Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
typhoon

Portaerei Cavour - discussione ufficiale

Messaggi consigliati

veramente le hanno riprese dal sito ufficiale che le ha messe online qualche settimana fa :ph34r:

Eh, eh!!! :P Questa volta sono riuscito ad evitare le :sm: del Sommo Venexian!!! :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dal Secolo XIX:

 

Sotto un cielo piovoso, sul mare appena increspato la portaerei Cavour scivola silenziosa. Nessuna vibrazione avvertibile, neppure il lievissimo senso di vertigine che di solito accompagna la navigazione. Alla velocità di dieci nodi la nuova ammiraglia della Marina Militare Italiana sembra piantata fra le onde, con le sue 27 mila tonnellate, i suoi instancabili radar, i sistemi missilistici, il ponte lungo 220 metri, come due campi di calcio, l’opera morta (?) che svetta altissima e i 1900 chilometri di cavi che le corrono dentro. E’ la più grande nave costruita da Fincantieri per la nostra Marina. Impostata nel luglio 2001, il 27 marzo scorso è stata presa in consegna dalla Marina che sta completando le prove in mare. Nel 2009 entrerà in linea, strappando lo scettro di nave ammiraglia all’incrociatore tuttoponte Garibaldi.

 

A bordo l’equipaggio attende l’attacco di un elicottero “nemico”. Nella Centrale Operativa di Combattimento, i militari sono sul chi vive, il radar pattuglia instancabile un ampio tratto di mare attorno alla nave e gli specialisti d’arma si tengono pronti ad azionare il sistema missilistico della nave: due rampe di VLS in moduli da16 celle ciascuno del tipo Sylver A-43 che lanciano missili superficie/aria a corto raggio Aster 15. Ed ecco, all’improvvivo appare la sagoma massiccia dell’elicottero che attacca in volo radente e con le pale, velocissimo, passa a non più di dieci metri di distanza dalla Centrale di Comabttimento. Tutto finto, naturalmente. Missili a bordo del Cavour ancora non ce ne sono, l’elicottero è un velivolo della Marina, decollato dalla base di Luni. La simulazione è servita a tenere vivo il programma di collaudo della portaerei che, in caso di necessità, potrebbe diventare velocemente operativa. L’esercitazione si è conclusa felicemente, come quelle che l’hanno preceduta. Si sono finti incendi a bordo, un ferito è stato soccorso sul ponte di volo a trasportato nell’ospedale dove il chirurgo, il capitano di vascello Gennaro Barchini, assistito da uno staff di specialisti, si è preso cura di lui. L’attrezzatura medica è di primissimo ordine.

 

Un altro paio di passaggi a bassa quota dell’Agusta Bell EH101 - ai comandi per l’occasione si è messo il capitano di corvetta David Fossati, responsabile del comparto aeromobili del Cavour - e il grande velivolo scompare all’orizzonte. «Bella macchina», sorride il capitano di vascello Gianluigi Reversi, che è al comando del Cavour. E’ un romano cordiale, ha 45 anni e una lunga esperienza. Ha insegnato all’Accademia di Livorno è stato tutor ai corsi C.A.S.D., un master riservato all’èlite del mare. Ha preso parte ad operazioni navali in Golfo Persico, ad “Active Endeavour” nel Mediterraneo orientale e ad “Enduring Freedom” nel mare Arabico e nei Golfi di Aden ed Oman e ha comandato la fregata Grecale. Fincantieri ha assecondato la tendenza corrente a ricreare ambienti confortevoli, vicini agli standard della vita civile. Cabine a quattro letti con servizi per la truppa, cabine a due per gli ufficiali. Niente di lussoso ma tutto molto pratico. Le mense sono tutte fornite di televisori. Nella palestra a prora saranno installati specchi «infrangibili», spiega il comandante in seconda, il capitano di fregata Massimiliani Giachini. L’equipaggio a pieno regime è di 440 unità, la nave può alloggiare e servire pasti caldi tre volte al giorno a 1.200 persone, conteggiando il personale del gruppo volo, gli uomini del Battaglione San Marco ed eventuali ospiti civili. Il sottotenente di vascello Giuseppe Bonfiglio, nostro assiduo accompagnatore, ci conduce in visita alle cucine: acciaio dovunque, massima igiene e stanze separate per la preparazione dei diversi alimenti che affluiscono dalle cambuse, dalle stive, attraverso una delle tante piattaforme mobili. Sovraintende alla cucina il luogotenente Matteo Sciabà, che racconta epiche battute di pesca al pescespada e al tonno nello Stretto di Messina. La virtù tecnologiche del Cavour ne fanno una delle navi più sofisticate del mondo.

