Jump to content
Dark Angel

F-16 Fighting Falcon - discussione ufficiale

Recommended Posts

L'F-16 non ha problemi di potenza con le ultime versioni di F-100 ed F-110 e non avrebbe alcun senso imbarcarsi nella costosissima impresa di integrare un terzo motore su un aereo di cui è quasi pronto il sostituto...

Il motore alternativo dell'F-35 (che non è affatto britannico visto che Rolls Royce fa solo parte del team con l'americanissima General Electric) ha poi un diametro eccessivo e sicuramente una richiesta d'aria in ingresso che non può essere soddisfatta dalla piccola presa d'aria dell'F-16 (già ingrandita per le varianti dotate dell'F-110).

Al momento l'F-136 deve giocare le sue carte con l'F-35.

E' vero Flaggy l'F-16 non ha proprio problemi di potenza le ultime versioni del General electric F110-GE-132 raggiungono i 142 kN e gli ultimi F100-pw-229 raggiungono i 129.6 kN non sarebbe proprio sensato andare a integrare un'altro propulsore sul Falcon

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avrei una domanda da porvi, alla quale non ho trovato risposta nemmeno sul sito ufficiale dell'F-16.

 

I block 30/32 dell'ANG a che standard sono stati portati? Su F-16.net vengono menzionate solo le caratteristiche delle versioni base dell'F-16C, ma non si fa riferimento all'integrazione dei sistemi d'arma più moderni e a possibili aggiornamenti al cockpit e al radar; guardando (da modellista) numerose foto dei Block 30/32 più recenti ho notato, oltre alle piastre di rinforzo in fusoliera e ai pannelli RAM appena prima del radome, anche la presenza delle antenne IFF dello stesso tipo di quelle dell'MLU e dei Block 50/52 più recenti, e mi chiedevo se vi fossero stati aggiornamenti avionici di una certa portata o se le capacità generali rimangono lontane da quelle dei Block 50/52 (non nomino il Block 60 perchè è un altro pianeta.

 

Più in generale, quali sono state le modifiche introdotte nei singoli Block 30/32, 40/42 e 50/52 con il programma CCIP (che in teoria dovrebbe aver portato gli esemplari americani ad uno standard molto simile tra loro)?

 

E ancora, il pod Sniper XR è stato omologato su tutte le versioni, o i Block 25/30/32 dell'ANG usano abitualmente il LITENING (che come sistema di guida non ha nulla da invidiare, per quanto ne so, dallo Sniper, il quale ha in più solo un design a bassa visibilità)?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avrei una domanda da porvi, alla quale non ho trovato risposta nemmeno sul sito ufficiale dell'F-16.

 

I block 30/32 dell'ANG a che standard sono stati portati? Su F-16.net vengono menzionate solo le caratteristiche delle versioni base dell'F-16C, ma non si fa riferimento all'integrazione dei sistemi d'arma più moderni e a possibili aggiornamenti al cockpit e al radar; guardando (da modellista) numerose foto dei Block 30/32 più recenti ho notato, oltre alle piastre di rinforzo in fusoliera e ai pannelli RAM appena prima del radome, anche la presenza delle antenne IFF dello stesso tipo di quelle dell'MLU e dei Block 50/52 più recenti, e mi chiedevo se vi fossero stati aggiornamenti avionici di una certa portata o se le capacità generali rimangono lontane da quelle dei Block 50/52 (non nomino il Block 60 perchè è un altro pianeta.

 

Più in generale, quali sono state le modifiche introdotte nei singoli Block 30/32, 40/42 e 50/52 con il programma CCIP (che in teoria dovrebbe aver portato gli esemplari americani ad uno standard molto simile tra loro)?

 

E ancora, il pod Sniper XR è stato omologato su tutte le versioni, o i Block 25/30/32 dell'ANG usano abitualmente il LITENING (che come sistema di guida non ha nulla da invidiare, per quanto ne so, dallo Sniper, il quale ha in più solo un design a bassa visibilità)?

Qua puoi trovare le risposte che cerchi http://www.webalice.it/imc2004/files_fighters/F-16_FIGHTING_FALCON.htm

Share this post


Link to post
Share on other sites

signori l' ''f-16 in'' quali potrebbero essere i suoi possibili clienti? ponendo un prezzo di 63 milioni.

