Jump to content
Guest patrizio13

B-2 spirit

Recommended Posts

Questo la dice lunga sul clima di fiducia che corre fra USA e Russia, nonostante le crisi internazionali e i rapporti altalenanti su questo o quel argomento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo la dice lunga sul clima di fiducia che corre fra USA e Russia, nonostante le crisi internazionali e i rapporti altalenanti su questo o quel argomento.

Si sa qualcosa di come intendano porre rimedio nel breve termine?

Mi chiedo come sarebbe andata a finire se fosse successo negli anni 70-80...

A questo punto, dopo questa infinita dimostrazione di umanità da parte degli Stati Uniti dovrebbero cadere tutte le paure Russe sullo scudo antimissile giusto? Anche il discorso della MAD in pratica non ha più (dopo quanti anni?) motivo di esistere.

Rinnovo la mia domanda se si sa in che modo intendano risolvere nell'immediato questa situazione

Edited by Sergetto75

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sergetto, c'è una finestra di tre ore in cui possono fare il rilevamento, non so se continuativo o se dipende dall'orbita, comunque il problema tecnico non so come verrà risolto, ma se leggi bene, c'è il riferimento ad una nuova rete EKS...ma nemmeno la fonte è libera di parlare di questioni di sicurezza nazionale russa, quindi non si sa.

 

Comunque il problema di un MAD non si pone. Non c'è quella crisi politica che si viveva all'apice della guerra fredda, non c'è il timore che il nemico lanci a tradimento, gli attriti internazionali attuali, ora sono tutti presi da ISIL, Ucraina, Cina, Corea del Nord, non giustificano nemmeno un moderato livello d'allerta generale, c'è un revamping dei voli russi, ma la NATO s'è attivata com'è giusto che faccia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' verissimo ciò che dici, non era comunque mia intenzione collegare gli eventi contemporanei (Ucraina et similia), resta comunque il dubbio sulle sfuriate russe per la difesa antimissile, dopo la palese correttezza Usa di non approfittare in alcun modo del loro livello di allerta

Edited by Sergetto75

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se gli accordi testé raggiunti si dovessero rivelare, alla fine, inconcludenti .....

 

Pentagon Upgraded Biggest ‘Bunker Buster’ Bomb as Iran Talks Unfolded .....

 

Pentagon Tested Improved Bomb in Mid-January, Officials Say .....

 

By Julian E. Barnes And Adam Entous (Updated April 3, 2015 5:22 p.m. ET)

 

WASHINGTON—The Pentagon has upgraded and tested the largest bunker-buster bomb in the U.S. arsenal, senior U.S. officials said, readying a weapon that could destroy or disable Iran’s most heavily fortified nuclear facilities should a nuclear deal fall apart and the White House decide to take military action.

Even while the Obama administration was pursuing a diplomatic agreement with Iran to rein in its nuclear program, the Pentagon was readying the improvements to one of its most destructive conventional weapons, including electronic countermeasures to prevent an adversary from jamming its guidance systems.

“The Pentagon continues to be focused on being able to provide military options for Iran if needed,” a senior U.S. official said. “We have not taken our eyes off the ball.”

Work on the bunker buster started before the current round of talks with Iran got under way. But the most recent testing took place mid-January, when the upgraded bunker buster was dropped at a testing site at an undisclosed U.S. location by a B-2 bomber that took off from Whiteman Air Force Base in Missouri, officials said.

Iran, the U.S. and other major world powers reached agreement Thursday on the parameters of a deal meant to block Tehran from developing nuclear weapons. Iran has denied it has planned to build nuclear weapons.

While they hailed the tentative deal, U.S. officials said it remained unclear whether the terms of a final accord can be reached before a June 30 deadline. Officials said major gaps remained over the technical details as well as implementation, and it is unclear if the U.S. Congress will pass legislation challenging the White House’s terms.

In his remarks Thursday on the deal, President Barack Obama said he sees a deal with Iran as the best way to avert another war in the Middle East. But should the diplomacy fail, he has acknowledged that military options would be on the table.

Details about the weapons work came from senior U.S. officials who were briefed on testing of the weapon but who weren't involved the Obama administration’s Iran diplomacy.

The Pentagon declined to comment on any improvements to the so-called Massive Ordnance Penetrator, or MOP.

“The United States military prepares for a broad range of potential threats to include developing munitions designed to address deeply buried and hardened facilities,” said Col. Steve Warren,a Pentagon spokesman.

