Jump to content

Lo Spillone è sepre l'unico!


Slowly
 Share

Recommended Posts

Condivido con voi questo racconto da brivido che ho trovato.

----------------------------------------------------------------------

 

Ho volato con lo Starfighter (13/06/2004)

 

Un volo sull’F104 è un’esperienza indimenticabile

 

 

 

Anni fa, a Grosseto, volai con un F10 t" per circa 3/4 d'ora.

Fu un'esperienza affascinante ed indimenticabile.

Lo Starfighter è una macchina assolutamente eccezionale, tecnicamente è stato un miracolo d'ingegneria. Pensate che dal disegno alla sua messa in produzione (i primi velivoli decollarono nel '54) passarono due anni!

Vogliamo fare un paragone con i Tornado e l'EFA?

Quel giorno, c'erano 8/8 ed i giovani pilotini non volavano.

Li intervistai e mi fecero tenerezza... parlavano del "104" come se fosse una loro anziana zia. Mi dicevano: "certo... lei ha ragione, in confronto agli F15, F16 e F18 e' una macchina antiquata... ma guardi che come velocità a bassa quota, ancor oggi mica la battono in tanti..."

Avevano ragione marcia.

E’ un chiodo con due pinnette, le virate le fa con un raggio enorme, ma di muso è quasi invisibile ai radar, la turbolenza con il carico alare che ha, è una cosa sconosciuta, ha una spinta tale che con il post bruciatore innestato cammina anche con le ruote bloccate!

Posso aggiungere un'altra nota di merito:

so che fino a non molto tempo fa, il sig. "F104" ha mantenuto il primato di "climb rate".

Se ricordo bene, in un minuto e 58" dallo stacco del freno, arrivava... ad 11000 metri! un vero missile.

Quel giorno, dunque, aspettando che ci dessero il permesso di andare in zona operativa (dove finalmente avrei potuto fare un po' di capriole) per non dar fastidio all'"ambra 1", facemmo una salitina a 45-50°...

ed in pochi secondi la sorpassammo.

Eravamo a 37000 piedi.

I pochi minuti passati a quella quota mi fecero notare che facendo il "biscotto", guardando a destra, vedevo l'Elba.

Finiti i 180° della virata a sinistra, (quindi un minuto dopo) a destra vedevo... Ancona!

Mentre aspettavamo di poter scendere, il comandante mi disse: "La Barbera, provi a cabrare..."

Io, con delicatezza, presi l'impugnatura anatomica e tirai su... lo "scuotimento" fu istantaneo!

Il comandante, allora, mi spiegò che a Mach 0.95 (a quella quota sono circa 1000 km all'ora) l’F104 è in prestallo.

L’F104 non può o meglio, non deve stallare. Ed allora c'è un sistema di sicurezza che prima scuote la cloche, poi, se si insiste...picchia.

Quando ci diedero l'autorizzazione a scendere, il comandante fece una virata di circa 120° di bank, tolse motore e scendemmo mantenendo i 0.95 di Mach... beh... l'unico rumore che sentivo in cuffia era il suo respiro!

Credetemi, fa effetto.

Giunti in zona me lo affidò e potei notare che facendo un looping, la lancetta delle migliaia di piedi dell'altimetro... sembrava un 33 giri! - per fare i tonneau era sufficiente una pressione di pochi grammi e questo siluro girava lentamente su se stesso senza perdere un piede... mamma mia!

All'atterraggio, che naturalmente fece il comandante, mi accorsi che eravamo atterrati solo perché il terreno aveva smesso di avvicinarsi.

Subito dopo, una frenata tipo quella di un'auto.

Esclamai: "che freni!". Il comandante mi rispose - ridendo - che con la pista bagnata (pioveva) e con l'effetto "aquaplaning", ci saremmo fermati a Pescara... il merito era del parafreno!

Il 30 maggio c'e' stata a Pratica di Mare, all’Aeroporto Mario de Bernardi, una manifestazione nella quale si dava addio a questa favolosa macchina volante, che dopo 50 anni di onorata carriera veniva messo a riposo.

Il primo Starfighter che mi è passato sulla testa, mi ha commosso, ma non in senso metaforico... mi son proprio venute le lacrime agli occhi.

Ieri, parlavo con il comandante Franco Romagnoli, direttore generale dell'Aeroclub d'Italia... con 2300 ore di F104, (beato lui! ).

Ovviamente, il discorso è andato sul cinquantenne intercettore.

Abbiamo parlato della sicurezza della macchina ed egli mi ha detto che era una macchina molto affidabile. Mi e' venuto spontaneo dirgli che però sia in Francia, sia in Italia ed in Germania ne erano caduti tanti. Il Romagnoli mi ha risposto in maniera decisamente chiara ed esplicativa.

Ha detto che il volare con l’F104 è come camminare su una striscia larga 10 cm. Si deve fare molta attenzione a non fare un passo falso.

Se fosse larga un metro si potrebbero fare deviazioni senza cadere. E’ tutto lì.

Era una macchina critica, ma se usata a dovere, non dava problemi.

Gli credo e continuo ad invidiarlo...

