Jump to content
Sign in to follow this  
typhoon

Portaerei Cavour - discussione ufficiale

Recommended Posts

Oggi sono stato a visitare il Cavour a Civitavecchia, assaggino di cosa c'era nell'hangar, prossimamente altre foto quì e tutte quelle che ho fatto sul sito di Enrr ;)

 

http://img152.imageshack.us/my.php?image=p1000583im3.jpg

 

E l'isola ;)

 

http://img293.imageshack.us/my.php?image=p1000553gs7.jpg

Edited by Little_Bird

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le foto (80+) di Cavour di Little Bird arriveranno a fine giornata a meno di imprevisti.

Inoltre dovrei mettere anche un trittico su Lince bianco, Centauro e Puma 4x4 ancora nuovo.

Domani e a seguire la sagra degli ACTL, Spada/Aspide,...

 

Chi posta foto le foto indichi anche l'assenso all'utilizzo nel mio sito, che ho deciso di fare una mega-raccolta di foto sulle manifestazioni, son già a più di 800 da sole 3 fonti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sabato mattina il Cavour (ma anche l'Amerigo Vespucci) erano zeppe di persone, per entrare a bordo della Cavour c'era la fila, inoltre per salire/scendere dai diversi ponti visitabili (hangar/ponte di volo/plancia di comando) ci voleva una vita.

Share this post


Link to post
Share on other sites

a civitavecchia era pieno zeppo di persone... è stato al circo massimo che le presenze sono state veramente pochine.... io sono stato lì la mattina di sabato e praticamente tutto oggi e devo dire sinceramente che mi sarei aspettato qualcosa in più....

 

ps.: enrr hai il mio permesso per pubblicare sul tuo sito qualsiasi foto che abbia messo o metterò nel forum.

Share this post


Link to post
Share on other sites
a civitavecchia era pieno zeppo di persone... è stato al circo massimo che le presenze sono state veramente pochine.... io sono stato lì la mattina di sabato e praticamente tutto oggi e devo dire sinceramente che mi sarei aspettato qualcosa in più....

 

Non direi, io al Circo Massimo sono stato sabato, dalle 3 fino alle 5, ed era pieno di persone, tanto è vero che non sono riuscito a fare scatti decenti perchè ogni secondo mi passava uno d'avanti, e i mezzi erano contornati di persone, sotto intorno e sopra tipo formiche su una briciola di pane, senza contare il fatto che salire dentro i mezzi era proprio off-limit, i ragazzini avevano riempito tutto, ed oltre a starci 756 ore dentro c'era il ricambio che manco facevano in tempo a uscire! :furioso:

 

L'unico mezzo che ho visto dentro è stato l'AAV-7 del San Marco, ma solo perchè era di mattina verso le 9 e mezza quindi c'era poca gente, ero in attesa del pulman per Civitavecchia e ho dato uno sguardo allo stand della Marina.

Edited by Little_Bird

Share this post


Link to post
Share on other sites
L'unico mezzo che ho visto dentro è stato l'AAV-7 del San Marco, ma solo perchè era di mattina verso le 9 e mezza quindi c'era poca gente, ero in attesa del pulman per Civitavecchia e ho dato uno sguardo allo stand della Marina.

Io mi son accontentato di mettermi alla guida del Lince :asd: :asd:

duretto ma decisamente confortevole

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guardavo i corrimani sullo skyjump. Si ripiegano automaticamente o devono essere smontati a mano ogni volta????

 

Che impressione si ha sul ponte e nell'hangar? Sembrano grandi o no?

 

Dalle foto il ponte sembra lunghissimo. Solo prospettiva?

Edited by Cartman

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora l'hangar è grande, ma me lo aspettavo ancora più grosso a dir la verità.

 

Il ponte di volo invece si, è bello che lungo.

 

L'impressione generale che ho avuto è che per mantenere condizioni operative ottimali (movimentazioni "facili" dei velivoli, il loro rifornimento e la manutenzione, movimentazione dei mezzi logistici ruotati) la nave non può essere riempita all'inverosimile, e che un gruppo di 12 Harrier/F-35B e 8/9 elicotteri (diciamo 4 101 ASW, 2/3 HEW e 2 TTH/ASH) sia il mix ottimale.

