano su questo quando parlano (a sproposito) dell'articolo 11 della Costituzione: chi ha scritto quell'articolo (volutamente il più AMBIGUO del Dettato Costituzionale) è stato quello che si è inventato lo SMOM per farci tenere i bombardieri. Sicuri che non volesse che l'Italia potesse fare la guerra?

Share this post


Link to post
Share on other sites
L'Italia "pacifica" che ripudia la guerra si è inventata una sorta di croce rossa militarizzata a status internazionale

 

 

veramente non si è inventata nulla : il SMOM è stato fondato nel 1048 D.C anche se ha delle relazioni speciali con i Savoia e poi con la Repubblica italiana

 

nella fattispecie i suoi volontarii alimentano il Corpo_militare_dell' Esercito_Italiano_e_Sovrano_Militare_Ordine_di_Malta

 

e vi dirò di più subito dopo la guerra De gasperi fondò l' ente italiano per l' Atomo con lo scopo di dotarsi della Bomba ...

al momento della fondazione dell' ente, infatti, non erano ancora state realizzate applicazioni civili per l'energia atomica

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io la leva l'ho fatta,nell'ormai lontano 1985... :rolleyes:

Ho votato favorevole,ma Attenzione! NON una leva tipo quella che ho fatto io e la stragrande maggioranza di quelli che l'hanno fatta,bensì un vero Servizio Militare,dove entri Ragazzo ed esci Soldato!

Quando fui chiamato al servizio militare speravo di imparare a diventare un soldato,imparare a usare le armi,le tecniche di combattimento,la sopravvivenza,e non ultimo,aiutare la gente in difficoltà,prestare soccorso in zone disastrate,il Pronto Soccorso...Insomma tutto ciò che mi avrebbe fatto diventare un vero Soldato,e invece...Quattro colpi di Garand,altri quattro di FAL,due bombe a mano tirate,un paio di percorsi di guerra che alle medie erano più difficili...E il resto dell'anno trascorso a spazzare,pulire,annoiarmi...

Infatti la leva che vorrei non dovrebbe fare annoiare i ragazzi,anzi,vedrei meglio un addestramento in stile Marines,dove ti spaccheresti il cu*o ma impareresti ad essere un Soldato,sia in senso pratico che morale,cioè con un senso di disciplina verso te stesso e verso gli altri...

Vorrei specificare che vorrei un Esercito con competenze e capacità che vadano oltre all'atto di saper far la guerra...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Speedy se il reclutamento nei Marines è sempre stato su base volontaria un motivo c'è : NON tutti hanno voglia / riescono a farsi trattare come le reclute del SgT . Hartman (a cui io avrei sparato ben prima di Vincent D'onofrio)

 

e smettiamoLa con le storie con in cui si dice che la leva serve a far maturare le teste di cavolo ; si è visto col ''nonnismo'' quale era la verità : frustrati che finalmente trovano la materia su cui sfogarsi grazie ad un ambiente accondiscendente , spesso il buon esempio lo davano gli ufficiali.

 

comunque il vero motivo per cui (oggi) si costruisce un esercito di leva non è tanto avere molti combattenti , ma sopratutto quello di avere personale in abbondanza per logistica e sussistenza ; i combattimenti si lasciano a quei pochi capaci ed esperti , salvo i casi di emergenza .

 

é per questo che molti si delusero quando fecero la leva e si '' annoiarono '' facendo la guardia al barile di benzina vuoto .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest galland
No, era un modo per aggirare le clausole armistiziali. L'Italia "pacifica" che ripudia la guerra si è inventata una sorta di croce rossa militarizzata a status internazionale in cui far confluire equipaggiamenti militari (segnatamente i bombarideri) di cui dovevamo disfarci in seguito all'armistizio. Certo che far passare degli sgancia-bombe pera aeroambulanze necessita di una discreta faccia-tosta. Tipico ITALIAN JOB!

 

Vorrei che i pacifinti riflettano su questo quando parlano (a sproposito) dell'articolo 11 della Costituzione: chi ha scritto quell'articolo (volutamente il più AMBIGUO del Dettato Costituzionale) è stato quello che si è inventato lo SMOM per farci tenere i bombardieri. Sicuri che non volesse che l'Italia potesse fare la guerra?