The Wall Street Journal reported in 2012 that Pentagon war planners had concluded that the 30,000-pound bunker buster wasn’t powerful enough to destroy certain hardened Iranian nuclear facilities and ordered steps to be taken to upgrade the bomb’s design and guidance systems. In 2013, the Journal reported the weapon was being redesigned.

The weapon was last tested in recent months, including in January, and senior officials say the results show the bomb—when dropped one on top of the other—is now more capable of penetrating fortified nuclear facilities in Iran or in North Korea.

Officials said work on improving the MOP is continuing, but the weapon has performed well in the tests, allaying the concerns officials had two years ago.

The Pentagon designed the bunker buster with heavily fortified sites—including Iran’s Fordow installation—in mind. Fordow is built into a mountain to protect the facility from U.S. or Israeli airstrikes.

To destroy or disable the underground facilities, the Pentagon envisages guiding two or more of the bunker busters to the same impact point, in sequence, extending the weapon’s burrowing power, the officials said.

To make that level of precision possible, upgraded electronic countermeasures have been added to the weapon to prevent jamming of its guidance systems by the Iranians, according to the senior U.S. officials. Electronic jammers could be used to throw an incoming bomb off target.

Those upgraded electronic countermeasures, combined with improvements to the weapon’s guidance systems, will allow the weapon to be targeted with a precision previously possible only for far smaller guided bombs in the U.S. arsenal, the officials said.

Steering two or more massive ordnance penetrators to a single entry point would have a devastating effect never before seen by a nonnuclear weapon, the officials said.

The White House has repeatedly said that Mr. Obama will need to look at other options if the nuclear talks break down.

“If you say all options are on the table, you have to have something on the table that’s credible,” a senior U.S. official said.

Even with the bomb’s enhancements, the U.S. intelligence community believes a military strike on Iranian nuclear facilities would set Iran’s program back by a few years at most.

“You can destroy hardware. But if you have the human capital, programs can be rebuilt,” a senior U.S. military official said.

The U.S. has balked at providing its biggest bunker buster bomb to Israel, but Pentagon officials have shared details about its capabilities with their Israeli counterparts, and has shown them videos of the weapon hitting a target during testing.

In one of those videos, which was described by U.S. officials who have viewed it, a massive ordnance penetrator is seen dropping in slow motion toward a large “X” marking the target at an undisclosed test site.

The video then cuts to an image showing an underground bunker buried beneath the “X” and depicts the site’s destruction.

 

Fonte ..... "Pentagon Upgraded Biggest ‘Bunker Buster’ Bomb as Iran Talks Unfolded" ..... http://www.wsj.com/articles/pentagon-worked-to-improve-biggest-bunker-buster-bomb-as-iran-talks-unfolded-1428078456

Edited by TT-1 Pinto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una catastrofe evitata .....

 

Four air traffic controllers and 14 fire fighters assigned to the 6th Air Mobility Wing prevented a $2 billion B-2 Spirit from crash landing on MacDill Air Force Base, Florida, April 23, 2015.
It was roughly 8:00 p.m. when Airmen in MacDill's air traffic control tower received a message from Tampa International Airport that a B-2 was inbound requesting an emergency landing.

The B-2 was having avionics and communications issues, which prevented it from continuing its flight causing the need for an emergency landing at MacDill.

 

Fonte ..... "MacDill Airmen prevent $2 billion aircraft crash" ..... http://www.macdill.af.mil/news/story.asp?id=123450537

Edited by TT-1 Pinto

Share this post


Link to post
Share on other sites

A casa ..... dopo un intenso periodo di addestramento oltremare .....

 

B-2s Complete Andersen Deployment .....
(09/14/2015)
fbkgvp.jpg
Three B-2 Spirit bombers from Whiteman Air Force Base, Mo., are parked on the flightline at Andersen Air Force Base, Guam, Aug. 25, 2015.
(U.S. Air Force photo by Senior Airman Joseph A. Pagán Jr./Released)
Three B-2s and 225 airmen from Whiteman AFB, Mo., recently returned from a deployment to Andersen AFB, Guam, where they participated in a series of training sorties and a complex 32-hour mission in support of Red Flag-Alaska 15-3, according to a Sept. 11 release .....
The airmen exercised B-2 operations in a deployed setting, completing more than 25 sorties and chalking up approximately 300 flying hours in the stealth bomber from Aug. 7 to Aug. 28.
The deployment also featured a unique support mission to Exercise Red Flag-Alaska 15-3.
Three B-2s launched from Andersen to participate in the exercise while two more launched from Whiteman to join the training, said Lt. Col. Robert Makros, the 13th Bomb Squadron commander.
All five bombers hit their targets and then returned to their respective station during the 32-hour mission, which Makros said “presented flyers with challenges similar to those they will experience during combat.”
The B-2 “familiarization training” deployment is part of Air Force Global Strike Command’s efforts to hone bomber operations and skills in deployed locations.

