Jump to content

Partito democratico / della libertà


VittorioVeneto
 Share

Recommended Posts

  • Replies 786
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ieri sera in TV grandi manovre: Berlusconi da Vespa, Casini da Mentana, Tremonti-Franceschini da Floris .... purtroppo non ho retto più di mez'ora !

 

:rotfl:

 

Il problema è che ce li troviamo tutti i giorni in parlamento! <_<

 

Per motivi anagrafici ricordo bene le campagne elettorali del 2001 e del 2006.......e tutti dicevano se andremo noi l'Italia sarà un posto che farà invidia al paradiso terrestre, se andranno i nostri avversari la peste bubbonica ci colpira....etc.etc.

I paradisi terrestri non si son visti!

 

Il problema è più complesso, si vive in uno stato dove anche per fare lo spazzino (operatore ecologico per political correct) bisogna chiedere appoggio al politico locale. Non hanno senso dello stato e della "res pubblica", solo del potere personale e degli introiti che esso garantirà.

E questa non è anti-politica grilliana (un comico che fà il politico e i politici che fanno i comici), ma disillusione e pessimismo per il futuro del nostro paese.

 

Facciamo un riassunto del panorama politico italiano per come si stà delineando.....parto da sinistra e finisco a destra:

 

Sinistra Arcobaleno...... una chiara manovra di unire partiti che non supererebbero lo sbarramento elettorale, è evidente che dopo le elezioni ognuno andrà per fatti suoi! Al suo interno troviamo Bertinotti, Diliberto (personaggi ai quali và il voto dell'allegra combriccola di idioti che cantava una,cento, mille Nassiriya), Pecoraro (un nome che doveva indicare una scelta di vita obbligatoria......non capisce nulla di ecologia e pure lo hanno fatto n.1 dei verdi!) e altri personaggi che non è utile nominare altrimenti gli si dà troppo importanza.

 

Partito Democratico..... un carrozzone messo in piedi dal leader "nuovo" (lavato con perlana casomai, è in politica da 30 anni) che voleva conciliare la sua voglia di leadership con la pretesa novità. Un misto di ex PCI ed ex DC dove i profughi della prima repubblica possono tranquillamente trovare accasamento, sognando di esser diventi "moderni" "labur""progressisti e riformisti, ma con una strizzatina d'occhio al clero" insomma.....dei parac**i in cerca di poltrona.

 

I Radicali.......ma non ci sono le creme contro i radicali liberi!? vabbè passatemi la battuta.... il loro programma? nessuno in particolare...rompere le scatole appena si presenta l'occasione con scioperi della fame e della sete.... li potevano assumere alla DCD!

 

La Rosa Bianca..... pochi hanno capito di cosa si tratta, se non il tentativo di superare lo sbarramento e nel caso le elezioni siano un quasi pareggio, pretendere posti a destra e a manca.....un'operazione "Mastella" ma più in grande.

 

Lega Nord..... da abitante del centro-sud mi auto-censuro e non commento......

 

UDC..... partito clericale erede DC, con i peggiori vizi, ma senza le sue virtù. Lo stato deve essere laico, UFFA!

Ora un pò di cagnara con la CDL, ma è giusto per acquisire visibilità....poi l'accordo si trova....scuola DC!

 

CDL...... un partito guidato da sua maestà il Cavaliere (non mi voglio avventurare per niente nella sua storia processuale, leggi ad-personam, depenalizazzioni di alcuni reati e dimezzamenti di tempi di prescrizione) contornato da una selva di buffoni e giullari (alcuni come Bondi provenienti dal Pci e Cicchitto ex segretario della FGSI ed ex collega del Cav. ai tempi della P2).

Bonaiuti......ma lo avete sentito quando parla.....aiuto!

Per ragioni di spazio, mi limito e vengo a Fini, che dopo esser giunto quasi al suicidio politico non trova niente di meglio che affiliarsi definitivamente a FI pur di contare ancora qualcosina.

 

La Destra..... l'ex governatore del Lazio nostalgico del ventennio, che spera di captare i delusi dalla svolta centrista di AN.... candidato premier la Santanchè (miss dito medio!).

 

Infine, volutamente lasciato per ultimo in quanto detto il pendolino della politica e la cui collocazione viene aggiornata di ora in ora come i cambi di valuta..... lo stupor mundi di Ceppaloni!