 

Computer, sistemi elettronici, satellitari, sensori e la qualità elevata della preparazione professionale di ufficiali, sottufficiali e marinai possono trasformarla in un temibile strumento bellico. Deprecabile evento. Il Cavour è pensato anche per operazioni di pace. «E’ una nave capace di agire a braccio lungo», condensa il concetto il comandante Reversi. Ad esempio? «Prendiamo gli elicotteri, l’EH 101 che ha visto all’opera. Trasporta fino a 25 persone oltre i 4 uomini dell’equipaggio. Imbarcandone sei potremmo evacuare rapidamente 150 persone». Gli aerei sono gli Harrier a decollo verticale, ma il Cavour è dotato di uno sky jump con una inclinazione di 12° che permette il decollo convenzionale. Tra un paio d’anni sarà l’ora dell’F-35B, un jet ulltramoderno. «La peculiarità del Cavour e la sua punta di eccellenza rispetto ad altre navi è la grande flessibilità di impiego - ribadisce il comandante Reversi - e la manovrabilità estrema: in mare abbiamo spento le turbine e azionato le due eliche ausiliarie di prua e di poppa (i cosidetti bow thruster e stern thruster): la nave ha girato perfettamente su se stessa di 360°». Reversi elenca i altri pregi: «Ci sono 900 metri quadrati di aree operative, equipaggiate con computer e tecnologie che permettono comunicazioni istantanee su canali protetti con ogni parte del mondo. Sono custodite nel ventre della nave, racchiuse da pareti in acciaio. Una parte di questi spazi può essere assegnata ad ong, alla Protezione Civile, alla Croce Rossa, in presenza di una operazione umanitaria». Il Cavour è sospinto da quattro poderose turbine a gas di derivazione aeronautica e da 6 Generatori diesel da 17,6 Mw che sviluppano una potenza di 120 mila cavalli. Produce una quantità di energia elettrica sufficiente ad alimentare seimila utenze. I consumi sono in proporzione, particolare da non perdere di vista in epoca di vacche magre.

Modificato da Thunderalex

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mizzica l'opera morta! Abbiamo la prima portaerei sommergibile del mondo!

Vabbè che si tratta di un giornale non specializzato, ma potrebbero chiedere ai marinai prima di scrivere castronate, purtroppo il dilettantismo nei temi specifici è la regola nel giornalismo italiano.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non è vero, per una volta hanno scritto una cosa corretta. L'opera viva è quella immersa, l'opera morta è quella che vediamo tutti, fuori dall'acqua.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A me sembra che abbiano confuso l'opera morta con l'isola visto che stanno descrivendo la nave come se fossero sul ponte ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Funny things:

 

Ed ecco, all’improvvivo appare la sagoma massiccia dell’elicottero che attacca in volo radente e con le pale, velocissimo, passa a non più di dieci metri di distanza dalla Centrale di Comabttimento.

 

Agusta Bell EH101

 

possono trasformarla in un temibile strumento bellico. Deprecabile evento. Il Cavour è pensato anche per operazioni di pace

 

l’EH 101 che ha visto all’opera. Trasporta fino a 25 persone oltre i 4 uomini dell’equipaggio. Imbarcandone sei potremmo evacuare rapidamente 150 persone

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io quei giornalisti li ho visti, dovevate vederli in faccia... Sembravano i bambini al parco giochi, non si rendevano conto nemmeno di dov'erano. A mio avviso hanno fatto un lavoro fin troppo decoroso. Hanno parlato di una ufficialessa donna, peraltro estremamente quadrata, come di una disperata che ha abbandonato la sicilia in cerca di un futuro migliore su un'altra testata ma alla fine va bene così; l'elicottero volava a oltre 300 piedi dall'unità.

Modificato da Sangria

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' una squallida forma, peraltro scorretta; ufficiale è maschile, come il sindaco, il ministro, l'avvocato... Sono cariche e quindi è una parola asessuata. QUanto mi incazzo a sentire certe cose.

