Jump to content
Balthasar

Armi nucleari

Recommended Posts

Temo lo sembri solo a te...

Autonomia è l'ultima parola che può essere messa in relazione con le armi di distruzione di massa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me, trovando i fondi - tramite spending review e più oculata gestione delle risorse la Sicilia ( ? ! ) potrebbe gestire un patrimonio tattico nucleare , poi si vede con quale autonomia.

Il federalismo nucleare continua a sembrarmi un'ottima idea.

 

Temo che tu abbia un'idea moooolto vaga di quello che costa gestire un arsenale nucleare , nonchè i mezzi adatti a lanciare gli ordigni.

 

Per " trovare i fondi " con una " spendig review " la Sicilia dovrebbe licenziare parecchi forestali . Solo per cominciare con una " più oculata gestione delle risorse " . Poi ......

 

Non mi è chiaro il concetto di " federalismo nucleare " . La Sicilia ha le bombe e la Lombardia ( Ghedi ) ha gli aerei ? Qui in quel di Bressia , ci sono già le une e gli altri .

Edited by engine

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quindi la Sicilia che è a malapena a statuto speciale dovrebbe avere un deterrente nucleare peraltro fornito dall'Italia per...?

 

Sinceramente non si riesce sconfiggere la mafia, cosa facciamo, nuclearizziamo i covi dei boss?

 

Se ne sei convinto porta argomentazioni, perché hai dato ben poco eh

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo : facciamola finita .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate, le vostre reazioni mi hanno mostrato quanto questo argomento possa risultare disturbante. Credetemi, non era mia intenzione.

 

Volevo soltanto porre in relazione tre elementi, e forse l'ho fatto in termini un po' maldestri:

 

1) la rilevanza strategica della Sicilia, per l'Italia e per l'Europa (non per gli USA) sullo scacchiere mondiale;

 

2) l'importanza strategica della disponibilità di un arsenale nucleare, per l'Italia e per l'Europa (di nuovo: non per gli USA), al fine di acquisire un peso particolare all'interno dello scacchiere mondiale;

 

3) l'importanza del coinvolgimento delle comunità locali - in questo caso regionali - nelle questioni legate alla sicurezza e alla salute delle persone. Il mio riferimento al sistema satellitare MUOS, e alle infinite polemiche occorse in Sicilia su questo, era volto proprio a sottolineare che tanto più una comunità, attraverso i suoi rappresentanti politici diretti, è coinvolta nel potere decisionale e tanto più facile è realizzare le cose.

 

Da qui l'immagine di sintesi del pulsante nucleare in mano al Presidente della Regione Sicilia, che, capisco, possa aver agitato qualcuno. Però senza arrivare a queste immagini "estreme", continuo a pensare che uno spazio - di utilità e di fattibilità - per un ragionamento del genere possa esserci.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è che non c'è margine di discussione. E' che la cosa non è fattibile. Innanzitutto perché la regione sicilia non ha, in qualità di ente proprio, ne la capacità economica, ne l'autonomia giuridica, ne un apparato capace a gestire un arsenale nucleare. Ne puoi mettere in mano al presidente di una regione il "pulsante rosso" anche perché un presidente a caso non ha il comando diretto di alcuna forza militare. Non lo ha nemmeno totalmente il PdC che non può usare alcun armamento nucleare da solo. E' il meccanismo della doppia chiave che è stato esposto. Senza contare le implicazioni strategiche, perché se è vero che la sicilia è il primo punto per lanciare una forza ovunque nel Mediterraneo, è per logica stessa anche il primo ad essere raggiungibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Fabio,

 

consentimi di dire che sono tutti problemi risolvibili mediante dotazione economica (che comunque la Sicilia mi pare abbia in gran quantità, si tratterebbe solo di allocarla meglio) e riforma di legge, se del caso anche costituzionale, emendando, come spesso si è fatto in passato, l'art. 117 Cost. che ripartisce la potestà legislativa tra Stato e regioni.

 

Ovviamente, al momento dell'eventuale creazione dell'arsenale si dovrebbero stabilire, secondo i più moderni criteri di sicurezza, tutte le catene di comando congiunto per disporre del "red button", che OVVIAMENTE passino dal Comandante in capo delle Forze Armate ma che - dico io - NON ESCLUDANO il Presidente della Regione, come un piccolo comandante in capo regionale.

