Jump to content

Vita nell'URSS e nella Russia di oggi


Recommended Posts

vatti a studiare la varianti del comunismo e la sua storia poi ne riparleremo

Mi diresti, di grazia, dove hanno trovato pratica applicazione queste tue varianti del comunismo?

Link to post
Share on other sites
  • Replies 421
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Gianni065   Si e no. Non e' che nell'URSS non c'era assolutamente liberta'. Potevi scegliere la professione, la citta' dove vivere, dove andare, che televisore comprare. Certo, c'erano delle restri

Con piacere . E non mi disturbi per niente. Solo che oggi saro assente per un po' .

il tuo cervello recepisce i messaggi a tratti: ho detto che Stalin AVEVA PIU' TRATTI DA nazista che da comunista e ci sono mooolte cose atte a testimoniarlo... che poi lui sia andato su tramite un governo comunista è un altro discorso

osservazione e distinzione molto interessante ma soprattutto densa di conseguenze sul piano pratico!

Link to post
Share on other sites
Il comunismo sarà pure qualche cosa di molto ampio ma le sue applicazioni, che purtroppo ben conosciamo, indicano che si tratta di una ideologia immorale.

... e se hai passato mesi a studiare e non lo hai afferrato .... mi dispice per te .... era meglio che andavi a lavorare!

 

 

ecco vedo che ancora non capisci: lo stalinismo è proveniente dal comunismo ma non è vero comunismo è una variante creata da un dittatore dispotico per rimanere al potere: l'aumentare dei conflitti di classe è stato inventato da stalin perchè sapeva che un partito senza problemi non avrebbe più avuto bisogno di lui!! Questo non c'entra niente col comunismo!!! Se dovessi ragionare come te il capitalismo sarebbe peggio del nazismo!!! Inoltre penso che la Comune di Parigi ci abbia insegnato (dal punto di vista storico dato che tu giudichi un'ideologia dalla storia) che uno stato democratico comunista è creabilissimo

Link to post
Share on other sites
Mi diresti, di grazia, dove hanno trovato pratica applicazione queste tue varianti del comunismo?

 

non sento parlare altro di "dove hanno trovato pratica", se non hanno ancora trovato pratica è coincidenziale o perchè il loro ascendere al potere è stato soppresso... La Comune di Parigi è stato lo stato che più si avvicinava al comunismo vero....

Link to post
Share on other sites
Mi diresti, di grazia, dove hanno trovato pratica applicazione queste tue varianti del comunismo?

Caro Picpus,

Doubleflash è un teorico, uno studioso, non lo hai intuito?

Il comunismo è per lui l'ideologia più sana e giusta.

Però non il comunismo di Stalin, Mao, Pol Pot, Castro ecc. ...... lui si riferisce ad un comunismo astratto, mai applicato sulla terra, insomma esiste solo nella sua immaginazione.

.... e la sua tesi non è originale!

Link to post
Share on other sites
Caro Picpus,

Doubleflash è un teorico, uno studioso, non lo hai intuito?

Il comunismo è per lui l'ideologia più sana e giusta.

Però non il comunismo di Stalin, Mao, Pol Pot, Castro ecc. ...... lui si riferisce ad un comunismo astratto, mai applicato sulla terra, insomma esiste solo nella sua immaginazione.

.... e la sua tesi non è originale!

 

 

e tu giudichi un'ideologia in base se è stata applicata o no??????

tuo discorso: "Ah quell'ideologia non è stata mai applicata, però è stata applicata una sua variante, quindi fa schifo pure l'ideologia stessa"

Certo che se tutti avessero ragionato così avoja il capitalismo ora che arrivava...... saremmo ancora sotto una casata nobile

Link to post
Share on other sites

Ah, sarebbe la Comune di Parigi il vero comunismo? Auguri.

 

Conosci il concetto di utopia?

 

Se da allora (1871) ma più nella storia dell'umanità (si la storia, perché le ideologie non applicate non servono ad un bel nulla, ai fini non dico del benessere, ma della vita stessa dell'umanità!) ha trovato applicazione un fenomeno così radicato che è durato 2 mesi, come vuoi definire le tue idee se non utopistiche.

 

Dai, che non è più il caso di perdere tempo con uno come te!

Link to post
Share on other sites

Ho visto una marea di dopppi/tripli post. Quelli nell'ultima pagina li ho uniti, per facilitare la lettura della discussione, ma vi ricordo che esiste il pulsante "modifica", se pochi minuti o secondi dopo l'invio di un messaggio volete aggiungere qualcosa e nessuno ha ancora risposto dopo di voi.