 

Precisazone i velivoli in questione NON erano bombardieri, ma aerei da trasporto: per esattezza Savoia Marchetti SM.82. Ebbero una fittizia arreibuzione allo SMOM per salvarli da una iniziativa meramente speculativa. L'esemplare di tali apparecchi conservato presso il Museo di Vigna di Valle è stato "imbalsamato" proprio con le insegne i quest'ordine.

ecco il link: http://www.anartibracciano.it/Raduno2008/1...s/DSC00287.html

Quanto al movimento pacifista, come ho avuto altre volte modo di dire purtroppo manca una figura della levatura di un Luther King che lo sappia guidare, di ragioni per oppoesi a questa guerra ve ne sono, e in sopramercato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sovrano Militare Ordine di Malta, gode per non so quale motivo di status internazionale come il Vaticano. E non mi far dire altro, perché quando li vedo andare a distribuire i panini ai barboni a Termini con le Cayenne e le Bentley e le BMW 760 (e le signore, d'inverno, con pellicce che costano più delle auto suddette), mi girano tanto ma tanto ma tanto i santissimi.

OT per chiarire cosa è l'Ordine di Malta.

 

Il Sovrano Militare Ordine di Malta è un vero e proprio Stato, diverso dalla Repubblica di Malta, anche se da alcuni anni è tornato ad avere una sua storica sede nella detta isola (Forte Sant'Angelo).

 

Eccovi il link al suo sito:

 

http://www.orderofmalta.org/italiano

 

un link che ne precisa la missione:

 

http://www.orderofmalta.org/site/missione.asp?idlingua=1

 

e un link che ne descrive la Storia:

 

http://www.orderofmalta.org/site/storia.asp?idlingua=1

 

 

 

Emanazione ed espressione dell'Ordine di Malta in Italia è l'ACISMOM: l'Associazione dei Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta.

 

Eccovi il link relativo alla Storia dell'ACISMOM: http://www.ordinedimaltaitalia.org/acismom-storia

 

 

 

Occorre parlare poi del Corpo Militare del SMOM (Corpo speciale ausiliario dell'Esercito Italiano).

 

Vi metto i link a due post tratti da altri forum:

 

http://miles.forumcommunity.net/?t=9314842

 

http://www.politicaonline.net/forum/showpo...amp;postcount=1

 

 

 

Dal primo link (che contiene bellissime foto storiche) riporto:

 

"...Nell’immediato dopoguerra il Corpo Militare si occupò, tramite una convenzione con il Ministero della Difesa, della riabilitazione dei reduci dalla prigionia, ai quali vennero successivamente aggiunte anche le vittime civili della guerra. Questa attività impegnò duramente il Corpo Militare, vedendolo impegnato in ben 18 Ospedali Territoriali, sparsi ovunque nella penisola, per un totale di 5.485 posti letto, attività che durò fino al 1961.

Nel 1947, al fine di scongiurare la demolizione di trentasei velivoli da trasporto S.M. 82 in dotazione all’Aeronautica Militare come previsto dalle clausole del Trattato di pace firmato il 17 Febbraio che prevedeva la drastica riduzione dei velivoli militari, su decisione del Ministro della Difesa italiana e del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica gli aerei vengono ceduti allo SMOM che ne diviene formalmente il proprietario.

La croce ottagona sostituirà le insegne italiane garantendo l’intoccabilità dei velivoli, avvalendosi delle prerogative sovrane dell’Ordine, in quanto soggetto di diritto internazionale.

Gli aerei verranno utilizzati dall’Ordine, con equipaggi dell’ Aeronautica Militare Italiana e voleranno con le insegne dell’ Ordine di Malta fino al 1956, impiegati in ogni tipo di emergenza e in ogni tipo di pubblica calamità. Arriveranno fino in Marocco, in occasione del terremoto di Agadir..."

 

smom21lr8.jpg

 

 

Fine OT

Share this post


Link to post
Share on other sites
Chi ha votato si mi chiedo perchè non si arruoli...

Già fatto...E già dato!

Secondo Scaglione 1985 :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Precisazone i velivoli in questione NON erano bombardieri, ma aerei da trasporto: per esattezza Savoia Marchetti SM.82. Ebbero una fittizia arreibuzione allo SMOM per salvarli da una iniziativa meramente speculativa. L'esemplare di tali apparecchi conservato presso il Museo di Vigna di Valle è stato "imbalsamato" proprio con le insegne i quest'ordine.

ecco il link: http://www.anartibracciano.it/Raduno2008/1...s/DSC00287.html

Quanto al movimento pacifista, come ho avuto altre volte modo di dire purtroppo manca una figura della levatura di un Luther King che lo sappia guidare, di ragioni per oppoesi a questa guerra ve ne sono, e in sopramercato.

dove si trova sto museo nel link?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Chi ha votato si mi chiedo perchè non si arruoli...