 

Se questo si realizzasse, l'assetto geopolitico mondiale e il ruolo dell'Italia in Europa e nel mondo, ne converrai, risulterebbe radicalmente mutato in meglio.

 

 

Non è che non c'è margine di discussione. E' che la cosa non è fattibile. Innanzitutto perché la regione sicilia non ha, in qualità di ente proprio, ne la capacità economica, ne l'autonomia giuridica, ne un apparato capace a gestire un arsenale nucleare. Ne puoi mettere in mano al presidente di una regione il "pulsante rosso" anche perché un presidente a caso non ha il comando diretto di alcuna forza militare. Non lo ha nemmeno totalmente il PdC che non può usare alcun armamento nucleare da solo. E' il meccanismo della doppia chiave che è stato esposto. Senza contare le implicazioni strategiche, perché se è vero che la sicilia è il primo punto per lanciare una forza ovunque nel Mediterraneo, è per logica stessa anche il primo ad essere raggiungibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

No. La Sicilia da anni è sull orlo del fallimento. Ha contratto debiti che non riesce a ripianare, ha un bilancio che sembra un colabrodo, le manovre finanziarie che non funzionano, ecc. Andrebbe commissariata seduta stante tanto per dirne una. E non è questione di qualche modifichetta alle leggi. Innanzitutto la catena di comando, da sempre più snella possibile, dovrebbe comprendere un elemento in più senza nessun beneficio/giovamento. Cioè: non solo rendere una regione pari ad un arsenale, ma anche coinvolgere persone che non hanno autorità ne competenza per gestire una qualunque forza che vada oltre la forestale, così per sport. E dargli anche forme di autonomia decisionale, siccome al sud siamo esenti da qualsivoglia tipo di infiltrazione mafiosa. Mi immagino già i corleonesi che sognano di diventare potenza nucleare comprandosi i voti di mezza Sicilia e mettendo alla presidenza uno a loro favorevole. Oppure la telefonata tra Presidenti (specialmente se uno dei 2 è un tizio poco favorevole all immigrazione) :

- Pronto, Presidente del Consiglio? Si ciao so Musumeci.

- MusuCHI?

- Musumeci.

- (Ricerca su internet per capire chi è) ... aaah è lei, dica pure.

- No senti preside, menghiaaa bedda matriii ho un problema con i libici che non collaborano con la lotta all immigrazione. Posso tirargli 2 confetti?

- Oh sì certo, faccia pure, ma a Natale voglio un vassoio di cannoli eh.

- Ci conti presidé!

 

Dai. E poi l Italia non trarrebbe alcun giovamento ad essere una potenza nucleare, non sappiamo gestire capre e cavoli contemporaneamente, figurarsi un arsenale nostro, preso chissà dove (visto che non abbiamo siti ne competenze per fare ordigni). Il tutto per assurgere a potenza regionale, quando poi una Germania a caso ci è nettamente superiore, e questo ci insegna come il peso internazionale di un Paese non è dato dagli armamenti ne dalle WMD.

 

Ps: continuo ad avere problemi di formattazione con l apostrofo.

Edited by fabio-22raptor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh cercavo di spiegare che ci sono una serie di ragioni tecniche, amministrative, politiche, giurisdizionali, legali, economiche, strategiche e anche morali se vogliamo che impediscono di prendere una regione storicamente soggetta a qualsivoglia tipo di sbarco di forze e trasformarla in un arsenale nucleare in mano a gente (con i tempi che corrono) democraticamente eletta che potrebbe essere stata bocciata anche al catechismo. Spero di esserci riuscito ;)

Edited by fabio-22raptor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh cercavo di spiegare che ci sono una serie di ragioni tecniche, amministrative, politiche, giurisdizionali, legali, economiche, strategiche e anche morali se vogliamo che impediscono di prendere una regione storicamente soggetta a qualsivoglia tipo di sbarco di forze e trasformarla in un arsenale nucleare in mano a gente (con i tempi che corrono) democraticamente eletta che potrebbe essere stata bocciata anche al catechismo.

