Jump to content
Sign in to follow this  
Berkut

SR-71 Blackbird

Recommended Posts

molto interessante

 

a questo punto sarebbe bello approfondire il discorso sul J-58

 

io sapevo che per farlo funzionare come statoreattore andava ridotta la manetta ed azionato l'apposito bypass

 

"aerei da guerra" diceva che al Blackbird occorreva 1/10 della potenza per mantenere la velocità di corciera di mach3

 

ora, probabilmente si sono confusi con il 10% della manetta...il motore forse operava con poca manetta ma in modalità statoreattore, questo spiega l'impressionante autonomia in supercruise a mach3

 

 

La cosa del 10% è che a mach 3 il 10% della spinta è fornito dal turboreattore e il restante 90% dallo statoreattore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli A-12 avevano una quota massima operativa di 95000 piedi, circa 29000 metri, contro gli 85000 dell’SR-71. Diversi studi sembrano confermare una “tangenza” massima di 100000 piedi per entrambi. Oltre non c’è semplicemente ossigeno sufficiente. E i record ottenuti da molti velivoli, anche oltre i 37000 metri per il MiG-25, sono frutto di salite balistiche e quasi inevitabile spegnimento dei propulsori.

 

Il solo A-12 era in grado di raggiungere la "tangenza" massima dei fatidici 100.000 piedi.

L'SR-71 era limitato ad 85.000 per via del suo maggior peso, dovuto al fatto di essere biposto e di avere un maggior carico di sensori (non solo macchine fotografiche ma anche SLAR e camere a infrarossi).

Fu questo il motivo per cui la CIA difese a spada tratta il suo gioiello dalla cessazione del programma a favore di quello del suo derivato dell'Usaf.

La CIA infatti voleva un aereo che volasse velocissimo e ad altissima quota per essere irragiungibile dalle difese A/A sovietiche e abbastanza furtivo (stealth) da non essere individuato dai loro radar (negli anni tra il 1958 e il 1964) in modo da poter sorvolare e fotografare indisturbati l'entroterra russo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
La CIA infatti voleva un aereo che volasse velocissimo e ad altissima quota per essere irragiungibile dalle difese A/A sovietiche e abbastanza furtivo (stealth) da non essere individuato dai loro radar (negli anni tra il 1958 e il 1964) in modo da poter sorvolare e fotografare indisturbati l'entroterra russo.

In effetti .... sino al 1° maggio 1960 imperò madama "Dragon Lady" .... lo "A-12" arrivò un paio d'anni dopo ....

 

http://www.thisdayinaviation.com/30-april-1962/

 

 

 

.... e venne rivelato nell'ultimo giorno di Febbraio del 1964 ....

 

http://www.flightglobal.com/FlightPDFArchive/1964/1964%20-%200595.PDF

 

http://www.flightglobal.com/FlightPDFArchive/1964/1964%20-%200596.PDF

 

 

 

Il commento ....

Why presidents and politicians shouldn't have a "need-to-know" of what is going on at Area 51.

To save his election for a second term, the moment President Johnson learned of the CIA's secret Mach 3 A-12 Blackbird reconnaissance plane, he wanted to announce it to the world.

The CIA refused to go along with revealing their secret, so he announced the existence of the A-12 modified into the Air Force's Mach 3 YF-12 being evaluated as a Mach 3 interceptor.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

In effetti .... sino al 1° maggio 1960 imperò madama "Dragon Lady" .... lo "A-12" arrivò un paio d'anni dopo ....

 

.... e venne rivelato nell'ultimo giorno di Febbraio del 1964 ....

 

 

Sì, ma il programma Oxcart venne avviato due anni prima, nel 1958, nella previsione, rivelatasi errata per difetto, che l'U2 sarebbe rimasto "intoccabile" per circa altri quattro anni.

 

Quello che fu rivelato nel 1964, per tenere ancora nascosto l'A-12, era il suo derivato sperimentale per l'USAF YF-12, presentato sul momento, per accrescere la cortina fumogena, come A-11, sigla presa in prestito dall'ultimo progetto preliminare prima di quello definitivo (A-12 appunto) del programma Oxcart.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il solo A-12 era in grado di raggiungere la "tangenza" massima dei fatidici 100.000 piedi.