 

Seconda cosa: questa discussione, come il titolo fa bene intendere (Vita nell'URSS e nella Russia di oggi) è nata grazie alla presenza di utenti che postano dalla Russia e che si sono resi disponibili a scrivere le loro esperienze di vita, come hanno vissuto in passato e come stanno vivendo adesso. Qundi se volete parlare del comunismo, aprite una nuova discussione (o se ce n'è già una aperta sull'argomento, e mi sembra di sì, continuate in quella).

 

Ultima cosa: Doubleflash attento a come ti poni nei confronti degli altri utenti, ti consiglio di leggere il regolamento del forum. Se prosegui su questa linea comunicativa prenderò provvedimenti ;)

Edited by Psycho
Link to post
Share on other sites
ecco vedo che ancora non capisci: lo stalinismo è proveniente dal comunismo ma non è vero comunismo è una variante creata da un dittatore dispotico per rimanere al potere: l'aumentare dei conflitti di classe è stato inventato da stalin perchè sapeva che un partito senza problemi non avrebbe più avuto bisogno di lui!! Questo non c'entra niente col comunismo!!! Se dovessi ragionare come te il capitalismo sarebbe peggio del nazismo!!! Inoltre penso che la Comune di Parigi ci abbia insegnato (dal punto di vista storico dato che tu giudichi un'ideologia dalla storia) che uno stato democratico comunista è creabilissimo

Ecco un'altra perla!

Secondo te, l'esperienza disastrosa, caotica e terribile della Comune di Parigi (durata solo 2 mesi) rappresenterebbe uno stato che ha adottato il comunismo vero?

Ma rifletti! ... uno stato è ben altro (e non mi dilungo a spiegartelo perchè ora incomincio ad avere l'impressione che non vuoi capire)

Link to post
Share on other sites

A quelli che difendano i baltici come soltanto vittime innocenti della cattiva URSS vorrei ricordare, che quei "bravi" ragazzi che "eroicamente" combattevano contro i russi erano anche i combattenti di Waffen SS. E prima di raccontare delle loro gloriose battagle contro l'URSS sarebbe doveroso raccontare come "le vittimme innocenti dell'oppressione russa" con grande piacere hanno sterminato decine di migliaia di ebrei e centinaia di migiaia di russi, bielorussi ed ucraini. E come loro nipoti di oggi pubblicamente festeggiano le legioni di Waffen SS e costruiscano i monumenti che li osano.

 

Ecco l'ultimo festeggiamento delle Waffen SS a Riga (Lettonia):

http://www.baltictimes.com/news/articles/19968/

 

Ecco l'apertura ufficiale con i rappresentanti di governo Estone del monumento agli eroi di Waffen SS:

http://kultuur.elu.ee/ke481_lihula.htm

 

Altri eroici combattenti con i russi erano sul territorio Ucraino. Si chiamavano OUN/UPA ed anche la divisione Waffen SS Galicina. Anche questi non scherzavano. Erano talmente oppressi dai russi che hanno stermenato decine di mgliaia di ebrei e centinaia di migliaia dei propri concittadini. Invece i loro figli e nipoti non perdano tempo e vengono in Ucraina per insegnare ai bambini di presidente Yuschenko la storia quella giusta secondo alcuni su questo thread.

 

Ecco come insegnano la storia oggi in Ucraina:

http://www.mignews.com.ua/en/articles/282045.html

 

P.S. E dove la reazione dell'Unione Europea su queste cose? O su discriminazione della popolazione russa nei paesi baltici? Non c'e'! Tanto sono i barbari russi. Hanno meritato anche di peggio. Va benissimo apartaid, festeggiamenti SS, ecc. Basta che tutto questo e' contro la Russia. Sappiamo bene che tutti i russi sono comunisti, in particolare Putin, eccetto alcuni cittadini americani e britannici come: Kasparov, Politkovskaya e Litvinenko due di quali sono stati ammazzati personalmente da Putin.

 

P.P.S. La URSS e la Russia ci hanno chiesto il perdono per quello che hanno fatto. Ma i baltici?!! Mai.

Edited by Siberia
Link to post
Share on other sites
A quelli che difendano i baltici come soltanto vittime innocenti della cattiva URSS vorrei ricordare, ......

 

Qui nessuno difende nessuno.

E' stato solo affermato, in sostanza, che l'URSS costituiva una realtà statale immorale, dispotica ed aggressiva: difficilmente questa verità storica potrà essere rivista.

