Jump to content

Lista aggiornata


Balthasar

Recommended Posts

Non sapevo della corazzatura del Merkava :adorazione: ItalianParatrooper!

 

sull'EF2000 c'è da dire che ha uno svantaggio sul Rafale: l'essere multinazionale. Questo comporta che le 4 nazioni fondatrici vogliano 4 tipi di AAM diversi, 4 tipi di LGB diverse, 4 tipi di Cruise diversi ecc. Ciò allunga anche i tempi di messa a punto ed incrementa i costi non ricorrenti, pagati in parte dal mercato dell?Export.

 

Quando uno vuole comprare l'F15 legge: compatibile con AAM-tale, AGM-tale LGB-tale, quando uno vuole comprare il Rafale legge: compatibile con AAM-tale, AGM-tale LGB-tale. Quando uno va a comprare l'EF2000 legge: compatibile con NON-SI-SA-BENE-NE-COSA-NE-QUANDO.

 

Poi ci lamentiamo che Singapore e Korea comprano F15, con Rafae come seconda scelta (in entrambe i casi: EF2000 scartato).

Edited by Marvin
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 91
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

si hai ragione, il problema dei mezzi multinazionali è proprio ke tutti hanno un'idea diversa sul da farsi e nessuno un'idea prescisa per farla.

almeno adesso si sta creando (o provando a farlo) cn i vari IRIS-T, METEOR e varie altre armi.

 

è lo stesso problema ke ha gravato il TORNADO e per cui non è stato scelto da tanti, pur essendo un aereo più ke valido.

 

il typhoon è giovane; se aspettiamo qualke anno, ke sia maturo (e ke lo siano anke le sue armi), secondo me sbanca il mercato. alla faccia degli yankee!!

 

però dai, il fatto ke Israele si sia interessato al mezzo, assieme ai sauditi, clienti principe degli USA, vuol già dire molto.

Link to comment
Share on other sites

ho letto tt e do ragione a fede e marvin non ossiamo spaventasrci della grecia

ne tanto meno della turkia certo hanno parekki carri armati ma in una possibile guerra cm li trasportano sti carri in italia?

farebbero la fine della guerra italo-turca del 1911

stamattina ho visto su rai 3 un documentario sulla guerra fra egitto e israele e anke allora aveva parekki carri armati (cm adesso)ma li ha dovuti abbandonare perché la spinta degli israeliani era travolgente e guardacaso non avevano piu benzina.la libia invece non conta nulla senza di noi sarebbe piu povere pensa ke gli dobbiamo costruire l'autostrada!

per quanto riguarda la nostra marina e una delle migliori al mondo la quinta ,certo non competeremo mai cn francia ,uk e usa e russia perché loro anno navi a propulsione nucleare e l'italia credo non avra mai , cmq avremo sempre la seconda marina del mediterrano quindi pure se egitto ,libia turkia grecia e forse israele se ci vorrebbero attaccare non vedo cm farebbero anke tt insieme

l'aviazione invece il rafale diciamolo e la ccopia del efa anke noi se dp aver studiato insieme ad altri paesi e poi uscire riusciremo a farci un aereo ottimo tt italiano.inoltre per il 2020 avremmo la migliore aviazione dell'europa dp la uk (cm caccia e bombaridei)da far tremare le gambe anke a israele

per quanto riguarda l'ariete o detto piu volte ke non puo essere confrontato cn carri ke stanno constantemente in guerra,ma a differenza di egitto turkia grecia puo essere trasportato nei luoghi di gueerra

non scordatevi ke labbattaglia di el alamein e stata cmbattuta cn 200 carri(da parte italiana)e nonostante tt anno resistito per parekkio ccn i 1200 alleati

A BALTHASAR

per te ci invederebbe anke malta :rotfl::rotfl:

a parte gli skerzi non e ke siamo nel g8 per niente se vorremmo potremmo piegare le gambe a gran parte dei stati africani (egitto compreso) ma dato ke siamop troppo

 

buoni.....

