Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Jack

Ka-52 hokum

Messaggi consigliati

10-11 Ka-52, 4-5 elicotteri SAR/Uility e se ci avanza uno con ruolo ASW bastano e avanzano: penso che ci sarà un reggimento con una dozzina di elementi con base a terra per far felice l'esercito,

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La soluzione dei rotori sovrapposti controrotanti invece, non era certo una novità per la Kamov, ma comunque anche questa soluzione espose l'elicottero a critiche: è vero che consente di eliminare il rotore anticoppia e relativi pesi e problemi ed è vero che consente di scaricare elevate potenze a parità di diametro del rotore, ma aumenta gli ingombri verticali della macchina, incrementa la complessità meccanica e la vulnerabilità, e infine non è poi così vero che sia una soluzione più efficiente di quella tradizionale con rotore anticoppia: il rotore inferiore riceve infatti l'aria disturbata proveniente da quello superiore e lavora quindi in condizioni di minor efficienza.

E questo dove sta scritto ? Il sistema a eliche controrotanti è nettamente più prestazionale del rotore a singola elica. L'aria che sbatte contro l'elica inferiore ovviamente tende a sua volta a cambiare direzione facendo resistenza con il flusso d'aria generato dalla seconda elica (a mo di cuscinetto tra le due eliche non è un'energia che si perde). Poi dato che l'efficienza del rotore inferiore dipende dall'efficienza delle pale, che a loro volta dipende dalla loro rigidità, oltre ai progettisti Kamov, bisognerebbe spiegarlo a Tupolev che il loro aereo serie 95 abbia 4 motori fasulli (non sai qual è la differenza tra una doppia elica di un aereo e un doppio rotore di un elicottero)...che roba.

Modificato da fabio-22raptor

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E questo dove sta scritto ?

 

Ancora...

Come ho già spiegato ogni soluzione ha pro e contro nelle varie situazioni in cui è applicata e non si possono fare affermazioni categoriche mettendo allegramente in un unico caldreone gli elicotteri Kamov con gli aerei Tupolev e confrontarli con la soluzione elicotteristica da decenni di gran lunga più diffusa buttandola in un discorso sui massimi sistemi.

A questo punto rivolgiti a questo signore qui, visto che mi a dato 30/30 in Progetto di Elicotteri e a lezione quell'affermazione l'ha fatta lui...

 

https://www4.ceda.polimi.it/manifesti/manifesti/controller/ricerche/RicercaPerDocentiPublic.do?k_doc=740&lang=IT&EVN_PRODOTTI=evento&__pj0=0&__pj1=626f25f3d36af0a9e3013c9b7f55e7b0

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Pro e contro a seconda di cosa ? Che il Tu-95 abbia motori più efficienti di un turbo elica singola è un dato di fatto, ci mancherebbe solo che non fosse così. Lo tiro in ballo perché ci dice che l'unica differenza rispetto al rotore di un elicottero, sta nella rigidità delle pale (ci sono differenze meccaniche che però non interessano ai fini delle prestazioni), quindi posso dire che queste devono avere una deformazione evidente per diminuire l'efficienza del rotore. (Cosa che non si vede ad occhio nudo nel ka-50: la curvatura dei due rotori a motore acceso è praticamente la stessa). Ora senza che spiego, questo è un discorso pratico, che cioè ha avuto già riscontri reali. Ci saranno forse casi in cui un doppio rotore non abbia l'efficienza di cui si dice dappertutto, ma a livello pratico, se è usato un rotore coassiale, è banale dire che non sia così nel caso specifico. In sostanza non credo che il discorso di un qualsiasi professore includa OGNI elicottero costruito con un rotore coassiale, bensì che includa solo una categoria di elicotteri. Contraddirlo è come se diresti cretino ai progettisti Kamov che non avrebbero privilegiato l'elicottero a livello prestazionale.

Modificato da vorthex

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La flessione delle pale vista a occhio non è il modo migliore per visualizzare qualcosa... e nessuna differenza apprezzabile si vedrebbe a prescindere in due rotori che ruotano velocemente con forze di tonnellate che agiscono assialmente sulle pale.