 

Invece, non ti dispiacerà, per consentire a chi legge di capire bene da quale tipol di personalità vengono i tuoi argomenti, di fornirci qualche indicazione su di te: anni, studi fatti, servizio militare svolto, città dove vivi e dove hai vissuto, lavoro e soprattutto come mai conosci così bene l'italiano (approfitto per farti i complimenti)

Link to post
Share on other sites
e tu giudichi un'ideologia in base se è stata applicata o no??????

tuo discorso: "Ah quell'ideologia non è stata mai applicata, però è stata applicata una sua variante, quindi fa schifo pure l'ideologia stessa"

Certo che se tutti avessero ragionato così avoja il capitalismo ora che arrivava...... saremmo ancora sotto una casata nobile

Il comunismo, purtroppo, è stato applicato! ... ne conosciamo i tragici risultati.

Siete in pochi a sostenere pretestuosamente che non lo sia mai stato!

Link to post
Share on other sites

perchè in pochi sanno le cose...

direi di più ma siamo OT non hai letto il messaggio di Psycho?

qui solo testimonianze propagande e scontri ideologici negli altri topic

Link to post
Share on other sites

Marcello. Ma da dove ha preso tutti i suoi racconti apocalittici della vita in URSS? Da un libro che si chiama "Libro nero del comunismo" o da i discorsi di Goеbbels. Si vede che non è mai stato in ex-URSS e non ha parlato con nessuno che ha vissuto li in tempi sovietici. O lei sente solo le lamentelle fatte apposta dai cittadini delle repubbliche baltiche che modestamente non parlano del periodo dopo Stalin fino alla loro indipendenza. O legge solo articoli dei giornalisti sul tema. E' allucinante la ignoranza che lei esprime riguardo l'URSS e la Russia. E tutto questo condito con un odio quasi patalogico verso quel paese :pianto:

 

Invece, non ti dispiacerà, per consentire a chi legge di capire bene da quale tipol di personalità vengono i tuoi argomenti, di fornirci qualche indicazione su di te: anni, studi fatti, servizio militare svolto, città dove vivi e dove hai vissuto, lavoro e soprattutto come mai conosci così bene l'italiano (approfitto per farti i complimenti)

Grazie per i complimenti. Ma c'è sempre da migliorare.

Ecco un pò di me.

Sono nato a metà degli anni sessanta a Kiev (capitale ucraina) dove sono cresciuto e pasciuto :D Laureato in Fisica Nucleare. Dopo la laurea ho lavorato per alcuni anni in un'azienda di Kiev per il Ministero di Petrolio dell'URSS. In seguito sono stato invitato da una Università italiana per collaborare con loro come un ricercatore nel campo informatico. Dopo un paio d'anni sono andato via dall'Università e continuo a lavorare in Italia, sempre nel campo informatico. Mi trovo molto bene. Sono stato ben accolto da voi italiani, chi considero una brava e buona gente :D

Edited by Siberia
Link to post
Share on other sites
Marcello. Ma da dove ha preso tutti i suoi racconti apocalittici della vita in URSS? Da un libro che si chiama "Libro nero del comunismo" o da i discorsi di Goеbbels. Si vede che non è mai stato in ex-URSS e non ha parlato con nessuno che ha vissuto li in tempi sovietici. O lei sente solo le lamentelle fatte apposta dai cittadini delle repubbliche baltiche che modestamente non parlano del periodo dopo Stalin fino alla loro indipendenza. O legge solo articoli dei giornalisti sul tema. E' allucinante la ignoranza che lei esprime riguardo l'URSS e la Russia. E tutto questo condito con un odio quasi patalogico verso quel paese :pianto:

Grazie per i complimenti. Ma c'è sempre da migliorare.

Ecco un pò di me.

Sono nato a metà degli anni sessanta a Kiev (capitale ucraina) dove sono cresciuto e pasciuto :D Laureato in Fisica Nucleare. Dopo la laurea ho lavorato per alcuni anni in un'azienda di Kiev per il Ministero di Petrolio dell'URSS. In seguito sono stato invitato da una Università italiana per collaborare con loro come un ricercatore nel campo informatico. Dopo un paio d'anni sono andato via dall'Università e continuo a lavorare in Italia, sempre nel campo informatico. Mi trovo molto bene. Sono stato ben accolto da voi italiani, chi considero una brava e buona gente :D

Il libro nero del comunismo non l'ho ancora letto e neanche i discorsi di Goebbels.

Non sono mai stato in URSS e neanche in Russia ma ho avuto occasione di parlare con Russi, Ucraini ed italiani che, da privilegiati, hanno vissuto da Voi.

Nessun odio da parte mia verso i Russi o la Russia, solo tanta pena e commiserazione; tanto tanto odio per le dittature, per le ideologie che mietono vittime, per chi non rispetta i diritti umani ecc.