in una ipotetika guerra contro qualunque paese del mediterraneo(israele e francia esclusi)li annienteremo perché cm ho detto in un'altra discussione 'industiria bellica andrebbe in fermento e e logico ke veerrebbereo ordinati 2000 aiete 500 mangusta e prodotti anke altri aerei il potenziale ce l'abbiamo ma non serve a niente ora

e poi siamo in una fase di pasasaggio quando ne usciremo cioe 2020 riacqusteremo il vantaggio sulla spagnba e ci avvicineremo alle grandi potenze nucleari

per quanto riguarda il seggio permanente a ragione fede e cmq noi siamo cnn l'olanda per un seggio ke ci dovremmo dividere almeno questo o capito

Link to comment
Share on other sites

cmq all'italia secondo me tranne qualkuno manka il patriottismo la idfesa estrema per la patria ,utimamente sn stato in frencia a strasburgo e la si sente tantissimo il patriottismoo ci sn statue ovunque vai in ricordo di generali della II GM

e qua cs ce ?io mi kiedo maperke non ci sn statue di eroi della 2 gm?

Link to comment
Share on other sites

intanto perché la maggior parte degli eroi della IIGM italiana sn morti sul campo (dagli alpini in russia alla folgore in nord africa) e poi gli "eroi" ke hanno liberato la patria erano partigiani o anglo-americani e di monumenti ai caduti (partigiani e non) a milano se ne trovano ovunque.

 

io poi se fossi in te andrei a rivedere i libri di storia. i 200 carri leggeri della ariete sn stati annientati da 60 matilda e 30 sherman ampiamente prima della battaglia di el alamein. a tobruk x esempio (1941).

noi senza la germania saremmo stati buttati a mare anora nel 1941. (el alamein 1942)

 

in egitto hanno combattuto i tedeski contro gli inglesi cn gli italiani a fare le seconde linee. gli unici uomini del regio esercito ke hanno attivamente combattuto gli inglesi, sn stati quelli della folgore.

 

israele dubito ke tremerebbe mai di fronte a ki ke sia...tanto più ke anke nel 2020 avrebbero molti più aerei di noi (tra cui forse 130 EFA ke sostituirebbero i loro F-15C).

 

certo ke i numeri non sembrano essere il tuo forte.

hai idea di quanti siano 2000 carri armati e 200 gunship?

e hai idea di quanto costerebbero?

guarda ke l'industria nazionali non si ferma mica solo perché c'è una guerra in corso (contro ki poi mi kiedo io). non è ke la alfa romeo smette di produrre auto e si concentra sui carri armati cm si faceva durante la IIgm.

i tempi sn cambiati. le armi più costose e l'economia è più importante della quantità di armi (la russia ha perso la guerra fredda perché è crollato il suo sistema finanziario).

 

e poi proprio non sn certo i francesi a dovermi dare l'esempio di estremo sacrificio, dato ke dopo due settimane si sn arresi ai tedeski ke hanno occupato tutto il nord della francia e stabilito un governo collaborazionista a vichy.

 

se proprio devo trovare un estremo esempio di sacrificio prendo la

wehrmacht ke ha combatutto nelle strade di berlino anke dopo ke hitler era morto.

 

e poi, per l'ennesima volta, nessuno sta parladno di stati alleati ke si impegnano in una guerra di invasione.

la turkia è un alleato.

le grecia è un alleato.

si sta solo parlando di ki avrebbe più possibilità di ottenere un ruolo di leader nel mediterraneo. nessuno sta pensanod a una rievocazione dell'impero romano cn invasioni terrestri di tutta l'europa mediterranea.

Edited by ItalianParatrooper
Link to comment
Share on other sites

veramente in magioranza a el alamein erano italiani e sn morti piu italiani 17 mila contro i 10 mila uk e 7 mila tedeschi

l'ariete a resistito per molto piu dei giorni ke hai detto tu e cmq in questi 200 cerano anke tedeschi

molti soldati francesi 350 mila erano scappati a londro proprio prima dell'invasione e cosi duraNTE LA LIBERAZIONE HANNO PARTECIPATO

per eroi intendo quelli della guerra de la penne o mimbelli

Link to comment
Share on other sites

la divisione ariete è stata ampiamente spazzata via! gli inglesi hanno attaccato lo skieramento dell'asse prima a sud-ovest, proprio dove la brigata ariete doveva trovarsi a proteggere le forze dell'asse, apposta per indebolire il fronte centrale dove poi hanno sfondato.