 

Il Tu-95 è un grosso e molto veloce velivolo turboelica, i cui motori devono necessariamente scaricare un’enorme potenza sulle eliche e sulle pale si devono ridurre il più possibile gli effetti della comprimibilità. Non potendo aumentare ulteriormente il diametro dell’elica, o il numero delle pale, o la velocità di rotazione, una soluzione è quella di mettere due eliche controrotanti e sfruttare le efficienze derivanti dal non fornire una componente tangenziale al flusso in uscita pagando un prezzo non indifferente in complessità con conseguenti problematiche meccaniche ed aeroelastiche.

Ciò non significa che l’aereo comunque non beva una cifra e non faccia un rumore del diavolo, segno tangibile che interazione tra le due eliche si traduca in turbolenze micidiali.

Anche qui una soluzione che ha dato forse più grane che benefici, facendo sputar sangue anni dopo anche ai progettisti dell’AN-70 e contribuendo, con una buone dose di responsabilità, al fallimento di questo programma.

Non a caso nell’A400M europeo la soluzione si è evitata come la peste e, per scaricare potenze elevate ed andare a velocità considerevoli per un turboelica, si è preferito lavorare su eliche singole con ben 8 pale a scimitarra e ciò nonostante i problemi non sono mancati.

 

Tornando agli elicotteri, molto spesso si enfatizza lo spreco di potenza introdotto dal rotore anticoppia della soluzione tradizionale e si magnificano le efficienze dei rotori coassiali che riducono le perdite complessive, ma guai a ricordare che un secondo rotore pesa anche lui parecchio e quindi comporta una richiesta addizionale di portanza e quindi di potenza o che viene investito in pieno dal downwash di quello che gli sta sopra o che il mast più voluminoso e complesso offre resistenza aggiuntiva o che la sua più complessa trasmissione dissipa comunque potenza addizionale o che ridurre il diametro dei rotori e privilegiare gli indubbi vantaggi ad alta velocità non aumenti certo l'efficienza in hovering.

 

Come ho sempre ricordato non è mai semplice scegliere una configurazione, perché se lo fosse tutti gli elicotteri sarebbero fatti in un modo solo, mentre invece non è affatto così.

Non ho mai scritto che i progettisti della Kamov siano degli imbecilli, tanto meno ritengo lo pensasse il mio professore che non ha mai affermato che quella configurazione sia un bidone di efficienza...

Semplicemente ci ha fatto notare come certe teoriche efficienze rispetto alla soluzione tradizionale vengono all’atto pratico parecchio ridotte e magari eliminate, al punto da non essere così giustificabili nella loro complessità rispetto ad altri aspetti come potrebbero essere ad esempio l’aerodinamica delle pale del rotore, l’efficienza dei motori e della trasmissione, il peso della struttura, la forma della fusoliera ed magari un suo contributo a controbilanciare la coppia del rotore.

 

Qui io ho sempre e solo sostenuto che la soluzione dei rotori controrotanti non sia l’uovo di Colombo dell’aerodinamica elicotteristica, ma solo una delle opzioni possibili e non è un caso se è stata rispolverata e aggiornata da Sikorsky con il recente l’S-97, come non è un caso se questo sia un elicottero veloce e con un’elica spingente, perché in quella configurazione i due rotori sovrapposti sono in grado di esprimere al meglio il loro potenziale nel ridurre notevolmente il fenomeno del flusso inverso e della asimmetria di portanza in volo traslato che sono il principale limite dell'elicottero nel raggiungimento di velocità maggiori.

Modificato da Flaggy

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

http://www.portaledifesa.it/index~phppag,3_id,2693.html

A margine dell'intenzione egiziana di acquistare una decina di ulteriori Apache c'è un commento che riguarda il Ka-52.

Quote

Va ricordato che, oltre agli APACHE, l’Egitto dispone di 34 Ka-52 ALLIGATOR (sui 46 ordinati) che, tuttavia, parrebbero non aver soddisfatto pienamente gli egiziani. In particolare, questi ultimi lamenterebbero presunti problemi tecnici relativi alla scarsa precisione dei sistemi avionici, di navigazione e di visione notturna (tutti da verificare), ed alla (forse) più verosimile perdita di potenza dei motori ad alte temperature dell’elicottero russo.

Acquistare nuovi AH-64 è sicuramente una conferma di soddisfazione del cliente per il prodotto americano. Non si può dire altrettanto per il Ka-52 che più che altro ha beneficiato di un momento favorevole tra i tira e molla nelle relazioni internazionali fra i due paesi.

 

Modificato da Flaggy

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×