E come mai, tu che sei russo, sei nato e cresciuto in Ucraina?

Link to post
Share on other sites
E come mai, tu che sei russo, sei nato e cresciuto in Ucraina?

Perche Ucraina da sempre faceva parte della Russia (eccetto i periodi dell'occupazione straniera: tartari, polacchi, lituani, tedeschi, ecc) e la maggioranza degli stessi abitanti dell'Ucraina fino alla fine del XIX secolo si consideravano russi. In più secondo gli ultimi censimenti circa 25% della popolazione ucraina sono etnici russi. Più o meno stessa percentuale sono figli dei matrimoni misti russo-ucraini. Più di metà della popolazione ucraina, in particolare nelle città, parla russo. Mentre la città di Kiev è da sempre considerata come "La Madre Delle Città Russe".

 

In Italia la domanda simile fatta ad un figlio dei siciliani nato a Roma suonerebbe così: E come mai, tu che sei siciliano, sei nato e cresciuto in Italia?

 

P.S. Dimenticavo. Sono un cittadino ucraino e sono anche un figlio del matrimonio misto russo-ucraino :D .

Edited by Siberia
Link to post
Share on other sites
Perche Ucraina da sempre faceva parte della Russia (eccetto i periodi dell'occupazione straniera: tartari, polacchi, lituani, tedeschi, ecc) e la maggioranza degli stessi abitanti dell'Ucraina fino alla fine del XIX secolo si consideravano russi. In più secondo gli ultimi censimenti circa 25% della popolazione ucraina sono etnici russi. Più o meno stessa percentuale sono figli dei matrimoni misti russo-ucraini. Più di metà della popolazione ucraina, in particolare nelle città, parla russo. Mentre la città di Kiev è da sempre considerata come "La Madre Delle Città Russe".

 

In Italia la domanda simile fatta ad un figlio dei siciliani nato a Roma suonerebbe così: E come mai, tu che sei siciliano, sei nato e cresciuto in Italia?

 

P.S. Dimenticavo. Sono un cittadino ucraino e sono anche un figlio del matrimonio misto russo-ucraino :D .

 

Da quanto sei in Italia?

Link to post
Share on other sites

Siberia però da quello che so io non tutta l'Ucraina è entusiasta dell'"amicizia" di grande madre russia visto che durante la seconda guerra mondiale un certo numero di ucraini combattè con i tedeschi (che, senza sapere quello che gli attendeva, salutarono come liberatori) e anche dopo la fine della WWII andò avanti per qualche anno un movimento di resistenza.

Io so che la metà occidentale dell'Ucraina (maggioritaria e padre della rivoluzione arancione) vorrebbe starsene per i fatti suoi e cercare l'amicizia dell'occidente mentre solo la parte orientale è dichiaratamente filorussa

Link to post
Share on other sites
A quelli che difendano i baltici come soltanto vittime innocenti della cattiva URSS vorrei ricordare, che quei "bravi" ragazzi che "eroicamente" combattevano contro i russi erano anche i combattenti di Waffen SS. E prima di raccontare delle loro gloriose battagle contro l'URSS sarebbe doveroso raccontare come "le vittimme innocenti dell'oppressione russa" con grande piacere hanno sterminato decine di migliaia di ebrei e centinaia di migiaia di russi, bielorussi ed ucraini. E come loro nipoti di oggi pubblicamente festeggiano le legioni di Waffen SS e costruiscano i monumenti che li osano.

 

Ecco l'ultimo festeggiamento delle Waffen SS a Riga (Lettonia):

http://www.baltictimes.com/news/articles/19968/

 

Ecco l'apertura ufficiale con i rappresentanti di governo Estone del monumento agli eroi di Waffen SS:

http://kultuur.elu.ee/ke481_lihula.htm

 

Altri eroici combattenti con i russi erano sul territorio Ucraino. Si chiamavano OUN/UPA ed anche la divisione Waffen SS Galicina. Anche questi non scherzavano. Erano talmente oppressi dai russi che hanno stermenato decine di mgliaia di ebrei e centinaia di migliaia dei propri concittadini. Invece i loro figli e nipoti non perdano tempo e vengono in Ucraina per insegnare ai bambini di presidente Yuschenko la storia quella giusta secondo alcuni su questo thread.