Spero di esserci riuscito ;)

 

A questo punto ... mi permetto di dubitarne ... anche se è palese che ci hai messo parecchia buona volontà ... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

"ma che - dico io - NON ESCLUDANO il Presidente della Regione, come un piccolo comandante in capo regionale."
ma sinceramente, il Caro Leader della regione Sicilia, che diamine vuole? senza andare sul volgare, per quale motivo dovrebbe c'entrare qualcosa? A pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca, non è che è piu una questione di "mi piace la sicilia e la voglio figa"? gia solo la presenza di una base con svariata gente che ci lavora e dunque oltre ad aggiungere alla popolazione compra pure prodotti locali è gia di per se un aiuto piu che sufficiente

peraltro di che armi parliamo, ICBM? MRBM? no perche la sicilia è l'ultimo posto dove li metterei, missili con migliaia di km di gittata nel primo posto raggiungibile? una genialata!

e sinceramente la Sicilia ha conclamati problemi di mafia, problemi di budget e sprechi, altro che novella potenza mondiale. Costi che manco tutto il nord potrebbe sostenere da solo, altro che

PS come siete cattivi sulle discussioni divertenti! :asd:
lasciate che ci si diverta un po' :whistling:

Edited by Umberto

Share this post


Link to post
Share on other sites

"ma che - dico io - NON ESCLUDANO il Presidente della Regione, come un piccolo comandante in capo regionale."

ma sinceramente, il Caro Leader della regione Sicilia, che diamine vuole? senza andare sul volgare, per quale motivo dovrebbe c'entrare qualcosa? A pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca, non è che è piu una questione di "mi piace la sicilia e la voglio figa"? gia solo la presenza di una base con svariata gente che ci lavora e dunque oltre ad aggiungere alla popolazione compra pure prodotti locali è gia di per se un aiuto piu che sufficiente

 

peraltro di che armi parliamo, ICBM? MRBM? no perche la sicilia è l'ultimo posto dove li metterei, missili con migliaia di km di gittata nel primo posto raggiungibile? una genialata!

 

e sinceramente la Sicilia ha conclamati problemi di mafia, problemi di budget e sprechi, altro che novella potenza mondiale. Costi che manco tutto il nord potrebbe sostenere da solo, altro che

 

PS come siete cattivi sulle discussioni divertenti! :asd: lasciate che ci si diverta un po' :whistling:

 

Va bene tutto, le obiezioni sui soldi (che si trovano per il ponte di Messina e non so perché non per la difesa), però l'obiezione sulla raggiungibilità mi pare dubbia. Se i missili americani stavano in Turchia, e se quelli Russi avrebbero dovuto stare a Cuba, non vedo dove sia il problema sul piano strategico. Anzi!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nemmeno io, a parte tipo 50 anni di tecnologie che avanzano

 

Se vogliamo un piccolo deterrente facciamo come francesi o inglesi che lo mettono su SSBN più qualche atomica tattica nelle basi già pronte, con buona pace delle velleità completamente senza senso si una Sicilia nucleare, mettere poi il presidente della Regione Sicilia in mezzo è totalmente nonsense da un punto di vista politico e militare, non è suo il controllo sui militari e la Sicilia è una regione come le altre, dunque no

 

Una regione poi con 8 miliardi di debito, dove vogliamo andare scusa?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal 'Daily Report' dell'AFA del 12-12-2018 ...

Quote

Nuclear Gravity Bomb Tail Kit Assembly Enters Production Phase

...The B61-12 nuclear gravity bomb’s new guided tail kit assembly, or TKA, has entered the production phase after successfully completing a 27-month test program, USAF announced. 
The B61 is the primary strategic nuclear weapon for the B-2 bomber and can equip both the F-16 and F-15E, providing forward-deployed deterrence in support of US allies. 
The B61-12 will extend the service life of the B61 weapon, which first achieved operational capability in 1968. 
It will operate in two modes: analog/ballistic mode and digital/guided mode. 
The TKA “is the enabler for realizing” the digital/guided mode, according to a Pentagon selected acquisition report. 
The Air Force Nuclear Weapons Center at Kirtland AFB, N.M., in partnership with the Department of Energy’s National Nuclear Security Administration, completed the testing in less than 11 months, achieving a 100 percent success rate for all 31 bomb drops, according to a USAF release (*)
“The flight tests demonstrated the system works very well in its intended environment,” said Col. Paul Rounsavall, AFNWC senior materiel leader for the B61-12 TKA. 
“This development effort brought the first-ever digital interface to the B61 family of weapons and demonstrated the B61-12 TKA’s compatibility with the Air Force’s B-2 and F-15 aircraft. 
In addition, the TKA achieved greater than five times its required performance during developmental testing and is ready to start initial operational test and evaluation.” 

- Amy McCullough

(*) ... af.mil/News ... Nuclear bomb tail kit reaches major milestone for production phase ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×