Edited by F-35JSF

Share this post


Link to post
Share on other sites

signori l' ''f-16 in'' quali potrebbero essere i suoi possibili clienti? ponendo un prezzo di 63 milioni.

Ponendo il prezzo di 63 milioni l'India sarebbe un possibile acquirente....poi I clienti che hanno in ordine gli F-16 sono il Cile che ne ha 18 in ordine, L'Egitto ne ha in ordine 20, la Giordania ne ha in ordine 16,il Marocco ne ha in ordine 24, il Pakistan ne ha in ordine 15,la Romania ne ha in ordine 24, la Turchia ne ha in ordine 30

Alcuni di nuova produzione e probabilmente alcuni no...poi l'F-16 sta partecipando a vari concorsi internazionali

Edited by matteo16

Share this post


Link to post
Share on other sites

L' F 16 è il caccia occidentale a più buon mercato attualmente disponibile....................

Molti sono gli stati che ipoteticamente possono permetterselo.

Pensiamo solamente che anche l' Iraq ha fatto una proposta agli usa di acquistare degli f 16 per la loro difesa aerea.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo è che 4450 aerei sono tanti... Il Viper ha un rapporto costo-efficacia imbattibile, rappresenta un pericolo anche per gli Eurofighter nell'esportazione. Ha solo la formula monomotore a penalizzarlo. 86 ancora da costruire, ed in Europa facciamo i conti con gli spiccioli della T3 frazionata in due...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Certo è che 4450 aerei sono tanti... Il Viper ha un rapporto costo-efficacia imbattibile, rappresenta un pericolo anche per gli Eurofighter nell'esportazione. Ha solo la formula monomotore a penalizzarlo. 86 ancora da costruire, ed in Europa facciamo i conti con gli spiccioli della T3 frazionata in due...
aggiornandolo sempre e senza tentenamenti, lo si può considerare un investimento sicuro,anche quando entrera in servizio il suo successore,in molte nazioni rimmara per molto tempo presumo che almeno al 2025 ci arrivi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

aggiornandolo sempre e senza tentenamenti, lo si può considerare un investimento sicuro,anche quando entrera in servizio il suo successore,in molte nazioni rimmara per molto tempo presumo che almeno al 2025 ci arrivi.

Più che altro ormai il costo si è abbassato tanto: è questa, insieme alla comprovata efficacia in combattimento, la vera arma dell'F-16. Nonchè la penetrazione economica di Washington, che lo rifila a chiunque voglia passare da materiale ex sovietico a materiale NATO.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Orami chiunque voglia avere una buona difesa aerea ad un costo relativamente basso deve ricorrere all' F 16.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una carrellata di F-16 sperimentali:

 

La Lockheed Martin (e prima la General Dynamics) e I'USAF hanno sempre impiegato alcuni F-16 come aerei sperimentali per prove e valutazioni. I compiti di questi aeroplani spaziano dal collaudo di nuovi impianti e armi all'esplorazione della manovrabilità.

 

 

F-16/79 ed F-16/101

L'F-16/79 era un F-16 biposto con turbogetto GE J79-GE-119 che necessitava di un condotto di scarico piu lungo. A causa della decisione presa da Carter nel 1977 sul trasferimento di armi a Paesi alleati, che imponeva che essi ricevessero caccia meno avanzati di quelli in servizio negli USA, la General Dynamics fu costretta a sviluppare

questa versione dell'aereo solo per l'esportazione. L F-16/79 non riuscì a raccogliere ordini, anche quando Carter rese meno rigida la sua disposizione nel '1980. Con l'elezione di Ronald Reagan, i clienti stranieri furono informati che a essi sarebbero stati forniti F-16A/B come quelli dell'USAF. ldentificabile per piccole modifiche alla presa d'aria e al

condotto di scarico e con una livrea particolare, l'F-16/101 era equipaggiato con il motore bialbero potenziato GE YJ101, utilizzato dalla General Electric come banco prova per il molto più avanzato DFE (motore da caccia derivato) che la ditta intendeva produrre. Sebbene non adottato immediatamente, dette origine all'F110, che fu poi montato sugli

F-16 Block 30,40 e 50.

f16_yf16b_79.jpg

 

 

 

 