L'SR-71 era limitato ad 85.000 per via del suo maggior peso, dovuto al fatto di essere biposto e di avere un maggior carico di sensori (non solo macchine fotografiche ma anche SLAR e camere a infrarossi).

Fu questo il motivo per cui la CIA difese a spada tratta il suo gioiello dalla cessazione del programma a favore di quello del suo derivato dell'Usaf.

La CIA infatti voleva un aereo che volasse velocissimo e ad altissima quota per essere irragiungibile dalle difese A/A sovietiche e abbastanza furtivo (stealth) da non essere individuato dai loro radar (negli anni tra il 1958 e il 1964) in modo da poter sorvolare e fotografare indisturbati l'entroterra russo.

 

In effetti i risultati ottenuti ai collaudi sembrerebbero indicare che, in realtà, 100000 piedi fossero una quota “teorica”, mai realmente raggiungibile, né dall’A-12 né dall’SR-71. Le velocità massime ottenute potrebbero invece sorprendere. Da “SR-71 Blackbird” della Squadron/Signal:

L’A-12 n°128 ha volato a 3,56 Mach.

L’A-12 n°133 ha raggiunto i 96250 piedi (29337 metri).

Gli SR-71A, ai test, hanno volato a 3,43 Mach e raggiunto la quota massima di 89500 piedi (27280 metri). Notare che i record “ufficiali” sono inferiori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il 16 Settembre 1967, in occasione della decima missione di ricognizione della serie "Black Shield" sul Vietnam del Nord durata 4:01 ore, un A-12 toccò la velocità di Mach 3,5 ed una quota di 80.000 piedi .... mentre gli 86.200 piedi vennero toccati durante la ventiduesima, ed ultima, il 16 Dicembre dello stesso anno ....

 

Fonte .... 2lt4iv9.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il 16 Settembre 1967, in occasione della decima missione di ricognizione della serie "Black Shield" sul Vietnam del Nord durata 4:01 ore, un A-12 toccò la velocità di Mach 3,5 ed una quota di 80.000 piedi .... mentre gli 86.200 piedi vennero toccati durante la ventiduesima, ed ultima, il 16 Dicembre dello stesso anno ....

 

Fonte .... 2lt4iv9.jpg

 

Quella del 16 dicembre '67 però era la ventesima missione "Black Shield", l'ultima fu la 24esima l'8 marzo 1968.

Durante i voli di sviluppo venne raggiunta la quota di 90.000 piedi nel maggio 1965.

 

 

Fonte: cover.jpg

 

Tabella riassuntiva della missioni operative dell'A-12:

https://www.cia.gov/library/center-for-the-study-of-intelligence/csi-publications/books-and-monographs/a-12/black-shield-mission.html

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quella del 16 dicembre '67 però era la ventesima missione "Black Shield", l'ultima fu la 24esima l'8 marzo 1968.

Durante i voli di sviluppo venne raggiunta la quota di 90.000 piedi nel maggio 1965.

 

Fonte: https://www.cia.gov/library/center-for-the-study-of-intelligence/csi-publications/books-and-monographs/a-12/images-and-thumbnails/cover.jpg

 

Tabella riassuntiva della missioni operative dell'A-12:

 

https://www.cia.gov/library/center-for-the-study-of-intelligence/csi-publications/books-and-monographs/a-12/black-shield-mission.html

Mi inchino davanti alla fonte ufficiale .... :blushing:

Share this post


Link to post
Share on other sites

After it had burned off much of its fuel, it could cruise above 90,000 feet

 

Fonte: www.airforce-magazine.com

 

This article is condensed from a secret study of the A-12 program that was first published in the Winter 1970-71 issue of Studies in Intelligence, a classified internal publication of the Central Intelligence Agency.

It was written by CIA analysts under the collective pseudonym "Thomas P. McIninch."

The document was recently declassified.

