Jump to content
Sign in to follow this  
sleeper

I comandi dell'EFA

Recommended Posts

Salve a tutti,

faccio parte di un gruppo di aeromodellisti ed abbiamo in cantiere la realizzazione di un modello in scala, con propulsione a turbina, dell'EFA. Siamo giunti alla regolazione dei comandi e volevamo sapere, essendo il primo modello di jet a configurazione canards che realizziamo, come l'aereo reale utilizza le parti mobili dell'ala, e le alette canards, durante le manovre. In particolare il dubbio che ci stiamo ponendo, reduci dalla realizzazione di un modello di F16 e di Sukhoi Su-27, è se anche per l'EFA, pur non avendo i piani di coda, le parti mobili del bordo d'uscita dell'ala assumono configurazioni particolari per ottenere una maggiore portanza nel volo lento. Negli aerei tradizionali, ed in quelli a delta con piano di coda, la cosa è semplice, le superfici mobili dell'ala si abbassano e si compensa con l'elevatore, ma in un delta canards come si ottiene lo stesso effetto? Vi ringrazio per l'attenzione e per l'aiuto che ci potrete dare.

Paolo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so se ti può essere utile, ma ti posto questo:

 

The Eurofighter is a pitch unstable, delta-canard tail-less design with a 53° leading edge sweepback on the main wing. This configuration was found to give an optimal combination of lift and agility. With a wing area of around 50sqm it has a small loading in a typical combat situation which implies very good manoeuvrability. Pitch instability causes the aircraft to point its nose up during flight further increasing agility and helping to reduce drag.

 

With no tail the all-moving foreplanes, or canards impart pitch and roll control combined with the wing flaperons and rudder. In addition the canards can be used to trim the aircraft through different flight regimes minimising drag. The canards may also be used as an extra pair of airbrakes when landing by pointing them straight down maximising drag. Unusually the canards are mounted much nearer the nose than is typically found in similar aircraft. This increases the maximum achievable Angle of Attack (AoA). The drawback to this is a decreased view to the left and right of the pilot. Automatic slats are present on the main wing leading edges which ensure the correct wing camber is maintained across the flight envelope. A hydraulically operated air-brake is integrated behind the cockpit, moving into a near-vertical position to maximise drag when required.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per Gianni65,

 

ti ringrazio per il post.

A quanto ho capito l'Efa sfrutta una naturale instabilità di base e l'enorme superficie alare, per esaltare le doti di manovrabiltà.

 

Forse in un aeromodello si potrebbe ottenere una cosa analoga arretrando all'inverosimile il baricentro e controllando l'assetto con continue correzioni delle parti mobili. Una cosa però poco consigliabile visto che, specialmente un modello propulso da una turbina e quindi senza il flusso d'aria dell'elica sulle superfici mobili, se cabrato di baricentro, diventa praticamente ingovernabile.

 

Di nuovo grazie,

 

A presto.

 

Paolo

Share this post


Link to post
Share on other sites
A quanto ho capito l'Efa sfrutta una naturale instabilità di base per esaltare le doti di manovrabiltà.

 

lo fanno tutti i caccia moderni, usano i computer per correggere l'assetto in modo da non precipitare, ma credo che su un aeromodello questo sia impossibile

 

postaci le foto quando l'hai finito ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che motorizzazione pensate di usare?

 

SIMJET? TJT?

 

Mettete ovviamente lo scarico con biforcazione?

 

Io il canard lo lascerei fisso...L'EFA ha una instabilità marcata sull'asse longitudinale e trasversale, secondo la velocità ed è controllato e stabilizzato dal software dell'FBW.

 

Altrimenti il lavoro sarebbe lunghissimo, si dovrebbe testare il modello in tunnel e vedere come si comporta...

Ma sopratutto, con i comandi, chi riesce a sincronizzare e coordinare i movimenti dei servo del canard e degli alettoni?

Share this post


Link to post
Share on other sites

La propulsione del nostro modello sarà affidata ad una turbina JetCat P160, da circa 16 KG di spinta. Una sola turbina con il tubo di uscita sdoppiato, (le cosìdette "mutande").

 

Per quanto riguarda l'installazione dei comandi, molto probabilmente collauderemo in modello con questa configurazione:

 

superfici mobili del bordo d'uscita dell'ala, a tutta apertura alare, con la funzione di elevons, per il controllo del beccheggio e del rollio;

 

le alette canards, miscelate, grazie al radiocomando computerizzato, con gli elevoni e solo per il controllo del beccheggio, (praticamente si muovono contemporaneamente, ma ovviamente in modo opposto, agli elevoni).

 

Il direzionale con la funzione tradizionale.