 

a el alamein i soldati italiani sn stati la maggioranza a morire (a te le considerazioni), non a combattere dato ke i tedeski, ke erano solo 27.000 (su 80.000 totali dell'asse) erano sulla linea del fronte mentre le divisioni trento bologna e brescia copriva i fianki a nord e sud est assieme alle relative brigate corazzate ariete, littorio e trieste.

 

in prima linea assieme alla folgore c'erano; la 164^ panzerdivision e i falshirmjager del generale Ramke.

 

gli unici mezzi in cui eravamo superiori per numero erano gli aerei, 216 nostri e 129 tedeski. però non hanno effetteunato nessuna sortita dato ke erano a secco di carburante o insrvibili a causa di guasti continui.

 

e se leggi i tuoi post precedenti scopri ke hai scritto ke c'erano 200 carri ITALIANI a el alamein.

 

vediamo di evitare frasi del tipo "i libri di storia devi leggerli tu" perché ho studiato storia per 13 anni tra scula media, liceo, università e hobby personale e ci ho anke scritto la tesina di maturtà sulla IIGM ottenendo qualcosa cm 95 all'esame di stato.

ci sn più libri di storia in camera mia ke in una bibblioteca a tema.

 

e soprattutto cerkiamo di portare un po più di rispetto e leggere il regolamento del forum riguardo i doppi post!

Edited by ItalianParatrooper
Link to comment
Share on other sites

Baltashar dice:

del fatto che veniamo definiti partner di serie B rispetto a paesi come UK e Germania (in EADS non controlliamo niente, in Airbus non controlliamo niente, in Boeing non controlliamo niente, in Lockeed Martin non controlliamo niente...mentre la GB è coinvolta in programmi UCAV con gli usa come partner paritario e la Francia capeggia la guida del Neuron)....a me francamente non sta bene, se volete accontentarvi di convertire i 767 alle officine Aeronavali fate pure...per me non è un ruolo adeguato al nostro know-how ed al nostro rango di paese del G8.

 

Mi spiace Baltashar non offenderti ma ciò che scrivi sono baggianate!

 

 

-in EADS non controlliamo niente, perchè quando Finmeccanica voleva acquistare una quota di società i governi di francia e Germania si opposero(l'utility francese Suez vi ricorda nulla?).... abbiamo varie partnership ad esempio nel settore spaziale(satelliti, componenti per la ISS ecc), stiamo aquisendo il 50% di ATR che diverrebbe al 100% di Finmeccanica(col fatturato che ha ATR è un bel colpo).Ricordo che ATR è lider mondiale nel suo settore scalzando Bombardier ed Embraer, da quando l'amm. delegato francese è stato sostituito da un'italiano.

 

-l'Airbus ha supplicato Finmeccanica di acquisire una quota di società perchè i suoi

manager non sono capaci a gestirla, hanno immensi problemi finanziari, non possono rispettare gli ordini per A380 (alcuni hanno disdetto gli ordini)e A400M, è in corso una gigantesca ristrutturazione, che stà portando al licenziamento di tantissimi operai.

 

- Boeing considera le industrie italiane come partner principale, infatti si rifornisce prima di tutto di componenti Italiane(non Francesi o Inglesi), ad esempio del Dreamliner (unico aereo di linea al mondo con fusoliera in compositi )costruiamo la fusoliera in materiali compositi, perchè Finmeccanica è l'unica al mondo ad avere la tecnologia, gli impianti e i mezzi per costruirla. Forniamo parti importanti per l' F35(siamo parter di secondo livello perchè abbiamo pagato meno della GB non perchè le nostre industrie sono qualitativamente inferiori), ad esempio siamo responsabili dei sistemi di controllo delle stive e dell' armamento, conoscenze che trasferiremo(noi Italiani) sul NEURON(a maggioranza Francese)! L'F35 è un aereo multinazionale, ma quando ne parlano lo fanno riferendosi ad un aereo Italo-Anglo-Americano. Pratt & Whitney ha individuato nella Piaggio Aero Industries il fornitore di componenti essenziali del motore F135.

 

-Finmeccanica (non EADS o BAE) detiene il 25% di Sukoi Civil Aircraft, e se il governo Russo cambia la normativa(cosa in discussione) potrebbe acquisire una percentuale ancora superiore.La Westland è stata acquisita dall'Agusta. La Piaggio ha acquisito il 25% della Pratt&Whitney Canada Turbo Engines!