 

 

 

Carlo La Barbera

Edited by -{-Legolas-}-
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 91
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

vorrei sapere tutti i detrattori del 104 cosa ne pensano di questa storia come tante.

 

Soprattutto mi manca sempre di piu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

OT

Ieri c era una formazione di 11 eurofighter ..... bella si... ma non paragonabile alle vecchie formazioni del 104..... che fumate e che casino!!

Edited by xSTARFIGHTERx
Link to comment
Share on other sites

  • 10 months later...

Beh è il mio primo post ...e vengo solleticato così....!

Forse il J79 non sarà più attuale come motore....ma è il 104 ad essere attuale con quel motore.

Forse ti rimaneva pure la cloche in mano qualche volta...ma non mi risulta ci sia nessun caccia attuale in grado di salire a 11000 metri in meno di due minuti a mach 0,925.

"In teoria un 104 potrebbe già lanciare i suoi missili mentre un intercettore di generazione molto più recente starebbe ancora effettuando l'allineamento della piattaforma inerziale e la sintonizzazione del GPS!!", sono le parole di uno che li pilotava, i 104, e che in un'esercitazione Italia Vs Inghilterra ha "abattuto " due Tornado IDS inglesi...secondo me stanno ancora piangendo chiedendosi come abbia fatto,.

E ricordo che un 104 può lanciare un Aspide anche a mach 2, ce ne sono pochi oggi in grado di farlo.

Queste sono cose verificate in esercitazioni, con i "mitici" Tornado.

Penso che i radar e l'avionica farebbero una larga parte del lavoro nel salvare un caccia più moderno da una intercettazione di uno spillone.

 

@Legolas: meglio di una sinfonia di Mozart.....

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...

Una curiosità sull f-104... volevo usare il motore di ricerca ma non sapendo come descrivere quello che ho visto, gentilmente

chiedo a voi numi o un link...

 

Tempo fa quando non ero così preso con gli aerei avevo visto diverse foto di un f-104 italiano con un' "alettone" aggiuntivo sulla parte superiore della carlinga. Mi sembrava di aver letto che aumentava la portanza. Non ho capito se era solo un

f-104 sperimentale o si è usato davvero. Le foto sembravano anni80 e di sicuro era un aereo italiano... E' stata un'invenzione

italiana o era made in USA?

 

Grazie anticipatamente...

Navigator

Link to comment
Share on other sites

credo di aver capito a cosa ti riferisci; no , non era italiano era una 104 tedesco usato per collaudare la meccanica dei canadar dell efa .

 

 

vedi qui : http://www.916-starfighter.de/Gallery/gallery_sp_10.htm

 

 

ps fabio questo sito aggiungilo ai link è molto ben fatto.

Edited by cama81
Link to comment
Share on other sites

Crazie Cama81! E quando mai ci arrivavo senza di te? Che cose strane però! Un f-104 banco di prova per la meccanica dei

candard. Secondo me i piloti collaudatori avranno detto che funzionavano benissimo senza averlo azionato per d'avvero.

 

 

Ciao Navigator

Link to comment
Share on other sites

Era il miglior motore che l'industria aeronautica poteva permettersi prima degli anni '50.

la base del progetto dei j 79 diciamo parte dalla prima guerra mondiale.

anzi prima. no?

 

L invidia di non aversi goduto il 104 porta a queste dichiarazioni. Ragazzi, non ci fate cambiare idea.

 

Chi è cresciuto vedendo e sentendo volare il 104 dalla mattina alla sera, non puo stare zitto e sentire un monte di luoghi comuni.

 

Ripeto. Chi non se l è goduto gli girano. e sparla.

 

Da qui sono lontano da dire che sia come gli aerei attuali, ok. ma finitela con i luoghi comuni quando non l avete vissuto.

 

Chi l ha vissuto se ne è innamorato.

 

Ben detto !!!!

 

Il 104 è stato è sarà per sempre un velivolo che ha fatto la storia dell'aviazione.

 

Per mia fortuna ho visto volare il primo G ancora nella livrea argento e bianca ed uno degli ultimi S nella livrea grigia.

 

Purtroppo è stato un velivolo inutile agli americani per cui chi è più giovane non lo ritiene degno di nota.

 

Non era un aereo facile ma altri aerei dello stesso periodo hanno dimostrato pecche anche più gravi.

Link to comment
Share on other sites

Bellissimooooo il modellino (*ino??) :drool: :drool:

comunque, a proposito delle critiche sullo starfighter:

pensate forse che solo perchè sia vecchio valga di meno???? :o :o :o è storia dell'aviazione e se anche non può essere usato oggigiorno come aereo militare nessuno può sminuirlo per quello che è stato e che rappresenta (a me poi piacerebbe comunque pilotarlo, vecchio o no che sia!!! :lol: :lol: :lol: )

e poi perchè svalutarlo solo perchè è vecchio??? qualcuno metterebbe in dubbio il Fokker del Barone Rosso?? (io lo difenderei anche in un confronto con l'F-22 :D )

Ah, se penso che lo spillone è stato il primo aereo che ho visto dal vivo :okok: :okok: :okok:

 

 

 

 

PS: comunque si, credo che quel modellino (modellone? :P ) potrebbe volare!!! :D

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share


×
×
  • Create New...