In un paese occidentale e democratico (almeno di nome) sarebbe impensabile che un governo cada sugli affari(sporchi) di famiglia del ministro della giustizia.....invece!

 

 

In definitiva....io sono pessimista qualunque risultato esca dalle urne e pur andando a votare per principio (perchè se non ci vai secondo me perdi ogni diritto di lamentarti poi), sarà dura già aprire la scheda...puzza troppo.

Edited by Leo1083
Link to comment
Share on other sites

Leo concordo in pieno , dissento solo su un paio di punti:

 

Sinistra Arcobaleno...... una chiara manovra di unire partiti che non supererebbero lo sbarramento elettorale, è evidente che dopo le elezioni ognuno andrà per fatti suoi! Al suo interno troviamo Bertinotti, Diliberto (personaggi ai quali và il voto dell'allegra combriccola di idioti che cantava una,cento, mille Nassiriya), Pecoraro (un nome che doveva indicare una scelta di vita obbligatoria......non capisce nulla di ecologia e pure lo hanno fatto n.1 dei verdi!) e altri personaggi che non è utile nominare altrimenti gli si dà troppo importanza.

 

Guarda che il PRC viaggia sul 10% (i comunisti in Italia esistono eccome !)

 

Per ragioni di spazio, mi limito e vengo a Fini, che dopo esser giunto quasi al suicidio politico non trova niente di meglio che affiliarsi definitivamente a FI pur di contare ancora qualcosina.

 

AN sta perdendo voti è vero , ma io sostengo che dopo Berlusconi il prossimo governo di destra che verrà sarà presieduto proprio da Fini .... chi vivrà vedrà :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Leo, niente male però qualcuno va scelto. Non puoi dire come grillo fanno tutti schifo perchè cmq il paese necessita di qualcun che lo governi. E non è con la rivoluzione e l'azzeramento che elimini il problema

Link to comment
Share on other sites

Sinceramente non la vedo così fosca nè a destra nè a sinistra.

Finalmente infatti si stanno definendo dei poli basati sui programmi, sia all'estrema sinistra, che al centrosinistra che a destra, oltre che l'ancora evanescente polo centrista e questo non può che fare piacere.

Inoltre i partiti che vedremo a queste elezioni uniti in coalizione quasi sicuramente li ritroveremo davvero uniti alle prossime vista l'ineluttabilità di una nuova legge elettorale che farà fuori i piccoli.

Quindi mi sembra di poter dire che il peggio sia passato.

Link to comment
Share on other sites

ricontrolla quello che hai detto, se il tuo contattore del gas scattasse come il tuo contattore di minchiate avresti ipotecato casa.

 

Purtroppo il mio contatore del gas scatta comunque in modo spaventoso....e questo grazie anche ai tuoi AMICI COMUNISTI!

 

Ah, ma tu queste cose non le sai, evidentemente tu l'energia elettrica e il gas non li paghi....che sei uno squatter? Che fai occupi abusivamente casa tua?!

 

Ti ho già smentito sulla discussione del Venezuela, evitami di tornare indietro su questa discussione per fare un collage di tutti i tuoi commenti demonizzanti su Berlusconi e la CdL....demonizzanti e spesso bufaleschi.

Edited by paperinik
Link to comment
Share on other sites

Per VittorioVeneto:

 

E allora niente paura...!! Gettiamoci in questa campagna elettorale con entusiasmo. Noi per tradizione non dobbiamo temere il nuovo! Anzi dobbiamo essere convinti che saremo in grado di contaminare ed affascinare la gente che verrà a contatto con noi. Una delle prime cose che mi hanno insegnato quando, quattordicenne, ho varcato la porta del Fronte della Gioventù è che il guerriero che combatte davvero non ha mai l'armatura pulita e intonsa ma al contrario è pieno di fango...Per portare l'Italia fuori da questo fango non è tempo di essere statici custodi del nulla ma è tempo di lanciarsi nella mischia così come abbiamo sempre fatto accettando nuove sfide!!

Link to comment
Share on other sites

Sinceramente non la vedo così fosca nè a destra nè a sinistra.