"The Oxcart Story" in our November 1994 issue, also taken from the CIA document, told of the origins and development of the A-12.

L'articolo di "AF Magazine" del Novembre 1994 ....

 

http://www.airforce-magazine.com/MagazineArchive/Pages/1994/November%201994/1194oxcart.aspx

 

.... e il documento originale della CIA a firma Thomas P. McIninch ....

 

https://www.cia.gov/library/center-for-the-study-of-intelligence/kent-csi/vol15no1/pdf/v15i1a01p.pdf

Share this post


Link to post
Share on other sites

32000 il foxbat?

 

mi pare strano....ovunque leggo 21000m con 4 acrid (mach 2.83) e 24000 senza missili

 

forse è mediante traiettoria parabolica?

 

Si in arrampicata. Con il MIG-25PD 30.000 metri in esercitazione sarebbero normali in zoom climb. Pianificando il tutto dal decollo, anche oltre i 32.000 m (con tutto l'aereo, non solo i missili).

Share this post


Link to post
Share on other sites

almost astronauts un articolo derra rivista ufficiale del usaf --- http://www.airforce-magazine.com/MagazineArchive/Pages/1990/October%201990/1090almost.aspx

L' AIR FORCE Magazine non è, in effetti, l'organo ufficiale dell' USAF .... bensì dell'AFA (Air Force Association) ....

 

http://www.afa.org/AboutUs/default.asp

 

http://en.wikipedia.org/wiki/Air_Force_Association

 

Degno di nota il fatto che uno dei fondatori dell'AFA fu .... 2q9vwwn.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si rimuovono i retaggi della Guerra Fredda ....

Ora tocca ai grandi serbatoi di carburante JP-7 destinato agli SR-71 un tempo ospitati nella Beale AFB ....

 

Beale removes fuel storage tanks that kept Blackbird soaring ....

 

Beale is conducting a four-month deconstruction project to remove Cold War-era fuel storage tanks that once held the fuel that powered the SR-71 Blackbird.
The project is a part of the Air Force's "20/20 by 2020" initiative, which aims to reduce excess capacity by reducing a base's footprint, as well as reduce operating costs by 20 percent by the year 2020.

 

Fonte .... http://www.beale.af.mil/news/story.asp?id=123356574

 

25ryyro.jpg

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo l'abbattimento dei serbatoi di carburante .... ora tocca agli hangars ....

 

Blackbird Hangars Taken Down at Beale ....

 

2zp6n9u.jpg

 

The Air Force dismantled Cold War-era SR-71 hangars at Beale AFB, Calif., according to base officials.

"From a historic point of a view, it is sad to see them go, but from a mission standpoint, we can [now] support the current airframes," Robert Nordahl, 9th Civil Engineer Squadron program flight chief, told the Daily Report on Aug 14.

RQ-4 Global Hawk remotely piloted aircraft and U-2 surveillance airplanes operate today from the California base, which is north of Sacramento.

Workers began taking down the hangars in June.

As of Aug. 2, only two remained, according to a Beale release.

Until workers dismantle them, they will support the Global Hawks and U-2s, said Nordahl.

SR-71 reconnaissance aircraft operated at Beale from 1966 to the late 1990s.

Removing the hangars is part of Beale's '20/20 by 2020" initiative that aims to reduce the base's excess infrastructure capacity and operating costs by 20 percent by 2020.

 

Beale report by SSgt. Robert M. Trujillo ....

See also Beale Demolishes Cold War-Era Fuel Storage Tanks ....

 

Merri Shaffer .... 8/16/2013

 

Fonte .... il "Daily Report" dell'AFA .... bhf5g7_th.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cenciotti sul suo blog pubblica un estratto dell’autobiografia del Col. Jim Wilson, pilota di Blackbird che descrive l’impiego dell’SR-71 durante la guerra dello Yom-kippur, un argomento declaissificato di recente: http://theaviationist.com/2013/09/01/declassified-sr-71-mix/#.UiRbHT_X9rM

 

So we prepared SR-71 Blackbird missions to zoom over the active battlefields then recover in Great Britain.