Edited by Little_Bird

Share this post


Link to post
Share on other sites
Allora l'hangar è grande, ma me lo aspettavo ancora più grosso a dir la verità.

 

Il ponte di volo invece si, è bello che lungo.

 

L'impressione generale che ho avuto è che per mantenere condizioni operative ottimali (movimentazioni "facili" dei velivoli, il loro rifornimento e la manutenzione, movimentazione dei mezzi logistici ruotati) la nave non può essere riempita all'inverosimile, e che un gruppo di 12 Harrier/F-35B e 8/9 elicotteri (diciamo 4 101 ASW, 2/3 HEW e 2 TTH/ASH) sia il mix ottimale.

I effetti dalle foto l'hangar "sembra" più angusto di quello che immaginavo;ovviamente non sono mai salito su una PA e vngono in mente paragoni con le immagini degli hangar delle CVN americane.comunque se ci entrano 12 Av8b o F35 + 8 elicotteri è già un ottimo carrier air wng per le nostre possibilità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

come posso mettere alcune delle mie foto ? Ho fatto come facevo sempre ma dice che non si possono inserire immagini con il tasto presente nelle pagina di scrittura testo...

Edited by Naifer

Share this post


Link to post
Share on other sites

apro un piccolissimo OT per questioni tecniche, scusatemi: ho problemi a collegarmi al server di Libero.it (la mia posta) e quindi ad aprire i links di Enr...questo succede solo col mio pc, semi collego da un'altra piattaforma tutto fila liscio. Suggerimenti? vorrei vedere le foto di Enr...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao ragazzi oggi vado a vedere la portaerei Cavour a civitavecchia qualcuno mi da i consigli come faccio a fotografare senza che mi rompono i maroni la polizia o carabinieri? -_-

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal sito "Pagine di Difesa", http://www.paginedidifesa.it/ , riporto l'articolo (estremamente interessante e degno di attenta riflessione) "Sinergie, a che cosa serve la portaerei Cavour" ( http://www.paginedidifesa.it/2008/nassigh_081201.html ) di Riccardo Nassigh:

 

Sinergie, a che cosa serve la portaerei Cavour

 

Riccardo Nassigh, 13 novembre 2008

 

Questo tema si inquadra nelle considerazioni generali del mio articolo di qualche giorno fa sulle forze armate (Perché le forze armate?). Ho scelto la vexata quaestio della portaerei Cavour perché la considero un tema simbolo dell'odierna situazione militare italiana. A parte ogni assurda questione di parrocchia o di simpatie/antipatie personali (che paiono un corredo costante nella vita quotidiana delle forze armate, e non solo in Italia), questa nave potrà rappresentare il punto di partenza di un'evoluzione attesa da gran tempo, o di una stagnazione priva di senso. Procediamo con ordine.

Perché si discute senza fine sul Cavour

 

Le discussioni, iniziate ancor prima che la nave fosse messa in programma, risalgono addirittura agli anni Ottanta, quando (al tempo della Legge navale) si stava dibattendo sul tipo di unità a capacità aerea da realizzare nel contesto della Guerra Fredda. Non esisteva ancora un'aviazione navale, e pertanto si trascinavano le recriminazioni derivate dalla seconda guerra mondiale. Per giunta l'Italia era percorsa da venti pacifisti che identificavano ideologicamente la portaerei con la guerra d'aggressione. Principalmente a causa dell'assenza di cultura strategica, della quale difettavano gli stessi uomini politici che ne avrebbero avuto un gran bisogno, si giunse – una volta costruito il Garibaldi – a denominarlo "incrociatore portaeromobili tuttoponte", imbarcandovi soltanto elicotteri e scartando l'idea di dotarlo di ski-jump a prora. Poi venne la legge istitutiva dell'aviazione navale, si acquisirono gli Harrier e si dovette spendere una discreta somma per realizzare il suddetto ski-jump immobilizzando la nave in arsenale per il tempo necessario.