Finalmente infatti si stanno definendo dei poli basati sui programmi, sia all'estrema sinistra, che al centrosinistra che a destra, oltre che l'ancora evanescente polo centrista e questo non può che fare piacere.

Inoltre i partiti che vedremo a queste elezioni uniti in coalizione quasi sicuramente li ritroveremo davvero uniti alle prossime vista l'ineluttabilità di una nuova legge elettorale che farà fuori i piccoli.

Quindi mi sembra di poter dire che il peggio sia passato.

 

Ma magari!

Il problema è strutturale, è come viene gestito lo stato.

Prendi per esempio un medio comune.....è già una ressa nel proporre i consiglieri comunali.....tu quanti voti mi porti? Nessuna ideologia, nessun programma costruttivo, solo un'accaparramento di poltrone, con il quale gestire i fondi, quali imprese lavorare, chi assumere, a chi rilasciare licenze...mammamia che mercato! I meccanismi sono replicati in scala più ampia nelle province, nelle regioni e nel parlamento.

Andate in un'ospedale.... come si scelgono i primari...politicamente!

 

Avere 30 partiti o 2 può risolvere una crisi di governo, non questo modo barbaro di amministrare il pubblico.

 

In Italia si creano enti statali, non in virtù della propria utilità, ma solo per infilarvi gli amici degli amici e ciucciare insiemi i fondi governativi o comunitari, poi se fanno pure qualcosa di pubblica utilità è un effetto collaterale!

Quanti di questi vengono perseguiti? L'1%? Ma poi anche in quel caso c'è chi tira fuori le varie congiure della magistratura.....!

 

E credetemi, non c'è bisogno di Grillo e della sua anti-politica per vedere queste cose....Io rimango pessimista.

Edited by Leo1083
Link to comment
Share on other sites

Per VittorioVeneto:

 

E allora niente paura...!! Gettiamoci in questa campagna elettorale con entusiasmo. Noi per tradizione non dobbiamo temere il nuovo! Anzi dobbiamo essere convinti che saremo in grado di contaminare ed affascinare la gente che verrà a contatto con noi. Una delle prime cose che mi hanno insegnato quando, quattordicenne, ho varcato la porta del Fronte della Gioventù è che il guerriero che combatte davvero non ha mai l'armatura pulita e intonsa ma al contrario è pieno di fango...Per portare l'Italia fuori da questo fango non è tempo di essere statici custodi del nulla ma è tempo di lanciarsi nella mischia così come abbiamo sempre fatto accettando nuove sfide!!

 

In pratica ti hanno fatto il lavaggio del cervello!? :helpsmile:

Manganello e olio di Ricino per tutti, offre Graziani!

 

P.s. mi ci gioco 10€ che ora mi danno del comunista :-D!

Edited by Leo1083
Link to comment
Share on other sites

@ paperink ovvio ci sono i comunisti in italia io controllerei l'armadio... ce ne sempre uno anche sotto il letto...

Su berlusconi niente di demonizzante o falso solo pura realtà e atti processuali

@ vittorio veneto magari PRC avesse il 10%(record di partito mi sa il 6%) ma ti ricordo che di comunista ha ben poco sia lui che la sinistra arcobaleno

 

.Per portare l'Italia fuori da questo fango non è tempo di essere statici custodi del nulla ma è tempo di lanciarsi nella mischia così come abbiamo sempre fatto accettando nuove sfide!!

in quale tribunale la prossima sfida per la prescrizioneo la dpenalizzazione?

scusa non ho saputo resistere

 

 