 

Abbiamo inoltre installato l'aerofreno dorsale, attivato da un pistone ad aria.

 

Questa è la configurazione standard, consigliata anche dalle istruzioni del kit di montaggio.

 

Non abbiamo gli slats sul bordo d'entrata, troppo complicati costruttivamente per un modello e, ci chiediamo appunto, se gli elevoni alari, che in tutte le pubblicazioni sull'EFA reale vengono chiamati "flaperons", svolgano anche la funzione di ipersostentatori, oltre che di cabra/alettoni.

 

Un saluto.

Paolo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con la biforcazione si perdono almeno due kg. di spinta...Interessante la possibilità di gestione delle superfici...se fotografate le fasi della realizzazione mi interesserebbe molto poterle vedere....

 

Ciao e complimenti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, mi presento ; mi chiamo Gabriele , scrivo da Siena e faccio parte del gruppo di modellismodi "sleeper" . :okok:

 

Per quanto riguarda la "perdita" di spinta della turbina , spero che , anche con la biforcazione, si perda meno di kg. 2... :o:o

 

Allego le "prime" foto dell' Efa in costruzione. Adesso siamo un pochino più avanti nel lavoro :D

Prossimamente ne faccio altre e poi le posto !!

 

Allego anche le foto della nostra ultima realizzazione:

Un Su-27 bi-turbina.

 

Ciao a tutti.

 

http://img228.imageshack.us/img228/1184/decollo4gj.jpg

http://img228.imageshack.us/img228/3492/at...aggioweb3ph.jpg

http://img228.imageshack.us/img228/3226/aerofrenoweb6mz.jpg

http://img228.imageshack.us/img228/700/canardweb1bv.jpg

http://img228.imageshack.us/img228/9818/co...ttoneweb8yj.jpg

http://img228.imageshack.us/img228/2081/supportoweb5vf.jpg

 

:helpsmile: Non sono tanto sicuro che sia questo il sistema di postare le foto .... Ma non si possono allegare al "messaggio" ??

Edited by extra260

Share this post


Link to post
Share on other sites

x le foto kosi e ok....anke noi usiamo imageshack..

 

kakk*o bello il su-27!!:o

komplimentoni!

Share this post


Link to post
Share on other sites

complimenti, sono bellissimi

 

per postare le foto usate lo slot di image shack nella pagina di risposta, fate sfoglia e poi host it

 

bravi ancora

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma sti modellini si costruiscono artigianalmente o si comprano da montare?

quando costa farne uno?

Grazie ancora a tutti per i complimenti.

 

I modelli sono in "scatola" di montaggio, nel senso che si compra la "buccia" esterna, quindi la fusoliera , le ali, e i piani di coda. Poi si montano i carrelli i motori, le aperture, i portelli ,gli impianti ecc. ecc.

 

Considera che per costruire il Su-27 ci abbiamo messo 2 anni !!!

 

Il costo..... :pianto::pianto:

 

Meglio non scriverlo dai.... <_<

Share this post


Link to post
Share on other sites
dai.please..quanto è costato?

:whistling:

 

... considera... di materiali "vivi" , escluso ciaramente il lavoro che per noi è divertimento, siamo oltre 12.000 euri..... :blink:

 

Detto così sembra un "sproposito" per un modello, allora aggiungo qualche caratteristica.

 

- Lunghezza 2.54 mt.

- Ap. Alare 1.60 mt.

- Peso 17.5 kg a secco

- Monta 2 turbine ad avviamento automatico da 8.5 kg di spinta l'una, controllate da una centralina

- Monta carrelli retrattili a "olio" , e aerofreno a "olio" , quindi con pompa e distributore

- freni pneumatici alle ruote

- Monta un giroscopio per la stabilizzazione dell'asse del rollio

- Sviluppa una velocità di oltre 250 km/h in volo livellato

- Consuma 5 lt di JET A1 ogni 6 minuti

 

 

 

Considera però anche che in "italia" di macchine del genere non ce ne sono tantissime.... :okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 mila sono tanti..ma la passione non ha prezzo!

Bravo !!!!!!!!!!! :rotfl::rotfl:

 

E' verissimo.

 

Appena ho qualche altra foto dell' Efa in costruzione le posto !

 

... poi... quando sarà finito e verniciato...... :drool::drool::drool:

Share this post


Link to post
Share on other sites
poi non avete paura che gli succeda qualcosa a farlo volare? XD

 

immagino le belle parole in questi casi!

Paura ?? :woot:

 

Sempre !! Però la soddisfazione di vederlo in aria , dopo tutto quel lavoro che abbiamo fatto, è impagabile !!

Share this post


Link to post
Share on other sites

beelissimooo!!! :P

 

gran bel lavoro!! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...