 

Qui mi fermo ma potrei andare avanti ancora.

Edited by Venon84
Link to comment
Share on other sites

giusto per mettere i puntini sulle i, con la SUKOI stiamo costruendo il jet-liner, la BELL è stata acquisita dalla AGUSTA e per i COBRA W e Z utilizza sistemi di puntamento italiani e parte degli stessi elicotteri vengono in parte assemblati sia a Venegono (sede AGUSTA) e a Brindisi, i CHINOOK F verranno, in parte, assemblati in Italia.

Link to comment
Share on other sites

Assembliamo pezzi di fusoliera e i 747-400 F della ditta li portano negli Usa per la linea di montaggio finale.

Hai detto pio. Abbiamo quasi il 30% del programma, il che significa che ci cucchiamo anche il 30% dei profitti, e visto che ci sono gia ordini e opzioni per quasi 500 Dreamliner, abbiamo fatto più affari con un programma appena partito che in trent'anni di batti-lamiera per Airbus! Poi Francia e Germania si incazzano perchè siamo poco filo-europei!

Link to comment
Share on other sites

Forse è meglio fare un pò di chiarezza:

 

@Davidecosenza:

 

Se leggi meglio i miei post non ho parlato di avere paura di Grecia e Turchia o di temere una loro invasione...parlavamo di det4errenza e peso nel Mediterrano, sono proprio altre cose!

 

@Venon:

 

-Bombardier ed Embraer non sono state "scalzate".

 

Mentre ATR produce biturbina da trasporto regionale, soprattutto la seconda si è dedicata al mercato dei jet fino a 100 posti (EMB 190) facendone il suo core buisness.

 

Bombardier poi ha un best seller come la serie Q che continua a vendere e a spartirsi quote di mercato con l'ATR-72.

 

E non dimentichiamoci che la stessa vende i Challenger in tutto il mondo, gli aerei a turbina sono un business secondario, anche se importante.

 

-In Airbus non ci siamo.

 

Punto e basta.

 

Le motivazioni poi sono un'altra cosa.

In compenso ci accontentiamo di costruire qualche pezzo per loro

 

Il collo di bottiglia dell'A380 si è creato perchè il managemente ha voluto garantire un mucchio di allestimenti diversi senza avere un apparato impiantistico adeguato per

 

-Partner di I livello non significa che costruiamo il 50% del Dreamliner.

 

Assembliamo pezzi di fusoliera e i 747-400 F della ditta li portano negli Usa per la linea di montaggio finale.

 

E dovresti vedere meglio i fornitori di Boeing,che, essendo statunitense, compra quasi tutti i componenti negli Usa.

 

 

E questo vale per tutti i velivoli della serie 700.

 

Per capire quello che dico basta vedere la percentuale di US 101 (circa il 20%) che costruiamo noi.

 

Forse ti confondi con le pubblicità (a volte un pò troppo nazionalistiche) che escono su aeronautica e difesa, che tra poco faranno passare Avio come costruttrice del GeNx quando a stento montiamo un compressore (o l'ingranaggio di comando accessori, ora non ricordo). :P

 

-In Eads poi siamo proprio tagliati fuori...

 

Tu confondi la partnership con la joint venture paritaria.

 

Essere partner è importante, ma non significa necessariamente che dipendano da noi (ci mancherebbe, con il know-how e l'apparato industriale che hanno gli aerei se li potrebbero fare da soli...).

 

Le partnership con l'italia sono dovute in gran parte alla commercializzazione del velivolo: credi che avremmo speso lo stesso i fondi per l'F-35 se fosse stato totalmente americano? O avremmo optato per un tecnologicamente inferiore, ma sempre valido, Gripen?

 

E questo è lo stesso motivo per cui facciamo costuire pezzi di M346 alla Polonia o l'Eurocopter fa costruire pezzi di carlinga alla IAR Romena.

 

Pensi che davvero abbiamo bisogno della loro "esperienza" ( :blink: ), o magari è stata scelta la Polonia perchè, guardacaso, deve rinnovare la sua linea da addestramento...?

 

Questo non toglie che l'industria aerospaziale italiana è, insieme a quelle francese,inglese,svedese, americana e russa, una delle migliori al mondo.

