Jump to content
Sign in to follow this  
skettles

sta mattina alla tv

Recommended Posts

E apparte i soliti inglesi nessuno si allineerebbe dalla parte degli USA stavolta (eccetto Israele).

Un'altra incognita e la Polonia...

direi di no, visto che se ci fosse una risoluzione del consiglio di sicurezza...

Share this post


Link to post
Share on other sites

bhe,nel consiglio di sicurezza ci sono cina e russia quindi non so :P

 

cosa curiosa...nel consiglio di sicurezza dell'onu ci sono i maggiori produttori di armi mondiali :lol::lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi pare una cosa scontata che i membri permanenti siano tra i più grandi esportatori di mezzi militari.

 

USA Russia Cina Inghilterra e Francia sono i membri permanenti, e sono stati scelti sulla base dei paesi che alla fine della II Guerra Mondiale rappresentavano le nazioni più "importanti" del mondo, oltre che, in un certo senso, i "vincitori".

 

Va infatti tenuto conto che molti paesi che oggi sono liberi (come l'India) all'epoca erano solo colonie.

 

Devo però contraddire l'affermazione, che è un luogo comune.

 

Sulla base dei dati più aggiornati (anno 2005), infatti, la classifica è la seguente:

 

1) Russia con 6,197 miliardi di dollari

2) USA con 5,45 miliardi di dollari

3) Francia con 2,12 miliardi di dollari

4) Inghilterra con 985 milioni di dollari

5) Canada con 543 milioni di dollari

6) Ucraina con 452 milioni di dollari

7) Israele con 283 milioni di dollari

8) Italia con 261 milioni di dollari

9) Svezia con 260 milioni di dollari

10) Olanda con 211 milioni di dollari

11) Uzbekistan con 170 milioni di dollari

12) Svizzera con 154 milioni di dollari

13) Cina con 125 milioni di dollari

14) Brasile con 100 milioni di dollari

15) Polonia con 86 milioni di dollari

 

A seguire: Spagna, Giordania, Singapore, Australia, Norvegia, Bielorussia, Indonesia, Sud Corea, Sudafrica ecc...

 

Naturalmente questi dati sono poco significativi: ad esempio la Germania non c'è semplicemente perchè nel 2005 non ha concluso contratti significativi, ma basta che venda un paio di sottomarini e subito si colloca nella rosa dei primi dieci.

Lo stesso dicasi per la Cina che nel 2005 non ha concluso molto.

 

Ciò nondimeno, è interessante notare che alcuni paesi "insospettati" stiano tra i primi posti, come il Canada o i neutralissimi Svizzera e Svezia.

 

Anche se si esaminano i risultati su un certo periodo, possono esserci grosse variazioni, perchè un periodo fortunato per l'industria di un paese può tranquillamente alterare i risultati anche esaminando i totali che so, su dieci anni.

 

Peraltro ci sono trasferimenti di materiali che possono essere difficilmente conteggiati, pensiamo alle vendire di mezzi usati a prezzi simbolici.

Non è raro svendere centinaia di carri armati usati, ad esempio, al prezzo simbolico di un dollaro. Che si fa? Si calcola un dollaro? Si stima il valore dei mezzi venduti? E che valore puoi dare a un M-60 o a un T-55?

Share this post


Link to post
Share on other sites

è quel genere di mercato che non andrà mai in crisi questo :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Canada ha una marea di industrie militari, molte delle quali sono sussidiarie di altre industrie di altri paesi, ma che producono e vendono dopo aver acquistato le relative licenze, o addirittura progettano, sviluppano e vendono in proprio.

 

Ad esempio:

 

Alenia North America

Albion Canada

BAE Canada

Bell Helicopter Textron Canada

Boeing Canada

Colt Canada

EADS Canada

Elbit Canada

Eurocopter Canada

General Dynamics Canada

Mercedes Benz Canada

Northrop Grumman Canada

Oerlikon Contraves Canada

Racal Canada

Raytheon Canada

Saab Canada

Turbomeca Canada

ecc...

 

Altre industrie molto attive e di concezione completamente locale sono la Armatec e la Bombardier, per citare le più note, ma ce ne sono altre centinaia.

Il Canada produce di tutto: dalle munizioni ai sistemi missilistici, aerei, elicotteri ecc...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma sono tutte sussidiarie di aziende Europee o Statunitensi, il Canada è solo il sito di produzione oppure queste aziende sono joint venture con altre canadesi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
e loro se ne staranno buoni buoni vero?

cosa dovrebbero fare? al massimo possono maledirli in nome di Allah

oppure farsi esplodere in nome d allah

Share this post


Link to post
Share on other sites

si dominus...

credo che se attaccato l iran opponga una resistenza leggermente maggiore di quella irakena.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma nessuno ha intenzione di invaderlo l'Iran, comunque se lo si facesse non ci sarebbero problemi per l'invasione mentre la successiva occupazione sarebbe un iraq moltiplicato per un milione.