 

Ecco come insegnano la storia oggi in Ucraina:

http://www.mignews.com.ua/en/articles/282045.html

 

P.S. E dove la reazione dell'Unione Europea su queste cose? O su discriminazione della popolazione russa nei paesi baltici? Non c'e'! Tanto sono i barbari russi. Hanno meritato anche di peggio. Va benissimo apartaid, festeggiamenti SS, ecc. Basta che tutto questo e' contro la Russia. Sappiamo bene che tutti i russi sono comunisti, in particolare Putin, eccetto alcuni cittadini americani e britannici come: Kasparov, Politkovskaya e Litvinenko due di quali sono stati ammazzati personalmente da Putin.

 

P.P.S. La URSS e la Russia ci hanno chiesto il perdono per quello che hanno fatto. Ma i baltici?!! Mai.

Una sola, semplicissima domanda (che è anche, implicitamente, una considerazione, perchè la risposta è nella cronologia degli eventi storici che puoi verificare al seguente link: http://it.wikipedia.org/wiki/Occupazione_d...bliche_Baltiche ):

 

Sai dirmi chi ha iniziato questa spirale d'odio?

Link to post
Share on other sites

Siberia, per favore riesci a rispondere:

Siberia però da quello che so io non tutta l'Ucraina è entusiasta dell'"amicizia" di grande madre russia visto che durante la seconda guerra mondiale un certo numero di ucraini combattè con i tedeschi (che, senza sapere quello che gli attendeva, salutarono come liberatori) e anche dopo la fine della WWII andò avanti per qualche anno un movimento di resistenza.

Io so che la metà occidentale dell'Ucraina (maggioritaria e padre della rivoluzione arancione) vorrebbe starsene per i fatti suoi e cercare l'amicizia dell'occidente mentre solo la parte orientale è dichiaratamente filorussa

Link to post
Share on other sites
Siberia però da quello che so io non tutta l'Ucraina è entusiasta dell'"amicizia" di grande madre russia visto che durante la seconda guerra mondiale un certo numero di ucraini combattè con i tedeschi (che, senza sapere quello che gli attendeva, salutarono come liberatori) e anche dopo la fine della WWII andò avanti per qualche anno un movimento di resistenza.

Si. E' vero molti in Ucraina dell'ovest non sono entusiasti del rapporto buono con la Russia. E' proprio li dov'è diffusa la proaganda nazi-fascista ed antirussa. Dove costruiscano i monumenti ai Waffen SS e li festeggiano. E la stessa situazione che si vede nelle repubbliche baltiche.

 

Io so che la metà occidentale dell'Ucraina (maggioritaria e padre della rivoluzione arancione) vorrebbe starsene per i fatti suoi e cercare l'amicizia dell'occidente mentre solo la parte orientale è dichiaratamente filorussa

La metà occidentale dell'Ucraina non è maggioritaria. E' minoritaria, poco sviluppata industrialmente e vive grazie alle dotazioni dalla parte orientale dell'Ucraina che produce circa 80% del PIL nazionale.

La "rivoluzione orancione" alla quale il nome più appropriato sarebbe il golpe nazi-fascista certamente guidata dalla stretta minoranza al livello nazionale sostenuta dalla maggioranza nei regioni occidentali dell'Ucraina. Il motivo principale per quale sono riusciti ad ottenere il potere era lo scontento popolare del potere precedente. Comunque. La procedura delle elezioni del presidente attuale era palesemente anticostituzionale e sostenuta in coro dai paesi occidentali, che hanno fatto di tutto ( e pur toppo continuano a fare anche oggi ) per allontanare l'Ucraina dalla Russia. Si può dire che ad oggi giorno l'Ucraina è un protettorato americano (e parzialmente europeo) guidato direttamente dall'ambasciata statiunitenze di Kiev.

Link to post
Share on other sites

Aggiungo a quanto detto nel mio post ( http://www.aereimilitari.org/forum/index.p...st&p=136256 ), rimasto senza risposta (ma ciò poco importa) che quanto detto da Siberia sul, chiamiamolo, anche se impropriamente, "filonazismo" dei baltici (e non solo di loro), oltre a dimostrare, in modo inequivocabile, la veridicità di quanto da me affermato in altri precedenti post, sul fatto che i baltici stessi considerassero, per gli eventi maturati nella 2^ guerra mondiale, i tedeschi come liberatori ed i sovietici come aguzzini (affermazione che mi veniva contestata da gente che, evidentemente, ignorava del tutto i fatti storici in argomento), mette in rilievo l'effetto paradossale e per niente secondario, causato dall'immotivata e gratuita aggressione sovietica alle 3 nazioni baltiche: aver prodotto un generale, plebiscitario ed incondizionato appoggio di quelle popolazioni nei riguardi della Germania nazista.

 

Bravi, veramente bravi, sono stati i sovietici a produrre un effetto del genere (che ancora oggi produce le sue conseguenze)!!!

Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...