 

Fonte ..... il 'Daily Report' dell' AFA .....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non possono ancora competere con il tagliando della yorktown.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Programma di upgrade per portare il B-2 fino al 2050.

 

http://www.scout.com/military/warrior/story/1641631-air-force-stealthy-b-2-gets-massive-upgrade

 

http://www.dodbuzz.com/2016/09/14/b-2-bomber-receive-new-ejection-seats-upgrades/

 

Per gli anni 20, per fronteggiare la maggiore efficacia dei sistemi di difesa aerea, si parla di un sistema di localizzazione delle difese aeree nemiche DMS che consenta al velivolo di evitarle manovrando, quando la stealthness anni 80 del B-2 non sarà sufficiente.

E’ poi in corso la sostituzione del processore per i computer di bordo e fa sorridere sentire di prestazioni 1000 volte superiori, ma nel corso degli anni in questo settore si è andati al galoppo…

Sul fronte armamento si parla delle nuove B-61 Mod 12 nucleari e guidate.

Come cruise a testata nucleare l’LRSO dovrebbe prendere il posto del venerabile ALCM impiegato però dal solo B-52, mentre sarà disponibile anche il JASSM-ER a testata convenzionale.

Le capacità convenzionali sono completate delle JDAM da 2000 e 5000 libbre oltre che dalle GBU-28 da 5000 libbre (2268 kg) per sfondare i bunker.

Il velivolo è già compatibile con la colossale MOP da quasi 14 tonnellate.

Saranno anche cambiati i seggiolini eiattabili.

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

ragazzi,allora vorrei discutere cn voi questo bombardiere(b2)che secondo me non e' proprio un grandissimo aereo.eccco i miei perche':

allora,intanto nelle prove,il b2 perdeva sempre una parte d'ala,e solo dopo hanno capito che l'umidita' depositata sulla parte dell'ala ,ne provocava una degradazione,poi durante le prove combinate Italia_America il b2 veniva rintracciato dai radar(cosa che non dovrebe succedere per uno stealth)poiche il vetro antipallottole era fissato da viti,poi anche il carrello......altro motivo e' la non manovrabilita' del bombardiere,insomma io penso che 2 mil. di dollari siano spesi eglio in un b52,f117 che in un b2...comunque questo e' il mio punto di vista,ovviamente c'e' gente che ama questo aereo piu' di qualsiasi altro,comunque......

Mi sembra di capire che l'opener del topic, tal Patrizio, oltre a non essere molto ferrato sull'argomento, sia anche sparito dopo aver posto la questione. In 14 pagine del topic il suo unico post è quello di apertura, scritto male, punteggiato peggio, con termini inventati e dichiarazioni un po fantasiose e senza alcuna fonte.

Ritengo fosse un ragazzino, visto il tono

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh bhe...son pasati dieci anni ahahhaa ma mi incuriosisce che, da allora, non abbia piu scritto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so se sia peggio il primo post con le sue dichiarazioni o riprendere quel post dopo 10 anni per sottolinearne le bislaccherie per motivi praticamente inutili . Chiudete parentesi sull'utenza.

Edited by fabio-22raptor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Visto volare dal vero soltanto una volta, il 17 Dicembre 2003 mentre mi trovavo alla spiaggia di KittyHawk, N.C. in occasione del 100° anniversario del primo volo dei Wright Brothers.

Quel pomeriggio un B-2 ci ha sorvolato, scortato dai Thunderbirds.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Wow!!!

OT:

Io ho visto solo degli F117 partire dalla base di Aviano per bombardare il Kosovo... Missione a parte, che emozione!!! Ti passavano sopra la testa di pochissimi metri...

Quando partivano gli altri aerei (+ di 100 decolli a notte) era tutto normale, luci accese ecc. Poi sostituivano la normale illuminazione della pista con la luce blu e decollavano gli F117. Quando erano a un centinaio di metri dall'aeroporto accendevano una luce posteriore (forse per farsi vedere dagli altri F117???).

Il rumore e le vibrazioni percepite erano diverse da quelle prodotti dagli aerei "convenzionali" ma erano tutto fuorché silenziosi...