 

Quando il contesto strategico mutò con l'eclisse dell'equilibrio bipolare e anche l'Italia cominciò a rendersi conto che le alleanze avrebbero dato sicurezza in proporzione al contributo dei singoli membri, iniziarono infinite discussioni anche sul progressivo rinnovamento dello strumento militare, con tutte le incertezze dottrinali, tecniche e finanziarie che conosciamo. Non tutti sanno dell'autentico travaglio che accompagnò in ambito Marina la nascita del progetto Num (Nuova unità maggiore) per sostituire nel tempo il Garibaldi. Non tutti erano d'accordo che dovesse trattarsi di un'altra portaerei un poco più grande.

 

Taluni pensavano che nei nuovi scenari strategici occorresse piuttosto un tipo di nave polifunzionale che accoppiasse alla capacità aerea altre varie opzioni (dal comando e controllo di alto livello alla capacità anfibia). Obiettivamente la scelta non era facile, stretta tra l'esigenza di contenere i costi e pertanto le dimensioni della nave, la complessità tecnica di un accumulo di capacità eterogenee nella stessa piattaforma e tuttavia la necessità di fronteggiare situazioni strategiche e tattiche non del tutto definibili. Alla fine venne fuori il Doria (il cui nome fu poi mutato in Cavour prima ancora che l'unità fosse pronta): una portaerei dotata però di una certa polivalenza, pur essendo priva del bacino allagabile che avrebbe accentuato le capacità anfibie.

 

Qual era – e qual è – il problema? La risposta è drammaticamente semplice: ancora una volta nasceva un prodotto militare sul quale era mancata una comune elaborazione dottrinale e pratica tra le forze armate (erano i tempi in cui si cominciava a programmare una brigata anfibia interforze senza volerla realmente, e dunque senza realizzarla). Ogni parrocchia vedeva la nuova nave a modo suo: per la Marina un prestigioso accrescimento di capacità (ma senza poterne definire i termini); per l'Esercito e l'Aeronautica una perniciosa fonte di spesa a loro danno. I politici, incapaci come sempre di capire e valutare le ragioni dei militari, finivano col camminare in una direzione sostanzialmente sconosciuta (prevedendo del resto che l'instabilità dei nostri equilibri parlamentari avrebbe quasi certamente provocato uno o più turn-over governativi prima che la nave diventasse una realtà economica e militare da gestire nei suoi ulteriori sviluppi). Per inciso, può essere illuminante la lettura del recente articolo scritto per la Rivista Marittima dall'ammiraglio Sanfelice proprio sul tema dei rapporti fra strategia e politica e sull'importanza che il politico possieda una formazione strategica di base.

 

Oggi il nodo viene al pettine, e il ministro dell'economia chiede brutalmente ai militari di giustificare i loro programmi (con le relative spese). Ma i militari non sanno fare altro che ripetergli la filastrocca delle loro elaborazioni di forza armata, e lui sa benissimo di non capirci nulla. Però – e questo è il punto di rottura – oggi si deve decidere. E le decisioni sbagliate saranno quasi certamente irreversibili, perché ormai si tratta dell'impostazione di fondo dello strumento militare. Su quali scelte strategiche?

 

La situazione economica e sociale del Paese non permette più sconti a nessuno, e il sottobosco di piccoli calcoli personali o di gruppo che hanno finora accompagnato il nostro sgangherato modo di procedere vanno incontro alla fine che meritano. Ma il conto lo paga l'Italia, e nelle forze armate lo pagano i molti che lavorano sodo (nemmeno troppo pagati), quando addirittura non rischiano la vita in guerre che non bisogna rivelare.

 

Che cos'è il Cavour, e a che serve?

 

Premetto che non è una portaerei strategica come quelle progettate dagli inglesi (che ora non sono neppure certi di poterle realizzare), e non è nemmeno una grossa nave come quella programmata dai francesi e poi accantonata per motivi di costo. E' probabilmente il massimo che oggi un paese d'Europa possa permettersi, a patto di sapere perché. E questo è il punto. Alla base sta naturalmente la scelta strategica di fondo, che l'Italia deve fare per non cadere in una situazione letteralmente demenziale in cui si prepara uno strumento militare senza sapere come impiegarlo, a beneficio di interessi che poco hanno a che fare col bene del Paese.