 

Ma non montiamoci la testa, che non ce lo possiamo (per ora) permettere.

 

Un esempio: Italian paratrooper dice che abbiamo acquisito la Bell :ph34r:

 

( un colosso che potrebbe permettersi di acquisire mezza industria della difesa italiana)

 

;)

Link to comment
Share on other sites

Assembliamo pezzi di fusoliera e i 747-400 F della ditta li portano negli Usa per la linea di montaggio finale.

Hai detto pio. Abbiamo quasi il 30% del programma, il che significa che ci cucchiamo anche il 30% dei profitti, e visto che ci sono gia ordini e opzioni per quasi 500 Dreamliner, abbiamo fatto più affari con un programma appena partito che in trent'anni di batti-lamiera per Airbus! Poi Francia e Germania si incazzano perchè siamo poco filo-europei!

Il Giappone da solo con la Mitsubishi heavy industries e la Kawasaki (ed i loro numerosissimi sub-fornitori) detiene da solo il 35% del programma.

 

Se l'Italia avese il 30% come dici tu, gli Stati Uniti produrrebbero il...25% del loro aereo :ph34r:

 

Riporto da wikipedia.org:

 

 

Japanese industrial participation is very important to the project, with 35% workshare, with many of the subcontractors supported and funded by the Japanese government.

 

E la fonte con cui è stato scritto l'articolo di Wikipedia:

 

http://www.custac.buffalo.edu/docs/OccasionalPaper30.pdf

Link to comment
Share on other sites

Non mi risulta che abbiamo acquistato la Bell (anche se Finmeccanica potrebbe permettersi quanto meno il capitale di maggioranza di Bell Helicopters Textron!), anche se siamo la sua più importante licenziataria per le serie 205, 206, 212, 412. Inoltre sviluppiamo congiuntamente il convertiplano BA609, e pare che la partecipazione vada verso un 50-50 (stando al numero dei prototipi, alle lavorazioni ed alla responsabilità delle certificazioni extra-USA e lo sviluppo delle versioni istituzionali).

 

Anche per il Chinook l'Italia è licenziataria per la produzione (gli elicotteri EI sono classificati come Meridionali/Boeing e non Boeing/Vertol)

 

In etrambe i casi abbiamo la responsabilità esclusiva sui mercati del Nord-Africa e del Medio Oriente (Ch 47 libici, AB412 turchi e Sauditi ecc...)

Link to comment
Share on other sites

premetto che il post e le vostre discussioni sono molto interessanti....

 

 

balthasar ha sostanzialmente ragione, se vogliamo parlare di peso militare...non è certo disfattismo ma presa coscienza del fatto (mi pare sia sotto gli occhi tutti) che le nostre FFAA sono modeste rispetto agli apparati militari di tutti gli altri paesi citati.. questo perchè: o sono potenze da secoli, hanno vinto la guerra e oggi potenze nucleari(uk e francia) etc (per farla breve);o sono in guerra per l'esistenza e allora si armano con forza da decenni (israele,); o perchè sono in una sorta di guerra fredda e allora hanno bisogno di armarsi pesantemente (egitto , turchia, grecia)....

 

mi pare, però, che c'è una cosa da considerare, che non è stata citata: non me ne vogliano tutti coloro (e SIAMO in tanti) che vorrebbero un' Italia Potenza militare del mediterraneo, ma le nostre FFAA non hanno il ruolo di espandere il nostro peso o potere!! mi pare che sia un dettato costituzionale (o comunque, se non dettato, un principio supremo del nostro ordinamento) quello per cui le FFAA servono a difenderci, null'altro...quindi parlare di peso militare nel mediterraneo è forse fuori luogo, e comunque, se volessimo parlarne, militarmente pesiamo ben poco...per fortuna, però, sugli scenari internazionali non conta solo la forza militare(nonostante 880 abrams l'egitto è un paese del terzo mondo, o no?) e l'italia ha un peso politico ed economico notevole. e questo è innegabile, dato, per esempio, che al consiglio di sicurezza si viene ELETTI, che le nostre industrie esportano con posizioni di primo piano in tutti quei paesi mediterranei citati (un esempio che valga per tutti è il Mangusta), che nonostante tutto siamo ancvora il 6° o 7° paese più indistrializzato, e così via...