YF-16 CCV

Distinguibile per avere due alette aperte a V sotto la presa d'aria, l'YF-16 CCV (Control Configured Vehicle, veicolo configurato per prove di controllo) fu impiegato in prove di manovrabilita attorno agli assi senza accoppiamenti, o disaccoppiati. Disaccoppiare significa manovrare in un piano senza movimentì in un altro, per esempio virare senza inclinare le ali. LYF-l6 CCVfece da cavia nello sperimentare la capacità di spostare il muso in una direzione senza modificare la traiettoria - un primo passo nel campo delle manovre ad assetti elevati più tardi esplorato dall'F-16 AFTI e dal RockwellX-31. faereo fu derivato dall'originale YF-16 e volo dal 16 marzo 1976 fino al 31 luglio 1977, assommando 87 missioni di volo.

f16ccvaad.jpg

 

 

 

 

 

 

NF-16A AFTI e AFTI/CAS

ll velìvolo di prova AFTI (Advanced Fighter Technology lntegration, caccia avanzato per l'integrazione di tecnologie) aveva anch'esso superfici a V rovesciata sotto le prese d'aria più una carenatura dorsale che ospitava avionica addizionale. Laereo fu configurato per l'applìcazione di tecnologie digitali a manovre in assetti longitudinali elevati. Volò il 10 luglio 1982 e il programma di prove fu articolato in quattro fasi. La prima coprì il sistema digitale dei comandi di volo, la seconda la capacità di manovra automatica e isistemid'attacco, la terza i sistemi di supporto tattìco, compresi i comandi vocali. Nell'ultima fase (con l'aereo diventato ormai un AFTI/CAS (Close Air Support, appoggio tattico ravvicinato) furono rimosse le appendici canard e furono sistemati quattro sensori per l'attacco al suolo sul muso. Fu intrapreso un certo numero d'altri programmi, tra cui il lancio di un missile HARM.

f16148.jpg

 

 

 

F.16XL

L'F-16XL, tra i velivoli sperimentali, ha subito le piu radicali modifiche.

La sua ala a doppio delta è stata sviluppata in collaborazione con la NASA per minimizzare la resistenza aerodinamica nei regimi transonici e supersonici. La fusoliera dell'aereo fu allungata con l'inserzione dì due tronchi e furono tolte le pinne ventrali. La forma fu proposta dalla GD nel 1980 e fu confermata dalla NASA quando essa entro nel progetto. L'F-l6XL ha 17 punti di attacco con 29 stazioni per carichi esterni, con quattro posizioni per l'AlM-120 parzialmente affogate nelle radici delle semiali e quelle per gli AlM-9 e AIM-120 sulle estremità alari. ll primo F-16XL effettuo il volo inaugurale il 15luglio 1982 e fu raggiunto nello stesso anno da un secondo aereo, il biposto F-16XL-2.

Quell'anno, l'USAF lancio la competizione per il DRF (Dual-Role Fighter, caccia a doppio ruolo) per trovare un sostituto agli F-4 e F-111, e l'F-l6XL fu proposto come concorrente. Tuttavia, l'F-16E (così chiamato per l'occasione) fu superato dall'F-15E Strike Eagle in un prova comparativa. Quest'ultimo fu scelto per un insieme di fattori, non ultimo dei quali era il più alto costo di sviluppo e produzione dell'F-16XL, il cui potenziale di crescita era ritenuto minore e il cui rateo di logorio nel tempo era stimato più alto.

Nel corso del 1989, l'F-16X1 monoposto ebbe una sezione della sua semiala sinistra sostituita con una porzìone in titanio, in cui erano stati ottenuti, tramite laser, milioni di forellini per poter studiare il flusso turbolento sull'ala.

I due F-16XL sono stati utilizzati anche per studi sulle prestazioni di decollo e sul rumore del motore, per prove sui vortici generati dagli ipersostentatori e sul flusso laminare.

Nel 1998, l'F-16XL-1 compì dieci voli per verificare un sistema di controllo digitale del volo (equivalente a quello montato sui velivoli del Block 40) che sostituiva l'orìginario sistema analogico precedentemente installato.

f-16xl_a-thumb.jpg

10x7_human-space-flight.jpg

 

 

 