The mission fell within the Blackbird’s capabilities although such a logistically difficult and long mission had never previously been accomplished.

[...] The English instantly refused any Blackbird post-mission recoveries in England.

So Plan B was quickly drawn up fly the SR-71 out of upstate New York and recover at Seymour-Johnson, North Carolina.

These 12,000 mile Plan B missions would need FIVE air-to-air re-fuelings from SIXTEEN Spain based KC-135 refueling tankers.

With utmost secrecy the SR-71 folks mobilized and deployed.

 

 

Comtinuate a leggere :)

 

SR-71-refuel.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Proprio a proposito dei rifornimenti in volo del 71 ho letto oggi sul libro "Sled Driver".

 

Erano molto ma molto problematici. L'enorme quantità di carburante che doveva imbarcare, dilatava i tempi di rifornimento da pochi minuti per i caccia a circa 15 per il Blackbird.

 

La scarsa visibilità offerta dal canopy era decisamente un problema, e i piloti potevano fare affidamento solo sulle luci semaforiche poste sotto i KC-135Q per stabilire quando erano in posizione esatta.

 

Nei rifornimenti notturni poi, le luci del cockpit davano molto fastidio e infatti il pilota autore del libro le spegneva.

 

Infine, la grande quantità di carburante imbarcato spostava inevitabilmente il peso dell'aereo e il suo baricentro. Ciò, unito a velocità molto basse per il blackbird, trovava una semplice soluzione. Il pilota accendeva un post-bruciatore al minimo, lavorando costantentemente di trim del timone o imbardando, per controbilanciare la spinta data da un solo motore.

 

Ciò anche trovato la bellissima storiella di Aspen 20 e la velocità al suolo. L'avevo letta molte volte , e finalmente oggi l'ho letta "come papà l'ha scritta". Ne ho dedotto che spesso le versioni circolanti su internet sono notevolmente abbellite o inesatte per quanto riguarda la velocità.

 

edit: altra cosetta curiosa; quando finivamo il rifornimento in volo, dovevano dare gas fino a MACH1 e poi iniziare una salita vertiginosa a 45 gradi. Alcune volte a causa del traffico aereo, questa manovra veniva posticipata e questo faceva risentire il BlackBird che consumava incredibilmente più del dovuto. Le cose miglioravano nettamente quando si era in quota, e nonostante i MACH3 l'aereo era ottimizzato per non consumare tanto.

Edited by fabio-22raptor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa è un'altra piccola curiosità che possiamo trovare anche su wikipedia. La sapevate?

 

"Le missioni del Blackbird erano, oltre che segrete, anche lunghissime. Per il sostentamento i piloti erano dotati di particolari razioni; esse venivano riscaldate semplicemente appoggiandole sul vetro, che alla velocità di ricognizione era comunque a qualche centinaio di gradi."

 

Il fornello più costoso della storia! :) .

Edited by tomcatMaic98

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel libro non ne fa' menzione. Anzi per nutrirsi parla di contenitori simili a quelli che usano i piloti di motogp con la cannuccia che penetrava nel casco (che era assolutamente vietato togliere. La tuta e il casco, erano tarati per mantenere la stessa pressione che un pilota avverte a 25000 feet nonostante l'intero abitacolo fosse pressurizzato. Questo perche' in caso di malfunzionamento nella pressurizzazione almeno la tuta avrebbe garantito la sopravvivenza dell equipaggio.

 

Il protagonista in particolare usava bere una soluzione 50:50 di acqua e Gatorade.