Fine OT

Edited by nsauro

Share this post


Link to post
Share on other sites

A proposito di quelle lunghissime missioni operative del B-2 che potrebbero aver stabilito dei record di durata (ovviamente con più rifornimenti in volo, s'intende),

 

lungo gli anni avevo letto quasi un pò di tutto sul web, incluso il parere di un paio di ex-piloti militari. Altre notizie pur di fonte ufficiale (dell'USAF, o del Pentagono, o delle 'Forze Armate') davano a volte dettagli apparentemente contrastanti tra di loro, oppure sembravano fuorvianti.

Finchè 3-4 anni fa ho trovato il report di un giornalista americano (il website, non riesco più a rintracciarlo) che con l'occasione di fare un volo da 'guest' sul B-2 rilasciava qualche dettaglio proprio di quella missione, poichè di una sola si tratta - perlomeno, tirata a tali estremi. Avevo fatto bene comunque a segnarmi da parte i particolari più eclatanti, e incrociandoli poi con altri presi da differenti provenienze - ma sempre abbastanza affidabili, secondo me - e andando per logica, ho tirato le seguenti somme.

 

In pratica: si tratta della missione di bombardamento di un singolo B-2 iniziata il 7 Ottobre 2001: partenza dalla Whiteman AFB in Missouri, destinazione un obiettivo in Afghanistan Occidentale, poi deviazione fino all'atollo di Diego Garcia in pieno Oceano Indiano con un breve scalo tecnico, poi ritorno a Whiteman AFB, è durata 73 ore e 18 minuti... la cosa è strabiliante, e pare incredibile.

Più precisamente, a Diego Garcia la fermata è durata "circa 75 minuti" con rifornimento di carburante e cambio di equipaggio, ma i motori sono sempre rimasti accesi, sempre. Ora, una fonte ufficiale USA aveva dichiarato che sono 44 le ore 'non stop' trascorse in aria dal B-2, ma neppure così io non avevo trovato dettagli più esatti - era la prima tratta? Era il volo di ritorno? Ovviamente non poteva essere l'intera missione, se nel 1991 i B-52 con volo non-stop Louisiana - Iraq - Louisiana avevano impiegato circa 35 ore.

E qui addirittura si parla di Missouri - Kabul (o giù di lì) - Diego Garcia - Missouri.

 

In effetti, il tempo di volo all'andata non è stato detto con precisione; anzi, non è stato detto proprio. Però mi ero segnato quello di ritorno, Diego Garcia - Whiteman AFB, "a bit more than 30 hours".

Quindi il mio ragionamento: facciamo 31 ore, o 31 ore e mezza? Tanto, non è quello che fa una reale differenza... allora ecco i miei calcoli:

* totale missione 73 ore e 18 minuti, meno 75 minuti di scalo, = circa 72 ore trascorse in aria .

* circa 72 ore in aria, meno il ritorno da Diego Garcia a Whiteman AFB (31 ore?), = resterebbero 41 ore in aria per l'andata Whiteman - Afghanistan - Diego Garcia.

 

Ci potrebbe stare l'andata più lunga del ritorno, vista la differenza delle due tratte. Il 'problema' è che l'andata, calcolata abbastanza correttamente con l'ausilio di un computer e una persona competente, fa circa Km. 16.345 da Whiteman AFB a Kabul e poi a Diego Garcia - e dividendo per 41 ore, darebbe una velocità media di circa 398 Km./h .

 

Chiaramente non ha senso. Qualcuno ha più informazioni, o più acume di me?

Edited by Smersh

Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente l’errore è proprio nel calcolo dei chilometri percorsi, perché secondo Google Maps sono effettivamente oltre 16000 da Whieman a Diego Garcia, però facendo passare il B-2 sopra la Groenlandia…e la Russia. Questa però è la minima distanza in linea d'aria tra Whitemann e Diego Garcia passando per l'Afghanistan, non la rotta del velivolo.

 

2yug5s3.jpg

 

Il punto è che l’aereo invece, dopo aver sorvolato la California, ha attraversato il Pacifico da est ad ovest con rifornimenti su Guam, sullo stretto della Malacca e vicino a Diego Garcia e poi ha puntato a nord. Seguendo tale rotta ci saranno almeno 20000 km solo per raggiungere l’Afghanistan. Senza nessuna pretesa che sia la rotta effettivamente seguita, l'immagine sotto ci da comunque un'idea.

 

2m7vmnn.jpg

 

Inoltre c’è il fatto che oltre alle ore volo e ai chilometri percorsi per arrivare in Afghanistan e da lì a Diego Garcia ci sono gli…extra.