Comunque, come tutti si stanno affannando di dire da un bel pezzo, gli Stati Uniti non sono così pazzi da voler invadere l'Iran, al massimo colpiranno con dei raid le centrali e gli impianti di arricchimento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

hai ragione dominus, ma anche se gli usa facessero solo un raid e non invadessero, non credo se ne starebbero buoni uguali.

basta che senti le parole del loro presidente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quello fa bau bau ma conta quanto il due di picche, al massimo possono finanziare qualche altro terrorista e beccarsi, di conseguenza, un altro paio di bombe (stavolta dirette contro la casetta dell'impronunciabile presidente)

Share this post


Link to post
Share on other sites
hai ragione dominus, ma anche se gli usa facessero solo un raid e non invadessero, non credo se ne starebbero buoni uguali.

basta che senti le parole del loro presidente.

quello vuole bombardare con il nucleare, ma se il nucleare glielo togli....

 

e poi vorrei sapere come le lancerebbe le sue nucleari

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragionando seriamente, credo che quando un leader parla come quello iraniano, significa che sente il terreno franare sotto i piedi.

 

I leader più pericolosi sono quelli che stanno zitti e fanno ciò che devono fare.

 

Uno che incita alla proliferazione nucleare e alla distruzione di Israele, mi dà l'idea di uno che cerchi di tenersi buono il popolo con dichiarazioni roboanti.

E se ha necessità di tenersi buono il popolo, significa che in Iran la situazione non è poi così sicura come si vorrebbe far credere.

 

Leggendo alcuni survey dall'Iran, vedo che il 55 % della popolazione adulta ritiene che l'economia del paese vada peggiorando, la stragrande maggioranza ritiene che il problema maggiore sia quello della sicurezza personale (evidentemente i cittadini iraniani hanno paura per la propria vita) , il 65 % della popolazione chiede un mutamento di governo e maggiori libertà, e la percentuale sale al 69 % tra le donne ed al 71 % tra i giovani con età inferiore ai 24 anni.

 

Il 64 % della popolazione crede che la politica del governo sia fallimentare e ben il 57 % auspica una separazione tra Stato e Religione (nelle donne le percentuali sono di gran lunga superiori).

 

Ahmadinejad conta sull'appoggio di non più del 31 % della popolazione, gli altri che lo hanno votato sostengono che era solo il meno peggio tra i candidati ammessi.

 

Credo che quindi Ahmadinejad stia facendo il solito giochetto: da un lato concedere spazio alle istanze progressiste (ad esempio, Internet sta esplodendo, in Iran) e dall'altro tenere buoni gli integralisti con le sue sparate di facciata.

 

La sua crociata nucleare, quindi, potrebbe essere solo uno spauracchio per tenere alta la tensione con il mondo internazionale e concentrare l'attenzione della gente su questo, per distoglierla dai problemi interni del paese.

 

Infatti Ahmadinejad è solo una mezza pedina, le autorità religiose in Iran sono quelle che davvero dettano legge, e con questo giochetto le tiene a bada e sopravvive.

 

Non mi pare, infatti, che nemmeno Israele lo prenda poi tanto sul serio, mentre gli americani questa volta sono più sereni: con l'adozione delle misure di sicurezza post 11 settembre il territorio USA è oggi molto meglio protetto contro gli attentati, e la presenza militare in Iraq e in Afghanistan garantisce una capacità di intervento immediata e decisiva.

 

Questa volta gli USA paiono intenzionati a lasciare la patata bollente nelle mani degli europei, anche perchè la portata dei velivoli e dei missili iraniani non è tale da raggiungere il territorio americano e Israele, tra difesa aerea e batterie antimissile e testate nucleari, ha poco da temere.

Edited by Gianni065

Share this post


Link to post
Share on other sites
Questa volta gli USA paiono intenzionati a lasciare la patata bollente nelle mani degli europei, anche perchè la portata dei velivoli e dei missili iraniani non è tale da raggiungere il territorio americano e Israele, tra difesa aerea e batterie antimissile e testate nucleari, ha poco da temere.

del tipo: <vediamo come ve la sbrigate voi che ci avete tanto criticato sull'irak> ??

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì. Il senso è esattamente questo, ma è una mia impressione, non suffragata da alcuna dichiarazione ufficiale nè ufficiosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

e se devo proprio dirlo fanno anche bene se per una volta ci lasciano il peso a noi, perchè alla fine non fare niente e criticare è molto più facile di far qualcosa e in Europa va a finire sempre così.

 

Forse Night intendeva dire che la Francia intervenendo potrebbe subire pesanti attacchi all' interno del suo territorio per la forte presenza di arabi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

é come dire che nessuno fermera gli iraniani.

Però non penso che gli Usa non faranno niente.

Staremo a vedere...

Share this post


Link to post
Share on other sites

israele potrebbe fare qualcosa... ma adrebbe tutto a discapito della propria sicurezza nazionale ..

Share this post


Link to post
Share on other sites

se israele avesse un minimo appoggio internazionale credo non esiterebbe a premunirsi.

e lo sta avendo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pneso che gli israeliani resteranno a guardare pensando che la mossa tocca prima agli americani...

Share this post


Link to post
Share on other sites

si ma se si sentissero pesantemente minacciati anche il solo appoggio per me basterebbe.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Israele non può permettersi di aspettare un primo passo americano visto che l'Iran è ben deciso a coninuare per la sua strada

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×