 

Molta attenzione era dedicata alla dieta. Il pranzo per chi doveva volare era quasi obbligato: uova e pancetta. Altri tipi di cibo avrebbero potuto provocare un eccessivo sviluppo di gas nello stomaco, che unite a certe condizioni di volo avrebbero causato malesseri. Cosa poco raccomandabile a 80mila feet sui cieli dell' Unione Sovietica :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fabio-22raptor: il libro sembra molto interessante. Mi sapresti dire se esiste una versione in lingua italiana di questo libro? E se si, è possibile reperirlo anche in una normale libreria?o soltanto in quei luoghi come le fiere? Grazie in anticipo per la risposta. :)

Edited by tomcatMaic98

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fabio-22raptor: il libro sembra molto interessante. Mi sapresti dire se esiste una versione in lingua italiana di questo libro? E se si, è possibile reperirlo anche in una normale libreria?o soltanto in quei luoghi come le fiere? Grazie in anticipo per la risposta. :)

 

 

Eh no.. niente Italiano. si tratta di un libro a tiratura limitata, e difficilmente lo vedrai nelle fiere, e dai link postati da Pinto ho appreso che già andarlo a comprare su internet costa da 165 dollari in sù. In libreria ti spiumerebbero ammesso riescano a ritirartelo. E' un libro abbastanza complicato anche da leggere in inglese però con qualche conoscenza basica d'inglese (come la mia) un pochino di pazienza ( magari aiutandoti con un traduttore che pur non traducendo perfettamente ti aiuta a capire il senso generale) ce la puoi fare. :)

 

Edit: ecco i "tube food" di cui parlavo. Tubetti di cibo.

 

https://drive.google.com/file/d/0B3FUn2DTJUTlQXU5eGd1b3czc00/edit?usp=sharing

Edited by fabio-22raptor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie. immaginavo. Per quanto riguarda i libri su auto e moto trovo buoni libri, mentre per l'aeronautica non c'è molta giustizia. Vuol dire che mi dovrò accontentare delle monografie da edicola come "i grandi aerei moderni" che seppur buone non sono come i libri.

 

Per quanto riguarda i "tube food" come anche le "borracce" mi sa che sono gli stessi identici che vengono adoperati anche su gli U2 come anche penso la tuta anti G e lo scafandro, penso che sia la stessa. :)

Edited by tomcatMaic98

Share this post


Link to post
Share on other sites

xfnk7s.jpg

Deborah Haley (left) and Tina Howard, of the Department of Defense Combat Feeding Directorate at Natick Soldier Research, Development and Engineering Center, sample tube foods while wearing pressurized suits during a visit to Beale Air Force Base ....

 

Natick tube foods keep U-2 pilots flying high ....

Imagine Key lime pie with the consistency of baby food squirting out of a container roughly the size of a toothpaste tube.
The thought of it might make your stomach churn, but one group of high-flying consumers has given two thumbs up to the dessert choice.
These discerning diners also think beef stew, truffle macaroni and cheese, chicken a la king, and, especially, home fries and bacon from a tube, are out of this world -- or at least in the upper atmosphere.

 

Fonte .... http://www.army.mil/article/94301/

 

Inoltre .... in questo caso con diretto riferimento allo SR-71 ....

 

 

On the right side of the helmet and about 1 ½” of center was the feeding port.

This was an opening with a spring-loaded flap about the size of a large straw that the pilots could stick the tubes in order for them to drink, or eat "tube food", without introducing a leak.
Tube food was food which was food in a paste form and packed into an aluminum tube the same shape and size as a standard tube of toothpaste.
Fliers had their choice of beef and gravy, butterscotch pudding, applesauce and peaches, to name a few.
If for some reason the spring mechanism were to fail, there was a small round rubber stopper in the sleeve pocket that they could press into the feeding port to prevent loss of pressure from their helmet.

Fonte .... http://www.wvi.com/~sr71webmaster/press_suit001.html

 

Ancora .... http://www.12af.acc.af.mil/news/story_print.asp?id=123335949

Edited by TT-1 Pinto

Share this post


Link to post
Share on other sites

David Cenciotti su "War is Boring" ....

 

The SR-71 Spy Plane Was So Fast, It Outran Every Missile Fired at It ....

Speed has always been as powerful as stealth ....
Until Lockheed Martin finally builds the SR-72 Mach-6 spy plane it announced in November, the iconic SR-71 Blackbird, capable of flying three times the speed of sound, remains the fastest warplane ever flown operationally.
So fast that no missiles fired at it had a chance of hitting.

 

L'articolo .... https://medium.com/war-is-boring/58435d561548

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...