Io ho votato si, e sto aspettando luglio, perchè teoricamente dovrei prendere il diploma per fare domanda...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sarei per la formazione di un esercito di riservisti invece che uno i leva, mi spiego meglio.

 

Darei l'opportunità a chiunque voglia, uomini e donne, di poter fare la leva (non pagata o al massimo con la diaria) che però alla fine dia delle opportunità professionali. Farei così: le prime 12 settimane in comune per qualunque corpo dove deve esserci un addestramento di base al combattimento (tipo il car) ma molto più duro. La recluta deve imparare a sparare con fucili, mitra, pistole, lanciare granate, usare una mitragliatrice, la radio, scavare una trincea, montare tende ecc.. anche fare qualche salto con il paracadute (salti semplici), imparare a nuotare con l'armamentario e tutte cose del genere.

 

Al termine di queste 12 settimane un bella licenza di una settimana e poi, in base alle attitudini riscontrate durante il trimestre si dovrebbero indirizzare tutte le reclute nei vari corpi. A questo punto iniziano altere 12 settimane di esercitazione specilistiche (tipo di aeronautica, marina, aviazione, para ecc.). Anche queste esercitazioni debbono essere dure e formative. Alla fine di queste nuove 12 settimane un altra settimana di licenza. Inizia a questo punto 6 mesi di servizio attivo con esercitazioni nazionali o internazionali (eviterei di mandarli in guerra).

 

Darei l'opportunità di potersi ritirare in qualunque momento (un po come la campanella di ufficiale gentill'uomo) ì. Perchè dare l'opportunità di ritiro? adesso lo spiego: chi finisce il percorso, sarà diventato sicuramente un buon soldato in grado di combattere (quindi utile per la nazione) e a questo punto come compensa darei delle agevolazioni per tutti i concorsi pubblici (tali da convincere la gente a fare la leva). Per chi vuole si potrebbero dare dei posti (oltre a quelli per entrare effettivo nell'esercito) come riservisti. CHi entra riservista vinene pagato un toto all'anno (diciamo quanto uno stipendio e mezzo mensile) per fare 4 settimane all'anno di aggiornamento ed esercitazioni (e rimanere quindi al passo con i tempi). CHi lavora potra chiedere ogni 6 mesi la sospensiva temporanea e fare il soldato per 2 settimane ecc.

 

Alla fine, si potrebbe ridurre il numero di soldati impiegati di almeno un 20%, e con gli stessi soldi poter inserire in riserva 10 volte di più di soldati addestrati (mantenere un riservista dovrebbe costare almeno 10 volte meno un effettivo).

 

Penso che al sud spopolerebbe questa opzione (cnsiderando quanti disoccupati ci sono).

 

SI avrebbe una leva di professionisti, sempre addestrati risparminadopure un sacco di soldi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'esercito-d-leva è un'idea dei rivoluzionari francesi,e coincide con unperiodo di strategia-militare ove al soldato di fanteria era chiesto di mrciare al passo sotto il fuoco nemico;chi era più numeroso aveva moltissime probabilità di vincere,indipendentemente dall'addestramento (che infatti nonera estremizzato). Adesso,invece, paradossalmente,ma nontanto,conta più la qualità,della "quantità".

C'è però da dire che fra alcuni ufficiali,soprattutto Alpini,è radicato il concetto secondo cui un esercito di professionisti "non sarebbe legato alla nazione,bensì ai loro comandanti/datori di stipendio),e nei Paesi latini aumenterebbe il rischio di golpe.

Anche se ad onor del vero l'ultimo tentato golpe inEuropa avvenne nel 1981,e dove vi era la leva! (ma il pericolo,sia pure remoto,esiste,e nonva trascurato)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono favorevole alla riammissione della leva principalmente per due ragioni:

1) Abolire il servizio di leva sarebbe stato anticostituzionale, quindi essendo stata stato solo sospeso, sarebbe logico aspettarsi il reintegro del servizio.

 

2)Il militare di leva, a differenza del militare di carriera, non è adibito a svolgere missioni all'estero, viene principalmente utilizzato per servizi in caserma... quindi più di tanto non rischia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

1) Abolire il servizio di leva sarebbe stato anticostituzionale, quindi essendo stata stato solo sospeso, sarebbe logico aspettarsi il reintegro del servizio.

 

si, ma basterebbe fare una legge costituzionale modificando l'art52 (e con ogni probabilità sarebbe assolutamente votata bipartisan) e il problema sarebbe definitivamente risolto, fermo restando che lo e' anche ora.