 

Ammesso poi che la scelta coincida per davvero con quanto si continua a proclamare nei discorsi e nei documenti ufficiali, occorre tener conto che i nuovi scenari strategici – prima ancora delle crisi finanziarie/economiche – stanno mutando radicalmente la fisionomia degli strumenti militari di terra, mare, aria e spazio. E la ragione sta nel fatto – sempre vero ma spesso disatteso – che la guerra, o comunque l'impiego della forza, è un fatto unitario che va gestito in totale sinergia di tutte le risorse disponibili. Gli strumenti militari seguono la stessa logica derivata, perché il loro scopo è l'applicazione della forza quando dove e come serve. Una la volontà strategica, varie ma sinergiche le applicazioni. Da questo punto di vista è indifferente che si tratti di guerra o di operazione di pace. Differiscono l'intensità, l'ampiezza, la durata dell'impegno, ma non la sostanza del problema.

 

Lo specifico problema della nave portaeromobili rientra appieno in questa logica. La stessa Marina degli Stati Uniti si è posta il problema già verso la fine degli anni Novanta, in vista dell'evoluzione della propria componente aeronavale. Interessante l'articolo scritto in proposito da Giorgio Giorgerini per Rivista Italiana Difesa già nel 1999. Pensando in particolare alla situazione italiana, coi noti limiti alle capacità di impegno militare proiettivo, appare assolutamente chiaro che una nave come il Cavour non può essere considerata altro che una piattaforma mobile interforze, gestita dalla Marina per competenza tecnica specifica (come un gruppo di Typhhoon viene gestito dall'Aeronautica o un gruppo di PzH 2000 dall'Esercito).

 

In base all'esperienza operativa degli scorsi anni navi del genere svolgono funzioni svariate (dal comando e controllo di forze aero-terrestri-navali nazionali o di coalizione, al sea/air control di determinate aree, all'appoggio logistico e operativo delle operazioni aeroterrestri, al trasporto e sbarco-aviosbarco di truppe anfibie o forze speciali, all'assistenza umanitaria e sanitaria...). I vantaggi, in termini di funzionalità e sicurezza di piattaforma, sono evidenti. Da bordo possono operare aeromobili di tutte le forze armate. A questo proposito osservo anzi che, se l'Aeronautica avesse scelto (oltre al Typhoon) l'F-35B Stovl come apparecchio multiruolo, sarebbe stato possibile standardizzare l'intera linea aeronavale, permettendo l'impiego del velivolo da piste terrestri come da bordo. Qualcosa di simile a quanto accade da tempo in Gran Bretagna, dove gli Harrier della Raf e gli elicotteri dei Royal Marines operano indifferentemente da terra e da bordo delle portaerei. Al momento accade anzi che, per la temporanea assenza di velivoli imbarcati ad ala fissa, la Marina si vale appunto degli apparecchi della Raf anche per le proprie esigenze.

 

In definitiva sarebbe decisamente fuori tempo continuare a concepire una portaerei come capital ship della flotta in vista di operazioni navali che probabilmente non vedremo più per molto tempo ancora. Tutto ciò mi fa pensare che – ove accadesse ciò che oggi si prospetta, cioè un vuoto di specialisti da imbarcare sul Cavour per completarne l'operatività nei tempi previsti - nulla vieterebbe di ricavare il personale necessario, ricorrendo a una temporanea messa in riserva di qualche altra unità (fossero anche il Garibaldi o i due Mimbelli), in attesa degli auspicabili tempi migliori. A mali estremi…

Share this post


Link to post
Share on other sites

cerchiamo di capirci qualcosa :helpsmile:

 

 

 

 

 

 

 

Oggi il nodo viene al pettine, e il ministro dell'economia chiede brutalmente ai militari di giustificare i loro programmi (con le relative spese). Ma i militari non sanno fare altro che ripetergli la filastrocca delle loro elaborazioni di forza armata

classico dell'italianita..siamo specialisti in questo... :rolleyes:

 

, e lui sa benissimo di non capirci nulla. Però – e questo è il punto di rottura – oggi si deve decidere. E le decisioni sbagliate saranno quasi certamente irreversibili, perché ormai si tratta dell'impostazione di fondo dello strumento militare. Su quali scelte strategiche?

cerchiamo di capire prima cosa vuol fare il governo:

 

..vuole mantenere l'attuale budget della difesa riducendo il numero di militari(principalmente i mangia paga)per utilizzare i soldi per progetti nuovi?se fosse cosiu..andro da la russa a baciarli i piedi. :adorazione::rotfl: .sono stufo di vedere gente imbarcata sulle navi che lavora a scarica barile..io sono piu anziano di tizio,ed io piu di caio quindi chi lavora?solo semprogno :furioso: ..(vi garantisco che in molte unita funziona cosi)chiaro..non in tutte..parlo delle vecchiotte,e ovviamente non mi riferisco all'esercito o all'aeronautica dove li per lo meno lavorano un po tutti..

-se invece si vuole ridurre ad occhi chiusi senza risolvere il problema alla radice..saremo alla frutta..davvero ritorneremo all' esercito del 39

 

La situazione economica e sociale del Paese non permette più sconti a nessuno, e il sottobosco di piccoli calcoli personali o di gruppo che hanno finora accompagnato il nostro sgangherato modo di procedere vanno incontro alla fine che meritano.

tra il dire ed il fare c'e' di mezzo l'oceano..proporrei un brunetta bis ance nelle ff.aa :helpsmile::rotfl:

 

Che cos'è il Cavour, e a che serve?

e' la cosa piu intelligente fata in eurpopa negli ultimi anni..(anche se cie e' copstata abbastanza in termini di tempo ed interessi sul prezzo iniziale)non come la de gaulle che pare navighi piu su youtube che per mare..perche per mare costa...

 

 

Premetto che non è una portaerei strategica come quelle progettate dagli inglesi (che ora non sono neppure certi di poterle realizzare),

quale quella virtuale? :pianto::rotfl:

 

e non è nemmeno una grossa nave come quella programmata dai francesi e poi accantonata per motivi di costo.

questa non e' nemmeno virtuale..e' utopica :pianto::rotfl:

 

E' probabilmente il massimo che oggi un paese d'Europa possa permettersi, a patto di sapere perché.

concordo in pieno

 

.

 

Ammesso poi che la scelta coincida per davvero con quanto si continua a proclamare nei discorsi e nei documenti ufficiali, occorre tener conto che i nuovi scenari strategici – prima ancora delle crisi finanziarie/economiche – stanno mutando radicalmente la fisionomia degli strumenti militari di terra, mare, aria e spazio. E la ragione sta nel fatto – sempre vero ma spesso disatteso – che la guerra, o comunque l'impiego della forza, è un fatto unitario che va gestito in totale sinergia di tutte le risorse disponibili. Gli strumenti militari seguono la stessa logica derivata, perché il loro scopo è l'applicazione della forza quando dove e come serve. Una la volontà strategica, varie ma sinergiche le applicazioni. Da questo punto di vista è indifferente che si tratti di guerra o di operazione di pace

 

..non esistono operazioni di pace se porti il fucile e vai dove ci sono terroristi e gente del cavolo che vuole la tua pelle..la guerra ha sempre la stessa faccia..si va per peace keping ma in realta e' sempre un interestkeaping a pte afg istan che sarebbe piu logico classificarla come war of coverage della irakena..

bisogna intendere la guerra come guerra punto.se si puo risolvere con la parola si tratta senno si spara...basta con le cavolate dell'attesa della risposta al fuoco..oh non rispondere al fuoco..no..cosi no se ti ciccanop devi rispondere punto..le pacifistate del cav... non servono..tempo addietro un maresciallo propose di scrivere una lettera a bertinotti e di farlo venire con noi nel corno d'africa..ovviamente la nostra iuntenzione era quello di cederlo ai piratoni mandingoni...

Edited by ivolongobardi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...