Jump to content

Portaerei Cavour - discussione ufficiale


Recommended Posts

Fino all'arrivo dell'F-35 e finchè ci sono Harrier operativi e comprensibile si voglia mantenere l'abilitazione di piloti e specialisti per operare dal ponte di volo del Garibaldi, che di fatto non è cambiato nemmeno dopo i recenti lavori e non ha certo perso la capacità di accogliere gli AV-8.

Bisogna vedere cosa sia rimasto a bordo a livello logistico e addestrativo per quanto concerne la gestione della manutenzione e degli armamenti del velivolo, il che va un po' oltre quello che si è visto.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.8k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

signori, non ripetiamoci però... l'argomento è già stato trattato abbondantemente su questa discussione e su quella inerente ad un ipotetico EFA navale. se avete nuove riflessioni sull'argomento, ben

Il grosso è fatto. https://www.portaledifesa.it/index~phppag,3_id,3573.html Tra le modifiche di cui non credo si sia parlato c'è l'aumento della capacità di combustibile a disposizione della

La storia è un po' diversa. La configurazione a delta del dimostratore X-32B era in realtà quella prevista fin dall'inizio. Il passaggio alla velatura con ala a fraccia e piani di coda tradizionali

Ah sì,

sono ben consapevole che le capacità logistiche potrebbero/dovrebbero aver subito cambiamenti.

 

Non a caso in http://www.aereimilitari.org/forum/topic/2107-portaerei-cavour-discussione-ufficiale/page-90?do=findComment&comment=318689

avevo scritto "fino al 2022 manterrà ancora qualche capacità di operare qualche Harrier".

Link to post
Share on other sites
  • 2 years later...

Sono prossimi i lavori di ammodernamento previsti per la CAVOUR (durante i quali ci sarà un ritorno al Garibaldi come ammiraglia e come base degli Harrier): partiranno il prossimo gennaio per durare circa 20 mesi e saranno necessari ad accogliere gli F-35B.
Ci saranno interventi sul ponte di volo (trattamenti superficiali stile thermion perchè il ponte è già strutturalmente robusto) e negli hangar, con un non meglio percisato impatto di questi ultimi anche sull'isola.


http://www.portaledifesa.it/index~phppag,3_id,2336.html

Link to post
Share on other sites
  • 6 months later...
  • 11 months later...
12 minuti fa, Flaggy ha scritto:
Quote

La scelta operata dalla Marina Militare di eseguire i lavori di trasformazione della portaerei CAVOUR nell’Arsenale di Taranto è espressione dell’impegno che la Forza Armata mette a sostegno della città in considerazione della ricaduta, in termini economici, sull’indotto del territorio.

In effetti c'era ben poco da scegliere ...

Dal momento che l'Arsenale della Spezia non possiede bacini di dimensioni adeguate per ospitare nave Cavour ... l'unico Arsenale Militare in grado di effettuare tali lavori non poteva che essere quello di Taranto.

Già, a La Spezia, penarono non poco, a suo tempo, per inserire nave Garibaldi nel bacino situato di fronte allo Stadio Picco ...

Anche qui (con immagini) ... analisidifesa.it ... https://www.analisidifesa.it/2019/11/la-portaerei-cavour-esce-dal-bacino-di-carenaggio-di-taranto/ ...

Qui, invece, il momento dell'ingresso ... bari.repubblica.it... https://bari.repubblica.it/cronaca/2019/07/21/news/taranto_la_portaerei_cavour_nel_bacino_per_il_restyling_un_operazione_da_70_milioni-231679711/?refresh_ce ...

??

Link to post
Share on other sites
  • 5 months later...

Il grosso è fatto.

https://www.portaledifesa.it/index~phppag,3_id,3573.html

Tra le modifiche di cui non credo si sia parlato c'è l'aumento della capacità di combustibile a disposizione della componente aerea, cosa utile perchè l'F-35B contiene 6100 kg di cherosene al posto dei 3500 dell'Harrier, anche se per quest'ultimo è contemplato un abituale utilizzo di un paio di serbatoi ausiliari da 300 galloni, che rendono la richiesta per il pieno non molto inferiore (dovremmo essere intorno ai 5300kg).

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...
  • 4 months later...
  • 2 months later...
  • 1 month later...
  • 2 weeks later...

Marina militare, primo appontaggio di un F35 Usa sulla portaerei Cavour

British test pilot Peter Wilson made history when he conducted the first ever shipborne rolling vertical landing (#SRVL)

ma mi chiedo, a parte motivi logistici, c'è qualche ragione per cui viene preferito l'appontaggio verticale?

quello corto mi sembra più sicuro, oltre che meno stressante per la macchina.

Edited by Yuri Gagarin
Link to post
Share on other sites

Ci sono pro e contro in entrambi i casi.

Nell’atterraggio verticale il velivolo si affianca alla nave e va a impegnare solo la zona della piazzola di appontaggio (più l’ovvia distanza di sicurezza).

Nell’appontaggio rullato il rateo di discesa è comunque elevato (e sollecita la struttura) e l’impegno del ponte di volo è molto più consistente: questo può sfavorire la rapida esecuzione di decolli e appontaggi (la poppa deve essere sgombra e senza velivoli pronti al decollo).

Nelle grandi portaerei CATOBAR la capacità di esprimere un numero elevato di sortite con decolli e appontaggi in contemporanea è un caratteristica importante, mentre sulle STOVL questo non si può realizzare.

Comunque vedrei una maggiore sollecitazione dell’impianto frenante - da valutare anche le differenze fra atterraggio (molto) corto e verticale sui pnumatici che sul B hanno dimostrato scarsa durata - e un teorico maggiore rischio in caso di guasto allo stesso. Ricordiamo che il B non ha il gancio (nemmeno di emergenza come l’A) e tanto meno ci sono cavi o reti di emergenza sulle portaerei STOVL, come ci sono su quelle CATOBAR.

Tendenzialmente conviene l’appontaggio rullato solo in caso di elevato carico e comunque in questo caso la sollecitazione del motore e della struttura è sempre grande perchè il velivolo è più pesante.

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

F-35B-with-GBU-12s.jpg?resize=678%2C381&

A U.S. F-35B Lightning II aircraft from Naval Air Warfare Center Aircraft Division (NAWCAD) Air Test and Evaluation Squadron (VX) 23 loaded with inert GBU-12s converts to Mode 4 as it prepares to launch for the first ski jump short takeoff (STO) flight test with weapons aboard Italian aircraft carrier ITS Cavour (CVH 550). (Image credit: U.S. Navy photo by Dane Wiedmann)

Testing Aboard Cavour Aircraft Carrier Continues With U.S. F-35B In “Beast Mode”  from The Aviationist

Link to post
Share on other sites

Italian Navy Aircraft Carrier Confirm Readiness to Operate F-35B Fighter

A U.S. F-35B Lightning II sits on the forward elevator during logistics testing aboard the Italian aircraft carrier ITS Cavour (CVH 550) in the Atlantic Ocean March 20, 2021. (U.S. Navy photo by Dane Wiedmann)

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...