Se tutto va bene, il «nuovo» Berlusconi, quello buono, dialogante, affidabile, riformatore con cui, dopo avergli regalato il Paese, si può inaugurare una «legislatura costituente», quello insomma che solo due mesi fa definiva la Cdl «un ectoplasma» e giurava di farla pagare a Casini e Fini, si presenterà alle urne con 24 simboli. Anche perché Fini, quello che giurava «con me Silvio ha chiuso», è tornato camerata-came­riere. E Piercasinando, quello che lavorava a una nuova leadership («mai più con Berlusconi»), è rientrato precipitosamente a cuccia col primo fischio agli ultrasuoni partito da Arcore. Breve riepilogo, necessariamente parziale. Oltre ai soci fondatori FI, An, Lega e Udc, l'Ammucchiata delle Libertà imbarca tre partiti neofascisti, perché uno solo pareva poco: Alternativa sociale di Alessandra Mussolini, la Fiamma Tricolore di Romagnoli e La Destra del trio Storace-Santanchè-Er Pecora. I fascisti sono un po' come la nuova Punto: model­lo base, modello accessoriato, modello con navigatore satellitare e cerchi in lega. Ecco dunque i fascisti ereditari della Ducia, i fascisti sansepolcristi e i fascisti supertrash. Oltre all'Udc, i partiti democristiani sono quattro: l'Udeur di Mastella & famiglia, la Dc per le Autonomie di Rotondi, quello con la testa a kiwi, i liberal-democratici di Lamberto Dini e signora (entrambi furono accusati dalla Cdl di essere dei tangentari al soldo di Milosevic e dunque, per gratitudine, si schierano con la Cdl) e Nuova Sicilia, che se non andiamo errati dovrebbe far capo all'ex dc Bartolo Pellegrino, già vicepresidente della regione arrestato per collusioni con la mafia. Da non confondere col fantomatico Patto Sicilia Nicolosi, di padre ignoto, né col terzo partito siciliano, l'Mpa di Lombar­do. Ancora incerta la sorte delle altre tre Dc, capitanate da Pizza, Sandri e Fiori(ex-P2). Completano il quadro del glorioso pentapartito: il Pri di La Malfa e Nucara, il Nuovo Psi di De Michelis (si chiama Nuovo perché c'è lui), il Pli di De Luca e Altissi­mo. Segue a ruota Italiani nel Mondo, di Sergio De Gregorio, che è uno e trino: un terzo democristiano, un terzo socialista, un terzo ex dipietrista, insomma una sicurezza. Siccome siamo un paese che invecchia, i partiti dei pensionati sono due, e attenti a non confonderli: Partito Pensio­nati di Carlo Fatuzzo (nel 2006 era di centrosinistra) e Pensionati Uniti, talmente uniti che sono divisi dal Partito Pensionati. Potevano mancare gli ecologisti? Non potevano: con il caravanser­raglio che in 15 anni ha varato due condoni ambientali e fatto più danni di Attila, si schierano gli Ecologisti Democratici (nulla a che fare con gli ecologisti totalitari), simbolo un orsetto di pelouche. Sfidando le più moderne tecniche di scissione dell'atomo, ci sono pure i Riformatori Liberali di Della Vedova & Taradash, detti anche Radicali per le Libertà. Pare che troveranno un posticino anche i discepoli della Madame de Stael della val Padana, Michela Vittoria Brambilla: partita in pompa magna come aspirante leader del Partito Unico contro i «parrucconi» della Cdl, deve aver incontrato qualche problemino strada facendo. Nelle ultime settimane era dispersa (non la invitavano più nemmeno a Ballarò), ma l'hanno rintracciata in tempo: guiderà i Circoli delle Libertà, anche se non potrà portare con sé più di cinque seguaci, sempre che li trovi. Niente da fare, invece, per il Ppdl fondato dal Cainano sul celebre predellino della Mercedes in piazza San Babila e salutato a suo tempo da fior di intellettuali come una mossa «geniale» e «rivoluzionaria»: si teme che rubi voti a FI. Sarà per la prossima volta. Grande interesse sta suscitando presso i partner europei il partito No Euro, che si oppone all'ingresso dell'Italia nella moneta unica comunitaria (già avvenuto nel 2002, sotto il governo Berlusconi2) e auspica il ritorno alla lira o, meglio ancora, al tallero. Viva curiosità, soprattutto negli ospedali psichiatrici, desta la lista Partito Cristiano Esteso, simboleggiata da un pesce stilizzato con la scritta «Pace». Che, per una coalizione che ha sposato le guerre in Iraq e in Afghanistan, suona particolarmente coerente. Quanto sia Esteso questo Partito Cristiano, lo diranno soltanto le urne. Quel che è certo è che si oppone strenuamente al Partito Cristiano Esiguo, o Ristretto, o Bonsai, di prossima fabbricazione.
Edited by Leviathan
Link to comment
Share on other sites

Immigrazione, il pd getta maschera: vogliamo dare il diritto di voto agli extracomunitari

 