NF-16D MATV

L F-16 MATV (Multi-Axis Thrust Vectoring, vettoramento della spinta secondo più assi) cominciò la sua carriera di aereo sperimentale come F-16 VISTA. Equipaggiato con un AVEN (Axisymmetric Vectoring Exhaust Nozzle, ugello di scarico assisimmetrico per spinta vettorabile) fu utilizzato per provare combinazioni di direzionamento della spinta in beccheggio e in imbardata e prestazioni a elevati angoli di incidenza. Anche se avrebbe potuto essere utilizzato un qualunque F-16 biposto con una pinna dorsale per l'avionica, L' F-16 VISTA era subito disponibile e fu quindi adottato. Furono rimossi i suoi calcolatori necessari per la variazione di stabilita per ripristinare il peso a un valore simile a quello di un F-16 standard. ll primo volo

del velivolo così configurato avvenne il 2 luglio 1993 e fu impiegato in prove contro velivoli aggressori costituiti da F-16C/D Block 32. Dirigendo la spinta, il MATV riuscì a mantenere angoli d'incidenza stabili di 86° e persino a raggiungere i 115° in una manovra tipo'cobra'.

8e49333f.jpg

 

 

 

L'NF-16D VISTA (Variable stability In flight Simulator Test Aircraft, velivolo per sperimentare in volo la stabilità variabile) è un F-16D Block 30D che servì dal 1992 al 1993 come simulatore in volo. Esso impiegava dei calcolatori dedicati ai comandi di volo per riprodurre i movimenti.e glì assetti di altri tipi d'aerei. E probabilmente I'unico F-16 dotato della barra di comando centrale, oltre alla piccola barra laterale che si trova su tutti gli altri Fighting Falcon

L'NF-16D è inoltre configurato in modo tale che il controllore della missione sia nel sedile posteriore

L'aereo fu finanziato da USAF, US Navy e NASA per ricerche relative ad aerei nuovi o modificati. Nel 1993 esso divenne l'F-16 N/ATV ma torno alla condizione VISTA nel 1995. Da allora, l'aereo ha subito modifiche nell'avionica e nel motore e, dall'aprile al maggio 1998, è servito come banco prova volante per il collaudo di software per i controlli di volo previsti per il concorrente Lockheed X-35 al programma JSF. Le operazioni del VISTA sono di pertinenza della ditta Calspan per conto del Research Laboratory dell'USAF.

0971300.jpg

 

 

 

Presa d'aria invisibile

Durante il 1997, questo F-16C (83-1120) Block 25 condusse in segreto una serie di prove - si dice in connessione con il programma JSF - dotato di una presa d'aria molto modificata a forma di serpente con particolari caratteristiche 'stealth'.

intake.jpg

 

 

 

F-16ES

La proposta di un aereo d'attacco a lungo raggio F-16ES (Enhanced Strategic, aereo strategico avanzato) traeva origine dal desiderio di acquisire ordini da lsraele. Esso aggiungeva sul dorso due serbatoi 'conformali' con 1452 kg d'ulteriore combustibile, che estendevano il raggio di combattimento dell'aereo a 1650 km: un incremento del 40%

rispetto agli F-16C Block 50. Per sperimentare questa soluzione, un F-16C Block 30 fu dotato di serbatoi di questo tipo e di sensori d'attacco nel muso. Esso volò in questa configurazione il 5 novembre 1994 e compì 21 voli fino al completamento del programma nel gennaio 1995.

phl-0117.jpg

 

 

LOAN

ll LOAN (Low Observable Axisymmetric Nozzle, ugello assisimmetrico a bassa osservabilità) serve alla sperimentazione delle

caratteristiche'stealth' del JSF e del suo motore Pratt & Whìtney JTDE FX650. Fu montato su un F-16C con motore F100-PW-200 e fatto funzionare al suolo dal minimo a postbruciatore per misurare l'impronta radar e le emissioni lR. ll LOAN usa materiali speciali e uno speciale sistema di raffreddamento per ottenere bassa osservabilità. Sarà applicabile non solo sul JSF,

ma potrà essere montato sugli F-16 esistenti.