Nella famosa missione durata 44 ore no stop da Whiteman a Diego Garcia (era l’andata quindi) ci furono 2 ore di volo sui bersagli (multipli), un’uscita dal paese e rifornimento sul Mare Arabico, un rientro in Afghanistan di altri 90 minuti per scaricare le ultime 4 bombe, una nuova attesa per il tanker e finalmente la tratta verso Diego Garcia, dove però l’aereo è rimasto in attesa altri 15 minuti in volo a causa di un B-52 in emergenza.

 

That night, we conducted bombing runs on multiple targets throughout Afghanistan with the primary mission being to secure air superiority for air forces that would conduct subsequent attacks. During some bomb runs, we used the B-2’s onboard synthetic aperture radar to put eyes on target in order to refine target coordinates before releasing our JDAMs. After spending about two hours over enemy territory, we exited the country and headed for the last tanker that would give us the gas for our last leg of the journey. A radio call came over secure communications that the Air Operations Center wanted to know if we would be willing to head back into country since we had four JDAMs remaining. We accepted the mission.

With gas running low, we orbited in the Arabian Sea waiting for a tanker that would give us the fuel necessary for another trip into Afghanistan. While Brian got the fuel, I programmed the mission. With fuel onboard and a mission loaded, we commenced another journey into Afghanistan to strike the identified target. After 90 minutes, we exited Afghanistan a second time to find a waiting tanker to provide the fuel we needed reach Diego Garcia, our final destination.

Four hours later, we were approaching the u-shaped island, ready to touch land for the first time in 44 hours. The B-52 that landed immediately before us had an emergency upon landing forcing us to “go around.” After having been airborne for 44 hours, we enjoyed the 15-minute flight over the island..

 

http://usoonpatrol.org/archives/2014/11/13/b-2-pilot-flew-longest-combat

 

 

Anzi, avendo fatto rifornimento anche sopra le Hawaii oltre che sulla east coast, la rotta per l'Afghanistan dovrebbe assomigliare più a questa. E son proprio tanti chilometri...

 

95zt47.jpg

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per la delucidazione.

Alcune cose non quadravano, altre da me stimate con un pò do logica si avvicinavano di più alla realtà (41 ore invece di 44), ma mancavo decisamente di riferimenti attendibili. Stralci di infos prese da più parti - le 73h. 18' di missione totale, la 'poco più di 30 ore' per il ritorno etc. - non erano poi gran cosa.

Quanto al sorvolare la Russia mi ero spinto a pensare che AVREBBE potuto essere fattibile in tempi già al di fuori della Guerra Fredda (e cooperazione contro il terrorismo internazionale), ma forse era... pretendere troppo.

 

Addirittura una seconda puntata sul bersaglio, di questo ero davvero all'oscuro. A questo punto potrebbe essere vicino ai 32.000 Km. il tragitto della prima tratta, se divido per 44h. e 15' mi dà circa 720 Km./h di media. Più che credibile considerando tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

3495bap.jpg

 

A me vengono 20.000 km di rotta per evitare di passare sopra zone "indesiderate" (Russia UKR e Iran), arrivare in qualche punto del Mar Arbico salire su in Afghanistan e fare rotta verso Diego Garcia: tra rend vouz, aereovie etc, si arriva tranquillamente a 24.000 km

Edited by Mustanghino

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma soprattutto, pensate alla resistenza fisica occorre avere per poter rimanere decine e decine di ore seduti dentro l'abitacolo di un areo, senza poter sgranchirsi e con problemi nell'andare in bagno

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me vengono 20.000 km di rotta per evitare di passare sopra zone "indesiderate" (Russia UKR e Iran), arrivare in qualche punto del Mar Arbico salire su in Afghanistan e fare rotta verso Diego Garcia: tra rend vouz, aereovie etc, si arriva tranquillamente a 24.000 km

 

Peccato che così devi attraversare zone densamente popolate di mezza Europa con un bombardiere stracarico di bombe. Nell'articolo si faceva riferimento a ragioni di sicurezza e infatti il volo si svolge in gran parte sul Pacifico.

 

For operations security reasons, the decision was made to fly the B-2s across the Pacific Ocean to their ultimate targets in Afghanistan.

 

ma soprattutto, pensate alla resistenza fisica occorre avere per poter rimanere decine e decine di ore seduti dentro l'abitacolo di un areo, senza poter sgranchirsi e con problemi nell'andare in bagno

 

Massacrante si, ma almeno si facevano un riposino a turno nel retro.

 

Between refuelings, Brian and I took turns trying to get a few hours of rest in the modified “cot” behind the two ejection seats.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×