 

tuttavia la modestia delle nostre FFAA in confronto col potere armato di egitto e degli altri stati citati è evidente...i numeri contano, 200 ariete....880 abrams....(perdonate la brevità), ma ripeto e concludo, non è col potere armato che siamo arrivati ai vertici di primo piano dello scacchiere mediterraneo, e di questo ne vado davvero fiero!

Link to comment
Share on other sites

-Bombardier ed Embraer non sono state "scalzate".

Mentre ATR produce biturbina da trasporto regionale, soprattutto la seconda si è dedicata al mercato dei jet fino a 100 posti (EMB 190) facendone il suo core buisness.

Bombardier poi ha un best seller come la serie Q che continua a vendere e a spartirsi quote di mercato con l'ATR-72.

 

Io parlavo del settore dei biturbina da trasporto regionale dai 40 ai 70 posti. ATR ha scavalcato Embraer e Bombardier,questi sono i fatti. In questo settore ATR vende di + di Bombardier, core businnes o no. Dato che l'ATR presto sarà totalmente Italiana, l'Italia è lider mondiale dei biturbina da trasporto regionale dai 40 ai 70 posti!

 

1.In Airbus non ci siamo.Punto e basta.

   Le motivazioni poi sono un'altra cosa.

 

2.In compenso ci accontentiamo di costruire qualche pezzo per loro

 

3.Il collo di bottiglia dell'A380 si è creato perchè il managemente ha voluto garantire un mucchio di allestimenti diversi senza avere un apparato impiantistico adeguato per

 

1.Mai detto che siamo in Airbus. Ho detto che Airbus supplica finmeccanica di acquisire una percentuale delle società.

2. Tanto per metterti a conoscenza di un fatto, Agusta all'inizio della sua attività costruiva elicotteri su licenza Bell...ora è lider del settore.

3.Come ho detto,incapacità del management

 

Partner di I livello non significa che costruiamo il 50% del Dreamliner.

Assembliamo pezzi di fusoliera e i 747-400 F della ditta li portano negli Usa per la linea di montaggio finale

 

Chi ha detto che costruiamo il 50% del dreamliner?

Alenia Aeronautica è partner di Boeing sin dalla fase di progettazione del nuovo bimotore, di cui costruirà lo stabilizzatore (o piano di coda orizzontale) e le sezioni centrali e posteriori della fusoliera, per una quota complessiva che ammonta al 26% dell’intera struttura del 787(+ di 500 ordini fermi, ad un prezzo di circa 140milioni l'uno fanno un bel po di soldi). Recentemente ha consegnato le prime due sezioni di fusoliera realizzate in fibra di carbonio presso lo stabilimento di Grottaglie(il + avanzato del mondo per questo tipo di costruzioni).

 

Forse ti confondi con le pubblicità (a volte un pò troppo nazionalistiche) che escono su aeronautica e difesa, che tra poco faranno passare Avio come costruttrice del GeNx quando a stento montiamo un compressore (o l'ingranaggio di comando accessori, ora non ricordo). :P

 

Mi vieni a dire che non sò cosa dico quando tu parli di Avio come se fosse Italiana, mentre la quota di Finmeccanica è solo del 15% mentre l'85% è del fondo di investimento inglese Cinven????

 

In Eads poi siamo proprio tagliati fuori...

Tu confondi la partnership con la joint venture paritaria.

Essere partner è importante, ma non significa necessariamente che dipendano da noi (ci mancherebbe, con il know-how e l'apparato industriale che hanno gli aerei se li potrebbero fare da soli...).

 

Ti ho spiegato il motivo per cui non possiamo mettere piedi in EADS. e non ho detto ciò che hai scritto. ho usato il termine partnership questo termine per semplificare e non scrivere un trattato sulle forme di collaborazione interaziendale. Non ho mai detto che qualcuno dipende da noi.

 

 

Le partnership con l'italia sono dovute in gran parte alla commercializzazione del velivolo: credi che avremmo speso lo stesso i fondi per l'F-35 se fosse stato totalmente americano? O avremmo optato per un tecnologicamente inferiore, ma sempre valido, Gripen?