 

 

 

 

 

F-16 senza vernice

La Lockheed Martin avvio una sperimentazione sulla manutenzione di aerei senza verniciatura, come parte dello sviluppo del JSF. Un F-16 fu fatto volare con 56 m quadrati di superficie tutta la superficie superiore dell'ala e della fusoliera coperti da una pellicola nera, adesiva, di basso peso. ll resto dell'aereo era dipinto color oro, come in uno schema speciale utilizzato da un

F-16 dell'ANG per il 50° anniversario dell'USAF. L'aereo per queste prove fu fornito dal centro di Edwards e volò alla fine del 1997. L'impiego dì pellicole adesive offre notevoli potenziali vantaggi in costi di produzione, manutenzione e peso. La mancanza di verniciatura ha inoltre benefici ambientali. Anche un S-3 e due C-130 hanno avuto applicata la stessa pellicola.

paint.jpg

Edited by matteo16

Share this post


Link to post
Share on other sites

Delle immagini del programma LOAN non inserite nel post precedente

LOAN.jpg

loanpic.jpg

 

]

Edited by matteo16

Share this post


Link to post
Share on other sites

Raytheon ha vinto un contratto per aggiornare i cockpit degli F-16 ANG e della Reserve aggiungendo un display a colori 18 X 20 cm...L'USAF sta valutando un radar ad apertura sintetica AESA da integrare sui primi esemplari di F-16 della ANG e della Reserve e il nuovo monitor aiuterebbe a sfruttare al meglio le caratteristiche dei radar AESA, con le possibilità di agganciare simultaneamente bersagli di terra e di aria...Sono 2 radar AESA da scegliere sono RACR della Raytheon e il SABR di Northrop Grumman ...

Gli F-16 vengono aggiornati continuamente visti i continui ritardi dell' F-35 e le sicure riduzioni di ordini di questi, i Falcon avranno vita lunga

Share this post


Link to post
Share on other sites

avranno vita ancora lunga; ma quanto secondo voi? l' f 35 secondo me prenderà il suo posto non fra molto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non confondere la data di entrata in servizio di un aereo (tra l'altro continuamente posticipata per l'F-35), con la totale radiazione del modello che l'ha preceduto. Tra le due possono intercorrere parecchi lustri...specie quando gli aerei da sostituire si contano a...centinaia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Inoltre, sono certo che gl'F-16 di seconda mano avranno comunque un mercato notevole. Passeranno ancora molti anni prima che il Falcon non voli più, anche dopo l'entrata in servizio dell'F-35 a pieno regime!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

romania, iraq che ne ha manifestato il desiderio, un afghanistan ricostruito, eventuali nuovi arrivi nella nato che si vogliono standardizzare con il caccia più diffuso nel patto atlantico...

Share this post


Link to post
Share on other sites

...che se non erro ne hanno fatte 5000 copie di f 16... fra i caccia più diffusi ed ancora a livello di fronteggiare caccia del ventunesimo secolo, nonostante abbia orma più di 30 anni.

oserei dire inoltre che fra i caccia più riusciti della storia è sicuramente compreso l'f 16.

siete d'accordo con me?

Edited by Stefasaki97

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'f16 è nato come un aereo da caccia pura con 2 sidewinder e basta a diventare quello che è oggi cioè un aereo pienamente multiruolo che compie tutti i suoi compiti egregiamente, dall'intercettazione a missioni sead. inoltre è un aereo economico che appunto può compiere una miriade di funzioni, sicuramente è un aereo che può riservarci ancora qualche sorpresa nel campo delle vendite. per questo è il miglior multiruolo degli ultimi 30 anni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Raytheon ha vinto un contratto per aggiornare i cockpit degli F-16 ANG e della Reserve aggiungendo un display a colori 18 X 20 cm...L'USAF sta valutando un radar ad apertura sintetica AESA da integrare sui primi esemplari di F-16 della ANG e della Reserve e il nuovo monitor aiuterebbe a sfruttare al meglio le caratteristiche dei radar AESA, con le possibilità di agganciare simultaneamente bersagli di terra e di aria...Sono 2 radar AESA da scegliere sono RACR della Raytheon e il SABR di Northrop Grumman ...

Gli F-16 vengono aggiornati continuamente visti i continui ritardi dell' F-35 e le sicure riduzioni di ordini di questi, i Falcon avranno vita lunga

ecco il cockpit come sarà aggiornato dalla Raytheon:

0000012c09da202f50fc932b007f000000000001.Raytheon%20cockpit%20large%20display.JPG

 

 

pg13_img1.jpg

Edited by matteo16

Share this post


Link to post
Share on other sites

e questo sarebbe il cockpit di un f16a? ma è irriconoscibile, sembra quasi un c estremamente aggiornato!

Share this post


Link to post
Share on other sites

e questo sarebbe il cockpit di un f16a? ma è irriconoscibile, sembra quasi un c estremamente aggiornato!

Proprio un cockpit super aggiornato per i magnifici Falcon :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×