 

Per la seconda parte del tuo post.... ecco, questo e' il motivo per cui e' meglio NON rimettere la leva. Se il concetto di 'servire la patria' si trasforma in imboscamento, (e a fare nulla, magari) direi che possiamo tranquillamente restare dove siamo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anche se ad onor del vero l'ultimo tentato golpe in Europa avvenne nel 1981,e dove vi era la leva! (ma il pericolo,sia pure remoto,esiste,e non va trascurato)

 

E sempre, ad onor del vero, durante la fase di transizione tra la dittatura franchista e la democrazia.

 

Come esempio mi sembra un po' al limite. :hmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io credo che i fatti dimostrino che è meglio una forza armata fatta di professionisti, rispetto a una di leva. Tra l'altro, le esigenze di addestramento e di acquisizione di competenze specifiche imposte dalla guerra moderna e dai moderni equipaggiamenti sono ben poco conciliabili con forze armate di leva.

In ogni caso, la stragrande maggioranza della popolazione è contraria alla reintroduzione della leva, a prescindere da ciò che sostengono i vari schieramenti politici, e credo che questo tagli la testa al toro.

 

Semmai ci sarebbe da discutere sul modo in cui la Difesa ha organizzato la struttura dei professionisti, visto che questa storia dei "volontari in ferma breve" o "in ferma prolungata", oggi denominati "ferma prefissata", mi pare a dir poco sconcertante. Sembra quasi che si sia riusciti a creare un sistema grazie al quale paghiamo più di quello che costerebbe un esercito di professionisti, per avere un'efficienza pari o di poco superiore a quella di un esercito di leva (che differenza c'è, in termini addestrativi, tra un soldato di leva e un VFP1?)...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nessuna, entrambi farebbero il Rav e poi sarebbero messi a fare compiti d' ufficio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riammettere il servizio di leva vorrebbe dire fare dei passi indietro.

Ormai la scelta di un esercito di professionisti è irreversibile ed in linea con i tempi che richiedono una specializzazione sempre più spinta in tutte le Forze Armate e competenze sempre più raffinate ed elevate da parte di chi deve gestire ed eseguire le sempre più complesse operazioni militari.

Avere chi fa il piantone e mette in ordine la fureria non serve più a nessuno!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Votato NO

 

Perché?Perchè è inutile.

 

IO non voglio fare il soldato...perchè devo fare leva?

 

 

Direi direttamente di cancellarla..non lasciarla in sospeso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sinceramente io son favorevole, se organizzato e fatto come si deve.

Se fosse la farsa passata sarebbe inutile e dispendioso.

Gli eventuali "marmittoni" potrebbero venire utilizzati in italia per scopi di ordine pubblico dando una mano alle forze dell'ordine.

E gli obiettori di coscienza eventuali, vista in tal ottica, andrebbero utilizzati REALMENTE sul campo dove c'e' piu' bisogno. (sanità/protezione civile/etc) con una valutazione sul campo di quanto fatto. Se risultasse tale, vai col 2 anno di bonus a costi dimezzati.

Evitando ovviamente gia' a priori utilizzi da imboscato in biblioteche & o ammennicoli vari. Gli obiettori vanno usati SOLO sul campo.

In tal caso, quando ci son le manifestazioni, vallo a raccontare alla PS perche' lanciavi la Molotov se eri un obiettore :asd:

Potrebbe essere un anno utile a molti giovani scapestrati, gli farebbe capire un bel po' di cose.

 

ps: il Servizio militare l'ho scelto e fatto nei CC. E ne vado fiero.

Onde evitar che qualche "pulcioso" (cosi chiamavamo gli obiettori falsi di coscienza) spunti fuori con la storia di allora vallo a fare.

Edited by PinKoPallo

Share this post


Link to post
Share on other sites

La leva com'era fatta mi ha dato l'impressione di essere fatta per TUTTO meno che per fare soldati...

Primo giorno a La Spezia in mezzo a gente che pareva che volesse suicidarsi, non so proprio perchè. Mi fanno sedere davanti a uno dall'aria cospiratrice che mi pare che mi fa capire che se vuole lui può fare tutto per me... Boh. Di porto? No gli dico, di bordo.

Ma guarda che non torni più a casa!

"Appunto!" penso; gli rispondo invece: "per me va bene".

Se mi fanno riprendere da dove mi hanno lasciato per me va bene: mi ero fatto mettere imbarcato, ma appena dovevo cominciare mi hanno congedato e ancora devo capire perchè !!! A casa sono passato per un megaparaculato galattico. Maggio 1994.

Edited by Hobo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×