 

Qui fai un casino totale o non ho capito il senso. Dici che le partnership con l'italia sono dovute in gran parte alla commercializzazione del velivolo e non si sa bene su che basi lo dici, quando è palese che l'industria italiana fornisce moltissime parti d'interesse fondamentale , e non cazzatine.(esempio stupido ma calzante: La Sabaf non commercializza per gli altri le caldaie,è l'azienda lider nella costruzione dei bruciatori)

Ovvio che non avremmo speso lo stesso i fondi per l'F-35 se fosse stato totalmente americano. Nessuno ci avrebbe chiesto di farlo, ma ciò non toglie che LM avrebbe potuto chiedere componenti alle industrie Italiane, nonostante la non partecipazione nazionale al programma. (altro esempio stupido: l'acciaio per la costruzione delle nuove torri gemelle proviene da un'azienda italiana, di brescia se non sbaglio e non è che l'Italia come nazione paga una parte delle torri)Che centra la commercializzazione??? Tu dici che ci fanno costruire parti del velivolo per vendercelo ma ciò non è vero. Costruiamo queste parti perchè l'industria italiana è stata valutata come la migliore per farlo(queste scelte vengono fatte dopo varie analisi approfondite, in cui vengono analizzate la qualità del prodotto, i costi, l'assetto aziendale, il rispetto dei principi di economicità dell'azienda ecc...)

 

E questo è lo stesso motivo per cui facciamo costuire pezzi di M346 alla Polonia o l'Eurocopter fa costruire pezzi di carlinga alla IAR Romena.Pensi che davvero abbiamo bisogno della loro "esperienza" ( :blink: ), o magari è stata scelta la Polonia perchè, guardacaso, deve rinnovare la sua linea da addestramento...?

 

Mai sentito parlare di decentramento produttivo per il contenimento dei costi?Poi certo che si coinvolge l'industria locale per penetrare il mercato, ma non è l'unico motivo per cui si utilizzano semilavorati provenienti da altre imprese. Qui bisognerebbe parlare di organizzazione aziendale, strategia aziendale ecc, ma non è il caso.

 

 

Questo non toglie che l'industria aerospaziale italiana è, insieme a quelle francese,inglese,svedese, americana e russa, una delle migliori al mondo.

 

Su questo almeno siamo d'accordo :D

Edited by Venon84
Link to comment
Share on other sites

cmq o sempre detto ke i carri a el alamein erano 200 in totale ma tu avevi detto ke erano stati spazzati via a tobruk mentre anno partecipato(anke se furono sconfitti immediatamente)attivamente alla battaglia

di certo non puoi avere piu libri di storia di me B-)

no dai skerzo non prendertela iovolevo sl dire ke anke cn 200 carri l'afrika corps aveva conquistate libia e quasi l'egitto.certo ora i tempi sn cambiati.

cmq io credo ke contiamo molto nel mediterraneo nne ke ci hanno affidato l'unifil per caso.

la nostra industria bellica e messa molto bn ,sicuramente meglio di israele(ora tt mi contradiceranno ) siamo il quarto predotture di armi leggere e il secondo esportatore ,il sesto produttore fra armi di vario genere quindi abbiamo un bell apparato bellico purtroppo i nostri politici non sponsorizzano abbastanza i prodotti( ansi per niente)e quindi non sn rinomati nel mondo ma se no sn di ottima qualita.

per le agenzie spaziali siamo secondi sl a usa e russia ( al pari cn francia e uk)

Link to comment
Share on other sites

la nostra industria bellica e messa molto bn ,sicuramente meglio di israele(ora tt mi contradiceranno ) siamo il quarto predotture di armi leggere e il secondo esportatore ,il sesto produttore fra armi di vario genere quindi abbiamo un bell apparato bellico purtroppo i nostri politici non sponsorizzano abbastanza i prodotti( ansi per niente)e quindi non sn rinomati nel mondo ma se no sn di ottima qualita.

per le agenzie spaziali siamo secondi sl a usa e russia ( al pari cn francia e uk)

per cortesia, torna con i piedi per terra!!! capisco l'amor di patria, ma trascendi davvero in un megalomania patria irreale!!!

 

scusa la franchezza

Link to comment
Share on other sites

kepi, credo proprio che davide abbia ragione. Avevo letto dati inerenti alle esportazioni belliche da qualche parte, e l'Italia era qualche posizione sopra Israele.

 

cmq le cifre sn reali ti do la fonte?

 

Te ne sarei grato. :D

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...