In queste prime battute della campagna elettorale, sembrava che il centrosinstra avesse voluto mettere il silenziatore al tema immigrazione. A riportarlo d'attualità, ci ha pensato il candidato premier del Partito democratico, Walter Veltroni. Intervenendo all'Assemblea Costituente, l'ex sindaco di Roma ha dichiarato che: "Se vogliamo che la politica davvero, sempre più, sia partecipazione e responsabilità, facciamolo: diritto di voto alle amministrative per gli immigrati e per i ragazzi di sedici anni". Un passaggio del discorso, che guardacaso, non è stato in alcun modo messo in luce dai grandi media, quasi a voler mettere in sordina, un argomento che sicuramente - e a giusta ragione - può suscitare perplessità e preoccupazione nell'elettorato.

 

“Sull'immigrazione la linea del Pd è chiara: porte spalancate all’immigrazione con la legge Amato-Ferrero e riconoscimento del diritto di voto anche per i non cittadini. Nel Pd nulla è dunque cambiato sull'immigrazione rispetto al Governo Prodi. Sono sempre gli stessi, anche se cambino le scenografia, mettendo come sfondo immagini bucoliche”. Questa la replica, a stretto giro di posta, del vice capogruppo Camera del Carroccio e segretario della Lega Nord piemontese Roberto Cota, convinto che “in questa campagna elettorale la questione immigrazione sembra come per incanto uscita di scena, non se ne parla più: sono tutti concentrati a parlare d’altro, scimmiottando la campagna elettorale americana. Ma i problemi restano, ed il Pd offre ricette completamente sbagliate”.

Link to comment
Share on other sites

Io questa mattina non riesco ad andare avanti con la mia carrier Abraham Licoln in 1/700 della trumpeter, per seguire i vostri commenti...

Comunque Lev, i leghisti canteranno anche di voler bruciare iol Tricolore, ma qualcuno cantava 10, 100, 1000 Nassirya...Non sò cosa sia peggio sai...

Per Rick invece, l'Italia di Berlusconi sarà stata derisa all'estero come dici tu, ma almeno l'economia italiana teneva, in un momento economico internazionale di cacca

Edited by jolly rogers
Link to comment
Share on other sites

Io questa mattina non riesco ad andare avanti con la mia carrier Abraham Licoln in 1/700 della trumpeter, per seguire i vostri commenti...

Comunque Lev, i leghisti canteranno anche di voler bruciare iol Tricolore, ma qualcuno cantava 10, 100, 1000 Nassirya...Non sò cosa sia peggio sai...

Per Rick invece, l'Italia di Berlusconi sarà stata derisa all'estero come dici tu, ma almeno l'economia italiana teneva, in un momento economico internazionale di cacca

 

con una spesa pubblica infinita e un rapporto feciti pil alle stelle dici?

4appartenenti della lega e 1 di FI cantano bruciate il ttricolore

Alcuni manifestanti che non fanno parte di alcun partito cantano 10 100 1000 Nassyria

Cosa è peggio?

Link to comment
Share on other sites

Lev beh allora come mai manifestano con loro? Perche il cinema era chiuso? O perche non si poteva fare la spesa (saccheggio) proletaria?

 

Ah quindi secondo te cantare 10 100 100 nassirya per te è normale? Beh complimenti, forse allora era normale anche assalire un blindato dei carabienirei durante il g8, o magari normale svaligiare la libreria ricordi di torre argentina a roma, o magari sfondare vetrine di banche agenzie interinale? vatti a fare un giro per il nord-est e vedrai ceh tanti si sono rotti del italia vai a chiedere a chi lavora, vai a bolzano dove li parlano il tedesco no l'italiano, dove li windows lo vendono in tedesco no in inglese.

 

Vittorio secondo me casini, mastella e baccini finiranno per allearsi, anzi ti diro di piu, secondo me correrano insieme per la regione sicilia.

Link to comment
Share on other sites

Dio che pena; è così difficile per voi due che entrambi i cori fanno schifo???

Su Casini ho apprezzato molto la sua mossa coraggiosa e coerente con 50 di storia DC ma non ne sarei così sicuro che correrà con Mastella. Diciamo 50% e 50%, hanno avuto liti pesantissime negli ultimi 10 anni

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...