Modificato da Sangria

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sangria purtroppo devo dirti che c'è una sentenza della cassazione (adesso non ce l'ho sotto mano ma come la ritrovo te la posto) che dice che per le donne che svolgono certe professioni si possono usare entrambi i termini (era sorta una questione per un avvocato che sui suoi documenti ufficiali non voleva la dicitura avvocato ma avvocatessa)... per cui ufficiale o ufficialessa non dovrebbe fare differenza... anche perchè poi ad una "ufficialessa" si risponde "si signora" non "si signore" (almeno all'estero si fa così... non ho avuto ancora modo di conoscere una ufficialessa italiana...). in ogni caso sono daccordo con te e penso che quelli delle professioni erano e sarebbero dovuti rimanere termini asessuati...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un ufficiale è un ufficiale. Pu nto, nonha connotazione sessuale. In Accademia ci si riferisce conil trermine "allievo" sia esso maschio o femmina. Ufficialessa lo usino pure i giornalisti, in marina si è ufficiale e basta, anche perché il termine ufficiale non è maschile ma è l'italianizzazione del termine officialis, ossia chi atteneva ad un ufficio inteso come compito di istituto, compiti di direzione. Pertanto ufficiale non ha sesso e quindi la femminizzazione è errata, un po' come la radio.

 

L’ingresso delle donne in professioni tradizionalmente maschili ha costretto la lingua ad adeguarsi ed a cercare nuovi femminili. In alcuni casi è stato abbastanza facile, come nel caso di professore/professoressa, dottore/dottoressa o ispettore/ispettrice.

 

Talvolta la femminilizzazione dei titoli ha dato luogo a neologismi cacofonici o a fraintendimenti sull’uso quasi ironico dei termini. Si pensi a parole come giudice (giudichessa? o giudicessa?), ingegnere (ingegnera?), carabiniere (carabiniera?).

 

Sulla base delle proposte avanzate dalla Commissione nazionale per la parità fra uomini e donne in tema d’uso non sessista della lingua italiana, si è diffusa l’abitudine ad usare femminili come: avvocata, notaia, magistrata, prefetta, consigliera.

 

Il loro suono però risulta estremamente sgradevole. Meglio sarebbe usare il sostantivo nella sua forma originaria maschile e lasciare all’articolo o al senso della frase o alla successiva precisazione il compito di specificare il sesso (quando occorre) della persona a cui ci si riferisce.

 

Esempio: Lucia Cucciarelli, il nuovo amministratore delegato dell’azienda, ha assunto l’incarico.

 

Carla Bianchi, la Preside dell’Istituto, ha convocato una riunione.

 

Il Magistrato, Elisa Rossi, ha aperto le indagini.

 

 

Nelle Forze Armate non si usa il termine ufficialessa. Punto.

 

E chiudiamo l'OT.

Modificato da Sangria

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

No, è ancora a La SPezia, presso FIncantieri, dove rimarrà fino alla fine dei lavori di termine garanzia e, se non risolvono problemi infrastrutturali a Chiapparo, anche oltre.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La nuova base navale, terminata da pochi anni quando già era in costruzione avanzata il Cavour, non può ospitare la nuova ammiraglia :blink: OTTIMO :asd:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

decisamente hai ragione, ma ormai è ben chiaro che della comunicazione internettiana la Marina nostrana è...in navigazione sottomarina con l'AIP :asd:

 

la foto della vista di prua era già stata usata parecchi mesi fa per il giornale dell'associazione dei marinai.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il Cavour ha avuto cose un po' più importanti da fare in questo periodo che curare l'immagine, ci penserà inquesti giorni a Civitavecchia, l'UCOM non ha voluto interferire fino a che non saranno concluse alcune attività prioritarie. Comunque esistono video e foto nuove ma verranno rilasciate a tempo debito.

 

Secondariamente, i problemi infrastrutturali sono della Città di taranto e non tanto dell'Arsenale in sé per sé

 

Cordiali saluti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
No, è ancora a La SPezia, presso FIncantieri, dove rimarrà fino alla fine dei lavori di termine garanzia e, se non risolvono problemi infrastrutturali a Chiapparo, anche oltre.

 

 

Problemi infrastrutturali???

 

Ti riferisci ai porti??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera a tutti, questo è il mio primo post. Ho letto interventi molto competenti in questa discussione, ragion per cui vorrei risolvere un mio dubbio a proposito di Nave Cavour.

Considerato il suo costo quasi triplo rispetto alla BPE spagnola, quali sono i suoi punti di vantaggio rispetto a quest'ultima?

 

Ho letto che la BPE è fondamentalmente "un traghetto", che può soltanto trasportare e lanciare gli Harrier. Bene, ma che cosa può fare esattamente in più la Cavour che non potrà fare la Juan Carlos? Capacità di comando e controllo? Rifornimenti per permettere operazioni prolungate?

 

Grazie in anticipo a chi voglia rispondermi.

Modificato da palandario

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×